• Jennifer Bligh

Lo sviluppatore.

(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

PolaroidSolo raramente gli imprenditori riescono a creare un prodotto il cui nome diventa poi sinonimo di tutte le varianti a causa della sua fama. Edwin Herbert Land è un caso del genere - ancora oggi, una foto scattata con una macchina fotografica istantanea è considerata: sto prendendo una Polaroid.

È il ritorno dell'anno. Si vendono più fotocamere istantanee oggi che ai tempi della fotografia analogica. Foto uniche che non possono essere replicate e che possono essere tenute in mano immediatamente fanno da contrappunto all'era digitale. Gli utenti devono pensare prima di premere il grilletto. E pagare il film.

La rinascita di questo slow food della fotografia mette a fuoco un uomo molto speciale: Edwin Herbert Land, nato il 7 maggio 1909 nel Connecticut.

Land è un ricercatore fanatico, uno sviluppatore energico e una mente creativa. Negli 81 anni della sua vita, registrerà 535 brevetti - per occhiali da sole non riflettenti, occhiali 3-D, dispositivi di visione notturna, la macchina fotografica istantanea e molte altre invenzioni rivoluzionarie. Il suo principio guida è sempre: "Non iniziare mai un progetto se non è incredibilmente importante e quasi impossibile".

Quando Edwin Land studiò fisica ad Harvard nel 1926, era quindi molto meno interessato al contenuto generale del corso che alla propria ricerca. Passa la maggior parte del suo tempo a cercare di capire il segreto di come le onde luminose possono essere filtrate. Nel 1929, il ventenne depositò il suo primo brevetto: fogli fotografici polarizzanti con i quali si potevano sviluppare immagini senza disturbare i riflessi della luce.

Tre anni dopo, fondò i Land-Wheelwright Laboratories a Cambridge, Massachusetts, con il docente di fisica George Wheelwright III per commercializzare questi fogli fotografici. Ma era il periodo della Grande Depressione e il denaro era scarso. Solo due anni dopo i due hanno ottenuto il loro primo cliente importante: Kodak. Poi, nel 1937, otto finanziatori con 375.000 dollari di capitale finanziarono il cambio di nome in una società che derivava il suo nome dal prodotto: Polaroid. Land è diventato presidente, presidente e capo sviluppatore.

Ora Land poteva vivere la sua voglia di esplorare. Quando impressionò cinque milioni di spettatori con i suoi occhiali 3-D nel padiglione Chrysler alla Fiera Mondiale di New York del 1939, gli valse il titolo di uno dei "più importanti inventori degli ultimi 25 anni". Ha anche un successo economico. Il cliente più importante, l'esercito americano, compra occhiali da sole, dispositivi di visione notturna e telescopi blindati. Nel 1941, il numero di dipendenti era salito a 240 e il fatturato a un milione di dollari. Alla fine della seconda guerra mondiale era di 16 milioni di dollari, ma poi scese a due milioni.

Land deve inventare qualcosa di nuovo. Sua figlia Jennifer di tre anni gli dà un'idea quando gli chiede perché non può vedere la foto che le ha appena scattato. Land dice in seguito che "aveva la telecamera, il film e la composizione fisica nella sua testa entro un'ora". Tutti i processi nella camera oscura dovevano avvenire direttamente sulla pellicola inserita. La foto verrebbe sviluppata in pochi secondi.

Il 21 febbraio 1947, Land presentò la "Land Camera" ad una riunione della Optical Society of America. Il modello 95 fu messo in vendita nel 1948. Costa la bellezza di 90 dollari americani - al potere d'acquisto di oggi, sono circa 900 dollari. Polaroid cresce rapidamente fino a 20000 dipendenti. L'azienda è stata quotata in borsa nel 1957. All'inizio degli anni '70, il fatturato raggiungeva il mezzo miliardo di dollari. Land è un uomo ricco. E il modello SX-70 è l'epitome della fotografia degli anni 70. L'innovazione successiva, tuttavia, è un fiasco: "Polavision", il sistema di pellicola 8 mm della Land, è già obsoleto dopo dieci anni di sviluppo da parte delle videocamere della Sony. Land stesso viene promosso alla presidenza dell'azienda, e nel 1982 si ritira dalla vita professionale. Ha preferito fare ricerca al Rowland Institute for Science, che ha fondato nel 1965, fino alla sua morte nel 1991. Polaroid è andata sempre più in basso. Nel 2008, l'azienda ha dichiarato l'insolvenza.

Ma Polaroid stessa non può essere uccisa. Nel 2010, alcuni appassionati iniziano "The Impossible Project". Nell'ex fabbrica Polaroid di Enschede producono materiale in pellicola per fotocamere istantanee. All'epoca, questo era incredibilmente importante solo per pochi appassionati di fotografia e quasi impossibile come idea di business. Tuttavia, ha funzionato. ®

Autore: Jennifer Bligh

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media