• Klaus Meitinger

Affascinanti PerSPACtives.

Spacs 277407420 editInvestimenti alternativi. Rendimenti annui tra il due e il cinque per cento con un basso rischio sembrano impossibili nell'era dei tassi d'interesse zero. Le SPAC - Special Purpose Acquisition Companies - possono, se utilizzate correttamente, essere uno dei rari investimenti che possono ancora raggiungere questo obiettivo.

"Era da molto tempo che cercavamo un modulo di ritorno assoluto che funzionasse davvero e abbiamo sperimentato molte idee nel processo", afferma Oliver Leipholz, membro del Consiglio di Amministrazione del Family Office di Deutsche Oppenheim. "Ma la performance è stata per lo più insoddisfacente. E in caso di incidente, molti di questi veicoli hanno anche dato una profonda delusione. Nel 2008 mi sono imbattuto negli SPAC".

Nel frattempo, Leipholz ha già sottoscritto più di 100 SPAC e vi ha investito negli ultimi anni un importo di tre milioni di euro. "Dal 2015 abbiamo ottenuto un rendimento medio del 6-10% dei nostri fondi FOS con una strategia speciale e sofisticata, con fluttuazioni molto contenute", spiega Leipholz, "che è piuttosto insolito.

Una SPAC - Special Purpose Acquisition Company - è una società di comodo che inizialmente raccoglie capitali dagli investitori attraverso la propria IPO. Questo denaro deve poi essere investito entro un determinato periodo di tempo - di solito 24 mesi - nell'acquisizione di una società non ancora identificata. Per questa azienda, lo SPAC apre così la strada alla borsa in modo rapido e semplice.

Lo SPAC stesso è rilasciato da un cosiddetto sponsor, che di solito possiede un know-how speciale del settore e quindi può essere considerato affidabile per trovare un'azienda interessante. Lo sponsor svilupperà ulteriormente questa società come investitore di riferimento. Lo sponsor stesso investe in questa società, sostiene i costi dell'IPO e, in ultima analisi, gestisce economicamente lo SPAC.

Dopo l'emissione, il denaro raccolto viene prima trasferito su un conto di deposito a garanzia e investito in titoli di Stato statunitensi a breve scadenza. Una volta trovato un candidato all'acquisizione, lo sponsor propone ai suoi azionisti questa aggregazione aziendale - l'obiettivo dell'acquisizione dovrebbe rilevare il guscio -. La decisione finale sull'esito positivo dell'acquisizione viene presa in occasione di un'assemblea generale degli azionisti. Ogni azionista può quindi concordare o chiedere il rimborso del suo investimento, compresi gli interessi maturati nel frattempo molto bassi. "Così posso sempre tirare la corda di strappo. Nel peggiore dei casi, in qualità di investitore, riavrò i miei soldi più gli interessi. In questo caso, potrei non aver guadagnato quasi nulla, ma non ho nemmeno avuto alcun rischio", spiega Leipholz.

Se lo SPAC non trova una società adatta entro il termine stabilito, anche la società viene sciolta e gli azionisti ricevono indietro il denaro investito nel conto fiduciario, compresi gli interessi.

Ma questa non è la regola. Di solito, lo sponsor dello SPAC ha successo nella ricerca. E poi le cose si fanno eccitanti per Oliver Leipholz. "Una caratteristica speciale dello SPAC è che non viene emessa una sola azione, ma una cosiddetta unità. Contiene l'azione vera e propria e un diritto di opzione per l'acquisto dell'azione ad un prezzo più alto. Questo prezzo viene aggiunto gratuitamente come incentivo all'acquisto per rendere più attraente l'abbonamento allo SPAC", spiega il professionista. Dopo alcuni giorni, l'unità può essere separata in azioni e mandato. Chiunque poi venda il mandato ha spesso già realizzato un piccolo profitto.

