• Columbia Threadneedle

Piccole perle, grandi.

Print Friendly, PDF & Email

66 Threadneedle iStock 184437744

Tappi piccoli. Le azioni di società più piccole ricevono spesso poca attenzione da parte degli analisti dei grandi istituti finanziari. Di conseguenza, ci sono sempre opportunità particolarmente interessanti da scoprire in questo segmento. "Ma una strategia di vero successo, a lungo termine e di piccola capitalizzazione richiede un approccio globale e attivo e un sacco di know-how", Scott Woods e Neil Robson della Columbia Threadneedle sono convinti.

I numeri non mentono. Mentre l'indice a bassa capitalizzazione del fornitore di dati MSCI è aumentato di circa il 600% dal 1998, il corrispondente benchmark a grande capitalizzazione mostra un aumento di poco più del 200%. "E' impressionante", dice Neil Robson, responsabile delle azioni globali alla Columbia Threadneedle, "troppi pessimi investitori non ne hanno ricavato nulla".

Infatti, il pubblico, gli investitori e gli analisti prestano molta più attenzione alle aziende più grandi. "E' un bene per noi. Perché gli ultimi 20 anni non fanno eccezione. Le piccole imprese generano sistematicamente rendimenti più elevati. E perché questo avviene sotto dem Radar di molti partecipanti al mercato, esiste per noi la possibilità di acquisire questi in borsa con uno sconto al suo valore interno, rende chiaro Neil Robson. In questa analisi, l'esperto di mercato fa riferimento al cosiddetto effetto di piccola capitalizzazione. Numerosi studi hanno dimostrato che le azioni di piccole imprese generano un rendimento a lungo termine più elevato rispetto alle loro controparti di grandi dimensioni.

Le argomentazioni a sostegno di questa situazione sono molteplici. "In base alla nostra esperienza, le aziende più piccole tendono ad essere più intraprendenti dei grandi gruppi, sono più flessibili e possono quindi rispondere più rapidamente alle mutevoli condizioni di mercato o a un ambiente in evoluzione", spiega Scott Woods, gestore del fondo Threadneedle Global Smaller Companies Fund.

Altri sottolineano che, in linea di principio, queste imprese entrano nei grandi e ampi indici solo quando il loro valore di mercato ha raggiunto un certo livello. "Ma durante il tragitto, gran parte della performance è già stata fatta", concorda Woods. Una terza spiegazione inizia con il rischio. Le azioni delle piccole imprese sono più sensibili alle fluttuazioni economiche, i loro prezzi fluttuano più fortemente e sono meno liquide nel trading quotidiano. Per compensare ciò, essi dovrebbero offrire un rendimento corrispondentemente più elevato. "Anche questo non può essere respinto", ritiene Woods, "ma se l'orizzonte di investimento è a lungo termine, una maggiore volatilità è irrilevante. E per quanto riguarda la ciclicità e la liquidità, ciò è chiaramente corretto. Ma è per questo che questo approccio d'investimento dipende così tanto dalla selezione dei titoli".

Columbia Threadneedle ha più di 5000 aziende nel suo universo di investimento. "E credetemi, non ci sono molti gestori di fondi o analisti che si fermano da me. Questo mi dà la possibilità di scoprire vere perle e poi comprare le loro azioni a prezzi relativamente bassi", sorride Woods.

Solo per Woods, che include 70-90 azioni nel portafoglio del suo fondo, sarebbe ovviamente impossibile gestire così tante visite aziendali e colloqui con i boss. "Alla Columbia Threadneedle, però, ho il vantaggio di avere un team globale di esperti in Asia, negli Stati Uniti e in Europa".

Soprattutto, il gestore del fondo può fare affidamento sui suoi colleghi per seguire una filosofia analitica simile. "In questo modo, siamo in grado di cercare costantemente le migliori aziende in tutto il mondo."

Woods si concentra su fornitori leader in mercati di nicchia che sono stati in grado di creare una sorta di fossato economico attorno al loro modello di business. "In questo modo tengono sotto controllo la concorrenza e possono influenzare i prezzi nel loro campo. Questo assicura margini costantemente elevati", aggiunge Robson.

Una profonda conoscenza della struttura del settore e del modello di business di un'azienda è quindi fondamentale. Woods e i suoi colleghi utilizzano come aiuto il modello delle forze competitive secondo Michael E. Porter. In particolare, Woods e il suo team pongono cinque domande: Ci sono barriere all'ingresso per i nuovi concorrenti? Quanto sono alte?Welche Un'azienda ha un punto di forza negoziale con i suoi fornitori? E i clienti?E fino a che punto esiste una minaccia da parte dei sostituti?

Da questo, a sua volta, si può ricavare la situazione concorrenziale in un mercato. "Prendete Pool Corporation, un distributore statunitense di piscine e accessori per piscine", spiega Woods. "La loro quota di mercato è oggi di circa il 40%, che è pari alla quota di mercato combinata dei seguenti due o tre concorrenti. Poiché l'azienda è anche il più grande cliente di accessori e attrezzature per piscine e conta circa 100.000 clienti, ha un potere di determinazione dei prezzi su entrambi i lati. In questa costellazione è difficile che nuovi concorrenti possano penetrare questo mercato in modo rapido e con successo".

Questo dà all'azienda un vantaggio competitivo sostenibile. "E la base per generare rendimenti elevati e sostenibili a lungo termine." Ed è proprio di questo che si tratta: chi aumenta il proprio fatturato al di sopra della media e guadagna margini superiori a quelli dei concorrenti aumenterà gradualmente il valore dell'azienda.

Resta una domanda: Spiegelt non riflette il successo degli ultimi 20 anni di questa strategia? "Non credo proprio. A nostro avviso, le azioni di seconda linea hanno ancora un premio di rischio molto interessante. Tuttavia, è importante condurre una gestione coerente dei rischi. Se la qualità dell'azienda si deteriora, l'idea di investimento inizialmente ipotizzata si rivela sbagliata o se il nostro obiettivo di prezzo calcolato viene raggiunto, vendiamo immediatamente. Coloro che procedono in modo così disciplinato hanno una buona probabilità a lungo termine di ottenere un ritorno superiore al mercato con i tappi piccoli", afferma chiaramente Scott Woods.

Dopo tutto, tutte le grandi aziende hanno iniziato ad essere piccole sul mercato azionario. Anche Microsoft o Google una volta erano piccole maiuscole/minuscole.

_________________________________

// Come investire - il Fondo globale per le piccole imprese.

Con il fondo globale per le piccole imprese Threadneedle (Lux) Global Smaller Companies Fund (LU0570870870567), Scott Woods e il suo team investono in società con una capitalizzazione di mercato inferiore a dieci miliardi di dollari. In totale, sta costruendo un portafoglio di 70-90 aziende.

"Di norma, la mia attenzione si concentra su settori come l'industria, la tecnologia o la sanità", spiega il gestore del fondo, "perché qui vediamo molta più innovazione che in altri settori.

In termini regionali, le azioni statunitensi rappresentano circa la metà del portafoglio, mentre le small cap europee rappresentano circa il 30%.

Nel complesso, il fondo è cresciuto di circa il 15% annuo negli ultimi cinque anni, superando il benchmark di 3,8 punti percentuali all'anno.

_________________________________

®

Pubblicazione speciale:

Columbia Threadneedle

www.columbiathreadneedle.de

Philipp Kowollik,

069 297 297 299 77; Philipp.Kowollik@ columbiathreadneedle.com

Foto: istock Essentials/tiero

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media