• Jennifer Bligh

Luce accesa - luce spenta.

(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

Daimon

L'invenzione di Paul Schmidt brilla da quasi 120 anni. Con le sue batterie per torce e luci per biciclette, l'imprenditore berlinese ha reso l'energia mobile e la luce trasportabile. Da un armeggiatore che è stato una volta in cima e di nuovo in fondo.

Paul Schmidt ha avuto la brillante idea in un'accogliente domenica mattina, a casa, in cucina. Sua moglie Henriette Auguste Franziska Laura sta versando il latte sulla farina. Immediatamente il liquido viene assorbito e si forma una massa solida. Paul lo vede, esce come una furia dalla cucina e corre alla sua "Elektrotechnische Anstalt von Paul Schmidt".

Da un po' di tempo a questa parte, il 28enne berlinese ha cercato un modo per rendere la luce trasportabile. Ma niente funziona davvero, nel 1896. Potrebbe essere che una semplice ricetta di torta sia la soluzione?

Funziona. La farina trasforma l'acido della batteria in uno stato solido perché lega gli elettroliti. Nello stesso anno, Schmidt registra l'"elemento galvanico a secco con serbatoio di liquido" presso l'ufficio brevetti del Reich tedesco.

Le sue batterie possono essere portate con sé e, a differenza delle batterie umide esistenti, sono a prova di perdite. Henriette crede in lui e nell'invenzione. Aiuta il fatto che aveva già il suo negozio di cucito nella casa dei suoi genitori ed è economicamente indipendente da suo marito. Così nel 1901, il finanziamento della "Elektrotechnische Fabrik Schmidt & Co" in Chausseestraße 82 a Berlino viene dalla famiglia. Nel 1904 Schmidt fece proteggere il marchio DAIMON dalla legge sui marchi. Il nome Daimon tradotto dal greco significa "il divino".

La spinta alla ricerca di Schmidt è immensa. Il suo più grande successo fu la batteria a torcia da 4,5 volt. La batteria piatta consiste in tre celle da 1,5 volt disposte una accanto all'altra, abbastanza piccole da entrare in una torcia. Dal 1902 Schmidt produce anche lampadine, nel 1903 si aggiungono batterie e casse di batterie di tutti i tipi, dal 1906 la torcia elettrica in produzione in serie, lampade da barca, lampade da bicicletta, dinamo, fari. Nel 1910 la famiglia si trasferisce con la figlia Erna e i figli Alfred ed Erich al palazzo Hohenschönhausen a Berlino. Il futuro è ben illuminato davanti alla famiglia imprenditoriale.

Schmidt si espande, costruendo nuove fabbriche a Bodenbach sull'Elba, Colonia, Danzica e altre città. La domanda continua a crescere. Negli anni successivi, vengono prodotte fino a 60.000 batterie ordinarie all'anno. Negli anni '20, le torce e le batterie Daimon sono disponibili in oltre 50 paesi. Schmidt ora impiega 4500 persone solo a Berlino. Tutto va alla perfezione fino a quando Schmidt rimescola le carte nel 1924 e si concentra sulle radio e le parti di radio. I costi di ricerca e di produzione sono esorbitanti. Ma poi i dispositivi costosi non vendono.

Tre anni dopo - nel 1927 - la società ha bisogno di un'iniezione finanziaria esterna. La British Eveready Export Company (Berec) arriva con un milione di Reichsmark. In cambio, Eveready riceve due terzi della società, Schmidt ne tiene un terzo - per il momento. Poiché la divisione radio continua a fare perdite e deve essere chiusa, Schmidt vende le sue rimanenti azioni e il castello. L'imprenditore va in pensione e si trasferisce con Henriette a vivere con il genero - a quel punto ha già 70 anni. Il figlio Alfred assume la responsabilità della fabbrica di Colonia per un breve periodo, il figlio Erich diventa amministratore delegato degli stabilimenti madre di Berlino. Nel maggio 1940, la Schmidt-Werke aveva prodotto 6.616.000 batterie per torce. La quota di esportazione è di circa il 50%. Dal 1950 in poi, l'azienda, ora di nuovo fiorente, commercia sotto il nome di Daimon Werke GmbH. Ma alla famiglia di imprenditori Schmidt non è rimasto nulla. All'inizio degli anni '80, Berec e Daimon furono rilevate dal conglomerato britannico Hanson Trust e successivamente vendute a Duracell. Infine, la società madre di Duracell, Gillette, viene rilevata da Procter & Gamble nel 2005.

Quando Paul Schmidt muore in casa di suo genero il 4 agosto 1948, quasi nessuno sa che ha inventato la torcia. Fu solo dopo quasi 50 anni che una piccola associazione prese la causa di rimettere Paul Schmidt sotto i riflettori che meritava come importante inventore tedesco. Dal 2016, i suoi successi sono stati onorati nel Museo DAIMON nella sua ex casa - Schloss Hohenschönhausen. ®

Autore: Jennifer Bligh

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media