• Klaus Meitinger

"Si profila una correzione nei mercati azionari".

PW 04052021 Borsenglas

Troppo ottimismo, aspettative troppo alte, prezzi che salgono troppo velocemente - così un terzo del Competence Circle di Lerbach commenta la situazione dei mercati azionari.Nel corso dei prossimi sei mesi, gli esperti si aspettano battute d'arresto significative.

"Naturalmente, le azioni rimangono la mia asset class preferita.Dopo tutto, gli argomenti principali - i tassi d'interesse permanentemente bassi e il forte sostegno monetario delle banche centrali - non stanno andando via", chiarisce Stephan Jäggle, MSR Family Office: "Ma i prezzi sono semplicemente andati troppo lontano troppo velocemente. Presumo quindi un consolidamento per il momento".

Per un terzo della cerchia di competenza di Lerbach, il bicchiere delle azioni è attualmente mezzo vuoto. Tuttavia, questi esperti non si aspettano nemmeno un'inversione di tendenza generale - ma solo una correzione a breve termine. "Semplicemente non c'è modo di aggirare le attività tangibili, specialmente le azioni. Semplicemente a causa dei rendimenti reali negativi sulla maggior parte delle obbligazioni, le azioni rimangono senza alternativa. Vorrei sempre mantenere una posizione strategica in azioni di qualità", chiarisce Ulrich Voss, Tresono Family Office. "La questione è semplicemente come mi posiziono in un portafoglio complessivo oggi. Eravamo completamente investiti e ora abbiamo preso profitti sul 20% delle posizioni. Questa è la messa a punto. Alla luce dei numerosi segnali d'allarme, è ragionevole togliere un po' il piede dall'acceleratore", precisa Michael Winkler, Banca Cantonale di San Gallo.

Un rischio che attualmente viene completamente ignorato è, per esempio, l'emergere di una mutazione di fuga del coronavirus che non può essere combattuta dai vaccini. "Se poi si dovessero imporre nuove chiusure, sarebbe un disastro. La probabilità potrebbe non essere alta, ma questo non dovrebbe essere completamente trascurato", riflette Thomas Buckard, Michael Pintarelli Financial Services.

Tuttavia, aggiunge che il comportamento degli investitori non riflette affatto tali preoccupazioni al momento. "Al contrario - l'ottimismo è estremo", annuisce Jäggle. "Lasciatemi citare tre aspetti", enumera Ulrich Voss: "Solo negli ultimi cinque mesi, 576 miliardi di dollari sono affluiti nei fondi azionari. In confronto, negli ultimi dodici anni messi insieme, erano solo 452 miliardi. Negli Stati Uniti, le famiglie hanno ora più del 43% del loro patrimonio investito in azioni. Questo è appena al di sotto del picco del 44,6% raggiunto all'inizio del millennio. E più di 822 miliardi di dollari sono stati spesi recentemente per comprare titoli a credito negli Stati Uniti. Questo rappresenta un aumento del 71% negli ultimi dodici mesi. Il volume ha così raggiunto il livello record del quattro per cento del prodotto nazionale americano".

Ma ci sono più aspetti che sanno di speculazione, ha detto. "L'hype intorno alle criptovalute, il boom delle nuove emissioni e delle SPAC - società di comodo che raccolgono denaro per comprare aziende con. Il fatto che i gestori di fondi di tutto il mondo sono più sovrappesati in azioni di quanto lo siano stati in 20 anni, secondo un sondaggio della Bank of America, è anche un motivo di riflessione. Non riesco a scrollarmi di dosso la sensazione che ci sia troppo sorso nella bottiglia.Questo rende i mercati azionari vulnerabili", aggiunge Winkler.

"Inoltre, i mesi estivi sono tradizionalmente più difficili per i mercati azionari. La stagione dei dividendi è finita, la depressione estiva incombe", Thomas Buckard mette in gioco un altro argomento."In effetti, si può dimostrare che i risultati degli investimenti nel periodo da maggio a settembre sono stati inferiori alla media in passato", annuisce Bernd Meyer, Berenberg, e spiega: "All'inizio dell'anno, l'ottimismo di solito incontra il denaro fresco. Gli investitori istituzionali come le compagnie di assicurazione o i fondi pensione stanno comprando ora, così come i gestori di fondi attivi. Tuttavia, se hanno ottenuto una performance positiva dopo i primi mesi, magari avendo già raggiunto il loro obiettivo di investimento per l'anno, spesso posizionano i loro portafogli in modo più neutrale in estate. I mercati mancano poi di supporto da quel lato".

Più importante, tuttavia, ha detto che la base fondamentale del recente mercato toro può anche essere messa in discussione. "Dopo tutto, la premessa di base è che un enorme e sincrono boom economico globale inizia in estate, e i profitti delle aziende aumentano rapidamente. Eppure i tassi d'interesse rimangono estremamente bassi", analizza Axel Angermann, FERI Trust, e continua: "Ma non deve necessariamente andare così".

