• Klaus Meitinger

Boom economico nel 2021?

iStock 1265159212 03022021Cari lettori,

Nell'ultimo mese, abbiamo praticamente visitato una dozzina di outlook annuali di banche e gestori patrimoniali. La quintessenza è chiara: nel prossimo anno, i previsori si aspettano una massiccia ripresa economica.

Ciò che è notevole è l'unanimità degli esperti: raramente abbiamo visto un consenso così chiaro all'inizio dell'anno. Il ragionamento è semplice. O mettiamo il virus sotto controllo - allora il percorso economico è chiaramente programmato. Oppure non riusciamo a tenere sotto controllo il virus - nel qual caso una previsione non sarebbe assolutamente possibile in questo momento. Ecco perché i professionisti mandano sempre un avvertimento in anticipo: il prerequisito è che la strategia di vaccinazione funzioni in qualche misura, che i vaccini funzionino davvero e che questo non sia compromesso da mutazioni.

In questo caso, tre fattori molto positivi si uniscono a partire dal secondo trimestre:

In primo luogo, gli effetti del potere d'acquisto represso. In molti paesi, i governi hanno sostituito molto del reddito perso. Ma a causa dei blocchi, il denaro non poteva essere speso affatto ed è stato salvato. "Questa è una lezione importante", ha chiarito Jim Cielinski, Janus Henderson: "Quando la politica recupera il reddito perso, questa è la chiave della crescita futura". Se la situazione di Corona si allenta, aspettatevi un boom dei consumi. César Perez Ruiz, CIO Pictet, lo ha illustrato citando il capo di Visa Alfred Kelly: "Le persone che pagano con le loro carte oggi non vogliono uno sconto - vogliono punti per viaggi futuri. La gente rivuole la propria vita".

Stefan Riße, Acatis, ha fatto i conti delle somme in gioco. Da marzo a novembre 2020, i salari negli Stati Uniti sono effettivamente diminuiti di 43 miliardi. Ma il reddito disponibile è aumentato di 1,03 trilioni di dollari - principalmente a causa delle misure di sostegno del governo. E con la spesa personale totale diminuita di 535 miliardi di dollari, più di 1,5 trilioni di dollari in più sono andati nei conti di risparmio solo durante quel periodo. Questo equivale a quasi il 10% del consumo familiare del 2019.

Holger Schmieding, capo economista di Berenberg, ha anche calcolato questo effetto per le tre principali economie europee. Secondo questo, c'è un'eccedenza di risparmio di 290 miliardi di euro per i primi tre trimestri del 2020 - o il 6,2% della spesa di consumo del 2019.

Entro la fine di gennaio 2021, queste somme saranno probabilmente aumentate ulteriormente in modo significativo. Se anche solo una parte di questo viene spesa alacremente, il termine "boom dei consumi" potrebbe essere un eufemismo per gli sviluppi a partire dall'estate 2021.

In secondo luogo, ci sarà un ulteriore massiccio sostegno da parte della spesa pubblica, generosamente finanziata dalle banche centrali.

Negli Stati Uniti, Terence Riley di F&V Capital Management sta già parlando di un boom di Biden. E anche se una parte del pacchetto da 1,9 trilioni di dollari del nuovo presidente viene tagliato al Congresso, ci sarà comunque un massiccio stimolo. In Europa, il fondo di ricostruzione da 750 miliardi di euro avrà il suo effetto quest'anno.

Gli esperti sono anche ottimisti sulla Cina. In media, una crescita reale del nove per cento è prevista per il Regno di Mezzo nel 2021.

La domanda importante ora è: può essere davvero che la previsione di consenso si avveri? In passato, quando tutti erano d'accordo, le cose di solito andavano diversamente.

Vediamo due problemi:

In primo luogo, è possibile che le aspettative per l'anno civile 2021 siano troppo ottimistiche. Se, a causa dei ritardi nella vaccinazione, la ripresa non inizierà fino all'estate, l'ipoteca di quattro o cinque mesi deboli sarebbe troppo grande per raggiungere effettivamente gli alti tassi di crescita previsti nel 2021. Ma questo sarebbe probabilmente solo un piccolo ritardo, non un cambiamento nel quadro generale. In questo caso, il boom non inizierà fino alla seconda metà del 2021.

Il secondo aspetto è più importante. La ripresa potrebbe essere complessivamente più forte e durare più a lungo di quanto il consenso si aspetta ancora oggi. Perché, come nota Carsten Klude, capo economista di M.M.Warburg & Co, questa è la prima volta da molto tempo che abbiamo visto una ripresa sincronizzata a livello globale con effetti auto-rinforzanti. È molto probabile che il consenso sia troppo cauto a lungo termine.

In questo contesto, ci piace molto il titolo che Holger Schmieding di Berenberg ha scelto per il suo outlook:

"Forte rimbalzo 2021 - verso i venti anni d'oro".

Perché questo, naturalmente, non deve trascurare l'avvertimento fatto all'inizio, si consiglia di tenere d'occhio gli sviluppi in Israele. Se i vaccini non dovessero mostrare l'efficacia sperata, dovremmo vederlo prima lì.

Domani, leggerete le risposte dei professionisti alla domanda in questo spazio:

L'inflazione sta tornando ora?

E alla fine della settimana pubblicheremo le conclusioni per i mercati azionari.

Cordiali saluti,

Klaus Meitinger

Nota: Nonostante l'accurata selezione delle fonti, non si può accettare alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato sono solo a scopo informativo e non costituiscono un invito a comprare o vendere titoli.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media