Fino all'assemblea generale annuale, l'azione stessa è di solito quotata vicino al suo valore intrinseco. Ciò corrisponde all'importo del capitale versato - di solito dieci dollari per azione. Dopo tutto, l'investitore può chiedere il rimborso a questo prezzo più gli interessi all'assemblea generale. "E poiché il capitale è parcheggiato in titoli di Stato statunitensi con una scadenza breve, il rischio è in realtà basso. Gli investitori europei, tuttavia, devono essere consapevoli del rischio dollaro ed eventualmente coprirlo", spiega Leipholz.

Oggi gli SPAC sono una parte consolidata del business delle nuove emissioni negli Stati Uniti e rappresentano quasi il 40% di tutte le IPO. Recentemente hanno subito uno sviluppo quasi mozzafiato. "Nel 2015, c'erano ancora 20 questioni che sollevavano quattro miliardi di dollari. Alla fine di ottobre 2020, l'importo era già 15 volte superiore - 59 miliardi, distribuiti su 160 emissioni. Altri 75 SPAC sono in fase di preparazione per l'IPO e dovrebbero essere resi pubblici quest'anno", informa Leipholz.

Questo successo è dovuto anche al fatto che negli ultimi mesi sono state realizzate delle IPO davvero spettacolari. Ad esempio, le azioni della società spaziale Virgin Galactic sono passate da dieci a 43 dollari in vetta. E l'IPO della controversa start-up di celle a combustibile Nikola ha catapultato il prezzo dello SPAC associato da dieci a 86 dollari. Il fatto che entrambe le azioni abbiano subito in seguito massicce perdite di prezzo e che Nikola sia finito addirittura sotto il controllo dell'autorità di vigilanza della borsa per il sospetto di false informazioni mostra il lato oscuro di questa strategia d'investimento. Il rischio è elevato, molto capitale speculativo è in movimento, e la scorciatoia porta le aziende sul mercato azionario in un momento in cui dovrebbero piuttosto essere un bersaglio per i finanziatori di venture.

Le statistiche a lungo termine confermano gli scettici nei confronti degli SPAC. Di tutte le IPO via SPAC, oltre il 50% è quotato al di sotto del prezzo di emissione di dieci dollari USA. "Tuttavia, questo non è specifico dello SPAC, ma è in linea di principio tipico del mercato delle nuove emissioni. La maggior parte di queste giovani aziende sono in perdita e hanno un elevato fabbisogno di liquidità. E alcuni vanno in bancarotta", scrolla le spalle Leipholz e continua: "Ma - e questo è il mio punto più importante - questo rischio non ha alcun ruolo nella nostra strategia.

Il banchiere non investe esplicitamente nello SPAC per ottenere azioni di aziende giovani ed entusiasmanti attraverso deviazioni. "Ci iscriviamo allo SPAC fin dall'inizio. Al momento dell'annuncio della Business Combination, stiamo già valutando come rivenderla gradualmente. Per il momento in cui la maggior parte degli investitori si metterà in moto, saremo fuori dal giro d'affari".

Come funziona esattamente? "Tra l'annuncio della Business Combination e l'AGM, possiamo già vedere la reazione del mercato. Dall'andamento dei prezzi si può vedere se si tratta di una buona business combination. Se lo è, il prezzo delle azioni sale di solito di qualche punto percentuale. Se l'affare va a buon fine, a volte manteniamo i diritti di opzione e vendiamo solo l'azione. Se non ne siamo completamente convinti, vendiamo entrambi i titoli. Ma quasi sempre togliamo la nostra quota - i dieci dollari - dal tavolo. E se l'obiettivo non va a buon fine, possiamo andare all'assemblea degli azionisti e chiedere indietro i nostri soldi.

Nessun rischio, solo divertimento - qual è la fregatura? "Prima di tutto, è un sacco di lavoro gestire un account SPAC", spiega Leipholz. Poiché una quota viene emessa, l'investitore deve organizzare la suddivisione in azioni e warrant tramite la sua banca emittente. E deve decidere all'assemblea generale annuale se vuole rimanere nell'azienda o chiedere indietro i suoi soldi.

