• Carsten Mumm

LaGarde, custode del denaro?

Una lettera da ..... Carsten Mumm. Il capo economista della banca Donner & Reuschel pensa alla politica monetaria del prossimo decennio.

Il 1° novembre Christine Madeleine Odette Lagarde ha assunto la presidenza della Banca centrale europea. Sarà probabilmente responsabile della stabilità della nostra moneta per otto anni ormai. Sono abbastanza sicuro che saranno otto anni molto eccitanti.

Prima di tutto, Lagarde si impossesserà di uno zaino pesante. Il suo predecessore, Mario Draghi, ha senza dubbio acquisito Meriten come "salvatore dell'euro". Ma anche l'abbassamento del tasso di interesse di riferimento a zero per cento, l'introduzione di un tasso negativo sui depositi e la decisione di avviare un ampio programma di acquisto di obbligazioni governative e societarie hanno avuto enormi effetti negativi. Con gli acquisti di obbligazioni, la BCE ha perlomeno esteso il proprio mandato in senso lato. Il finanziamento pubblico indiretto attraverso questo programma lascia un retrogusto blando. Dopo tutto, un'unione monetaria può avere successo solo se gode della fiducia dei cittadini. Ciò è danneggiato anche dalla persistente politica dei tassi d'interesse bassi e negativi. Questo perché i nostri sistemi pensionistici a capitalizzazione non funzionano più. Il danno diventerà evidente quando la generazione del baby boomer si ritirerà.

Penso solo che la BCE non possa continuare così per altri otto anni. Le distorsioni dei prezzi sarebbero troppo grandi. Troppo alto il numero di aziende zombie che sono mantenute in vita solo dal basso tasso di interesse e rendono le economie più fragili. Gli attriti sociali e politici sarebbero troppo massicci.

E' per questo che la signora Lagarde cerchera' di tirarla fuori di li'. Non per niente la BCE ha come un ostensorio l'obiettivo di inflazione del due per cento di fronte a sé. Vuole raggiungere questo obiettivo a tutti i costi.

La questione del milione di euro ora è come si deve fare. Nell'aprile 2019 il Fondo Monetario Internazionale ha pubblicato un interessante documento di lavoro - tassi fortemente negativi. In linea di principio, il FMI sta esaminando la questione se tassi di interesse di riferimento significativamente negativi - diciamo meno due per cento e inferiori - possano avere un impatto sull'economia e aumentare l'inflazione. Il risultato degli autori è chiaro: Sì, può funzionare.

È particolarmente piccante che Christine Lagarde si sia trasferita direttamente dai vertici del FMI alla BCE. Di sicuro ha questa carta nella sua valigia.

La speranza di questo approccio è che la BCE dovrebbe fissare solo brevemente il meno due per cento, avviare rapidamente una significativa ripresa economica e poi tornare alla normalità.

Questa serie di congiuntivi si ritrova oggi anche in altre idee di politica monetaria che non avremmo nemmeno osato pensare anni fa. Nella moderna teoria monetaria degli Stati Uniti, la banca centrale è posta sotto l'ala del governo. Questa qui avrebbe preso tutti i soldi di cui aveva bisogno. E se l'inflazione dovesse verificarsi, aumenterebbe semplicemente le tasse.

Con i soldi dell'elicottero, la banca centrale avrebbe istituito un conto per tutti i residenti della zona euro e vi avrebbe contabilizzato 1000 euro. Oppure fornirebbe pentole di denaro di cui lo Stato, le aziende e i privati potrebbero fare uso. Finché non arrivò l'inflazione.

Ho un forte mal di stomaco. È probabile che anche la BCE ne sia in possesso. Ma ha appena raggiunto un vicolo cieco a tutto gas perché ha dovuto salvare il mondo dieci anni fa. E non puoi uscirne ora. Il timore è troppo grande che l'intera bolla dei prezzi delle attività scoppierà se segnala che non lo sta più facendo. Ciò avrebbe ripercussioni sulle banche, sul mercato del lavoro, sui consumi - l'economia verrebbe colpita ancora più duramente.

Ma la BCE sa anche che più a lungo continuerà con la stessa politica, più problematica sarà la fine effettiva. La strategia è probabilmente quella di spingere il più indietro possibile, nella speranza che un miracolo economico o di produttività possa risolvere il problema.

In questo modo, le banche centrali faranno avanzare i mercati dei capitali per un bel po' di tempo a venire. Christine Lagarde non sarà forse la custode del valore del denaro, ma sarà la custode di tutti i nostri investimenti.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media