• Klaus Meitinger

L'inflazione sta tornando?

Inflation AdobeStock 71088009 smallCari lettori,

Nell'ultimo mese, abbiamo praticamente visitato una dozzina di outlook annuali di banche e gestori patrimoniali. La linea di fondo è chiara: quest'anno, i previsori si aspettano una massiccia ripresa economica. Questo solleva una domanda intrigante: anche i tassi di inflazione aumenteranno? E questo costringerà le banche centrali a frenare prima del previsto?

Che salto! Per molto tempo l'inflazione era stata dichiarata morta. A gennaio, l'indice dei prezzi al consumo su base annua è salito all'1,4% nella zona euro e all'1,6% in Germania. Cosa sta succedendo?

Gli esperti lo spiegano principalmente con fattori tecnici, indicando il riadattamento dell'IVA temporaneamente ridotta verso l'alto e l'introduzione di una tassa CO-2.

Perché questo problema è così importante? La narrazione dominante nei mercati dei capitali è: bassi tassi d'inflazione, bassi tassi d'interesse e continuo sostegno estremo da parte delle banche centrali. Solo allora si possono giustificare le alte valutazioni sui mercati azionari. Se i tassi d'inflazione dovessero aumentare significativamente e le banche centrali dovessero cambiare la loro strategia, i mercati avrebbero un problema. Eravamo quindi particolarmente interessati a vedere come gli economisti prevedono l'inflazione per il resto dell'anno e come pensano che le banche centrali reagiranno.

A breve termine, le cose sembrano abbastanza chiare: il tasso d'inflazione continuerà a salire.

Carsten Klude, capo economista di M.M. Warburg & Co, sottolinea che i prezzi del petrolio sono attualmente circa il doppio di quelli che erano nella primavera del 2020, e che questo si manifesterà nel tasso di variazione annuale dei prezzi al più tardi entro aprile. L'obiettivo di inflazione della BCE - il due per cento - potrebbe quindi essere superato. Per il mercato dei capitali, tuttavia, questo non è un problema, suppone ancora Klude, poiché le banche centrali sono guidate dal cosiddetto core rate dell'inflazione. E in questo metodo di calcolo, i prezzi del petrolio e i prezzi dei prodotti alimentari sono esclusi.

Poi diventa davvero eccitante in estate. "Nella pandemia, i fornitori sono andati persi. Allo stesso tempo, la gente ha risparmiato molti soldi. Se tanto denaro corre ora dietro a un'offerta ridotta, questo tende a far salire i prezzi", spiega Georg von Wallwitz, Eyb & Wallwitz.

La domanda cruciale ora è: questo è l'inizio di una fase più lunga di tassi d'inflazione molto più alti o solo un aumento temporaneo?

La maggioranza degli economisti è d'accordo: i tassi d'inflazione più alti dell'estate rappresentano solo una sorta di gobba, il mondo non si sta muovendo nella direzione di tassi d'inflazione pericolosamente alti. César Perez Ruiz, CIO Pictet, sottolinea l'ampio output gap - il divario tra la produzione effettiva e quella potenziale che si è aperto durante la crisi e che ora deve essere colmato prima che emergano pressioni sui prezzi. E Holger Schmieding, capo economista di Berenberg, sostiene che le famiglie e le aziende rimarranno più caute nei consumi e negli investimenti ancora più a lungo che in passato. Inoltre, gli alti tassi di disoccupazione stanno mettendo sotto pressione i salari e i prezzi.

Sulla seconda domanda, come le banche centrali si comporteranno probabilmente di fronte a tassi d'inflazione più alti, gli economisti hanno anche una risposta chiara. "Diranno: Siamo lieti di sentirlo". E assicureranno che continueranno la loro politica e manterranno bassi i tassi d'interesse chiave in modo che la ripresa possa continuare", sottolinea Holger Schmieding. E aggiunge: "Se i rendimenti delle obbligazioni salgono comunque sul mercato dei capitali, le banche centrali lo contrasteranno". "Penso che vogliano gestire l'economia a caldo ora", dice Jim Cielinski, Janus Henderson.

La linea di fondo è che i tassi di inflazione aumenteranno nel 2021, ma è probabile che le banche centrali vendano questo come un successo politico e tollerino persino un significativo superamento dell'obiettivo del due per cento senza cambiare nulla nella loro politica monetaria ultra-espansiva. La Federal Reserve degli Stati Uniti lo ha annunciato ufficialmente da tempo. E la BCE farà lo stesso. "Ho fiducia nelle banche centrali", conclude Cielinski.

Qual è il potenziale di sorpresa? Se la ripresa economica globale sincrona che tutti si aspettano si verifica davvero nella seconda metà dell'anno per la prima volta in molti anni, le aspettative di inflazione potrebbero essere ancora troppo basse. E poiché è probabile che le banche centrali rimangano ferme anche se i prezzi salgono più fortemente, i tassi di interesse reali - cioè i tassi di interesse meno il tasso di inflazione - diventerebbero più negativi nel 2021 di quanto molti si aspettino oggi. Potete leggere cosa significa tutto questo per gli investimenti durante il fine settimana.

Sinceramente,
Tuo

Klaus Meitinger

Nota: Nonostante l'accurata selezione delle fonti, non si può accettare alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato sono solo a scopo informativo e non costituiscono un invito a comprare o vendere titoli.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media