• Gerd Hübner

Il prezzo della CO2 aumenterà - gli investitori ne trarranno vantaggio.

iStock 1190916514 onlineQuanto vale la natura? Questa domanda è stata posta dal patrimonio privato nel numero del 01/19, quando l'analista Lawson Steele della Berenberg Bank aveva previsto che la domanda di diritti di inquinamento avrebbe superato in modo significativo l'offerta in futuro. E che quindi il prezzo di un certificato di CO2 dovrebbe aumentare notevolmente. Negli ultimi mesi, tuttavia, il prezzo della CO2 è sceso. Questa potrebbe essere un'opportunità per gli investitori.

È una buona notizia che l'espansione delle energie alternative stia progredendo. Secondo l'analisi "The European Power Sector in 2019" di Agora Energiewende e Sandbag, la quota di produzione di energia rinnovabile nel mix di energia elettrica nell'Unione Europea (UE) è aumentata lo scorso anno di 1,8 punti percentuali, raggiungendo il 34,6%. Di conseguenza, le emissioni di anidride carbonica del settore elettrico sono diminuite - di 120 milioni di tonnellate secondo le stime iniziali.

Meno emissioni di anidride carbonica significa anche che l'industria ha bisogno di meno certificati di CO2. Poiché il sistema di scambio delle quote di emissione dell'UE si basa sul fatto che le aziende interessate devono acquistare un certificato per ogni tonnellata di CO2 emessa e che il numero di nuovi certificati all'anno è limitato, il calo delle emissioni non è una buona notizia per gli investitori che investono in certificati di CO2.

Inoltre, la brexite rende insicuri. Ora che la Gran Bretagna ha lasciato l'UE, si teme che le aziende britanniche gettino i loro diritti sul mercato. Non c'è da stupirsi che il prezzo di un certificato di CO2 sia recentemente sceso da 25,60 euro a poco meno di 23 euro.

Tuttavia, l'analista di Berenberg Lawson Steele ritiene improbabile che prezzi così bassi siano permanenti o che diminuiscano ulteriormente a lungo termine. Al contrario: è più che mai convinto che il prezzo della CO2 aumenterà in modo massiccio. E questa affermazione, ha detto quando gli è stato chiesto, non è stata cambiata dall'attuale risparmio di CO2 del settore elettrico dell'UE. Ciononostante, in futuro ci sarà un enorme deficit di certificati.

L'argomento più importante di Steele: ad un prezzo di circa 23 euro, le aziende industriali sono poco incentivate a passare dal carbone al gas a basse emissioni. Egli ha infatti stimato che solo il 29 per cento circa del potenziale di cambiamento sarebbe stato utilizzato in questa struttura di prezzi. Ma se non si passa massicciamente dal carbone al gas, gli obiettivi di riduzione delle emissioni dell'UE non saranno raggiunti e il mercato dei certificati sarà in deficit. La domanda supera di gran lunga l'offerta di certificati. Solo quest'anno, secondo Steele, l'industria avrà bisogno di ulteriori certificati per l'emissione di 80 milioni di tonnellate se i prezzi rimarranno invariati. Nei prossimi tre anni prevede che questo deficit salirà a circa 650 milioni di tonnellate. Entro il 2030 sarebbe di 1.477 milioni di tonnellate.

Questo squilibrio, secondo Steele, sarà risolto, in ultima analisi, con l'aumento dei prezzi dei certificati di CO2. Ad un certo punto, le aziende dovranno acquistare i diritti di inquinamento per compensare le loro maggiori emissioni. In caso contrario, per ogni certificato mancante sarà applicata una penale di 108 euro per tonnellata emessa. Inoltre, gli inquinatori devono ancora acquistare questo certificato inesistente nell'anno successivo. Ciò eserciterà probabilmente un'ulteriore pressione al rialzo dei prezzi.

Se il prezzo dei certificati di CO2 aumenta, aumenta anche l'incentivo a passare dal carbone al gas. Questo riduce ancora una volta la richiesta di diritti di inquinamento. Se l'offerta rimane invariata, si raggiunge un nuovo equilibrio a prezzi significativamente più elevati

Steele ha delineato il percorso verso questo obiettivo nel suo attuale studio "Carbonio: credere incrollabile".