Ma la difficoltà maggiore è quella di entrare in possesso delle unità quando lo SPAC è in IPOed. "Questo è l'aspetto negativo del boom attuale intorno agli SPAC. In questo mercato caldo, di solito solo gli investitori istituzionali, i fondi o i family office hanno la possibilità di ottenere un'allocazione. Chi cerca di abbonarsi a un classico portafoglio clienti privati non ha buone carte", informa l'esperto.

Un'alternativa realistica per gli investitori privati è quindi quella di acquistare azioni SPAC nel periodo successivo all'emissione. "Tuttavia, è importante guardare con attenzione. Nel caso dei problemi di alcuni sponsor di spicco, dai quali gli investitori nutrono grandi speranze, il prezzo sale in modo altrettanto netto. In questi casi sarei prudente", consiglia Leipholz.

Sarebbe accettabile pagare 10,10 o un massimo di 10,20 dollari in borsa per l'unità, se il team sponsor ha avuto successo in passato. "Allora è molto probabile che abbiano già analizzato il mercato e selezionato alcuni interessanti candidati all'acquisto. Il fascino per gli investitori non è più così grande perché sono uno o due punti percentuali a rischio. ma il profilo di rischio/rendimento è ancora avvincente.

A volte la pazienza aiuta. Se non viene annunciata alcuna aggregazione aziendale per mesi, l'uno o l'altro abbonato si stanca fin dalla prima ora o ha semplicemente bisogno di liquidità. "Poi spesso è possibile riacquistare a dieci dollari". E così l'attuale boom degli SPAC ha alla fine un aspetto positivo per Oliver Leipholz. "Anche se è più difficile per noi ottenere i pezzi, abbiamo più scelta e possiamo diversificare ancora di più", spiega il professionista e conclude: "Costruire un portafoglio che renda in media oltre il cinque per cento a bassissimo rischio e che offra anche la possibilità di catturare una o l'altra futura stella del mercato azionario è già SPACtakular" ®.

_______________________

Interessante SPACtrum.

Il veicolo di uno SPAC apre prospettive interessanti per l'iniziatore, lo sponsor e l'azienda acquisita:

Lo sponsor:

Possibilità: lo sponsor riceve azioni gratuite, le cosiddette azioni sponsor. Di norma, questi vengono emessi con l'approvazione dell'Assemblea generale annuale. A volte questo è anche legato al raggiungimento di determinati obiettivi di prezzo delle azioni o di obiettivi operativi nell'azienda. Poiché le azioni dello sponsor possono rappresentare fino al 20% della quota di capitale proprio dell'emissione, si tratta di un'attività redditizia per lo sponsor. "Gli investitori dovrebbero sempre fare in modo che la loro diluizione da parte delle azioni dello sponsor non diventi troppo grande", consiglia Oliver Leipholz.

Rischio: lo sponsor sostiene i costi della propria IPO e della ricerca di un'azienda. Se l'assemblea generale non voterà a favore della sua aggregazione aziendale, gli rimarranno queste spese.

La compagnia:

Opportunità: le IPO sono lunghe e costose, i documenti devono essere preparati, le autorità di vigilanza danno il loro ok. Ci vuole tempo. L'abbreviazione tramite uno SPAC fa risparmiare all'azienda tempo e di solito anche denaro, poiché lo SPAC è già quotato in borsa. Inoltre, in questo contesto di mercato volatile, molte aziende temono che l'IPO possa non avvenire affatto o solo a prezzi più bassi. Lavorare con uno SPAC dà all'azienda maggiore sicurezza nella pianificazione. Ed è spesso più attraente per i fondatori che non la vendita a una società di private equity. Dopo tutto, l'azienda vuole incassare dopo cinque anni - lo sponsor SPAC, invece, ha spesso un interesse a lungo termine.

Rischio: con un'IPO tradizionale, l'azienda può essere in grado di ottenere un prezzo più alto in un contesto di mercato azionario favorevole perché non deve negoziare con una sola controparte ben informata - lo sponsor SPAC.

_______________________

Autore:Klaus Meitinger

c) Adobe Stock/peshkov // istockphoto/ RichVintage

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media