• Klaus Meitinger

Tendenze del denaro 2022 - si sta facendo caldo.

leru 462 011021Lerbacher Runde. Una volta all'anno, banchieri, gestori patrimoniali e funzionari di famiglia si incontrano a Schloss Bensberg per dare ispirazione e orientamento agli investitori facoltosi. Mentre l'autunno del 2020 era ancora dominato dalla pandemia e dalla ripresa economica, oggi si pongono nuove domande: cosa sta succedendo all'inflazione? Stiamo vivendo la svolta dei tassi d'interesse? Cosa significherebbe per il prezzo dei beni reali, che hanno vissuto un boom senza precedenti grazie ai tassi di interesse zero? E come dovrebbero comportarsi gli investitori con il cambiamento climatico? Gli esperti conoscono la risposta.

"Viviamo in tempi eccitanti", Kai Röhrl, Head of Wholesale, Robeco Germany, apre il dodicesimo Lerbach Round: "L'economia e i mercati dei capitali hanno appena fatto i conti con il virus quando la quarta ondata irrompe. Allo stesso tempo, stanno emergendo nuovi fattori di incertezza per gli investitori. I colli di bottiglia dell'offerta stanno mettendo sotto pressione i profitti delle aziende. Tassi d'inflazione insolitamente alti stanno alimentando i timori di una svolta dei tassi d'interesse. E ora, al più tardi, gli investitori devono anche pensare all'impatto della lotta contro il cambiamento climatico sulla loro strategia di investimento".

Per gli investitori, un esame intensivo di questi argomenti è più importante che mai. Dopo tutto, gli ultimi dodici mesi sono stati caratterizzati da guadagni di gran lunga superiori alla media. I principali indici sono tutti saliti di oltre il 20%, producendo guadagni da due a tre volte la media storica. Non avrebbe senso prendere dei profitti e aspettare e vedere?

Un chiaro caso per il Lerbach Round. Dal 2010, family officer, banchieri e gestori patrimoniali si riuniscono una volta all'anno su invito di Robeco e private wealth per offrire una guida ai lettori della rivista. Negli ultimi anni, i professionisti hanno gradualmente aumentato la loro allocazione azionaria strategica. E attualmente sono tatticamente posizionati ancora più offensivamente (vedi sotto). "Quando si tratta di preservare il patrimonio a lungo termine, semplicemente non c'è alternativa alle azioni", spiega Marc Vits, Bankhaus Metzler. "Chiunque si metta in disparte ora sta anche correndo un rischio - cioè quello di perdere preziosi punti di ritorno che poi non possono più essere recuperati", chiarisce Karsten Tripp, HSBC Germania.

Una prospettiva economica tutto sommato positiva supporta questa valutazione. La recrudescenza della pandemia e le strozzature dell'offerta smorzeranno la crescita solo a breve termine. Nel 2022, la crescita dovrebbe poi essere superiore alla media mondiale. E a lungo termine, la lotta contro il cambiamento climatico potrebbe innescare un'ondata di innovazione. "Non sono quindi preoccupato per i profitti aziendali", dice Christian Jasperneite, M.M.Warburg & CO. Finora è stato sottovalutato il fatto che per le aziende non conta la crescita reale ma quella nominale. E in vista di tassi d'inflazione più alti, è probabile che questo sia molto rispettabile - almeno per quelle aziende che possono passare prezzi più alti ai loro clienti.

Tuttavia, l'imminente transizione da un mondo a tasso zero senza inflazione a un'era con tassi più alti di aumento dei prezzi non è senza pericoli. "Se i rendimenti dovessero poi aumentare significativamente, avremmo un problema", dice Jan Viebig, ODDO BHF. Tutto ora dipende dall'ulteriore percorso dell'inflazione e dalla reazione delle banche centrali. "Tutti i prezzi dei beni reali dipendono realmente dai tassi d'interesse", conferma Philipp Dobbert, Quirin Privatbank".

Quindi è interessante che il Consiglio tedesco degli esperti economici abbia appena sollecitato ancora una volta la BCE a preparare e comunicare rapidamente uno scenario di uscita dalla sua politica espansiva. "Mi piacerebbe anche questo - perché i tassi d'interesse negativi comportano enormi misallocazioni. Persone che hanno tenuto depositi a tempo determinato per decenni stanno ora comprando azioni in preda al panico. O stanno pagando prezzi estremi per gli immobili. Avrebbe senso far uscire un po' d'aria", dice Daniel Oyen, Plettenberg, Conradt & Cie.

