Actuality

  • Klaus Meitinger

Il 2021 sarà un anno da top stock?

0802 BullenCari lettori,

Nell'ultimo mese, abbiamo praticamente visitato una dozzina di outlook annuali di banche e gestori patrimoniali. La linea di fondo è chiara: quest'anno, gli auguri si aspettano una ripresa economica massiccia, tassi d'inflazione in aumento e ancora una politica monetaria ultra-espansiva continua. Cosa significa questo per la strategia di investimento?

All'inizio del suo 2021 Annual Outlook ogni anno, Neuberger Berman chiede al pubblico quale classe di attività avrà la migliore performance nell'anno a venire. Questa volta la risposta era chiara. Il 74% - più che in qualsiasi momento negli ultimi cinque anni - ha scelto le azioni.

Continua a leggere

  • Klaus Meitinger

L'inflazione sta tornando?

Inflation AdobeStock 71088009 smallCari lettori,

Nell'ultimo mese, abbiamo praticamente visitato una dozzina di outlook annuali di banche e gestori patrimoniali. La linea di fondo è chiara: quest'anno, i previsori si aspettano una massiccia ripresa economica. Questo solleva una domanda intrigante: anche i tassi di inflazione aumenteranno? E questo costringerà le banche centrali a frenare prima del previsto?

Continua a leggere

  • Klaus Meitinger

Boom economico nel 2021?

iStock 1265159212 03022021Cari lettori,

Nell'ultimo mese, abbiamo praticamente visitato una dozzina di outlook annuali di banche e gestori patrimoniali. La quintessenza è chiara: nel prossimo anno, i previsori si aspettano una massiccia ripresa economica.

Continua a leggere

  • Klaus Meitinger

Il sismografo rimane rilassato.

Kapitalmarkt Seismograf 2Cari lettori,

Le delusioni sulla lentezza delle consegne di vaccini e, soprattutto, i timori di fallimenti di fondi hedge avevano messo sotto pressione i mercati azionari alla fine della scorsa settimana. Come annunciato, Oliver Schlick, che come amministratore delegato della Secaro GmbH distilla raccomandazioni d'investimento dai calcoli del sismografo del mercato dei capitali, ha analizzato come le singole variabili del sismografo hanno reagito a questo. La domanda era: le turbolenze degli ultimi giorni devono essere prese sul serio o no?

Continua a leggere

  • Klaus Meitinger

Ulteriore sviluppo dell'indicatore del mercato azionario del patrimonio privato.

ifo index Jan2021Cari lettori,

Secondo l'ifo Business Cycle Clock, l'economia tedesca si sta muovendo di nuovo verso il territorio della recessione (grafico 1 sotto). L'ifo Business Climate è sceso di nuovo a gennaio, e anche le aspettative delle imprese nell'industria sono diminuite di nuovo dopo un recupero a dicembre. Di conseguenza, il semaforo economico ifo è balzato di nuovo al "rosso" (grafico 2). Tuttavia, alla luce del rinnovato allentamento dell'economia, questo non è una sorpresa.

Per l'indicatore del mercato azionario del patrimonio privato, questo non è (ancora) un disastro. Solo un calo di tre volte equivarrebbe a un segnale di vendita.

Ciò che è importante è che nessuno si sarebbe aspettato una tendenza negativa sostenuta al momento. Nelle ultime due settimane, abbiamo partecipato a un gran numero di conferenze online in cui le banche hanno presentato le loro prospettive annuali per il 2021. Presenteremo un riassunto nei prossimi giorni. Per cominciare, il consenso ci è sembrato raramente così chiaro come quest'anno. Tutti gli strateghi ipotizzano fermamente un boom economico dal secondo trimestre del 2021, o al più tardi dalla seconda metà del 2021. Il caso è convincente: le vaccinazioni dissipano lo spettro dei covidi. Dato che c'è stata una quantità estrema di risparmio negli ultimi mesi, questo denaro si sta precipitando nel consumo non appena la situazione di infezione si allenta. Il sostegno fiscale rimane enorme e continua a spingere la crescita. Infine, ma non meno importante, anche il motore di investimento si metterà in moto.

Il problema: dato che tutti i partecipanti al mercato sembrano assumere questo quadro positivo, anche lievi dubbi su di esso stanno causando la necessità di correzioni nei mercati dei capitali. Le massicce fluttuazioni degli ultimi giorni lo sottolineano con enfasi.

Non ci limitiamo quindi a tenere d'occhio le notizie su vaccinazioni, mutanti e aspettative economiche. Stiamo anche tenendo d'occhio il sismografo della capitale.

Come sapete, il sismografo stima regolarmente la probabilità di tre stati del mercato nel mese prossimo. Verde" significa che ci si aspetta un mercato calmo con una tendenza positiva. Gli investitori possono investire con tranquillità. "Giallo" indica un mercato turbolento con un'aspettativa positiva - investire va bene, ma siate preparati a tempi volatili. E "Rosso" segnala un mercato turbolento con aspettative negative. Il consiglio è quindi di non investire.

ifo Ampel Jan2021Dalla fine di aprile 2020, la probabilità di un mercato positivamente turbolento (giallo) ha chiaramente dominato gli eventi. L'approccio ne ha derivato una chiara raccomandazione di sovrappesare le azioni e da allora ha mantenuto questo posizionamento offensivo. All'inizio di questa settimana, la probabilità verde per i mercati calmi e in aumento era salita di nuovo sopra il 30% a spese del "giallo". La probabilità di una turbolenza negativa era insignificante. "La raccomandazione del modello è quindi attualmente: significativamente sovrappeso", informa Oliver Schlick, che come amministratore delegato di Secaro GmbH è responsabile di collegare le probabilità alle raccomandazioni di investimento.

