• Sonderveröffentlichung: Pictet & Cie (Europe) S.A.

"Vogliamo fare la differenza."

Investimento responsabile. La sostenibilità degli investimenti finanziari ha da tempo cessato di essere una questione di nicchia. Con l'aumento della domanda, cresce anche la domanda di attuazione da parte degli investitori. Il Wealth Management di Pictet Bank ha quindi sviluppato un sistema che le consente di soddisfare i valori individuali dei propri clienti.

"La sostenibilità è oggi molto più saldamente ancorata nella mente degli investitori rispetto a dieci o 20 anni fa", afferma Armin Eiche. "Sento sempre di più: Il mio capitale dovrebbe essere investito solo se le società agiscono secondo le mie convinzioni. Non devono danneggiare la società. ma per far progredire il mondo".

Il CEO bei Pictet Wealth Management in Germania continua a spiegare che i clienti facoltosi hanno spesso idee molto concrete. "La grande arte è fare davvero giustizia a queste esigenze individuali nella consulenza."

Le statistiche della Global Sustainable Investment Alliance (GSIA) sottolineano che questo settore è diventato nel frattempo un vero e proprio mercato in crescita. Secondo lo studio, alla fine del 2016 gli investimenti socialmente responsabili (ISR) ammontavano a quasi 23 trilioni di dollari. Ogni anno, questo mercato cresce di quasi il dodici per cento.

Questo tema è particolarmente importante per i giovani. Un recente studio della banca privata US Trust mostra che il 28% della Millennium Generation nata tra il 1980 e il 2000 ha già investimenti orientati a criteri di sostenibilità. Un ulteriore 57% mostra un forte interesse per la questione. "Eiche è convinto che il ricambio generazionale favorirà ulteriormente questo trend di investimento.

Soprattutto in considerazione delle sensibili conseguenze dei cambiamenti climatici, gli investitori sono sempre più interessati al ruolo che le Aktiengesellschaften gioca nella protezione dell'ambiente e del clima. "Ma anche aspetti come il lavoro minorile, la retribuzione dei dirigenti o la parità di genere sono messi in discussione", erläutert Eiche.

Un importante motore di questa tendenza è anche l'ormai diffuso riconoscimento che la sostenibilità non significa uno svantaggio in termini di ritorno dell'investimento. Al contrario. In un recente studio, Morningstar, una società di analisti, ha esaminato i risultati di vari meta-studi, che a loro volta hanno raccolto tutti i fatti sull'argomento.Ergebnis: Coloro che investono secondo criteri ESG comuni - Ambiente, Sociale, Sociale, Governance - si comportano altrettanto bene nel lungo periodo come con indici comparabili senza un tocco di sostenibilità. I rischi sotto forma di riduzione dei prezzi possono essere ridotti in modo significativo.

"Siller, responsabile del Portfolio Management di Pictet Wealth Management in Germania: "Gli investitori che basano il loro approccio d'investimento su criteri di sostenibilità ottengono migliori risultati a lungo termine quando sono corretti per il rischio.

Questo risultato può essere giustificato anche logicamente. "Su ersten Blick può non sembrare così importante se un'azienda tratta e paga uomini e donne allo stesso modo", spiega l'esperto. "Ma nella lotta per i talenti e i lavoratori qualificati, che già oggi si sta combattendo molto intensamente in alcuni settori, questo punto può essere decisivo. Quanto meglio un'azienda tratta con i propri dipendenti, tanto maggiori sono le possibilità di ottenere i migliori dipendenti. E questo, a sua volta, può avere un effetto positivo sul business a lungo termine".

Tali interrelazioni sono ora presenti tra molti investitori. Tuttavia, man mano che cresce il loro interesse, crescono anche le richieste di consulenza. "La sostenibilità è un campo molto ampio. Dietro a tutto questo ci sono le Zielvorstellungen unterschiedlichsten Zielvorstellungen, che poi richiedono una strategia completamente diversa", spiega Eiche.

Un requisito potrebbe essere, ad esempio, quello di allineare gli investimenti di capitale ai valori del cliente. "Poi si tratta dell'esclusione di alcune aziende - niente armamenti, armi, armi, esperimenti sugli animali, pornografia - e comportamenti - discriminazione, corruzione, condizioni di lavoro", spiega Siller.

