• Sonderveröffentlichung: Eyb & Wallwitz; www.eybwallwitz.de

Top dog e sfidanti.

Eyb Wallwitz 163085095

Strategia azionaria. Una volta che la polvere si sarà posata, sarà chiaro che l'economia globale crescerà probabilmente più lentamente nel periodo post-Corona di quanto si pensasse in precedenza, afferma Georg Graf von Wallwitz, fondatore della società di gestione patrimoniale Eyb & Wallwitz. Allora solo poche aziende prospereranno. "Queste devono essere trovate. Perché diventeranno sempre più preziosi per gli investitori.

"Abbiamo a lungo ipotizzato che il contesto economico generale sia caratterizzato da una crescita debole, da una bassa inflazione e da bassi rendimenti. Quando facciamo un bilancio dopo la crisi di Corona, questo quadro si accentua ancora di più", ne è convinto Georg von Wallwitz, co-fondatore della società di gestione patrimoniale Eyb & Wallwitz di Monaco di Baviera.

Il mondo dopo Corona sarà più indebitato, più protezionista, meno globale, ma più digitale. "Poi due gruppi di aziende sono particolarmente interessanti. Da un lato, i quasi-monopolisti che possono far fronte a prezzi elevati e quindi generare profitti in costante aumento. E d'altra parte, i cosiddetti disruptori - aziende che capovolgono i modelli di business esistenti e spremono i concorrenti di lunga data o creano per se stessi mercati completamente nuovi".

Questa convinzione di base non è così nuova alla Eyb & Wallwitz. "Abbiamo sempre gestito la parte azionaria dei fondi Phaidros Balanced lanciati nel 2007. Molti dei nostri investitori lo hanno trovato così entusiasmante che ci hanno esortato a offrire questa strategia azionaria in un fondo separato", afferma von Wallwitz. Lui e i suoi colleghi lo hanno fatto nel 2018. "All'inizio non sapevamo che nome dare al bambino. Ma quando abbiamo guardato il portafoglio ci siamo resi conto che queste erano tutte aziende che avrebbero soddisfatto il grande economista austriaco Joseph Alois Schumpeter - così lo abbiamo chiamato Phaidros Funds Schumpeter Aktien". In effetti, Joseph Schumpeter è molto popolare in questi giorni. Dopo tutto, la sua idea di distruzione creativa descrive giustamente ciò che sta accadendo attualmente in molti settori che vengono completamente stravolti da sfidanti innovativi. "Tuttavia, molte persone non sanno che questa è solo una parte delle scoperte dell'economista", dice Wallwitz.

Schumpeter, vissuto dal 1883 al 1950, è stato influenzato dalle vicende della guerra in Europa e nelle sue ultime opere ha affrontato la forma tarda del capitalismo. Tra l'altro, era caratterizzato da una stagnazione e da un alto livello di regolamentazione. "In questo ambiente, le aziende hanno la tendenza a fondersi e a frenare la nuova concorrenza. E lo Stato ha interesse all'esistenza di questi campioni nazionali. Quindi li lascia esistere".

I Parallels fino ad oggi sono inconfondibili. Wallwitz cita come esempio i gruppi tecnologici dominanti sul mercato o il settore farmaceutico. "Lì lo Stato protegge i produttori di farmaci con brevetti. Possono applicare prezzi molto elevati per un certo periodo di tempo". Solo a volte i singoli sfidanti riescono a mettere in pericolo gli oligopoli esistenti o a creare nuovi mercati e quindi a diventare essi stessi monopolisti.

"Amazon, Microsoft e Alphabet erano un tempo degli sfidanti. La combinazione di entrambe le parti del fondo - i monopoli di oggi con la loro posizione dominante sul mercato, le elevate barriere all'ingresso e i margini di profitto, e i monopolisti di domani con la loro forza innovativa e le dinamiche di crescita - è ciò che rende il fondo Schumpeter così speciale. La strategia d'investimento è integrata da criteri di sostenibilità. "Il punteggio ESG dell'intero portafoglio deve essere nel terzo superiore del gruppo dei pari".

