• Klaus Meitinger

"I prezzi delle azioni continueranno a salire".

PW 04052021 Borsenglas

Anche se le quotazioni della maggior parte degli indici azionari sono vicine ai loro livelli record, due terzi dei membri del Competence Circle di Lerbach scommettono su un aumento dei prezzi anche nei prossimi sei mesi. Hanno buoni argomenti per questo.

"In realtà", riflette Gottfried Urban, Urban e colleghi, "non c'è quasi nulla da dire contro le azioni al momento. Dopo tutto, la combinazione di una politica monetaria ultra-allentata unita a un boom economico e a un'inflazione leggermente più alta negli Stati Uniti e in una certa misura in Europa è quasi una situazione ideale". "Inoltre, il flusso di liquidità che stiamo vedendo attualmente è storicamente senza precedenti.Questo è e rimarrà un driver chiave nei mercati dei capitali", chiarisce Jörg Rahn, Wirtgen Invest. "A mio parere, le azioni sono semplicemente senza alternativa in tempi di repressione finanziaria in corso e di tassi d'interesse reali negativi", aggiunge l'esperto di investimenti Stefan Hollidt.

Dice che è già diventato chiaro negli ultimi mesi cosa significa quando molti partecipanti al mercato si spostano dai conti di risparmio o dalle obbligazioni alle azioni. Il fatto che solo negli ultimi cinque mesi sia affluito più capitale nei fondi azionari di tutto il mondo che in tutti gli ultimi dodici anni ha senza dubbio aumentato i prezzi. "Ciononostante, l'eccesso di denaro è ancora enorme. Ecco perché ci saranno solo brevi battute d'arresto nel mercato azionario, che saranno sfruttate da coloro che non sono ancora investiti", spiega Urban. In effetti, quell'afflusso record era di soli 576 miliardi di dollari. Ci sono ancora quasi 2.900 miliardi di euro solo nei conti di risparmio tedeschi. E si dice che altri quasi cinquemila miliardi di dollari siano investiti in fondi del mercato monetario statunitense. "Ci sono semplicemente ancora molti investitori in disparte, preoccupati di perdere il rally", riassume Joachim Meyer.

Aggiunge che l'enorme sostegno della politica monetaria e fiscale significa inevitabilmente che l'ambiente economico rimarrà molto positivo nei prossimi sei mesi. "Solo negli Stati Uniti, il sostegno del governo dall'agosto 2020 ammonta a 5,3 trilioni di dollari. Se ora si aggiungono gli acquisti di titoli della Fed e gli investimenti infrastrutturali previsti, siamo a più di dieci trilioni di dollari", calcola Carsten Mumm, Donner Reuschel. Questo equivale a circa la metà del prodotto nazionale statunitense generato nel 2020.

"Anche l'economia cinese sta ronzando, e da questo, anche la crescita nel sud-est asiatico dovrebbe riprendersi", aggiunge Stefan Ebner, Focus Asset Management. "Ultimo, ma non meno importante, non dobbiamo trascurare la domanda repressa delle chiusure che dovrebbe dispiegarsi con l'avanzare della campagna di vaccinazione. Questo scatenerà un vero boom dei consumi", aggiunge Alexander Ruis, SK Family Office.

"Mi aspetto quindi che vedremo una ripresa globale molto dinamica con tassi di crescita superiori alla media quest'anno e il prossimo", conclude Mumm. Infatti, all'inizio di aprile, il Fondo Monetario Internazionale ha aumentato la sua stima per la crescita globale di quest'anno al sei per cento - il più alto dal 1980.

"Dal punto di vista di un investitore, ciò che è molto importante è che siamo solo all'inizio di un ciclo economico di lunga durata", dice Rahn. "Quindi non dobbiamo preoccuparci che il trend dei guadagni aziendali si interrompa nel prossimo futuro. Le azioni dovrebbero quindi continuare a performare positivamente per molto tempo", aggiunge Arne Sand, Sand & Schott.

Gli esperti non condividono la grande preoccupazione di molti investitori che queste prospettive sono state a lungo riflesse nelle quotazioni attuali. "A mio parere, la dinamica di questa ripresa è ancora sottovalutata", dice Robert Greil, Merck Finck, e conclude: "Ci sono ancora molte sorprese positive concepibili". "Potrei immaginare che l'aumento dei prezzi sia possibile a causa della domanda repressa nel consumo e che vediamo un aumento della produttività dalla digitalizzazione. Entrambi aumenterebbero ulteriormente i profitti", dice Ruis.

Nel complesso, quindi, le previsioni per i profitti aziendali sono ancora probabilmente troppo basse. "A nostro avviso, sono quindi probabili ulteriori revisioni al rialzo degli utili per azione", opina Greil. "Per inciso, questo è stato anche evidente nella stagione dei rapporti del primo trimestre 2021. L'86% delle aziende dell'S&P 500 ha battuto le aspettative degli analisti. Non vedo perché questo non dovrebbe essere simile in futuro", aggiunge Stefan Mayerhofer, Bayerische Vermögen.

