• Sabine Holzknecht

Chi pensa ai più poveri?

Una lettera di... Sabine Holzknecht. L'autore del patrimonio privato è da quattro anni presidente onorario dell'organizzazione "Aiuto senza frontiere". Fa appello alla nostra solidarietà.

Quasi 20 anni fa Help Without Frontiers ha iniziato la sua attività nella zona di confine tra Thailandia e Birmania. Da allora sosteniamo persone traumatizzate da decenni di dittatura militare, che hanno perso tutto, la cui terra è stata ridotta in macerie e che sono fuggite nella vicina Thailandia.

Siamo impegnati da tempo nella protezione della vita - un obiettivo che nelle ultime settimane ha giustificato un blocco quasi mondiale. Sapevate che ogni giorno muoiono 15.000 bambini sotto i cinque anni per motivi che si possono evitare? Si tratta di quasi 5,5 milioni e mezzo di bambini all'anno, ovvero dieci bambini al minuto. Questa morte non è contata, è semplicemente accettata.

Negli ultimi anni abbiamo cercato di dare alla gente una certa fiducia. Abbiamo costruito scuole affinché i bambini possano sfuggire alla spirale della povertà. E abbiamo formato i giovani.

Ma il nostro lavoro negli ultimi quasi 20 anni è stato quasi rovinato nel giro di poche settimane. In Tailandia e nei paesi limitrofi non sono in vigore misure di aiuto da parte del governo - soprattutto non per i migranti birmani, che sono tollerati solo nel paese e sfruttati come manodopera a basso costo. Vivono la loro vita come clandestini, come apolidi, come persone senza diritti.

Il loro problema più grande non è il virus.Sono semplicemente minacciati dalla fame. Il prossimo disastro umanitario - la prossima carestia - è ormai imminente. Quello che stiamo vivendo attualmente nella regione di confine tra la Birmania e la Thailandia si sta ripetendo in tutto il mondo. Ancora una volta, le persone più povere e indifese del mondo sono quelle che soffrono di più. E ancora una volta flussi di rifugiati si metteranno in cammino. Il direttore della Sanità della Banca Mondiale, Muhammad Ali Pate, teme che la crisi attuale annulli decenni di progressi nei Paesi più poveri.

È incredibilmente difficile per tutti i progetti di aiuto che sono coinvolti in questi Paesi rispondere alla crisi attuale. Chi - come "Aiuto senza frontiere" - riceve anche il sostegno pubblico deve pianificare con un orizzonte temporale molto lungo. Di norma, siamo obbligati a presentare i progetti con sei o nove mesi di anticipo. Se il denaro viene poi approvato, deve essere attuato esattamente come previsto.

La mancanza di flessibilità è una delle principali preoccupazioni. Significa zumBeispiel per noi che riceveremmo fondi per progetti che non potremmo più realizzare. I nostri corsi di formazione per i giovani, le nostre campagne di informazione sul traffico di bambini, la prostituzione e il consumo di droga nei villaggi del Myanmar, o il nostro progetto musicale, in cui giovani di diverse origini etniche e religioni fanno musica insieme e quindi sviluppano un senso di comunità, non possono essere realizzati in tempi di coprifuoco e Covid-19. Tuttavia, non ci è permesso di utilizzare questi soldi per ciò che è necessario ora - aiuti d'emergenza rapidi e semplici - e non riceviamo alcun sostegno aggiuntivo.

Il Fondo Monetario Internazionale ha analizzato che il nuovo debito netto mondiale dovrebbe aumentare di circa 14 trilioni di dollari quest'anno. Con questo denaro, i governi dei paesi industrializzati in particolare, stanno cercando di mitigare le conseguenze economiche della pandemia per i loro cittadini. Nessuno pensa alle persone più povere del mondo.

"Aiuto senza frontiere" vuole salvare queste persone dalla fame. Pertanto, con il sostegno di donatori privati, abbiamo messo insieme piccoli pacchetti di aiuti costituiti da 15 chili di riso, un litro di olio, un chilo di fagioli, 500 grammi di pesce essiccato, 500 grammi di peperoncino, acqua potabile, dieci maschere per la protezione della bocca e del naso e due saponi. Ognuno di essi costa 18,40 euro e, settimana dopo settimana, allevia le peggiori sofferenze di chi ne ha più bisogno. Vi preghiamo di aiutarci a farlo. La tua donazione andrà a buon fine. ®

Help without Frontiers" funziona in modo assolutamente trasparente, offre a tutti i donatori una garanzia di donazione al 100% e ha il sigillo di donazione "Donazioni sicure". I donatori tedeschi possono contribuire all'esenzione fiscale attraverso la "Fondazione Maecenata". Ulteriori informazioni su: www.helfenohnegrenzen.org

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media