• Klaus Meitinger

In cima.

Lerbach Gipfel 20180420 DSF4509

Ciclo economico. Dopo la forte ripresa degli ultimi due anni, la crescita economica globale sembra aver raggiunto il suo apice. L'incidente sta seguendo ora? Quanto è probabile una recessione? E come si evolvono i tassi d'inflazione, considerati il fattore determinante per la politica della banca centrale? Il Lerbach Round analizza da vicino il mondo degli affari dal punto di vista dell'investitore.

"Anche il più bello sfogo economico estivo prima o poi finirà.Dan si deve essere preparati per l'autunno". (Wolfgang Brüderle, politico dell'FDP)

E' cosi' facile da leggere nei libri di testo. Il ciclo economico descrive una curva ondulatoria attorno alla langfristigen Wachstumstumstrend. Durante il boom economico c'è una domanda di beni superiore alla media, le capacità produttive delle imprese sono pienamente sfruttate e c'è piena occupazione. I salari e gli stipendi dei dipendenti sono in aumento. L'inflazione diventa un problema. E l'interesse sta salendo. Gli imprenditori guadagnano quindi meno. Stanno diventando sempre più pessimisti e stanno rinviando gli investimenti. Inizia la recessione.E finisce in recessione.

In realtà, questo processo non è così convincente. E soprattutto, non così prevedibile.

"Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una ripresa lenta ma senza tensioni. Il ciclo economico sembrava essere finito", afferma Kai Röhrl, responsabile della distribuzione di terze parti di Robeco. Dall'inizio del 2016, l'economia mondiale ha registrato una significativa accelerazione dei tassi di crescita.Aberall il mondo ha conosciuto una ripresa. In alcuni paesi - zum Beispiel in Germania - gli economisti hanno poi diagnosticato un vero e proprio boom nel 2017. Ma da alcuni mesi ormai una serie di indicatori anticipatori puntano verso il basso. "Ecco perché gli investitori si stanno innervosendo", erklärt Röhrl: "Il classico ciclo economico sta tornando?L'Unione è minacciata dalla prossima grave recessione, compreso il calo dei prezzi delle azioni"?

In passato, i risultati delle indagini condotte dall'Istituto Ifo di Monaco di Baviera sulle aspettative delle imprese nell'industria tedesca si sono rivelati particolarmente significativi. A causa della forte dipendenza delle imprese dalle esportazioni, esse sono considerate anche un barometro sensibile ai cambiamenti dell'economia globale. Da dicembre 2017 ad aprile 2018, questo indicatore è sceso cinque volte di seguito. Tale serie esiste in statistica dal 1969 - finché l'Istituto Ifo conduce questa indagine - solo 13 volte. A ciò è seguita nove volte una recessione più o meno grave, cioè diversi trimestri di crescita negativa o di crescita zero. La crescita è rallentata tre volte. Solo nell'autunno 2014 l'indicatore Ifo ha rapidamente invertito la sua tendenza al rialzo e l'economia ha continuato a crescere. L'indicatore Ifo segnala di nuovo un disastro?Oder è tutto diverso questa volta?

01. Il crollo delle aspettative delle imprese ifo indica un serio rischio di recessione?

"Le quattro parole, questa volta tutto è andersʻ sono tra le più costose saggezze del mercato azionario. Per me, i risultati dell'indagine dell'Ifo Institute sono un serio segnale d'allarme", ha dichiarato Helmut Neumaier, FOCUS Asset Management, "Se le aspettative continuano a peggiorare, gli imprenditori diventeranno ovviamente più cauti. E poi probabilmente rinviare gli investimenti. Questo, a sua volta, avrebbe conseguenze che potrebbero amplificarsi. Il ciclo economico è solo il 50% di psicologia. E' successo qualcosa - e la gente che ha visto tutto positivo ieri sta diventando negativa".

"La disputa commerciale, il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare con l'Iran, i conflitti in Medio Oriente, il fatto che la ripresa degli Stati Uniti è in corso da molto tempo, un alto livello di indebitamento, che ora si scontra con l'aumento dei tassi di interesse..... - molto può succedere", aggiunge Daniel Oyen del Family Office Plettenberg, Conradt & Cie.

"Naturalmente, c'è sempre il rischio di una flessione", riflette Reinhard Pfingsten, Bethmann Bank, "ma questo non è il nostro scenario di riferimento. E' ancora positivo". "Marc Vits, Bankhaus Metzler: "L'ifo Institute chiede: "Stima che le aspettative aziendali siano sei mesi più favorevoli, costanti o sfavorevoli? Alla fine dello scorso anno le cifre erano estremamente elevate. Moltissimi imprenditori avevano riferito che le cose stavano migliorando. Ora, se alcuni di loro dicono: Sta benissimo, non puo' a malapena migliorare", poi questo indicatore cade. E' pura matematica. Non vedo perché il prossimo anno la crescita globale non dovrebbe rimanere solida".