L'arte della gestione patrimoniale è quindi quella di selezionare le società giuste. All'inizio c'è quella che von Wallwitz chiama la strategia della serendipidia. "Questo termine può essere tradotto approssimativamente come "apertura al caso". Attraversiamo la vita con occhi e cuore aperti e poi a volte vediamo cose che diciamo: "Cavolo, ecco, questo potrebbe essere qualcosa di rivoluzionario."

Un esempio è la società Teladoc, un fornitore di servizi di telemedicina e di servizi sanitari virtuali. "L'obiettivo è quello di risparmiare costi e tempo in medicina. Per questo motivo anche gli assicuratori sanitari lavorano con Teladoc. Il fatto che attualmente i pazienti si risparmiano la fatica di andare dal medico per ridurre il rischio di infezione è solo un ulteriore vantaggio". Un altro punto di partenza è seguire ciò che fanno le giovani generazioni. "È così che ci siamo imbattuti in Shopify - la piattaforma per chi non vuole vendere i propri prodotti su Amazon". Le idee di serendipidia sono poi supportate da fatti concreti. "Il modello di business deve essere redditizio, le vendite devono crescere in modo dinamico - se i tassi di crescita negli ultimi due anni sono stati superiori al 50% in ogni caso, gli investitori possono presumere che la rispettiva offerta sia stata ben accolta sul mercato".

La selezione dei monopolisti non riguarda tanto la crescita quanto il dominio del mercato, le barriere all'ingresso, i rendimenti monopolistici e i margini di profitto. Aziende come Microsoft, Nestlé o Mastercard, ad esempio, sono particolarmente riuscite a convertire la loro posizione dominante in euro duri. "Mastercard ha creato barriere all'ingresso molto elevate per i nuovi concorrenti attraverso la sua rete globale di transazioni. Inoltre, l'azienda sta ottenendo l'accesso al megatrend dell'elaborazione elettronica dei pagamenti attraverso la sua collaborazione con PayPal", spiega il professionista.

Un'altra particolarità è la concentrazione su 30-35 azioni singole. "Gli studi hanno dimostrato che questo è sufficiente per ottenere un ragionevole effetto di diversificazione", informa von Wallwitz. "E non bisogna dimenticare che dobbiamo costantemente monitorare molto attentamente se la storia di base è vera o se un nuovo sfidante minaccia un'azienda affermata. Questo funziona molto meglio se hai 30 azioni in portafoglio e non 60".

Utilizzando modelli di rischio, il gestore controlla anche il rapporto di cassa. Durante la crisi, questa percentuale è passata dal 12 al 24 per cento circa. Tuttavia, il gestore patrimoniale non ha modificato l'orientamento di base dei fondi. "Un nuovo valore dovrebbe essere sempre migliore di uno dei titoli del portafoglio precedente. Ma questo accade raramente".

Attualmente il fondo contiene ancora circa l'80% delle azioni che Wallwitz e i suoi colleghi avevano già selezionato per il lancio nel 2018. "Dopo tutto, non c'è motivo di cambiare le cose", conclude Georg Graf von Wallwitz: "A nostro avviso, queste aziende sono le migliori al mondo. Le loro azioni non solo hanno superato la crisi di Corona in modo relativamente buono finora. Continueranno a superare le prestazioni anche in futuro".

_____________________________________________________

// Come investire - in azioni Schumpeter.

In linea di principio, circa due terzi del capitale di Phaidros Funds Schumpeter Equities devono essere investiti in società con struttura monopolistica. Un terzo è riservato ai cosiddetti disgregatori.

Questa combinazione - insieme alla gestione di successo della liquidità - si è dimostrata valida anche nella recente crisi. A metà maggio il fondo è aumentato dell'11,5% su un orizzonte temporale di un anno e dell'1,4% dall'inizio dell'anno. Il benchmark del fondo è l'indice azionario globale MSCI World. Questo ha perso l'1,5% su un orizzonte di un anno, dall'inizio dell'anno 10,7Prozent.

_____________________________________________________

®

Rilascio speciale:

Eyb & Wallwitz; www.eybwallwitz.de

Dr. Georg Conte von Wallwitz

49 (0) 170/323 27 65

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media