• Sonderveröffentlichung: B. Metzler seel. Sohn & Co.

Cambiamento nel Regno di Mezzo.

Metzler 1204555004Cina. Mentre i politici negli Stati Uniti e sempre più anche in Europa stanno valutando la possibilità di sigillare le loro economie dalla Cina, gli investitori dovrebbero aprire i loro portafogli in modo più deciso per le azioni cinesi, consiglia Carolin Schulze Palstring, responsabile dell'analisi dei mercati dei capitali presso Metzler Private Banking. Dopo tutto, l'ascesa della Cina a potenza economica mondiale apre un'ampia gamma di opportunità di investimento.

"Mentre gli USA si presentano come profondamente divisi dopo le elezioni, i politici di entrambi i campi sono d'accordo su un punto", afferma Carolin Schulze Palstring, responsabile dell'analisi del mercato dei capitali presso il Metzler Private Banking. "Condividono un atteggiamento critico nei confronti della Cina. Il chiaro obiettivo è quello di respingere l'influenza del Regno di Mezzo. Alcuni osservatori parlano già dei forieri di una nuova "guerra fredda".

Anche l'Unione Europea (UE) si è accordata con la Repubblica Popolare Cinese su un accordo di investimento da sette anni - finora senza accordo. "Agli occhi degli europei, i cinesi non hanno fatto sufficienti concessioni sulle questioni dell'accesso al mercato e della protezione degli investimenti". I fronti si sono induriti su molti punti.

La Cina sta rendendo nervose le potenze economiche consolidate. Infatti, grazie a una lunga e dinamica ripresa, il Regno di Mezzo è passato dall'essere un ex mercato emergente a un serio rivale per molti Paesi industrializzati. Il Paese asiatico non è solo lo stato più popoloso del mondo, con circa 1,4 miliardi di persone. Con un prodotto interno lordo reale di circa 11,5 trilioni di dollari USA, ora è anche salito a diventare la seconda economia mondiale, superando nettamente Giappone, Germania e Francia. Solo gli Stati Uniti generano un prodotto interno lordo ancora più grande.

Uno sguardo "prima e dopo" sull'evoluzione della relativa forza economica dei singoli Paesi fa capire rapidamente perché i dibattiti sulla posizione della Cina nel mondo si fanno sempre più accesi.

Mentre nel 1978 - poco prima dell'inizio della cosiddetta politica di riforma e di apertura verso il mondo e soprattutto verso l'Occidente - la Cina contribuiva solo per l'1% del prodotto interno lordo globale, l'anno scorso la Repubblica Popolare rappresentava circa il 14% della produzione economica globale, calcolata in dollari USA. Negli ultimi quattro decenni, la Cina ha raggiunto un tasso di crescita economica media impressionante di oltre il nove per cento all'anno - un livello che anche nei migliori anni del boom le economie sviluppate difficilmente possono eguagliare. "Questa rapida ripresa economica è stata guidata principalmente dalle riforme e dall'abbattimento delle barriere commerciali e di investimento nei confronti degli operatori del mercato estero", spiega Schulze Palstring.

Negli anni '90, la Cina si è concentrata sull'esportazione di beni di consumo e ha investito nell'industria, nelle infrastrutture e nel settore immobiliare. Oggi lo Stato vuole ottenere vantaggi geopolitici con il mega-progetto "Nuova Via della Seta" e punta alla leadership tecnologica globale con la sua strategia nazionale "Made in China 2025".

Per raggiungere questi obiettivi, il Regno di Mezzo sta adottando un approccio strategico. Lo dimostrano le numerose acquisizioni di aziende nei Paesi industrializzati e gli investimenti miliardari nei mercati emergenti. Le acquisizioni riguardano principalmente l'acquisto di aziende innovative in tecnologie chiave - con l'obiettivo di trasferire know-how specialistico e manodopera qualificata dall'estero. "La Cina è riuscita così a passare dal banco di lavoro del mondo a un'economia dell'innovazione", conclude l'esperto del mercato dei capitali.

Tuttavia, molti politici, esperti di economia e attivisti ambientali osano dubitare che ciò sia avvenuto nel quadro di una concorrenza leale. Secondo i critici, il "prezzo della storia di successo" è tangibile e visibile - diritti dei lavoratori deboli o inesistenti, violazioni dei diritti umani, approccio spietato all'ambiente e furto di proprietà intellettuale.