Con questa opinione, Oyen trova un grande accordo nel giro. Ma non dobbiamo basare le nostre decisioni di investimento su ciò che vorremmo fosse intellettualmente corretto". La BCE avrebbe dovuto rafforzare la sua politica.Ma non lo farà", Bernd Meyer, Berenberg, è convinto e sostiene: "Le restrizioni sono troppo grandi per questo. Gli stati hanno troppo debito e le banche centrali hanno troppa paura delle distorsioni sui mercati finanziari". "La BCE potrebbe ridurre un po' i suoi acquisti di obbligazioni, ma rimarrà in silenzio sui tassi d'interesse per molto tempo. Un aumento del tasso di deposito e quindi la fine del denaro depositato è relativamente lontano", dice Carsten Mumm, Donner & Reuschel.

Gli investitori, secondo i professionisti, dovrebbero quindi prepararsi solo per una luce di inversione dei tassi di interesse. E per una fase di lunga durata in cui i tassi di interesse sono al di sotto dei tassi di inflazione.

Una tale era di tassi d'interesse reali negativi è in realtà la materia di cui sono fatte le vere bolle. I titoli fruttiferi perdono potere d'acquisto, la corsa ai beni reali (scarsi) potrebbe continuare. "In effetti, le azioni sono allora la migliore alternativa nell'intero canone degli investimenti disponibili", spiega Lutz Welge, Banca Julius Baer, "esse correranno tanto più forte quanto più a lungo le banche centrali potranno disaccoppiare l'andamento dei tassi d'interesse e dell'inflazione".

Tuttavia, è improbabile che questa sia una strada a senso unico nel 2022. "Se si scopre che l'inflazione non rimarrà alta solo temporaneamente, almeno si discuterà se le banche centrali non dovranno reagire con una politica monetaria più stretta dopo tutto. E questo potrebbe portare a delle turbolenze", avverte Axel Angermann, FERI Trust. "Ma queste sarebbero opportunità di acquisto", conclude Thomas Neukirch, HQ Trust.

Questo è - in forma di xilografia - il mondo come lo vede il Lerbach Round. Gli esperti danno poi consigli concreti per gli investitori in sei workshop: Cosa significa il crescente dominio dello stato, come si classificano le prospettive economiche, l'inflazione e il boom degli asset? E dove possono gli investitori trovare aria condizionata e alternative ai titoli fruttiferi? Potete leggere i risultati nelle pagine seguenti.

--------------------------

La strategia di Lerbach.

Ecco come il Lerbach Round struttura il patrimonio liquido di un investitore medio disposto a rischiare. I professionisti distinguono tra strategia e tattica. Di particolare interesse è la tenuta tattica in contanti relativamente alta.Questo contante deve essere investito in azioni in caso di battute d'arresto dei prezzi.

PonderazioneStrategia Tattica

Azioni53 % 54 %

Titoli fruttiferi33 % 28 %

Investimenti alternativi 8 % 8 %

Metalli preziosi e materie prime 3 % 4 %

Contanti 3 % 6 %

Distribuzione regionale della quota di capitale

USA23 % 22 %

Europa20 % 23 %

Mercati emergenti 8 % 7 %

Giappone 2 % 2 %

Ripartizione degli investimenti nel segmento dei tassi d'interesse

Obbligazioni societarie 17 % 16 % Obbligazioni governative in euro

Titoli di Stato in euro 10 % 6 %

Titoli di Stato USA 3 % 2

Obbligazioni dei mercati emergenti 3 % 4 %

--------------------------

Le previsioni del Lerbach Round.

// 01. economia: In Germania, la crescita reale nel 2022 sarà del 4,7 per cento, negli USA del 4,2 per cento. Il tasso d'inflazione in questo paese scende di nuovo al 2,4 per cento a metà del 2022, e al 2,0 per cento alla fine del 2022. Negli Stati Uniti è del 3,5 per cento a metà del 2022 e del 3,0 per cento alla fine del 2022.

// 02. tassi d'interesse: le banche centrali ridurranno i loro acquisti di obbligazioni nel 2022. La BCE mantiene comunque il suo tasso di deposito a meno 0,5%.Dieci dei 16 banchieri vedono da uno a due passi verso l'alto per i tassi d'interesse chiave degli Stati Uniti.I rendimenti delle obbligazioni saliranno quindi fino alla fine del 2022. Per i titoli di stato tedeschi con una durata di dieci anni, andranno leggermente in territorio positivo, per i titoli di stato americani al due per cento. Il mercato delle obbligazioni subisce quindi perdite di prezzo.

// 03. azioni: Nel 2022, i profitti aziendali salgono ad un livello tra 1130 e 1245 punti per il DAX. Per lo S&P 500 sarà tra 205 e 227 punti. Di conseguenza, i rapporti prezzo-utili sui mercati azionari scendono.

I prezzi continuano a salire, ma gli investitori devono sopportare le fluttuazioni. Dovrebbero comprare nel DAX nella zona di 14200 punti. La presa di profitto iniziale è consigliabile a 17300 punti. Per l'indice americano S&P 500, questi segni sono a 4000 e 4900 punti.

--------------------------

®

Autore: Klaus Meitinger

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media