• Klaus Meeting und Moritz Eckes

La situazione sta peggiorando.

il più grande esperimento di politica economica di tutti i tempi sta entrando nel prossimo round. Nella prima fase, più di 700 tagli dei tassi d'interesse e miliardi di acquisti di obbligazioni hanno spinto i rendimenti in tutte le classi d'investimento e i loro prezzi verso l'alto, ma un aspetto è stato trascurato dagli investitori.

Chiunque effettui un investimento compra sempre un determinato flusso di rendimenti attesi. Se gli investitori pagano di più, il rendimento scende - in casi estremi a zero. Il valore assoluto del flusso di cassa non ha subito variazioni. In questo caso, il venditore raccoglie in anticipo, per così dire, gran parte del rendimento possibile. L'acquirente è rimasto con il rendimento più basso - e la speranza di trovare più tardi qualcuno che pagherà ancora di più.

Pertanto, un altro aspetto faceva parte del piano. Gli investitori che si sentono più ricchi e gli imprenditori che ottengono soldi a zero consumerebbero e investirebbero di più. La crescita aumenterebbe, i flussi di cassa aumenterebbero. Ma questo non è successo. Le aspettative di crescita vengono addirittura riviste al ribasso. Di fronte al Brexit, al terrore e alle incertezze politiche, cresce la preoccupazione che in futuro i flussi di reddito potrebbero essere più bassi, il che sarebbe fatale per gli investitori che hanno pagato prezzi elevati.

Gli economisti hanno da tempo individuato nella demografia e, soprattutto, nell'elevato indebitamento, la ragione di una crescita strutturalmente bassa. Ma ora si intravede una via d'uscita: ancora più debito. Questa è la seconda fase dell'esperimento.

La politica fiscale sembra essere sempre più espansiva in tutto il mondo. I programmi di spesa sono previsti in Giappone, Stati Uniti e Italia. Nel caso della Spagna e del Portogallo, l'UE ha rinunciato alle sanzioni per i disavanzi eccessivi. Ancora più nuovo debito a tasso zero, che viene poi acquistato indirettamente dalle banche centrali, sembra un'idea interessante. Ciò che è particolarmente piccante è che ancora oggi la maggior parte dei paesi è talmente indebitata da non essere in grado di far fronte a tassi di interesse più elevati. Se l'onere del debito continua ad aumentare, difficilmente sarebbe possibile un cambiamento della politica monetaria. Le banche centrali sarebbero intrappolate. Interesse zero per sempre? Siamo curiosi di sapere come finirà l'esperimento. Dal boom dei mercati azionari alla perdita di fiducia e alla crisi, tutto è ormai concepibile.

Sinceramente,

unterschrift-kmKlaus Meitinger
caporedattore capo redattore

unterschrift-eckesMoritz Eckes
Editore

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media