Chi, invece, punta soprattutto a prestazioni più elevate e commisurate al rischio, considererà la ricerca sulla sostenibilità come parte integrante dell'analisi aziendale, su un piano di parità con gli aspetti convenzionali dell'analisi finanziaria. "Si tratta quindi di filtrare tutte quelle aziende che non sono solo convincenti in termini di fatturato e prospettive di profitto. Ma anche comportarsi in modo responsabile nei confronti dell'ambiente, della società e delle loro pratiche commerciali. Così il rischio può essere ridotto che si tratta ad esempio di scandali dannosi per la reputazione, che potrebbe compromettere ancora una volta la conversione e profitto negativamente, erklärt der Portfolio manager.

Una terza motivazione potrebbe essere quella di cambiare il mondo. Gli investitori vogliono quindi utilizzare il loro capitale per produrre un impatto positivo mirato sulla società o sull'ambiente. "Questo si può ottenere investendo in azioni con tecnologie speciali. Oppure, meglio ancora, perché diversificata, investendo in fondi tematici corrispondenti. Un terzo modo sono i cosiddetti Investimenti di impatto, che offrono oltre finanziellem  Ertrag anche un altro rendimento netto sociale, riassumono Achim Siller. Tra questi, gli investimenti di microfinanza e le obbligazioni verdi, che consentono agli investitori di investire direttamente in progetti che hanno un impatto positivo sul clima.

Ciò richiede qualità speciali da parte di un consulente bancario. "Per poter cogliere esattamente l'obiettivo di un cliente e per essere un adäquater Sparringspartner, deve essere profondo in Thema. Deve essere in grado di ascoltare bene e prendere molto tempo", erläutert Eiche. "Alla fine, si tratta di una direzione completamente nuova nella gestione patrimoniale", aggiunge Siller. "Perché per poter implementare le specifiche in modo ottimale, è necessario un profondo approccio di analisi sistematica".

Bankhaus Pictet ha un grande vantaggio in questo: "Ci occupiamo di questo argomento da molto tempo. Nel 1999, ad esempio, è stato lanciato sul mercato il fondo azionario svizzero sostenibile Pictet-Ethos.L'anno successivo è seguito il fondo Pictet-Water Fund. "Questo ci ha permesso di costruire un'enorme esperienza interna che ora può essere utilizzata anche nella gestione patrimoniale", afferma chiaramente Eiche.

L'approccio consulenziale si basa sull'integrazione dell'analisi di sostenibilità nell'intero processo di ricerca. Per valutare i tre settori dell'ambiente, degli affari sociali e della governance, gli esperti di Pictet si avvalgono di dati provenienti da fornitori esterni. "Su questa base, creiamo un punteggio complessivo di sostenibilità per ogni azienda e arriviamo a una classifica di sostenibilità per tutte le aziende in un indice o universo di investimento", spiega Siller. Più un'azienda è in alto nella classifica, più il titolo è sostenibile e attraente.

Questa analisi di sostenibilità viene effettuata parallelamente all'analisi finanziaria, che si occupa di criteri quali le prospettive di guadagno o la qualità del bilancio. "Questo ci consente di risolvere molto presto tutte le società dell'universo d'investimento che non soddisfano i nostri standard di qualità, sia in termini di indici finanziari che di analisi ESG. E abbiamo uno strumento perfetto per spiegare al cliente perché il titolo in questione si adatta o meno al suo obiettivo", continua Siller.

E' un processo elaborato. In totale, gli esperti di Pictet Wealth Management osservano un universo di 400 azioni. "Ma ne vale la pena."

Anche questa non deve essere la fine del processo. "Possiamo anche esercitare una pressione diretta sulle singole aziende", erläutert Siller. Il tema dell'attivismo è presente da tempo nei fondi della Banca. Lì la direzione si presenta all'assemblea generale annuale o è in costante dialogo con i dirigenti dell'azienda in piccoli gruppi. E lavorare per far sì che le aziende migliorino i vari criteri di sostenibilità nell'ambito di un processo di impegno.

