• Klaus Meitinger

Controllo tecnico.

Lerbach DSF1806Stock di tecnologia. La performance delle azioni nel settore tecnologico è mozzafiato. E ricorda un po' la bolla delle dot-com della fine degli anni Novanta. La paura di un incidente tecnico è infondata? E quanta tecnologia è in portafoglio?

La tecnica non può essere fermata. Negli ultimi dieci anni, l'indice MSCI World Technology ha prodotto un rendimento annualizzato del 18,35%, quasi il doppio rispetto all'indice azionario mondiale MSCI World. "E la pandemia di Corona ha accelerato ulteriormente il boom tecnologico", osserva Fabian Strube, Robeco. "Solo dall'inizio dell'anno, il Nasdaq 100 è aumentato del 28%." I grafici dei prezzi delle azioni mostrano un andamento parabolico. Gli investitori privati seguono gli informatori - oggi si chiamano "influencer". Non vi ricorda 21 anni fa, poco prima che scoppiasse la bolla tecnologica?

"Già allora era diverso", contraddice Bernd Meyer, Berenberg. "Nei dieci anni fino al marzo 2000, l'indice del Nasdaq era salito del 1100 per cento. In confronto, il guadagno decennale del 400 per cento sul Nasdaq è quasi modesto. E il rapporto prezzo/utile oggi è solo la metà di quello della bolla della New Economy". "La cosa più importante è che la situazione degli utili aziendali è completamente diversa. Mentre all'epoca le principali aziende tecnologiche hanno subito perdite, oggi generano profitti elevati. E da molti anni li stanno aumentando molto di più rispetto alle aziende di altri settori. Una bolla ha un aspetto diverso", aggiunge Marc Vits, Metzler.

"Un'altra differenza è che le performance dei singoli titoli sono molto diverse", osserva Thomas Buckard, Pintarelli. "In una bolla, l'intero settore del tè andrebbe in una sola direzione. Oggi non è così", spiega Alexander Ruis, SK Family Office. In effetti, negli ultimi dodici mesi, c'è stato di tutto: dal provider di videoconferenze Zoom con un aumento del 560 percento, Apple e Amazon (79 e 70 percento), Microsoft e Alphabet con circa il 30 percento ciascuno, a Intel e Cisco, che hanno perso più di un quinto del loro valore nel corso dell'anno. "Il mercato si differenzia in modo molto preciso", conclude Vits.

Il gruppo Lerbach vede quindi delle opportunità nel settore del tè in futuro. "Confronto la digitalizzazione con l'invenzione della macchina a vapore o dell'elettricità e presumo quindi che questo sviluppo continuerà per i decenni a venire", sottolinea Ruis. La crisi di Corona ha ora accelerato ancora una volta la rivoluzione digitale. "Molte aziende hanno portato avanti la loro tabella di marcia digitale e utilizzano sempre più spesso soluzioni di videoconferenza o cloud", spiega Jörg Rahn, Wirtgen Invest, "quello che potevamo aspettarci nei prossimi cinque anni è avvenuto in soli cinque mesi. "E il fatto che ora possiamo tranquillamente ipotizzare bassi tassi di interesse a lungo termine ha un impatto particolare sulla valutazione delle aziende in crescita". I profitti futuri molto lontani valgono di più, puramente matematici, rispetto alla situazione attuale. Dovremo quindi probabilmente abituarci a valutazioni insolitamente elevate per le aziende in crescita", chiarisce Arne Sand, Sand & Schott.

Per individuare le opportunità di investimento, i partecipanti al workshop esaminano insieme i singoli segmenti di mercato.

// 01 Le grandi aziende tecnologiche.

I cinque grandi - Amazon, Microsoft, l'alfabeto materno di Google, Facebook e Apple - sono considerati i driver della tecnologia. "I giganti della tecnologia in particolare hanno ottimi bilanci, molta liquidità, realizzano profitti elevati e sono solo leggermente indebitati. Quest'anno (al 9 novembre) le loro azioni hanno ottenuto un aumento medio del prezzo del 47,4%, mentre l'indice S&P 500 è salito solo dell'11,6%. Contrariamente all'indice generale, i cui profitti dovrebbero ridursi del 15% nel 2020, le grandi aziende tecnologiche aumenteranno probabilmente i loro profitti di un enorme 26% in media. A questo proposito, una differenziazione sembra fondamentalmente giustificata", analizza Marc Vits. "Inoltre, le loro eccellenti risorse di capitale danno loro l'opportunità di portare avanti nuovi sviluppi, aree di business o prodotti. Non hanno concorrenza nel loro settore e quindi è probabile che generino rendimenti in eccesso per molto tempo a venire", aggiunge Alexander Ruis.

"L'accelerazione del cambiamento strutturale sta davvero facendo il gioco di queste aziende", dice Thomas Buckard. "A causa dell'aumento dell'utilizzo degli uffici domestici e dei maggiori volumi di dati generati, stiamo assistendo, ad esempio, a una crescente domanda di soluzioni cloud per il settore aziendale", afferma Meyer, e conclude: "Dal momento che la penetrazione del mercato in quest'area è stata finora solo del 20-30 per cento, c'è ancora un grande potenziale di crescita, che dovrebbe andare a beneficio di Microsoft e Amazon". Con il boom del commercio online e il successo di Amazon, la pressione su tutti i fornitori di prodotti per espandere la loro presenza online è ora in aumento. "Hanno quindi bisogno di pubblicità, e piattaforme e reti come Facebook ne traggono vantaggio", spiega Bernd Meyer.

