• Hans-Werner Sinn

Ben inteso non è ben fatto.

Una lettera di Hans-Werner Sinn. Il presidente emerito dell'ifo Institute di Monaco di Baviera si interroga sulla politica climatica e sul ruolo sopravvalutato delle auto elettriche nel raggiungimento degli obiettivi climatici.

Da un punto di vista ingegneristico, la svolta verso l'auto elettrica può essere accolta con favore - è elegante, robusta, ha un forte sprint, guida silenziosamente e non richiede un cambio complicato. Ma: le E non possono essere spostate senza le emissioni di CO2, come sostiene il legislatore europeo, se include nei suoi calcoli le emissioni di CO2 di queste auto con un valore zero.

Tale valore non è nemmeno vero per la Norvegia, dove l'elettricità viene prodotta quasi senza emissioni idroelettriche.

Se si considera l'attuale mix energetico della Germania e la quantità di energia utilizzata nella produzione di batterie, le emissioni di CO2 delle auto elettriche a batteria sono solo leggermente superiori a quelle di un motore diesel nel migliore dei casi, ma per il resto molto più elevate. Insieme ai miei colleghi Christoph Buchal e Hans-Dieter Karl, ho preparato uno studio sull'argomento. Potete trovarli all'indirizzo: www.cesifo-group.de/DocDL/sd-2019-08-sinn-karl-buchal-motoren-2019-04-25.pdf.

Se gli sforzi dell'Europa ripagheranno del tutto il clima è, come spieghiamo nel Post Scriptum del nostro testo, anche per un altro motivo nelle stelle. Non si può escludere che il petrolio non più bruciato in Europa venga utilizzato in altri paesi. L'accordo di Parigi sul clima prevede solo un sistema di impegni volontari senza sanzioni per la riduzione di CO2 e gli Stati Uniti hanno già annunciato che si ritireranno dall'accordo. Questo crea il pericolo che anche altri paesi seguano l'esempio degli Stati Uniti. L'Europa non rimarrebbe sola con i suoi sforzi.Diese sarebbe anche completamente contrastata per quanto riguarda l'obiettivo climatico. Se non è possibile persuadere i proprietari del petrolio che gli europei non usano più nel terreno, le petroliere atterreranno semplicemente altrove e venderanno il loro petrolio.

Ci sarà poi una riduzione dei prezzi del mercato mondiale, che sovvenzionerà e stimolerà il consumo nei paesi che non partecipano allo sforzo di austerità. Da questo punto di vista, potrebbe esserci non solo una piccola riduzione delle emissioni di CO2 , ma nessuna riduzione, perché altri paesi emettono la stessa quantità di CO2 che l'Europa risparmia. Forse gli sceicchi petroliferi produrranno di più per qualche tempo perché vogliono compensare i prezzi più bassi con quantità maggiori o vendere prematuramente le loro risorse prima che la politica rovini le loro opportunità di vendita. In questo modo i prezzi del petrolio scenderebbero ancora di più e i paesi che non partecipano al risparmio energetico avrebbero un vantaggio ancora maggiore.

Sono consapevole che, nonostante questi collegamenti, la Germania si è impegnata a livello internazionale a ridurre le proprie emissioni di CO2 perché vuole fare qualcosa di buono per il mondo. Sarebbe meglio per me, tuttavia, se fosse chiaro all'opinione pubblica che questi benefici non possono assumere la forma di un rallentamento del cambiamento climatico, ma di una riduzione del costo dell'energia fossile per i maggiori consumatori mondiali.Le vittime sul posto di lavoro possono aiutare strati sociali molto diversi da quelli che soffrono di cambiamenti climatici. Dal momento che l'Europa sta passando alla produzione di piccole auto, negli Stati Uniti si può guidare un numero ancora maggiore di SUV giganti che mai.

Se si vuole fare del bene, ci si deve chiedere se le misure attuate hanno alcun effetto. Questa discussione non ha ancora avuto luogo in Germania perché si sta discutendo l'intero problema climatico per quanto riguarda le possibilità di limitare i consumi con mezzi tecnici. Invece di pensare a come cambiare il comportamento dei fornitori di combustibili fossili sui mercati mondiali, senza il quale purtroppo non si può ottenere nulla. ®

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media