• Sonderveröffentlichung: Robeco Deutschland

Continua a guardare avanti.

071 Robeco 155387711

Prognosi. "Investire in modo strategico significa eliminare il rumore quotidiano e concentrarsi sulle principali tendenze strutturali", afferma Lukas Daalder, CIO bei Robeco Investment Solutions. Ecco perche' osa avere una prospettiva quinquennale.

"Il mercato ci tiene in sospeso.Jeden Tag, innumerevoli informazioni "price sensitive" vengono visualizzate sugli schermi. Dobbiamo analizzare, formarci un'opinione, agire con la massima rapidità", afferma Lukas Daalder, Chief Investment Officer di Robeco Investment Solutions. "E poi ci chiediamo perché a volte perdiamo di vista il quadro generale."

Questa visione d'insieme, la prospettiva a lungo termine, che Daalder ha sempre affascinato. Ha quindi pubblicato una previsione quinquennale dal 2012. "E' come un'ancora per me. Non penso solo a ciò che gli investitori possono aspettarsi sulla base di considerazioni fondamentali nelle diverse classi di attività eendite, ma lo confronto sempre con la realtà", spiega l'economista. Se i prezzi si discostano significativamente dall'andamento previsto, ciò modifica le opportunità di guadagno a lungo termine. Attenzione dopo l'aumento dei prezzi.Oder nach verlusten aumenta la fiducia.

L'anno scorso, in particolare, i mercati azionari hanno registrato un andamento nettamente migliore del previsto. "Il quadro economico si è illuminato e la crescita è ora più ampia a livello mondiale. Il rischio di ricaduta in una fase di stagnazione secolare è diminuito. Gli investitori sono tornati all'ottimismo", spiega il capo economista di Robeco.

In risposta, il sequestro di Aktien è diventato ancora più costoso perché i prezzi sono saliti più velocemente degli utili sottostanti. "Questo ha già anticipato parte della künftigen Kursgewinne. Abbiamo quindi leggermente abbassato le nostre prospettive di rendimento atteso sulle azioni".

Le sue attuali previsioni a cinque anni si concentrano sulle banche centrali. "La questione cruciale sarà come uscire dalla politica monetaria estremamente flessibile - ora che l'economia è tornata in carreggiata", sottolinea Daalder. Naturalmente, in passato la politica monetaria ha alimentato ovunque l'evoluzione dei prezzi. Dobbiamo ora fare i conti con l'aumento dei tassi d'interesse? Un allargamento del divario di rendimento tra il buono e lo schlechten dovrebbe? Un crollo del mercato azionario?

"Come buoni genitori, le banche centrali non lasceranno i loro figli, il mercato finanziario, da soli, da un giorno all'altro", rassicura Daalder. "Piuttosto, ritireranno liquidità molto, molto, molto lentamente."

Il modo in cui questo processo si svolge in dettaglio dipende dal percorso di sviluppo dell'economia mondiale. Lukas Daalder ha progettato tre scenari e fornito loro diverse probabilità. Il suo scenario di base ha una probabilità di accadimento del 60%. L'esperto ipotizza una crescita globale del 2,6% e un tasso di inflazione del 2,1% in media nei prossimi cinque anni. C'è una semplice ragione per cui questo è un po' meno di un anno fa: "La ripresa globale va avanti ormai da otto anni. Altri cinque anni sarebbero davvero insoliti.Wir deve quindi assumere che normalità significa anche un ritorno al ciclo economico 'normale' - con una leggera recessione in qualche momento di questo periodo".

Questo non facilita le banche centrali. "Tendono a normalizzare la loro politica monetaria molto lentamente e costantemente, ma sono sempre in guardia." Per gli investitori, ciò significa che l'era dell'abbondante offerta di liquidità si concluderà nei prossimi cinque anni. "Deve essere kein Drama, pero'. Dopo la crisi finanziaria, la Fed, la Banca del Giappone e la BCE hanno acquistato insieme obbligazioni im Wert per un valore di 7200 miliardi di dollari. Se si riducessero di 500 miliardi all'anno, l'effetto sulle valutazioni di borsa sarebbe grosso modo neutro. L'unico problema sarebbe se le redini fossero più strette. Non credo proprio."

Daalder si aspetta difficoltà per gli investitori azionari da una direzione completamente diversa. "Si tratta della performance reddituale delle aziende. Il mercato del lavoro è già teso in molti settori. I salari aumenteranno, il finanziamento delle imprese diventerà più costoso - tutto questo a scapito dei margini di profitto in futuro. Quindi le quotazioni azionarie aumenteranno leggermente meno degli utili aziendali".