Alexander Ruis è però più critico sulle prospettive di Apple. "Dubito che l'azienda sarà in grado di mantenere il suo 'tocco magico' - la capacità di crescere a un ritmo superiore alla media attraverso l'innovazione - per molto più tempo. Inoltre, il Gruppo si concentra unilateralmente sugli utenti privati se non parliamo dei dispositivi stessi. Questo limita il potenziale di crescita, soprattutto nell'area delle nuvole. "Forse Apple otterrà un'altra spinta dalla tecnologia 5G, ma è più probabile che i tassi di crescita futuri siano del 5-7% nel corso del ciclo"," sospetta anche Meyer, "e questo potrebbe portare a una delusione tra gli investitori.

"Ma almeno per gli altri quattro, sarebbe comunque un grande rischio non investire nei grandi titoli tecnologici", ziehtThomas Buckard einFazit: "Gli investitori dovrebbero solo fare in modo che il loro peso non diventi troppo grande". "Il quattro o cinque per cento per ogni singolo titolo è sufficiente in un portafoglio tecnologico ben diversificato", afferma Jörg Rahn. "Se siete stati investiti per un periodo di tempo più lungo, potete certamente portare con voi alcuni utili per riportare l'allocazione al livello originariamente previsto", consiglia Ruis.

// 02 La seconda serie di stock tecnologici.

"È anche redditizio scommettere su sfidanti che sviluppano modelli di business completamente nuovi o che attaccano i grandi tecnici affermati", riflette Arne Sand. Questi si trovano nella seconda serie di stock tecnologici. "Vediamo ancora più fantasia di crescita lì che con i megacap", conferma Rahn, "ma questo ha un prezzo. Questi titoli hanno spesso un valore molto più alto, i modelli di business sono incomparabilmente più rischiosi".

Un esempio tipico è il provider di videoconferenza Zoom. "Anche se l'azienda prevede un fatturato di circa 2,4 miliardi di dollari e un utile di 730-750 milioni di dollari nell'esercizio in corso, il valore di mercato ha raggiunto un picco di circa 140 miliardi di dollari - è stato elogiato con un enorme anticipo. Se ciò sia giustificato o meno, è lecito dubitarne. La penetrazione del mercato è già molto elevata, e la crescita si stabilizzerà quindi", avverte Meyer.

"Il problema maggiore in questo settore è che tutti i titoli sono già valutati come se fossero il leader di mercato del futuro.Alla fine della giornata può essercene solo uno. E filtrare questo in questa fase è quasi impossibile per gli investitori privati", riflette Sand. "Questo è quindi un caso del tutto evidente per i fondi specializzati e attivi, significa Marc Vits.

// 03. Il mondo fuori dalla vonTech.

"Anche se oggi la tecnologia è un grande argomento, solltenAnleger non mette tutto su questa mappa. È abbastanza sufficiente per riempire il 25-30 per cento del portafoglio azionario.Altrimenti non sarà possibile costruire un portafoglio bilanciato", chiarisce Buckard. Dove mettere il capitale rimanente?

"Soprattutto nel settore industriale, ci sono molte aziende che beneficiano direttamente - robotica, automazione - o indirettamente dei cambiamenti strutturali. Dopo tutto, la digitalizzazione garantirà che molti potranno lavorare in futuro in modo più efficiente e aumentare i loro margini di profitto", analizza Rahn.

I professionisti vedono opportunità anche nei settori classici e ciclicamente sensibili. "Con questo non intendo le aziende del settore dei viaggi o dell'aviazione, che in realtà si trovano ad affrontare un mondo sostanzialmente cambiato, ma piuttosto le aziende che hanno recentemente subito un calo delle vendite e dei profitti a causa della crisi economica", erläutertArne Sand. "Se avremo presto un vaccino e la ripresa economica continuerà l'anno prossimo, settori ciclici come la chimica o l'industria potrebbero presto diventare molto attraenti. In ogni caso, le azioni lì sono valutate positivamente", ergänztMeyer. "Ma a volte la valutazione è anche giustamente bassa. La selezione è anche qui l'asso nella manica. Per me, il criterio più importante è se è molto probabile che l'azienda raggiunga di nuovo il livello di utili del 2019 nel 2022 per poi tornare ad altenWachstumspfad", spiega Jörg Rahn.

"Un'analisi molto approfondita è infatti necessaria anche in questo caso per non cadere nella trappola dei valori", conclude Thomas Buckard. "Ecco perché raccomando anche i fondi attivi i cui gestori hanno dimostrato di essere in grado di raggiungere una sovraperformance a lungo termine nell'area del valore. Gli ETF non ci aiutano in questo caso", conclude Marc Vits.

Autori: KlausMeitinger, Gerd Hübner

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media