• Sonderveröffentlichung: Merck Finck Privatbankiers

Una questione di controllo.

97 Merck 157305485

amministratori delegati nelle aziende di famiglia. Der CEO è il più importante decision maker dell'azienda. Sempre più aziende familiari decidono di occupare questa posizione all'esterno nell'ambito del processo di successione.La famiglia organizza poi la collaborazione per ridurre al minimo um Konflikte? Bankhaus Merck Finck Finck supporta l'UMS a Vallendar con una cattedra junior per rispondere a queste domande.

Copia teaser.

Adam Smith, uno dei fondatori dell'economia moderna, era molto critico nei confronti dei manager impiegati. Dal momento che gestiscono solo il denaro di altre persone, questo porta inevitabilmente all'abbandono e allo spreco.

"Anche 242 anni dopo la comparsa di "The Prosperity of Nations", la questione della separazione della proprietà e del controllo di un'azienda è di grande attualità", afferma Melanie Schmid-Strüngmann, responsabile della pianificazione strategica del patrimonio di Merck Finck Finck Privatbankiers, chiarendo: "Dopo tutto, c'è una questione che è molto più avanti nel processo di successione delle aziende familiari: Uno dei miei figli dovrebbe essere amministratore delegato in futuro? O è più promettente coinvolgere una persona esterna per questo scopo?".

Schmid-Strüngmann sa che la risposta a questa domanda varia da caso a caso. "Un CEO esterno è sempre un guadagno se nessun membro della famiglia è disposto o in grado di fare il lavoro. E a volte un'azienda familiare ha anche bisogno di un nuovo sguardo al settore per scoprire cos'altro è possibile.Diesen Un impulso può essere dato da un CEO straniero".

Max Leitterstorf, Junior Professor presso l'Istituto per le aziende familiari dell'UMS - Otto Beisheim School of Management - ha analizzato 226 successori CEO insieme a Maximilian Wachter per approfondire l'argomento: "Abbiamo prima raccolto le argomentazioni a favore e contro un CEO esterno.

I sostenitori di un CEO di famiglia credono che lui o lei rappresenta meglio gli interessi della famiglia ed evita costi e rischi inutili. Inoltre, i membri della famiglia avevano accumulato conoscenze ed esperienze sull'azienda fin dalla più tenera infanzia. Una persona esterna non potrebbe approfittare di questo vantaggio di conoscenza. E l'azienda di famiglia è meglio percepita come tale, anche se il CEO viene dalla famiglia.

I rappresentanti della soluzione del CEO esterno sostengono che un CEO esterno può meglio (o con maggiore neutralità) > bilanciare i diversi interessi dei membri della famiglia o delle tribù. I dipendenti hanno apprezzato il fatto che anche i membri non familiari dell'azienda potrebbero occupare la posizione di vertice. E soprattutto: sarebbe una grande coincidenza se tra tutti i manager disponibili un membro della famiglia di tutte le persone avesse la massima idoneità.

"L'ultimo argomento, in particolare, sta assumendo oggi un ruolo sempre più importante nelle aziende a conduzione familiare", spiega Melanie Schmid-Strüngmann, "c'è già la tendenza a cedere la gestione operativa a un manager esterno.La famiglia Die è quindi limitata alle funzioni di controllo nell'Aufsichtsrat o comitato consultivo".

Affinché questa strategia abbia successo, tuttavia, è necessario definire le principali potenzialità conflittuali e trovare soluzioni.

"Il background teorico di questa discussione è il cosiddetto conflitto principale-agente", spiega Leitterstorf. "Ad esempio, un CEO dovrebbe rappresentare in primo luogo gli interessi degli azionisti e concentrarsi sui loro obiettivi.Das può essere l'aumento del profitto, il prezzo delle azioni o dividendi, ma anche a lungo termine,  Nachhaltigkeit o la reputazione della famiglia nel contesto sociale".

Spesso, tuttavia, secondo lo scienziato, gli interessi personali del CEO - reddito, sicurezza del lavoro, prestigio o potere - ostacolano questi obiettivi. "Se le aziende familiari scelgono un amministratore delegato esterno, devono affrontare questo conflitto."