"Carsten Mumm, Donner & Reuschel, continua: "Donald Trump sa perfettamente che in una guerra commerciale tutti perdono - compresi i suoi elettori. Presumo quindi che ci sarà una soluzione negoziata". "In questo caso, vediamo immediatamente un contro-movimento dell'indice Ifo", assume Reinhard Pfingsten, "perché i libri degli ordini sono pieni e le forze di crescita sottostanti intatte. I mercati emergenti hanno superato la fase di debolezza dal 2014 al 2016 - tra l'altro, la ripresa è ancora giovane. La Cina è in costante crescita. L'economia giapponese sta nuovamente accelerando. E in Europa è visibile un'accelerazione del credito e degli investimenti. Non si fermera' cosi' in fretta".

Gli esperti sono più preoccupati - sempre supponendo che le tensioni geopolitiche si dissolvano - su un punto completamente diverso. "Classicamente, nel ciclo attuale manca ancora la fase di euforia.Nun Donald Trump, con la sua riforma fiscale, sta di nuovo facendo passi da gigante, anche se la crescita negli Stati Uniti è già così superiore alla tendenza a lungo termine come non lo è stata per molto tempo. Questa è una vera follia economica. Sono curioso di vedere se questo non si trasforma in un vero e proprio surriscaldamento. Che porterà poi il 2019 o il 2020 alla prossima recessione", überlegt Daniel Oyen.

"A mio avviso, il fattore di rischio maggiore è l'aumento delle aspettative di inflazione, combinato con un aumento dei tassi di interesse su obbligazioni con scadenze più lunghe", spiega Mumm. "Infatti, l'indebitamento degli im Unternehmenssektor è aumentato significativamente negli ultimi due anni, soprattutto negli Stati Uniti", conferma Neumaier, "questo potrebbe quindi causare problemi di rifinanziamento". Dopo la lunghissima fase a basso interesse, molte aziende zombie sono ora in movimento - aziende che non esisterebbero più in un normale contesto di tassi d'interesse. "Con ogni punto base che sale sul mercato obbligazionario, una di queste società si ritirerà", predice Mumm. "Se i tassi d'interesse aumentano più velocemente, più aziende dovranno chiudere in meno tempo. Se questo accade troppo in fretta, sarebbe un problema per l'economia e per i mercati dei capitali".

La tavola rotonda di Lerbach discute quindi un secondo aspetto almeno tanto quanto la questione della prospettiva di crescita globale. Cosa succederà effettivamente nei prossimi mesi per quanto riguarda l'inflazione?

02. Sei, il pericolo di inflazione è davvero grande?

"La parola pericolo implica che l'inflazione è il male. Quando esamino la discussione degli ultimi quattro o cinque anni, ho avuto la sensazione che, di fronte ai timori di deflazione, si desiderassero aumenti moderati dei prezzi. Il fatto che le tendenze disinflazionistiche si siano ormai placate è positivo", dice Marc Vits.

Il Lerbach Round vede attualmente una continua tendenza all'aumento dei prezzi sia negli Stati Uniti che in Europa. I prezzi delle materie prime sono in aumento e in molti paesi industrializzati - soprattutto negli Stati Uniti e in Germania - il mercato del lavoro è ormai fortemente carente.Das guida i salari. "Inoltre, il consumo in Cina è aumentato anche in Cina. Tutti possono immaginare cosa significhi per i prezzi delle materie prime e dei beni, quando tutti gli 1,3 miliardi di persone sono anche parte della crescita globale", miint Röhrl: "Per decenni la Cina è stata esportata come fornitore a basso costo per la deflazione mondiale.Künftig esporta l'inflazione".

L'eccitante domanda rimane:I prezzi sono in rapido aumento - e sulla loro scia i tassi obbligazionari sono in aumento? "Un livello di tasso di interesse significativamente più elevato - ad esempio, dal tre al cinque per cento per le obbligazioni statunitensi con scadenza decennale - ribalterebbe molte cose", miint Mumm, "allora le valutazioni delle azioni e degli immobili sarebbero discutibili quanto il rifinanziamento nel settore delle imprese. Il fatto che i tassi d'interesse statunitensi siano già quotati al 3% sottolinea la natura esplosiva della situazione. "Non c'è più molto da fare", Neumaier.

"Marc Vits ci rassicura che "le molte forze opposte - digitalizzazione, robotizzazione, globalizzazione - continueranno a pesare sull'inflazione. Sebbene la buona situazione del mercato del lavoro in molti paesi industrializzati possa portare prima o poi ad aumenti salariali, non ci si può tuttavia aspettare un aumento troppo forte o rapido dei tassi di inflazione". "Gli aumenti salariali non sono inclusi nel tasso di inflazione a zu eins", spiega Pfingsten, "ma questo può anche essere assorbito dalla produttività. "O a scapito dei margini.