I rappresentanti della fazione del mezzo pieno sono anche rilassati riguardo al secondo rischio - un'inflazione più alta e i tassi d'interesse più alti che l'accompagnano. "Gli investitori non dovrebbero essere scoraggiati dal recente aumento dei rendimenti obbligazionari", dice Karsten Tripp, HSBC: "L'inflazione è solo uno spettro che presto sarà di nuovo storia. Un anno fa, i prezzi dell'energia sono crollati in modo massiccio a causa del blocco. I tassi annuali di cambiamento sembrano ora corrispondentemente spettacolari. A partire da giugno, o al più tardi da luglio, il tasso d'inflazione negli Stati Uniti dovrebbe iniziare a tornare verso il livello normale del due per cento o meno".

E questo toglierebbe anche i timori di aumenti dei tassi o di una stretta monetaria prematura. "Dopo tutto, la Fed ha chiarito che tollererà un aumento temporaneo dei tassi d'inflazione finché la piena occupazione non sarà raggiunta. E la BCE sostiene la stessa cosa", ricorda Arne Sand.

Se i tassi d'interesse rimangono bassi, aggiunge, continuerà ad essere vero che le azioni sono valutate poco rispetto alle obbligazioni. "A mio parere, gli attori del mercato azionario non si sono ancora adattati a un ambiente di tassi d'interesse bassi sostenuti", analizza Maximilian Kunkel, UBS Germania, e calcola. "Per esempio, se assumiamo il nostro attuale obiettivo di fine anno di 4400 punti per l'S&P 500, il rapporto prezzo-utile basato sugli utili previsti per il 2022 è di 20,9. Il rendimento degli utili, l'inverso del rapporto P/E, si mantiene a 4,77. Se, d'altra parte, fissiamo un rendimento del due per cento per i titoli di stato americani con una scadenza di dieci anni che ci aspettiamo, la differenza tra i rendimenti del mercato azionario e obbligazionario è di 277 punti base". Ma in media negli ultimi 35 anni, è stato solo di 200 punti base. Da questo punto di vista, le azioni sono ancora relativamente a buon mercato".

La tendenza al rialzo, dicono gli esperti, è ben fondata e rimane completamente intatta. Nel frattempo, ha attanagliato l'ampio mercato, hanno detto. "Alla fine di marzo 2020, meno del dieci per cento dei titoli dell'S&P 500 erano ancora sopra la loro linea dei 200 giorni", spiega Alexander Prochnow-Ast del Family Office di Volksbank Kraichgau. A quel tempo, la ripresa del mercato azionario era attribuibile solo a pochi titoli e si reggeva su gambe deboli. "Attualmente, il 96% dei titoli dell'indice sono sopra la loro linea dei 200 giorni. Quindi l'aumento dei prezzi è guidato da molti titoli.Questo è un altro argomento per gli investitori per rimanere investiti". ®

––––––––––––––––––––

// Full-on.

"Fondamentalmente, mi aspetto che i titoli ciclici e di valore facciano bene a breve termine, le aziende IT e sanitarie saranno probabilmente vincitori a lungo termine", Robert Greil apre la discussione. "A causa della carenza di chip, siamo ottimisti qui per il settore dei semiconduttori, per esempio", aggiunge Mayerhofer, che identifica anche le opportunità di crescita strutturale nel settore sanitario. "Lì vediamo un potenziale di recupero, semplicemente perché molti trattamenti hanno dovuto essere rimandati durante la pandemia".

Nel settore ciclico, Maximilian Kunkel ha identificato due settori interessanti: "Le banche e i titoli energetici sono valutati in modo attraente e beneficiano del contesto economico". Prochnow-Ast presta particolare attenzione alle banche statunitensi. "Grazie ai progressi fatti sul fronte delle vaccinazioni e ai massicci aiuti governativi, è probabile che ci siano meno insolvenze del previsto.Allo stesso tempo, il fatto che la curva dei rendimenti sia ripida, vale a dire che le scadenze brevi rendono meno di quelle lunghe, avrà un effetto positivo sui guadagni.Le banche possono, dopo tutto, prendere in prestito denaro a breve termine e poi prestarlo a lungo termine".

Stefan Ebner consiglia di non dimenticare l'Europa: "La struttura settoriale europea è più ciclica di quella statunitense. Il prossimo boom economico dovrebbe quindi beneficiare ancora di più l'Europa". Inoltre, le azioni europee hanno attualmente anche un vantaggio di valutazione rispetto alle loro controparti americane.

Anche l'Asia è tra i favoriti. "Abbiamo una popolazione giovane, in crescita e, in molti casi, esperta di tecnologia e la vicinanza al motore della crescita cinese, che rende questa regione particolarmente eccitante al momento", spiega Carsten Mumm. Karsten Tripp ha una visione simile: "Per me, l'Asia, come la tecnologia, è una questione strutturale. Entrare con una prospettiva a lungo termine è particolarmente utile dopo la recente correzione dei prezzi".

––––––––––––––––––––

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media