L'attuazione di misure analoghe nella gestione patrimoniale è ancora oggi difficile, poiché i diritti di voto sono assegnati ai singoli clienti. "Tuttavia, sarebbe interessante potersi muovere ancora di più raggruppando i diritti di voto. Ci penseremo", promette Armin Eiche. Dopo tutto, è l'espresso desiderio dei clienti di ottenere qualcosa di positivo con il loro investimento di capitale. "Quindi dovremmo usare di conseguenza il potere del capitale che ci è stato affidato."

______________________________

Gli investitori risolvono i problemi - l'esempio della nutrizione.

"Nel 2050, circa nove miliardi di persone vivranno sulla terra, quasi il 30% in più di oggi", ricorda Achim Siller, responsabile del Portfolio Management per i clienti tedeschi di Pictet Wealth Management, e chiede: "Da dove possiamo ottenere 30 Prozent più cibo? Senza sostenibilità nella produzione, nel trasporto e nella lavorazione degli alimenti, difficilmente saremo in grado di farlo".

La nutrizione è ovviamente un segmento in crescita che può essere interessante anche per gli investitori che vogliono rendere sostenibili i loro investimenti. Secondo uno studio delle Nazioni Unite, i cittadini statunitensi consumano circa il 75% in meno di verdure rispetto a quanto raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ma circa il 70% di zucchero in eccesso. Questa cattiva alimentazione sta portando a malattie benestanti come l'obesità e il diabete nei paesi industrializzati e sempre più anche nei mercati emergenti. L'effetto sull'economia: secondo le stime del McKinsey Global Institute, queste malattie dovrebbero ridurre le prospettive di crescita del 18% nei soli paesi OCSE entro il 2035.

Allo stesso tempo, la coltivazione del cibo oggi è estremamente dispendiosa in termini di risorse. L'agricoltura rappresenta circa il 70 per cento del consumo globale di acqua. Allo stesso tempo, è responsabile del 30% dei gas serra globali, compreso il metano, un gas che cambia il clima prodotto dai bovini e dalle mucche durante la digestione.

Inoltre, esiste una catena di approvvigionamento inefficiente, il che significa che circa il 31 percento del cibo, ovvero 1,3 miliardi di tonnellate, viene perso o marciume durante il trasporto e non finisce sul piatto.

"Reinventare l'agricoltura è un compito entusiasmante per il futuro. Le aziende che offrono innovazioni in questi settori dovrebbero affrontare in futuro una domanda significativamente crescente di prodotti, tecnologie e servizi", spiega Siller, spiegando l'idea di investimento.

Alla luce delle diverse sfide, anche lo spettro delle opportunità di investimento è naturalmente molto ampio. Un profittatore, überlegtiller, potrebbe essere Trimble Navigation, leader mondiale nell'agricoltura di precisione. La tecnologia dell'azienda consente di coltivare le colture con una maggiore efficienza delle risorse rispetto ai metodi tradizionali e potrebbe contribuire a ridurre il consumo di acqua.

Un altro esempio è l'azienda Chr. Hansen, leader mondiale nella produzione di fermenti lattici, colture e soluzioni cromatiche naturali. "L'idea è che produrre alimenti più sani potrebbe aiutarci ad affrontare il crescente problema dell'obesità", erklärt Siller.

A volte l'esperto si imbatte in aziende che nella sua ricerca non hanno nulla a che fare con la nutrizione fino a zweiten Blick. Uno di questi è Rational, il produttore di attrezzature da cucina professionali. "L'uso di apparecchiature razionali nelle cucine delle mense riduce lo spreco di cibo nella preparazione dei cibi.

Questi sono solo tre esempi su molti. Tuttavia, mostrano quanto ampio e diversificato possa essere il dibattito sul tema della sola nutrizione", conclude Siller. "Nel nostro database abbiamo ancora almeno 150 aziende che potrebbero essere interessanti.In questo modo si può già mettere insieme un modulo di portafoglio ben diversificato e promettente. Investire in queste aziende aiuta a risolvere i problemi di una popolazione mondiale in crescita attraverso una dieta più malsana. Cosi' il capitale puo' fare la differenza".

______________________________

®

Pubblicazione speciale:

Pictet & Cie (Europa) S.A.

Neue Mainzer Strasse 1, 60311 Francoforte, Germania

gruppo.pictet; Tel.: 069/7950090

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media