• Klaus Meitinger

Prima della resa dei conti.

(Tempo di lettura: 3 - 6 minuti)

iStock 1389437426

Tra il 21 e il 25 luglio, i lavori di manutenzione del gasdotto NordStream 1 dovrebbero essere completati. Dopodiché si arriverà alla resa dei conti: il gas tornerà a scorrere o Putin taglierà le forniture di gas russo alla Germania?

Per orientarsi in questa difficile situazione, Bhanu Baweja, Chief Strategist di UBS, ha discusso con i suoi colleghi l'entità del problema del gas e l'impatto sull'economia e sull'inflazione. Per dare a voi, cari lettori, un orientamento, vorrei condividere con voi alcuni dati della ricerca UBS.

Nelle stime precedenti, gli esperti avevano ipotizzato che l'Europa avrebbe consumato 497 miliardi di metri cubi di gas nel 2022 - la sola Germania 79 miliardi. Di questi, 127 miliardi dovevano provenire dalla Russia (la Germania normalmente importa dalla Russia 50-55 miliardi, ovvero circa due terzi della sua domanda di gas).

Fino all'interruzione della manutenzione, la Russia forniva solo circa la metà della quantità abituale - estrapolata su base annua, si tratterebbe di circa 65-70 miliardi di metri cubi.

Solo questo ha già lasciato profonde cicatrici nell'industria energetica tedesca. Se dopo la manutenzione il flusso di gas dovesse essere ancora minore o nullo, la Germania avrebbe un problema enorme. Il gas dovrebbe essere razionato.
Il 40% del consumo di gas in Germania riguarda le abitazioni private, il 23% il settore dei servizi e dei trasporti. Secondo i politici, questi settori dovrebbero essere almeno parzialmente protetti.
Le industrie più colpite sarebbero quindi quelle chimiche, automobilistiche, metallurgiche, del vetro e della lavorazione degli alimenti, che rappresentano il 37% del consumo di gas. Non solo dovrebbero fare i conti con prezzi più alti, ma anche con drastiche limitazioni dei volumi. Le perdite di produzione e le massicce perdite di reddito sarebbero la conseguenza inevitabile. Nel secondo turno, i loro fornitori sarebbero stati colpiti. E il fatto che anche la fiducia dei consumatori e degli imprenditori possa subire un colpo in questa situazione aggrava naturalmente la flessione dell'economia.

Secondo UBS, in questo caso l'Unione Europea scivolerebbe inevitabilmente in recessione. Gli esperti del settore bancario parlano di tre punti percentuali in meno di crescita, con la maggior parte del calo che probabilmente si verificherà nel 2023. UBS non fornisce cifre per la Germania, ma data la maggiore dipendenza dal gas russo, è probabile che il crollo economico qui sia molto più grave.

Una figura in particolare mi ha sorpreso. Se i prezzi di mercato del gas, attualmente elevati, dovessero essere interamente trasferiti dai fornitori ai consumatori, questo significherebbe da solo un aumento del tasso di inflazione in Germania di altri otto punti percentuali! Cosa farà allora la BCE? Questa, sottolineano gli esperti di UBS, è ovviamente un'ipotesi estrema. Ma sottolinea quanto sia critica la situazione.

UBS non condivide nemmeno la speranza che il calo delle forniture di gas possa essere assorbito dal carbone e dallo sviluppo di nuove capacità per l'utilizzo del GNL (Gas Naturale Liquido). La maggior parte della possibile sostituzione del gas con il carbone è già stata attuata. Non è possibile fare di più. Secondo UBS, ci vorrà fino al 2026 perché le nuove capacità di GNL raggiungano i 50 miliardi di metri cubi. Il mercato del gas, secondo gli esperti, rimarrà quindi teso per molto tempo.

I Paesi Bassi potrebbero fornire un sollievo a breve termine. In realtà volevano interrompere la produzione del giacimento di gas di Groningen alla fine di quest'anno a causa del rischio sismico. Se dovessero continuare, secondo UBS, sarebbero possibili volumi di produzione dell'ordine di dieci miliardi di metri cubi annui.

Io stesso sono curioso di vedere fino a che punto la solidarietà europea darà i suoi frutti in caso di congelamento del gas russo. Dopo tutto, sarebbero soprattutto la Germania e l'Austria a essere colpite, mentre la Spagna e il Portogallo, ad esempio, non ne risentirebbero affatto. Gli altri Paesi dell'UE condivideranno allora con noi le loro scarse riserve di gas, proprio come la Germania ha accettato due anni fa di emettere obbligazioni europee congiunte per il fondo di ricostruzione Corona da 750 miliardi?

Per gli investitori, questa è una posizione di partenza difficile. Se il gas torna a fluire dopo la manutenzione, i mercati azionari dovrebbero riprendersi. In caso contrario, c'è il rischio di ulteriori e significative perdite di prezzo.

Poiché per noi di Private Wealth il compito principale è quello di preservare il patrimonio, continuiamo a consigliare una politica d'investimento molto difensiva.

Questo posizionamento è tanto più facile in quanto supportato dal sismografo del mercato dei capitali. Come sapete, il sismografo combina diverse variabili economiche - i primi indicatori economici, l'andamento dei tassi di interesse o le fluttuazioni dei prezzi sui mercati azionari. Da questi si distillano le probabilità di tre stati del mercato nel mese successivo. Il verde indica l'aspettativa di un mercato calmo e positivo. Il giallo indica la probabilità di un mercato positivo e turbolento. Il rosso indica la probabilità di un mercato turbolento e negativo.

"Il contesto economico sempre più cupo, l'aumento dei tassi d'interesse a breve termine e l'incremento dei premi per il rischio nel mercato delle obbligazioni societarie fanno sì che la probabilità di una turbolenza negativa continui ad aumentare". Ora è quasi allo stesso livello dell'apice della crisi di Corona. In una situazione così mista, ha senso rimanere al riparo", spiega l'amministratore delegato della Secaro Oliver Schlick, che traduce i risultati del sismografo in proposte di allocazione.

Il risultato finale:

Poiché il semaforo economico è sul rosso, l'indicatore del mercato azionario della ricchezza privata fornisce un corridoio per la quota azionaria raccomandata tra il 45 e il 75% della quota azionaria prevista individualmente. E poiché il sismografo del mercato dei capitali consiglia la massima difensività, la quota azionaria concreta suggerita dall'indicatore del mercato azionario della ricchezza privata è solo del 45%. Più della metà del capitale disponibile per le azioni è quindi parcheggiato in contanti, in attesa di rientrare.

Il prerequisito per questo sarebbe che sul sismografo la probabilità di un mercato positivamente turbolento (giallo) aumenti significativamente a scapito della probabilità rossa. O che il mercato diventi ancora più favorevole rispetto al suo fair value.

Per potervi inviare un "private-wealth-alert" in questo caso, vi preghiamo di lasciare il vostro indirizzo di posta elettronica a www.private-wealth.de o di registrarvi con il vostro indirizzo di posta per un abbonamento di prova gratuito di sei mesi.

Cordiali saluti,
Il tuo,
Klaus Meitinger

Nota: nonostante l'accurata selezione delle fonti, non ci si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza dei contenuti. Le informazioni fornite nel patrimonio privato hanno scopo puramente informativo e non costituiscono un invito all'acquisto o alla vendita di titoli.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media