Sarà ora interessante vedere come il sismografo reagisce alle attuali fluttuazioni del mercato. Ci aspettiamo di riferire su questo martedì.

Conclusione:

Dato che l'indicatore economico Ifo non è ancora negativo, ma la valutazione sui mercati azionari è ora molto ambiziosa, il corridoio dell'allocazione azionaria consigliato dall'indicatore del mercato azionario del private-wealth continua ad essere tra il 60 e il 90% del capitale destinato agli investimenti azionari. Poiché il sismografo suggerisce che la sovraponderazione è consigliabile, l'indicatore del mercato azionario del private-wealth continua a fissare l'allocazione azionaria all'80%.

Abbiamo sottolineato qui un mese fa che l'unica cosa che impedisce un'allocazione azionaria ancora più alta al momento è la valutazione dei mercati. Stimiamo che il valore equo del DAX sia intorno ai 12500 punti. Secondo questa stima, il DAX è solo moderatamente sopravvalutato, ma i segmenti azionari più piccoli (MDAX, SDAX) sono chiaramente sopravvalutati. In questa costellazione, il modello prevede una quota azionaria massima del 90% del capitale destinato agli investimenti azionari.

Per lei come investitore, è importante quanto segue: il calcolo del fair value del DAX si basa su dati materiali dal 1954 e presuppone, tra le altre cose, un ritorno a medio termine dei tassi di crescita degli utili aziendali e dei tassi di interesse alle loro medie di lungo periodo.

Sotto questa premessa, le variazioni dei tassi d'interesse difficilmente giocano un ruolo nel calcolo del fair value. La ragione è che mentre i tassi d'interesse sono bassi in tempi di bassa crescita, lo sono anche i tassi di crescita nell'economia e per le aziende in media. In tempi di forte crescita, i tassi d'interesse aumentano, ma allo stesso tempo i profitti crescono più velocemente. Quindi la relazione tra il tasso di crescita degli utili e i tassi d'interesse rimane più o meno la stessa, e cambia poco il fair value a lungo termine del mercato azionario.

E se questo presupposto non fosse più valido in futuro?

Oggi, le banche centrali hanno ampiamente scavalcato le forze di mercato nell'arena dei tassi di interesse. Visto l'alto livello del debito pubblico in tutto il mondo, che continuerà a crescere in futuro, molti esperti credono che l'"era dei tassi zero" dovrà continuare per molto tempo - e in gran parte indipendentemente dall'economia e dal tasso di aumento dei prezzi (si prega di leggere la copertura del Lerbach Round nel numero corrente).

Sarebbe un regime completamente nuovo. Perché allora ci sarebbe la possibilità che, nel corso del prossimo decennio, mentre i profitti aziendali riprendono a crescere a tassi medi, i tassi di politica rimarrebbero ancora vicini allo zero.

In questo caso, la relazione tra i due fattori cambierebbe e gli investimenti azionari dovrebbero essere completamente rivalutati. Se, per esempio, si supponesse che l'"era dei tassi zero" continuasse per altri dieci anni e gli utili aumentassero comunque in linea con la tendenza degli ultimi anni, il fair value del DAX nel nostro modello aumenterebbe del 30-40%. Il principale indice tedesco sarebbe quindi significativamente sottovalutato, gli indici più piccoli solo moderatamente sopravvalutati.

A conti fatti, l'indicatore del mercato azionario del private-wealth consiglierebbe in questo caso un'allocazione azionaria nel corridoio tra il 90 e il 120% del capitale destinato agli investimenti azionari. E poiché il sismografo considera prudente un sovrappeso, l'allocazione azionaria dell'indicatore del mercato azionario sarebbe del 110%.

Sappiamo, naturalmente, che la proposta più costosa nel mercato dei capitali è: questa volta è tutto diverso. Ecco perché siamo riluttanti a calibrare l'indicatore del mercato azionario del patrimonio privato unicamente a questo nuovo regime. Tuttavia, notiamo che questo nuovo mondo senza interessi sembra essere sempre più radicato nella mente dei partecipanti al mercato. Vi presenteremo quindi, a partire da questo mese, due proposte di allocazione dell'indicatore di borsa per diversi regimi.

Per coloro che credono nel "vecchio" mondo, continueremo con la nostra attuale assegnazione del 90%. Per coloro che sono convinti che l'"era dei tassi zero" delle principali banche centrali continuerà per altri dieci anni, il modello suggerisce un'allocazione azionaria del 110%.

Il tuo

Klaus Meitinger

Nota: Nonostante l'accurata selezione delle fonti, non si può accettare alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato sono solo a scopo informativo e non costituiscono un invito a comprare o vendere titoli.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media