Solo ad un prezzo di ben oltre 35 euro per certificato l'incentivo finanziario per il passaggio dal carbone al gas è abbastanza grande, secondo i suoi calcoli, da evitare quest'anno il deficit di cui sopra. Per il 2021, dove Steele prevede un deficit di 219 milioni di certificati anche se il potenziale di passaggio al gas è pienamente sfruttato, l'analista si aspetta poi un prezzo medio di circa 65 euro. Il prezzo della CO2 dovrebbe rimanere in questa fascia nel 2022. Naturalmente, tutto questo vale solo se nel frattempo l'industria può effettivamente realizzare risparmi di CO2, in linea con gli obiettivi della politica climatica dell'UE. Se ciò non avviene, sono ipotizzabili quotazioni ben oltre i 65 euro.

Un fattore scatenante a breve termine per un aumento dei prezzi potrebbe essere, ad esempio, il fatto che il timore di vendite di certificati dalla Gran Bretagna stia diminuendo. Dopo tutto, il ritiro del Regno Unito dal mercato delle emissioni dell'Unione europea inciderebbe solo sui diritti di emissione netti, pari a 55 milioni di tonnellate di CO2. Secondo Steele, è probabile che questi, secondo Steele, affluiranno sul mercato solo lentamente e ben distribuiti. Se gli operatori del mercato si rendono conto che ciò non creerà un'ulteriore pressione al ribasso dei prezzi, questo da solo potrebbe portare a una ripresa dei prezzi.

Un aspetto che non è ancora incluso nei prezzi è un possibile cambiamento degli obiettivi di emissione dell'Unione Europea. Steele ammette che questo sviluppo ha una probabilità di almeno il 50%. Finora, le emissioni di gas climatici dovevano essere ridotte del 40% entro il 2030 rispetto al 1990. In considerazione del dibattito sul clima, questo obiettivo di riduzione potrebbe ora essere aumentato al 50-55%. Ciò sarebbe probabilmente accompagnato da una maggiore riduzione dell'assegnazione gratuita dei diritti di inquinamento del 15% invece che del 10% l'anno prossimo. I certificati di CO2 diventerebbero di conseguenza più scarsi - e più costosi.

Come investire in certificati di CO2

Se Lawson Steele ha ragione, è probabile che il prezzo di un diritto sull'inquinamento da CO2 aumenti significativamente rispetto all'attuale livello di poco meno di 23 euro. Gli investitori possono trarne vantaggio in diversi modi:

  • Il trading dei futures con i certificati di CO2 si svolge sulla Borsa Europea del Clima. I contratti futures sono negoziati lì - attualmente fino a dicembre 2028. Tuttavia, la liquidità non è molto elevata - il trading stesso è riservato ai professionisti. Gli investitori interessati devono contattare le banche o i broker autorizzati.
  • Gli investitori privati interessati possono acquistare un numero illimitato di turbo warrant sui diritti di emissione di CO2. Il prezzo del titolo è calcolato sulla base del prezzo del diritto di emissione di CO2 (23,60 euro) in euro meno il rispettivo prezzo di base. Inoltre, di solito c'è un piccolo sovrapprezzo. Per coprire i costi di finanziamento dell'emittente, il prezzo di esercizio e la barriera di knock-out per questo titolo a termine vengono regolarmente aumentati, in modo che il valore del knock-out diminuisca se il prezzo del sottostante rimane invariato.

Più questo prezzo di esercizio si avvicina al prezzo attuale del diritto di emissione, maggiore è la leva della carta e più rischioso è l'investimento. Per non essere messi al tappeto da movimenti anche brevi del prezzo della CO2, si consiglia di scegliere le carte con il maggior divario possibile.

Ulteriori informazioni su questo argomento sono disponibili sul sito www.private-wealth.de (edizione 04/17, L'ambiente sta diventando sempre più prezioso; edizione 01/2019, Fase calda).

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media