Tuttavia, i politici, le aziende e gli investitori non dovrebbero ignorare il lato positivo della medaglia, dice Carolin Schulze Palstring. Dopo tutto, molti paesi industrializzati hanno contribuito a plasmare la ripresa economica della Cina e ne stanno beneficiando.

Metzler 2

Ad esempio, il volume degli scambi bilaterali (tutte le esportazioni e le importazioni di merci) tra l'UE e la Repubblica popolare cinese da gennaio a luglio di quest'anno è stato di circa 329 miliardi di euro. A titolo di confronto, nello stesso periodo l'UE e gli USA hanno scambiato quasi sei miliardi di euro in meno di valore delle merci.

Per la Germania orientata all'esportazione, la Cina è il partner commerciale più importante da quattro anni solari. "Ed è probabile che questa tendenza sia continuata - nonostante la crisi di Corona - nel corso dell'anno fino ad oggi", dice Schulze Palstring.

Allo stesso tempo, la Repubblica Popolare svolge un ruolo importante anche per le aziende tedesche in loco. La maggior parte delle 30 maggiori società quotate in questo paese sono strettamente legate alla Cina. Questo vale in particolare per il settore automobilistico. Le case automobilistiche tedesche generano miliardi di ricavi in Cina e danno lavoro a oltre 100.000 persone direttamente nel paese. In alcuni casi, si vendono addirittura più veicoli in Cina che in Germania, Francia, Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Brasile e Russia messi insieme. "Se i produttori tedeschi si disaccoppiassero dal mercato cinese e smettessero di vendere automobili in quel paese, probabilmente migliaia di lavoratori qualificati resterebbero senza lavoro in questo paese", conclude Schulze Palstring.

Anche altri rami dell'industria sono fortemente dipendenti dalla Cina. E' improbabile che la situazione cambierà molto in futuro. Almeno questo è quanto suggerisce un sondaggio della Camera di Commercio Europea. All'inizio dell'anno ha intervistato i rappresentanti di 626 aziende e ha pubblicato i risultati nel mese di giugno. Secondo l'indagine, la stragrande maggioranza - 89 per cento - non ha in programma di spostare gli investimenti attuali o previsti in Cina verso altri mercati. Dell'undici per cento delle aziende favorevoli alla delocalizzazione, più della metà continuerà comunque a concentrare i propri investimenti nella regione asiatica (ex Cina).

Il risultato di un tale studio potrebbe naturalmente essere oggi un po' diverso. Dopo tutto, la pandemia ha reso ancora una volta molte aziende chiaramente consapevoli della vulnerabilità delle loro catene di fornitura internazionali. Alcuni attori economici potrebbero quindi sentirsi costretti a ristrutturare le loro catene del valore per ridurre le dipendenze. D'altro canto, è chiaro che i processi economici in Cina sono riusciti a normalizzarsi in modo eccezionalmente rapido rispetto a molti altri Paesi. Nonostante la pandemia, le promesse di consegna e le prestazioni sono state in gran parte mantenute.

Non ci si può quindi aspettare una vera e propria "deglobalizzazione" o disaccoppiamento dalla Cina", sospetta Carolin Schulze Palstring. Quindi, invece di porsi la domanda su come l'Europa possa separarsi dalla Cina, dovremmo pensare a come il futuro possa essere plasmato in modo tale che si creino situazioni vantaggiose per tutti tra le singole aree economiche. Dopotutto, la Cina non è solo un rivale sistemico per l'Europa, ma anche un importante partner strategico, come ha affermato nel marzo dello scorso anno l'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza dell'Unione Europea, Federica Mogherini.

"La storia economica dimostra che nessuna economia nazionale ha finora beneficiato a lungo termine dell'isolamento", afferma chiaramente MachtCarolin Schulze Palstring. Il mondo occidentale è quindi chiamato a trovare un modus operandi che consenta in futuro una cooperazione equa con la Cina. "Ma naturalmente le preoccupazioni in materia di sicurezza devono essere prese sul serio - per esempio, nell'espansione della rete 5G e nella questione del trasferimento di tecnologia.

"Nonostante la difficile situazione politica, la premessa fondamentale per gli investitori dovrebbe quindi essere che il boom economico in Estremo Oriente continui", sottolinea l'esperto del mercato dei capitali, concludendo: "Ciò si tradurrà in interessanti opportunità di investimento. Dopo tutto, il paese ha da tempo cessato di essere solo il fornitore mondiale e ha ora raggiunto una posizione significativa nella catena del valore.