Una variabile chiave nel pensiero di Angermann è l'inflazione. "Negli Stati Uniti, un enorme aumento della domanda sta incontrando una capacità limitata. Questo spinge i prezzi verso l'alto. Il tasso di inflazione di base supererà il tre per cento nei prossimi mesi. Ed è allora che diventa eccitante: la situazione si calma di nuovo o il tasso di aumento dei prezzi si consolida?"

La risposta a questo ha implicazioni per il mercato obbligazionario e la politica monetaria, ha detto. "I tassi d'interesse reali negativi non si adattano molto a un periodo di forte crescita. In prospettiva, quindi, i rendimenti delle obbligazioni con dieci anni di scadenza negli Stati Uniti saliranno nella direzione del tasso d'inflazione", sospetta Meyer. La tesi dei tassi d'interesse eternamente bassi che giustificano valutazioni più elevate nel mercato azionario potrebbe essere messa in discussione. "Finché l'aumento dei rendimenti procede lentamente e i rendimenti continuano a salire allo stesso tempo, il mercato potrebbe sopportarlo. Se va veloce, avremo un problema", dice Meyer.

Aggiunge che sarà anche interessante vedere come reagirà la Federal Reserve. "Davvero, come molti si aspettano, interverrà ancora più fortemente sul mercato per frenare l'aumento dei rendimenti?" si chiede Angermann. "In ogni caso, al più tardi a partire dall'autunno, ci saranno massicce discussioni su quando e come le banche centrali ridurranno i loro programmi di acquisto di obbligazioni", è convinto Bernd Meyer.

Il fatto che questo non lasci generalmente freddi gli investitori azionari è dimostrato dall'esempio della Cina, dice. "Quando la Banca di Cina ha tolto un po' il piede dall'acceleratore a febbraio, il mercato azionario ha corretto del 15%. Perché non dovrebbe accadere la stessa cosa negli Stati Uniti e in Europa?" chiede Michael Winkler.

Anche il caso di un boom economico è lungi dall'essere risolto, aggiunge. "Nei mercati emergenti, il progresso degli impulsi è lento. Queste economie sono vulnerabili a nuove ondate di infezione. E poi c'è la questione degli effetti secondari", sottolinea Angermann. Durante la crisi, dice, le banche hanno rinnovato i prestiti perché non era chiaro se il problema di un mutuatario fosse dovuto alla crisi o al suo modello di business. "Nel momento in cui le cose cominciano a migliorare, però, questo diventa chiaro. È allora che le banche tendono a chiudere relativamente in fretta. Sono quindi curioso di vedere quanti altri dei tre milioni di lavoratori a tempo ridotto in Germania diventeranno disoccupati".

Date queste molte incertezze, ha detto, le aspettative per i guadagni aziendali che si riflettono nelle valutazioni delle azioni sono molto ambiziose. Il consenso tra tutti gli analisti del mondo - secondo i dati di Fact-Set - è che i guadagni del 2022 saranno dal 20 al 50 per cento sopra i livelli pre-crisi del 2019, a seconda dell'indice. "Se lo slancio della crescita non è così forte come sperato o se i prezzi più alti dei fattori di produzione non possono essere passati ai consumatori, sarà difficile da raggiungere", dice Angermann. "E le cose dovrebbero migliorare per avere un effetto positivo sul mercato", interviene Buckard.

Una correzione dal 10 al 15% nei prossimi sei mesi non sorprenderebbe quindi gli esperti. "Sarebbe anche tipico per il corso di un classico ciclo del mercato azionario", aggiunge Michael Winkler.

Di regola, la ripresa dopo una recessione inizia effettivamente con un rally di liquidità perché le banche centrali pompano denaro nel sistema. Questo è poi seguito da un periodo di incertezza quando il mercato toro della liquidità si trasforma nel mercato toro dei guadagni e le speranze devono essere sostenute da fatti concreti. "Questa transizione tende ad essere irregolare", dice Winkler, indicando paralleli con l'azione dei prezzi dopo la crisi finanziaria. "Da marzo 2009 a primavera 2010, gli annunci sono anche aumentati di circa il 75 per cento. Poi il mercato si è consolidato per tre o sei mesi e ha corretto di circa il dieci per cento".

A quel punto, i mercati azionari hanno ripreso il loro percorso originale verso l'alto nell'autunno del 2010. "Potrebbe essere simile questa volta", concludono Meyer e Winkler, "dopo una correzione, il nostro bicchiere sarebbe di nuovo abbastanza pieno".

––––––––––––––––––––––

// Abbastanza vuoto.

"La chiave del successo degli investimenti oggi è evitare gli errori", chiarisce Ulrich Voss, Tresono.Ciò che è importante non è solo ciò che entra nel portafoglio - ma anche ciò che rimane fuori. Gli esperti vedono attualmente rischi particolarmente elevati nei settori della mobilità dei veicoli elettrici, dell'idrogeno e delle energie rinnovabili. Un importante segnale d'allarme è il rapporto tra prezzo e fatturato. "Sto lontano dalle azioni che sono al di sopra di un fattore dieci e non fanno un profitto", dice Voss.

––––––––––––––––––––––

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media