È quindi improbabile che gli alberi dei mercati azionari possano crescere verso il cielo. "In media, ci si può aspettare circa il cinque percento all'anno. Tuttavia, negli Stati Uniti, dove i mercati sono più apprezzati, dovrebbe essere solo zwei Prozent, mentre in Europa, Giappone e nei mercati emergenti dovrebbe essere tra il cinque e il sette per cento. Questo non è spettacolare rispetto all'anno scorso, ma è ancora soddisfacente", conclude Daalder.

Le azioni dovrebbero pertanto continuare a sovraperformare i titoli a reddito fisso. "In questo ambiente, non ci sarà quasi nulla da guadagnare con le obbligazioni."

Naturalmente, può essere diverso. "Ho ancora il 20% di probabilità di ristagno", dice Daalder. In questa variante, la crescita in Cina sta gradualmente scendendo a zero. Le nazioni industriali occidentali stanno ricevendo la "malattia giapponese" - stagnazione dei prezzi e la crescita economica. E le banche centrali stanno dando di nuovo molto più gas.

"Dal punto di vista di un investitore obbligazionario, sarebbe quindi importante non assumersi alcun rischio di credito, poiché in un tale contesto il numero di fallimenti aziendali aumenta", spiega Daalder. "Ma titoli di stato sicuri avrebbero portato rendimenti interessanti. Con obbligazioni federali decennali, im Schnitt ne avrebbe l'1,75% all'anno, con titoli di Stato americani decennali anche il 5,25%".

Per gli investitori azionari, tuttavia, le prospettive sarebbero meno positive. "In passato, la politica monetaria delle banche centrali ha più che compensato i problemi di crescita e di reddito. Ciò non sarà più possibile al livello di valutazione raggiunto", sospetta l'esperto. Se la crescita ristagna, l'onere del debito per i governi, le imprese e i consumatori tornerà ad essere più oppressivo. Gli utili delle imprese sono in calo e il numero di fallimenti è in aumento. "Gli investitori azionari chiederanno quindi un premio di rischio più elevato, i rapporti prezzo-utile diminuiranno. Nell'arco del periodo 1994, le azioni porteranno quindi, nel complesso, un risultato negativo in questo scenario".

Ma cosa succede se l'economia globale sta davvero facendo un passo avanti? "Questa è la mia terza alternativa, con il 20% di probabilità", spiega Daalder, "Chiamo questo scenario Boom-and-bust".

Gli investimenti stanno iniziando. Più occupazione. Più consumo. Più crescita. I rapporti di indebitamento sono in calo. La Cina sta ristrutturando con successo la sua economia. La forte economia interna sta diventando una locomotiva della crescita.

"Questa piacevole sorpresa migliorerebbe prima di tutto in modo massiccio lo stato d'animo degli investitori azionari e aumenterebbe la domanda di investimenti rischiosi.Doch avrebbe presto mostrato l'altro lato della moneta. Il lavoro sta diventando sempre più scarso, i salari sono in aumento, l'inflazione sta tornando", sottolinea Lukas Daalder. "Le banche centrali dei paesi industrializzati dovrebbero quindi agire e, come in passato, metterebbero fine alla ripresa attraverso la loro politica dei tassi d'interesse."Più forte è il boom, più profonda è la recessione successiva". Dal momento che entrambi si svolgono nel prossimo quinquennio, la crescita media non si discosterebbe molto dallo scenario di base, ma il tasso d'inflazione sarebbe significativamente più elevato.

Tuttavia, si prevede che i mercati finanziari saranno soggetti a fluttuazioni selvagge. "Le azioni potrebbero subire perdite del 25% al loro picco. Alla fine, tuttavia, sarebbe ancora sufficiente per ottenere un rendimento medio annuo del due per cento. Le obbligazioni federali porterebbero quindi un meno 0,5% all'anno, mentre le obbligazioni governative americane sarebbero più del 3,25%".

Lo stratega fornisce quindi tutte le informazioni necessarie per navigare con successo attraverso le risorse del futuro. "Per me, il messaggio chiave è:  Un portafoglio ben diversificato dovrebbe continuare a generare rendimenti superiori al tasso di inflazione nei prossimi cinque anni", conclude Lukas Daalder. "Quindi gli investimenti continueranno a ripagare".

070 Robeco

®

Pubblicazione speciale:

Robeco Germania; www.robeco.de

60325 Francoforte; Taunusanlage 17

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media