• Merck Finck Privatbankiers

Doppio successo.

1133659494.jpg

Microfinanza. I microcrediti offrono alla popolazione dei paesi più poveri la possibilità di costruire qualcosa per garantire la propria sussistenza a lungo termine. "Allo stesso tempo, la microfinanza offre agli investitori redditi da interessi costanti e un effetto positivo di diversificazione a livello di portafoglio", afferma Daniel Kerbach, CIO di Merck Finck Finck Privatbankiers. Questo rende questa classe d'investimento attraente sotto due aspetti.

Angélica vive con i suoi tre figli e sua madre nella capitale del Salvador, San Salvador. Con un microprestito di 200 dollari ha comprato per la prima volta i materiali necessari per fare gioielli. L'ha venduto a turisti e gente del posto.Nach per circa sei mesi è stata in grado di rimborsare integralmente il prestito iniziale.

"In paesi come El Salvador, 200 dollari sono un sacco di soldi", dice Kerbach. "Questo può bastare per guadagnarsi da vivere e guadagnarsi da vivere a lungo termine il sostentamento di un'intera famiglia".

L'idea di concedere tali microprestiti risale a Muhammad Yunus, professore di economia e premio Nobel per la pace. Negli anni '70, ha scoperto che nel suo paese natale, il Bangladesh, spesso gli mancavano pochi centesimi per aprire un'attività con la quale potersi guadagnarsi da vivere. All'inizio, si dice che ha dato alla gente il capitale mancante di tasca propria.Qualche anno dopo ha fondato la Grameen Bank, la prima istituzione di microfinanza a concedere professionalmente tali prestiti.

Oggi, secondo le stime della Banca Mondiale, ci sono circa 10000 istituzioni di microfinanza di questo tipo in tutto il mondo.L'Insgesamt ha concesso prestiti per circa 124 miliardi di dollari. E la domanda di microcredito e servizi finanziari è ancora enorme. Infine, secondo la Banca mondiale, 1,7 miliardi di persone nei paesi emergenti e in via di sviluppo non hanno accesso ai servizi bancari o assicurativi. Circa 500 milioni di piccoli imprenditori hanno un bisogno concreto di prestiti, conti di risparmio o microassicurazioni.

"L'alternativa per persone come Angélica sono solitamente istituti di credito locali, ma alcuni di loro applicano tassi di interesse estremamente elevati, fino al 100% all'anno", spiega Kerbach. In questo senso, i prestiti di microfinanza rappresentano un'ottima opportunità, forse anche l'unica possibilità, per avere successo come piccolo imprenditore.

Affinché gli istituti di microfinanza possano concedere microprestiti, tuttavia, sono necessari anche donatori. Si tratta, ad esempio, di investitori nei paesi industrializzati. "Per loro", dice Kerbach, "un investimento in microfinanza può avere un fascino particolare".

Fondamentalmente questa idea di investimento funziona così: Gli investitori acquistano azioni di un fondo di microfinanza. Questi fondi forniscono solitamente il capitale raccolto sotto forma di prestiti a breve termine a istituzioni di microfinanza nei paesi emergenti e in via di sviluppo.

E' fondamentale che i gestori dei fondi mettano alla prova le istituzioni con l'aiuto di analisti esterni, in quanto in passato si sono verificati casi di frode in questa sede. I dipendenti delle istituzioni, a loro volta, concedono prestiti a privati.Io sono donne, ma spesso anche collettivi, per cui i singoli mutuatari si garantiscono reciprocamente. "In questo modo si riducono i tassi di guasto", chiarisce Kerbach. Sembra funzionare davvero: In passato i rischi di insolvenza erano molto bassi, con tassi di rimborso del 96-98%.

Gli investitori stessi beneficiano di un rendimento corrente del loro investimento. Attualmente questo è dall'1 al 2 per cento annuo. È interessante notare che l'interesse pagato dal micro-mutuatario è dal due al tre per cento al mese, ben al di sopra di questa cifra.

"Per le condizioni locali, tuttavia, questo non è ancora molto", informa Kerbach. Dopo tutto, il livello dei tassi di interesse generale in molti paesi emergenti e in via di sviluppo è nettamente superiore a quello dei paesi industrializzati a causa dell'aumento dell'inflazione. E per questi mutuatari, l'istituto di microfinanza è l'unica alternativa seria allo "strozzino".

Il fatto che non tutto ciò che può arrivare daInvestor ha soprattutto zwei Gründe. "In primo luogo, i costi di distribuzione degli istituti di microfinanza sono piuttosto elevati, poiché i loro clienti vivono spesso in aree remote.In secondo luogo, devono essere presi in considerazione i costi della copertura valutaria, in quanto i prestiti sono generalmente concessi in dollari USA".

Nel complesso, un tasso d'interesse attuale stabile e relativamente sicuro, dall'1 al 2%, è ancora interessante nell'attuale contesto dei tassi d'interesse, in cui i rendimenti dei titoli di Stato tedeschi a 10 anni sono negativi.

Tuttavia, la classe di attività di microfinanza sta diventando particolarmente interessante per altri motivi. "Molti investitori sono alla ricerca di un investimento i cui prezzi rimangono stabili indipendentemente dall'attuale situazione borsistica", spiega Kerbach, "ed è proprio questo che distingue la classe di attivi di microfinanza". L'esperto lo giustifica con il fatto che i prestiti detenuti nel fondo non sono quotati sul mercato e sono quindi - come per i fondi immobiliari aperti - non soggetti alle fluttuazioni giornaliere dei prezzi. "Un investimento nel microcredito può quindi contribuire ad aumentare la diversificazione nel contesto di portafoglio e, allo stesso tempo, ridurre la volatilità".

"Anche se vediamo meno rischi a livello di fondi, li vediamo negli istituti di microfinanza e nei paesi stessi", continua l'esperto. Oltre alla possibilità di frode da parte di un istituto di microfinanza, che non può essere completamente esclusa nemmeno con una due diligence approfondita, le catastrofi naturali o i disordini politici in particolare possono colpire le microimprese e, in ultima analisi, avere un impatto negativo sul rimborso.

"Per questo motivo è molto importante garantire che un fondo di microfinanza investa anche in un'ampia gamma di istituzioni di microfinanza in regioni diverse", continua Kerbach, "e non solo in uno o due paesi.

E c'è un'altra caratteristica speciale che gli investitori devono tenere a mente. I fondi di microfinanza possono essere chiusi temporaneamente se troppi investitori vogliono vendere le loro azioni allo stesso tempo. "Quindi chiunque investa lì non dovrebbe farlo con il capitale di cui ha bisogno a breve termine", dice Kerbach. Per questo motivo, le quote di fondi sono generalmente negoziate solo su base mensile e, nel caso di rendimenti, talvolta solo su base trimestrale.

Ma alla fine della giornata questo impianto non riguarda solo il profitto finanziario. "Ma soprattutto per dare a persone come Angélica la possibilità di sfuggire al circolo vizioso della povertà", spiega Kerbach e conclude: "Se si ottiene un rendimento competitivo grazie all'attuale situazione dei tassi di interesse, questo è ovviamente particolarmente bello. "Mi piace molto questo doppio ritorno". ®

Pubblicazione speciale:

Merck Finck Finck Banchieri privati

www.merckfinck.de

Foto: iStock Signature/bfk92

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media