Secondo il ricercatore, gli azionisti hanno fondamentalmente tre viti di regolazione. In primo luogo, possono incentivare l'amministratore delegato a rappresentare i loro interessi. In secondo luogo, quando si sceglie un amministratore delegato è necessario concentrarsi maggiormente sulla motivazione intrinseca. In terzo luogo, è necessario istituire un sistema di controllo funzionante.

"In particolare per quanto riguarda gli incentivi, le aziende a conduzione familiare hanno una visione critica di molte delle opzioni comuni", analizza Leitterstorf. L'orientamento tipico a lungo termine (per la prossima generazione) è contrario a collegare la remunerazione agli obiettivi di profitto. Dopo tutto, questo potrebbe portare all'ottimizzazione a breve termine dell'azienda da parte del CEO, ad esempio abbassando von Forschungsausgaben per aumentare i profitti.

La volontà di preservare l'influenza familiare non consente il trasferimento di azioni della società.

"In futuro, una variante in gran parte sconosciuta in precedenza potrebbe quindi affermarsi nelle aziende a conduzione familiare. Le cosiddette 'azioni fantasma' descrivono diritti contrattuali che possono essere simili a quelli di un'azione senza creare effettivamente azioni". Ad esempio, un CEO potrebbe ricevere un certo numero di azioni fantasma e quindi il diritto di ricevere lo stesso dividendo per azione fantasma come azione ordinaria per i prossimi 30 anni.

Inoltre, spesso si cerca di rafforzare il legame con la famiglia. "Si tratta della motivazione intrinseca del CEO, nonché della cosiddetta "proprietà psicologica"," spiega Leitterstorf. "Per esempio, l'amministratore delegato è invitato alle riunioni di famiglia o altrimenti integrato nella famiglia."

"Durante il processo di selezione, mi assicurerei sempre che il candidato dimostri empatia e rispetto per la tradizione", aggiunge Schmid-Strüngmann. Inoltre, ha senso definire una sorta di codice di valori nella famiglia: "Quali principi inalterabili devono essere osservati da tutti, compreso il nuovo CEO? Come ci occupiamo di alcuni blocchi di costi - auto di servizio,  Risorto? La famiglia può certamente dare questo al CEO come allegato al contratto di lavoro. Poi il manager sa esattamente cosa la famiglia si aspetta da lui".

Inoltre, la comunicazione all'interno dell'azienda è importante. "Quando arriva un CEO straniero, l'incertezza nella forza lavoro è solitamente grande. La famiglia si ritira ora? Si tratta del mio lavoro? La continuità dell'azienda? Bisogna spiegare esattamente perché la famiglia sta facendo questo passo e che il loro impegno zum Unternehmen rimane invariato", spiega l'esperto.

Una volta costituito l'amministratore delegato esterno, il controllo efficiente è in cima all'ordine del giorno. "Se a un certo punto gli azionisti si convincono che il CEO non rappresenta adeguatamente i loro interessi, devono trarne le conseguenze - fino al licenziamento", spiega Leitterstorf.

Lo scienziato ha esaminato questo punto in modo più dettagliato utilizzando i dati provenienti da società quotate in borsa ed è venuto a interessanten Erkenntnissen nel processo. "Il controllo efficiente deve riguardare soprattutto la possibilità di valutare le prestazioni dell'amministratore delegato e se gli azionisti hanno anche il potere e la volontà di agire per i passi corrispondenti fino al licenziamento". In pratica, ciò si osserva molto più spesso nelle imprese a conduzione familiare e nelle imprese con azionisti di maggioranza. I membri della famiglia imprenditoriale avrebbero un migliore accesso alle informazioni aziendali e potrebbero valutarle con maggiore precisione. "Conoscete gli interni e i processi aziendali fin dall'infanzia e quindi svilupperete più facilmente un'opinione sul CEO. E hanno la volontà di agire: Per una famiglia si tratta di importi più elevati e la conservazione dell'azienda è fondamentale non solo dal punto di vista finanziario, ma anche emotivo", spiega Leitterstorf.

Lo studio sostenuto da Merck Finck Finck mostra infatti: gli amministratori delegati esterni sono criticamente interrogati soprattutto nei primi anni di mandato (probabilità particolarmente elevata di licenziamento) - in caso di successo, vengono successivamente considerati membri della quasi-famiglia (probabilità decrescente di licenziamento). E: Il licenziamento di un amministratore delegato è più probabile se c'è un grande azionista, e soprattutto se l'azionista principale è una famiglia.

