• Klaus Meitinger

Investire con successo il denaro in modo sensato.

Nachhaltigkeit Opener shutterstock 96056567Investimento sostenibile. In futuro, sempre più capitale sarà reso disponibile solo alle aziende che si comportano in modo esemplare in termini di ESG - ambientale, sociale e di corporate governance. O dare un contributo positivo alla nostra società attraverso il loro modello di business, prodotti e servizi. Un megatrend ha guadagnato slancio e continuerà ad accelerare in futuro.

In ogni decennio, gli eventi sul mercato dei capitali possono essere descritti con una combinazione accattivante di lettere. Gli anni 2000 appartenevano ai mercati emergenti - BRIC. Nel decennio successivo, la tecnologia era la carta vincente - FANG. E ora inizia l'era della sostenibilità - ESG.

Solo nel 2020, secondo l'agenzia di rating Morningstar, 233 miliardi di euro sono fluiti in fondi ESG in Europa - il doppio rispetto al 2019 e cinque volte di più rispetto a cinque anni fa. Gli attivi investiti in fondi sostenibili hanno così superato per la prima volta la soglia dei mille miliardi di euro. Rispetto al 2010, questo è un aumento di dieci volte.

"Sempre più investitori si rendono conto che non possiamo più continuare a fare affari come al solito. La sostenibilità è diventata una tendenza sociale", spiega Stefanie Rath, gestore di fondi di Robeco.

Ma ci sono altre ragioni per questo notevole sviluppo. L'interesse degli investitori è stato anche alimentato dalla performance eccezionale di questi investimenti. I fondi sostenibili hanno sovraperformato il mercato generale per qualche tempo, ma questo ha accelerato nel 2020. È importante tenere a mente, tuttavia, che i settori più colpiti dalla crisi Corona - compagnie aeree, crociere, energia - sono generalmente pesati poco nei fondi sostenibili. "Tuttavia, la narrativa che la sostenibilità e i rendimenti non funzionano insieme è ora finalmente fuori dal tavolo. Invece di 'buona coscienza o buona performance', il futuro potrebbe essere 'buona coscienza e buona performance'", è convinto Huub van der Riet, fund manager di NN Investment Partners.

Il fatto è che trasformare l'economia richiede un enorme sforzo finanziario. E dove c'è molto denaro che scorre, ci sono anche opportunità di ritorno e di investimento. L'International Renewable Energy Agency stima che l'investimento necessario per la transizione verso un'offerta di energia sostenibile compatibile con l'obiettivo dei due gradi entro il 2030 sarà di 60 trilioni di dollari. Logistica intelligente, città intelligenti, reti intelligenti e agricoltura intelligente sono la risposta alle sfide del futuro. Hans-Jörg Naumer, Chief Strategist di Allianz Global Investors, parla quindi già dell'onda verde della crescita: "Il cambiamento climatico è l'ultimo, inequivocabile campanello d'allarme di questa verità ecologica. La pressione ad agire che porterà trasformerà l'economia in quasi tutti i settori e porterà ad una nuova fase di crescita".

C'è un terzo punto in gioco. L'investimento sostenibile sta ottenendo un sostegno massiccio da parte dei politici. L'UE vuole fare pressione sulle aziende per raggiungere i loro obiettivi climatici. Tuttavia, poiché i divieti costerebbero posti di lavoro e voti, ora si cerca di giocare attraverso i recinti - attraverso il mercato dei capitali. Da un lato, i nuovi regolamenti sulla trasparenza assicurano che l'area degli investimenti sostenibili diventi più comprensibile per gli investitori. D'altra parte, in futuro ad ogni acquirente di fondi deve essere chiesto nella discussione di consulenza se non è anche interessato a fondi che investono in modo sostenibile. Questo è ovviamente suggestivo, ma si tradurrà in un flusso di capitale ancora maggiore in questo settore in futuro.

Coerentemente, tutti i fornitori di fondi si stanno occupando intensamente di questo argomento. Solo nel 2020, 505 nuovi fondi ESG sono arrivati sul mercato in Europa, secondo Morningstar. Più di 250 fondi convenzionali sono stati riposizionati verso il "verde" includendo criteri ESG vincolanti nei loro obiettivi di investimento.

Poiché l'offerta di prodotti sostenibili sta crescendo e la domanda degli investitori sta aumentando, la pressione sulle aziende sta effettivamente aumentando. Quelli che non si adattano non saranno in grado di accedere al capitale in futuro - o solo a condizioni molto povere. Il processo di cambiamento continua ad accelerare.

Ci sono fondamentalmente due strategie per gli investitori per partecipare a questa tendenza. I più diffusi sono i prodotti ESG. L'obiettivo principale è quello di evitare i rischi derivanti da questioni ambientali, sociali e di governance. Dopo tutto, questi hanno un impatto diretto o indiretto sulla performance aziendale. Un'azienda che spreca risorse, tratta male i suoi dipendenti ed è mal gestita non è mai stata un buon investimento a lungo termine.