Anche la Cina è ben posizionata per il futuro. Non solo ha possedimenti estesi di terre rare, ma ha anche sviluppato due dei cinque supercomputer più potenti. Attualmente, il Paese è sulla buona strada per raggiungere i vertici mondiali in termini di machine learning, tecnologia 5G e robotica, con 1,4 miliardi di abitanti e il corrispondente enorme mercato interno, che offre ancora un grande potenziale di espansione. "Ogni anno, il numero di persone che appartengono alla classe media con potere d'acquisto in Cina aumenta di molti milioni. La percentuale di questa classe di popolazione nelle città è passata da circa l'otto per cento nel 2010 a poco meno del 50 per cento nel 2018", informa Schulze Palstring.

Inoltre, in Cina vivono centinaia di milioni di cosiddetti millenni. Si ritiene che questa generazione di persone nate tra il 1981 e il 1996 abbia una particolare affinità con la tecnologia e i media. Il numero di utenti Internet e di contratti di telefonia mobile è corrispondentemente elevato. Sembra quindi logico che la Cina debba svolgere un ruolo di primo piano nel portare avanti le perturbazioni nei moderni e nuovi settori economici. Nel giro di un decennio, il mercato dell'e-commerce è passato da un fenomeno marginale al numero uno a livello mondiale. L'importo assoluto dei pagamenti online è di gran lunga superiore a quello degli Stati Uniti. E si vendono più auto elettriche che negli Stati Uniti e in Europa messi insieme. "Non sembra una tesi audace quella secondo cui la Cina sarà all'avanguardia anche nello sviluppo di forme di intelligenza artificiale", dice Schulze Palstring.

L'importanza del settore tecnologico si riflette anche nella composizione settoriale degli indici di borsa: Mentre i mercati azionari dell'America Latina e dell'Europa dell'Est sono fortemente influenzati da settori ciclici come le materie prime e la finanza, il settore informatico fa la parte del leone nella regione asiatica, fortemente dominata dalla Cina.

Metzler 3

"Con i loro modelli di business orientati al futuro, queste aziende possono essere redditizie anche in tempi di bassa crescita economica e bassi tassi di interesse", è convinto l'esperto.

Anche in termini di stabilità valutaria, la Cina ha un chiaro vantaggio. Negli ultimi anni, le valute degli altri paesi BRICS - acronimo popolare tra gli investitori per gli importanti mercati emergenti Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica - hanno perso un valore considerevole rispetto all'euro. Lo yuan cinese, invece, è rimasto in gran parte stabile e a volte anche moderatamente apprezzato.

Ciononostante, è probabile che le azioni cinesi siano ancora sottorappresentate in molti portafogli di investitori occidentali. Uno dei motivi principali è che il Regno di Mezzo è ancora scarsamente rappresentato negli indici globali. Mentre la sua quota del PIL globale si aggira intorno al 14 per cento, la Cina ha un peso nell'indice azionario globale MSCI AC World che attualmente supera di poco il cinque per cento.

La mancanza di trasparenza e l'isolamento del mercato dei capitali cinese sono citati come giustificazione. "Questo è vero, ma sta cambiando gradualmente", è convinto Schulze Palstring. "Il governo cinese ha già compiuto alcuni passi negli ultimi anni per facilitare l'accesso degli investitori stranieri al mercato cinese dei capitali. Molte altre misure sono ancora in sospeso, come il miglioramento delle possibilità di copertura".

Gli altissimi livelli di indebitamento di molte aziende stanno attualmente rendendo gli investitori timidi nei confronti di un maggiore coinvolgimento. "Tali rischi specifici dell'azienda possono tuttavia essere ridotti mediante un'attenta analisi fondamentale. Un'ampia diversificazione contribuisce anche ad aumentare la resilienza del portafoglio. A questo proposito, le soluzioni di fondi sono particolarmente adatte agli investitori per integrare la Cina nei loro portafogli", sagtSchulze Palstring.

L'esperto conclude che, in considerazione dell'immenso potenziale dell'economia cinese, gli investitori non possono più permettersi di ignorare i titoli dell'Estremo Oriente nei loro portafogli. "Mentre i politici discutono di pignoramenti, gli investitori dovrebbero aprire i loro portafogli a un miscuglio di azioni cinesi". ®

­­­­­­­­­­

pubblicazione speciale:

B. Metzler seel.Sohn & Co.

Società in accomandita semplice aufAktien

Impianto principale inferiore 1

60329 Francoforte sul Meno

Foto: Metzler // iStock/gyn9038 // iStock/asbe

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media