03. L'inflazione è buona o cattiva per i guadagni aziendali?

"In ultima analisi, è sempre decisivo se le aziende hanno la possibilità di aumentare i prezzi", spiega Helmut Neumaier: "L'inflazione moderata dovrebbe avere inizialmente un effetto positivo sui ricavi. Solo quando i costi degli input salgono troppo alti e quindi gli investimenti sono ridotti, diventa controproducente". "Occorre inoltre tenere conto della misura in cui le imprese sono esposte alla concorrenza internazionale", aggiunge Pfingsten. "Le aziende americane, con il loro grande mercato interno orientato al consumo alle spalle, probabilmente hanno un mercato interno più facile degli europei - soprattutto se ora si aggiungono tendenze protezionistiche", miint Mumm. "E naturalmente ci sono anche effetti positivi e negativi sul lato delle materie prime", aggiunge Daniel Oyen, "vincono le aziende che estraggono le materie prime."Ha bisogno di molte materie prime, perde".

Nel complesso, tuttavia, il round vede questo aspetto come rilassato. "Dipende dalla componente temporale. Se questi cambiamenti sono moderati e prevedibili, le aziende possono reagire", conclude Vits, "allora l'effetto complessivo sugli utili aziendali non è negativo.

La conclusione del Lerbach Round: l'attuale debolezza economica è considerata soprattutto come un'ammaccatura della tendenza al rialzo. L'anno prossimo, la crescita reale sarà probabilmente un po' più debole. Poiché i prezzi sono in forte aumento, i tassi nominali dovrebbero quindi rimanere più o meno gli stessi. Gli esperti stimano il pericolo di recessione tra il 10 e il 15%. Helmut Neumaier sottolinea, tuttavia, che ogni crisi inizia con un'ammaccatura.

04. Cosa significa questa visione del mondo economico reale per la strategia di investimento dei privati facoltosi?

"Kai Röhrl riassume così: "Più liquidità, meno obbligazioni, continuando a concentrarsi sulle azioni e costruendo alcune 'alternative'. "Tuttavia, gli investitori dovrebbero sempre tenere presente che ci troviamo in una fase avanzata del ciclo economico e borsistico", aggiunge Helmut Neumaier. "È importante monitorare da vicino gli indicatori precoci, la geopolitica e il protezionismo e tenere il dito sul grilletto. Se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente, cambierei diverse marce relativamente in fretta".

Daniel Oyen indica un altro indicatore che ha servito bene gli investitori in passato: "L'evoluzione della struttura dei tassi di interesse - il rapporto tra i rendimenti delle obbligazioni con una scadenza residua di zwei Jahren im Vergleich e i titoli decennali. Se i beneficiari a breve termine pagano di più, si parla di una struttura inversa dei tassi d'interesse, segue di solito una recessione con un ritardo da sei a dodici mesi. Al momento, la struttura dei tassi di interesse non è ancora invertita, ma stiamo facendo grandi passi avanti in questa direzione". Secondo Oyen, è quindi importante rimanere flessibili per poter agire rapidamente se il peggiore arriva al peggiore. "Quando si tratta di investimenti illiquidi e difficili da vendere, sono sempre più cauto."

"Questo è uno dei motivi per cui ancora oggi vale quanto segue: "Le azioni sono la classe d'investimento più interessante", spiega Carsten Mumm, "questo è particolarmente importante per gli investitori sensibili al rischio. Solo con le azioni gli investitori hanno la possibilità di generare un rendimento reale positivo.Im Intervallo di tasso di interesse il mit-Sicherheit risulta negativo".

"Nella fase avanzata del ciclo economico, tuttavia, è anche importante osservare da vicino", aggiunge Marc Vits: "Il tempo in cui era sufficiente acquistare semplicemente l'indice è definitivamente finito. La sincronizzazione dei singoli titoli europei con l'indice complessivo è già notevolmente diminuita negli ultimi 18 mesi. La performance dell'Azione A non è quindi più così fortemente dipendente dalla performance delle Azioni da B a Z. La performance dell'Azione A non è quindi più dipendente dalla performance delle Azioni da B a Z. I criteri specifici dei titoli avranno in futuro un impatto maggiore sui risultati degli investimenti".

"Consiglio agli investitori di raddoppiare il loro pensiero", schließt Reinhard Pfingsten: "In primo luogo: i tassi di interesse in leggero aumento - che vedremo sicuramente - non sono negativi, ma positivi per le azioni. In secondo luogo, la volatilità non è un rischio, ma un'opportunità. L'anno prossimo, i mercati oscilleranno probabilmente tra gli estremi della paura della recessione e della paura dell'inflazione. "Può essere usato. ®

Lerbach Gipfel 2

Autore: Klaus Meitinger

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media