"Per la famiglia questo significa anche, tuttavia, che i suoi membri devono avere una "competenza degli azionisti" sufficiente per poter esercitare professionalmente la loro funzione di controllo", riflette Melanie Schmid-Strüngmann, "in realtà questo è il compito nato per il capo uscente - egli controlla, supervisiona e consiglia". La decisione di nominare un amministratore delegato esterno potrebbe persino rendere più facile per il patriarca lasciar andare. "E previene i classici conflitti padre-figlio che in molte famiglie hanno portato alla successione che non funziona. Quindi, a conti fatti, probabilmente non è una cattiva idea controllare l'opzione di un CEO straniero - Adam Smith non sempre deve avere ragione".

__________________________

Un partner in ogni fase di follow-up.

"Siamo spesso richiesti molto prima della consegna", afferma Melanie Schmid-Strüngmann, responsabile della pianificazione strategica del patrimonio di Merck Finck Finck. In cambio con il cliente, ad esempio, la banca rivede regolarmente il piano strategico di emergenza. "La successione è garantita in questo caso? Ci sono documenti, contratti, contratti, procure corrispondenti? In caso contrario, chiederemo ai consulenti legali e fiscali di colmare questa lacuna".

Anche nella pianificazione patrimoniale vengono effettuate delle simulazioni: in che modo l'onere fiscale rimane a carico della società e dei soggetti coinvolti in caso di trasferimento? Quali misure sono necessarie per garantire il reddito del titolare dell'azienda che va in pensione? Nell'ambito della gestione della liquidità si tiene conto dell'indennizzo degli eredi che non detengono una partecipazione nella società? "Quando si tratta del passaggio di consegne, siamo spesso noi stessi il mediatore", spiega il ruolo di Merck Finck Finck, "riuniamo tutte le parti, coordiniamo, sosteniamo, sosteniamo e diventiamo così una sorta di quartier generale nel processo di successione".

__________________________

Investimento con la famigliaanschluss.

"Le nostre indagini suggeriscono che l'esistenza di un azionista di maggioranza rafforza significativamente la posizione degli azionisti nei confronti di un amministratore delegato e disinnesca il conflitto di interessi di tutte le altre parti coinvolte. Una famiglia imprenditoriale in qualità di azionista di maggioranza ha un interesse particolarmente elevato per il successo dell'azienda e la capacità di valutare le prestazioni di un CEO e trarre le necessarie conclusioni", spiega Max Leitterstorf.

"Questa è un'altra ragione per cui le azioni di aziende in cui una famiglia ha una notevole influenza, offrono migliori risultati a lungo termine. Vale la pena per gli investitori di considerare questo punto nella scelta delle azioni", ha convinto Daniel Kerbach, CIO beim Bankhaus Merck Finck, convinto.

Per rendere questa idea sistematicamente investabile, lancierte nell'ottobre 2017 la Banca ha lanciato il fondo Richelieu Equity Small & Mid Cap (LU1664299275) - una strategia per le medie imprese in cui il manager Ingo Koczwara presta particolare attenzione a questo criterio.

"Le aziende gestite e controllate dal proprietario hanno altri vantaggi, oltre a disinnescare il conflitto principale-agente", spiega Koczwara. "Grazie alla pianificazione a lungo termine, possono agire in modo anticiclico negli alti e bassi dell'economia. In tempi di crisi, essi tendono a comprare di più, mentre le grandi aziende di solito risparmiano i costi prociclicamente per far apparire meglio i nächsten Quartalsberichte. Inoltre, il livello del debito estero è solitamente inferiore perché i manager non sono tentati dai programmi di opzioni per operare con un rischio eccessivo. E anche se le famiglie fondatrici non sono più attive nell'attività operativa, i diritti di voto rimangono spesso riuniti in fondazioni familiari. Questo preserva il pensiero a lungo termine".

__________________________

®

Pubblicazione speciale:

Merck Finck Finck Banchieri privati

www.merckfinck.de

Melanie Strüngmann, Manager

Pianificazione strategica

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.]

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media