Studio Robeco: Perché il fattore investimento e la sostenibilità vanno perfettamente d'accordo

Wertvolles aus dem Netzwerk2Come si possono realizzare al meglio gli investimenti sostenibili? Questa è una delle domande che gli esperti di Robeco hanno esaminato nel loro ultimo studio "Sustainability Inside". Mentre individuano alcuni svantaggi dell'investimento attraverso veicoli passivi, concludono che l'investimento in fattori è il modo migliore per integrare la sostenibilità nel processo di investimento.

Gli investitori sono sempre più convinti che la considerazione degli aspetti sostenibili negli investimenti finanziari presenti più vantaggi che svantaggi in termini di rischio e rendimento. Gli investitori utilizzano sempre più spesso gli investimenti passivi, ovvero i fondi negoziati in borsa (ETF) o gli approcci smart beta, per implementare aspetti sostenibili nei loro investimenti finanziari, soprattutto per motivi di costo. Tuttavia, secondo lo studio Robeco, questi hanno una serie di svantaggi con investimenti sostenibili.

Ad esempio, avvertono che un semplice approccio basato sul punteggio ESG può portare a rischi di cluster indesiderati nei prodotti passivi. Ad esempio, le grandi capsule europee tendevano ad essere più trasparenti rispetto alle loro controparti di altre regioni. Pertanto, spesso hanno un rating ESG più elevato. Inoltre, ci sono le solite insidie dei fondi passivi. Ad esempio, le strategie passive sono completamente trasparenti e ciò offre opportunità di arbitraggio agli investitori opportunisti anticipando alcune operazioni. Inoltre, gli indici di solito includono i titoli che hanno già registrato una forte performance. Con i tracciatori di indici, gli investitori investono in transazioni sovraffollate, che a loro volta fanno lievitare i costi di transazione.

Nel frattempo, però, ci sono anche strategie Smart Beta che tengono conto della sostenibilità e che, come dimostrano i sondaggi, stanno diventando sempre più popolari. Ma anche questi avrebbero qualche svantaggio, come dimostra lo studio Robeco. Per esempio, soffrono anche dello sfruttamento delle opportunità di arbitraggio e del sovraffollamento delle scorte. Inoltre, come per le normali strategie passive, non è possibile quantificare il contributo della sostenibilità alla performance. E le strategie beta intelligenti si occupano degli obiettivi finanziari, ovvero il ritorno e la sostenibilità indipendentemente l'uno dall'altro, piuttosto che integrarli realmente.

Ciò vale, ad esempio, per le strategie che si basano esclusivamente su criteri di esclusione. Questo perché non lasciano spazio a miglioramenti nelle singole aziende che non soddisfano i criteri. E questo a sua volta potrebbe portare a rischi di cluster indesiderati in paesi, settori, una certa capitalizzazione di mercato o anche singoli fattori. Uno dei punti più importanti in questo caso, tuttavia, è che le strategie passive non possono essere utilizzate per realizzare i desideri individuali degli investitori in materia di sostenibilità.

Quest'ultima sembra essere una questione chiave per gli investimenti sostenibili. Dopotutto, non esiste una definizione uniforme di sostenibilità e ognuno ha idee diverse su ciò che è sostenibile. Ad esempio, l'energia nucleare può essere sostenibile per un investitore perché non produce CO2, ma non per un altro a causa dei rischi e del problema dello stoccaggio finale. Inoltre, non tutti gli investitori vogliono pesare allo stesso modo i criteri ambientali, sociali e di governance. Per alcuni, i fattori ambientali giocano un ruolo maggiore, per altri, gli aspetti sociali. È inoltre importante che sempre più investitori tengano conto dei principi di sostenibilità delle Nazioni Unite.

Molti investitori, osservano anche gli analisti Robeco, adotterebbero un approccio multidimensionale alla sostenibilità. Ad esempio, vorrebbero vedere l'applicazione di criteri di esclusione combinati con un approccio best-in-class e una contemporanea riduzione dell'impronta di carbonio. Secondo gli esperti, gli approcci quantitativi offrono proprio questa flessibilità nell'attuazione della sostenibilità. Per la loro natura basata su regole, rendono facile l'integrazione di criteri sostenibili nel processo d'investimento. Così, oltre a un fattore come il valore o lo slancio, il punteggio ESG può essere integrato senza problemi. Il punteggio ESG è quindi solo un altro fattore.

A tal fine, gli analisti di Robeco hanno condotto un'analisi empirica. Negli approcci passivi sopra descritti, esiste un conflitto di interessi tra i criteri di sostenibilità e fattori quali il valore, la qualità o lo slancio. Ciò significa che una maggiore sostenibilità del portafoglio va a scapito dell'allocazione ai fattori desiderati. L'analisi di Robeco mostra che questo è diverso con un approccio quantitativo, dove la sostenibilità è direttamente integrata nel processo di investimento. Il risultato è che vengono filtrate solo le aziende sostenibili che hanno anche una valutazione attraente, un'alta qualità e un forte slancio. Questo non è necessariamente il caso di un approccio che non integra realmente la sostenibilità.

Cioè, nel caso di integrazione incompleta, dove i portafogli sono orientati in modo unidimensionale, ignorano i fattori di sostenibilità o l'allocazione dei fattori. Questo a sua volta porta a portafogli non ottimali. A seconda delle preferenze, gli aspetti della sostenibilità o i fattori avrebbero un ruolo maggiore. Se integrati in approcci di quant, invece, i risultati dello studio dimostrano che in questo modo è possibile migliorare il profilo di sostenibilità di un portafoglio e allo stesso tempo ottenere caratteristiche di rischio-rendimento attraenti.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media