"ESG è principalmente orientato intorno all'impronta delle aziende - quanto impatto hanno sull'ambiente, come prestano attenzione alle questioni sociali, e quanto bene l'azienda è gestita. Si tratta di fare il minor danno possibile", spiega Christian Klein, professore di finanza sostenibile all'Università di Kassel, "ma la questione più grande in questo momento è l'impact investing - investire in aziende i cui prodotti e servizi aiutano a rendere il nostro mondo un posto migliore, risolvere problemi specifici, e quindi ridurre l'impronta globale della società".

Poiché questa idea è così intrigante, sta rapidamente guadagnando seguaci. Il capitale dovrebbe fare davvero la differenza. "Ma questo richiede prima di avere una conversazione dettagliata sul significato di impatto", chiarisce Klein. "Sta davvero accadendo qualcosa come risultato del mio investimento? O sarebbe successo lo stesso? E cosa significa per la costellazione rischio-rendimento di tali investimenti: cambia rispetto agli investimenti convenzionali, perché ora si finanziano progetti che prima non sarebbero stati finanziati perché sembravano troppo rischiosi o i loro rendimenti troppo bassi?" La discussione su questo, ha detto Klein, non viene fatta abbastanza in questo momento "perché tutti sono in uno stato d'animo da corsa all'oro dell'impatto". Dovremo fare molto di più su questo".

Fondamentalmente, si può affermare: Gli investimenti a impatto possono essere di ampia portata o concentrarsi su aspetti specifici del vasto campo degli investimenti sostenibili - la neutralità del carbonio o l'acqua, per esempio. E poiché i gestori di fondi applicano tipicamente ulteriori filtri di sostenibilità rigorosi a questa strategia, sono considerati in cima alla piramide della sostenibilità - fondi verde scuro. Due idee di investimento concrete ed entusiasmanti sono presentate dai partner del private-wealth NN Investment Partners e Robeco nelle pagine seguenti. ®

–––––––––––––––––––––––

// Come Bruxelles sta mettendo sotto pressione la sostenibilità.

L'obiettivo a lungo termine del piano d'azione della Commissione UE per l'industria dei fondi è chiaro: ad un certo punto, ci dovrebbe essere un indicatore che mostra esattamente quanto bene o quanto male gli investimenti dei singoli fondi si comportino in relazione agli obiettivi di sostenibilità dell'UE.

Per rendere questo trasparente per gli investitori, tutti i fondi devono essere classificati entro la fine del 2020. I fondi non sostenibili saranno elencati come fondi dell'Articolo Sei. I fondi dell'articolo otto sono fondi ESG che considerano esplicitamente gli obiettivi sostenibili nella loro strategia di investimento - cioè definiscono alcune esclusioni e applicano filtri di sostenibilità nella selezione dei titoli. I fondi dell'articolo nove sono fondi d'impatto. Oltre alla strategia ESG, devono anche perseguire obiettivi di sostenibilità in modo misurabile e verificabile. Nell'implementazione tedesca di questo requisito UE, i fondi dell'articolo otto devono essere etichettati "E", quelli dell'articolo nove "I".

Il prossimo grande passo normativo sarà quindi l'attuazione della cosiddetta tassonomia. Con questo termine, l'UE sta creando un sistema per determinare se e quando certe attività commerciali soddisfano i criteri per il business verde.La produzione di acciaio, per esempio, è conforme alla tassonomia finché le emissioni di CO2 sono al di sotto di un limite predefinito. "I fondi devono poi divulgare una cifra aggregata:Che proporzione ha una particolare azienda nel suo portafoglio? E quale percentuale di attività sono conformi alla tassonomia? In questo modo, col tempo, le quote conformi alla tassonomia di diversi fondi dovrebbero diventare trasparenti e comparabili per gli investitori", spiega Georg Haumann dell'associazione di fondi BVI.

Finora, l'UE ha dettagliato solo due obiettivi ambientali nella tassonomia - ridurre il riscaldamento globale e adattarsi al cambiamento climatico. I regolamenti tecnici su questi coprono già circa 400 pagine. Altri quattro obiettivi saranno realizzati nei prossimi mesi. "E in due anni, l'UE vuole aver tassonomizzato l'intera questione ESG", dice Christian Klein, concludendo: "Lo sforzo è gigantesco. Stiamo parlando di qualcosa di veramente grande qui. La tassonomia cambierà fondamentalmente il modo in cui pensiamo alla sostenibilità".

Per esempio, le enormi somme del fondo per la ricostruzione di Corona potrebbero essere distribuite tenendo conto della tassonomia. E a un certo punto, si tratterà di capire se un'azienda può ancora ottenere credito dalla sua banca se non è conforme alla tassonomia in molte attività. "Posso solo consigliare agli investitori di non sottovalutare l'UE su questo punto e di considerare questo aspetto nei loro investimenti ora", informa Christian Klein.

Tuttavia, rimane una domanda: può essere davvero utile quando i burocrati decidono cosa è sostenibile?

–––––––––––––––––––––––

Autore: Klaus Meitinger

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media