• Sonderveröffentlichung: Eyb & Wallwitz

Regolare.

Eyb shutterstock 140042659Shuffling possibile. Per molto tempo, gli investitori hanno ottenuto rendimenti adeguati dividendo il loro patrimonio tra il 60% di azioni e il 40% di titoli di stato. Alla luce dei tassi d'inflazione crescenti e dei tassi d'interesse persistentemente bassi, questo diventa sempre più difficile in termini reali, cioè aggiustati per il potere d'acquisto. "È giunto il momento di riadattare questa strategia di successo", dice Kristina Bambach, responsabile del fondo misto Phaidros Funds Balanced presso l'asset manager Eyb & Wallwitz insieme a Georg von Wallwitz e Ernst Konrad.

È la questione dei 7,5 trilioni di dollari. 7,5 trilioni di dollari sono investiti in tutto il mondo nei cosiddetti conti di deposito 60/40 - 60 per cento azioni e 40 per cento obbligazioni con ottime valutazioni di credito. Ma da qualche tempo, questo non funziona più. Questa strategia vincente ha fatto il suo tempo?

"Nell'era dei tassi zero, il 40% del portafoglio investito in obbligazioni sicure in realtà non rende più. E ora - con l'aumento dei tassi d'inflazione, l'aumento dei tassi d'interesse e il calo dei prezzi delle obbligazioni - questo problema sta effettivamente peggiorando", spiega Kristina Bambach, che è corresponsabile del Phaidros Funds Balanced presso l'asset manager Eyb & Wallwitz, e conclude: "È davvero il momento di reagire".

Il fatto che l'approccio 60/40 abbia avuto così tanto successo per così tanto tempo è dovuto alla sua semplicità. "Non aveva bisogno di una struttura molto complessa per fornire rendimenti adeguati e un buon equilibrio tra rischio e rendimento", spiega Bambach. Le cedole delle obbligazioni fornivano un tasso di rendimento di base. Se l'economia si è raffreddata, i mercati azionari hanno lottato. Ma allo stesso tempo, i tassi di interesse sono scesi e i prezzi delle obbligazioni sono aumentati. Quando l'economia era buona, le obbligazioni hanno perso un po' di terreno. Ma c'erano opportunità nei mercati azionari. Nella tendenza a lungo termine, dal cinque al sei per cento all'anno erano possibili in modo molto rilassato e senza drastiche fluttuazioni di prezzo.

Da qualche tempo, tuttavia, le carte sono state rimescolate. Da qualche tempo, la cedola dei titoli fruttiferi sicuri non è più sufficiente a tenere il passo con il tasso d'inflazione. In termini reali - dopo aver dedotto il tasso di inflazione - questi investimenti stanno producendo perdite. Il solo argomento della diversificazione giustifica ancora un investimento. "Tutti i fornitori di fondi misti stanno quindi valutando come migliorare questa situazione. Abbiamo dato un'occhiata più da vicino alle quattro viti di regolazione", dice Kristina Bambach.

Il suo messaggio più importante: "Non c'è una via d'uscita facile. O gli investitori accettano un rendimento significativamente inferiore nel portafoglio 60/40 in futuro. Oppure adattano la strategia - e pagano il prezzo che necessariamente ne deriva".

Un possibile approccio è quello di sostituire i titoli a tasso sicuro con quelli che offrono rendimenti più alti. "Gli investitori potrebbero scegliere scadenze più lunghe, per esempio. Tuttavia, devono poi accettare maggiori fluttuazioni di prezzo a causa del maggiore rischio di durata. Oppure comprano titoli di società con un rating di credito più basso. In questo caso, però, si perde parte dell'aspetto della diversificazione. Questo perché la loro performance di prezzo - come quella del mercato azionario - è strettamente legata all'economia. Quando le cose si fanno difficili nell'economia, il rischio di insolvenza aumenta. Solo i titoli di stato di prima classe offrono poi protezione".

Il secondo modo di cambiare è aggiungere nuove fonti di ritorno. L'oro e le strategie di ritorno assoluto sono spesso menzionate. "L'oro ha effettivamente senso durante i periodi di stress. Ma in tempi normali, i rendimenti sono bassi e le fluttuazioni di prezzo sono estremamente elevate. Per avere successo qui, gli investitori dovrebbero essere in grado di anticipare le fasi di stress", chiarisce Bambach. Aggiungendo strategie a ritorno assoluto, che promettono rendimenti indipendenti dall'andamento dei mercati, un portafoglio può guadagnare stabilità. Ma in cambio perde il fascino della semplicità". Questo perché queste strategie sono complesse, difficili da capire e di solito non sono nemmeno liquide".

Una terza opzione sarebbe quella di essere più aggressivi nella parte dei tassi d'interesse, ma di ridurre le fluttuazioni di prezzo nella parte azionaria. "L'idea qui è di concentrarsi di più sulle azioni con caratteristiche obbligazionarie. In altre parole, azioni che forniscono distribuzioni costanti e affidabili", spiega Bambach. Questi possono essere i classici titoli a dividendo. O azioni di società immobiliari (REIT) che generano un rendimento regolare e calcolabile attraverso il loro reddito da locazione. Un'altra opzione in questo contesto sono i titoli i cui prezzi hanno fluttuato relativamente poco in passato - i cosiddetti "titoli a bassa volatilità". "Questi stock hanno effettivamente più probabilità di fluttuare meno del mercato anche in futuro", è convinto Bambach. Il prezzo? "Durante i periodi di crisi, le perdite del libro intermedio sono più piccole che nel mercato azionario generale, ma sono ancora significative. Gli investitori devono essere preparati a questo quando sostituiscono le obbligazioni con le azioni".

Rimane una quarta opzione. I gestori di fondi potrebbero cambiare i rapporti tra azioni e obbligazioni in modo rapido e flessibile a seconda delle condizioni di mercato. Prendere il più alto possibile nei rialzi e perdere il meno possibile quando le cose vanno male. "In teoria, questo suona bene. In pratica, però, si scopre che quasi nessun manager riesce a farlo sistematicamente. Il tempismo spesso non funziona".

La conclusione provvisoria di Kristina Bambach: "Se vuoi un portafoglio con un profilo di rischio-rendimento equilibrato, non puoi evitare di mescolare azioni e obbligazioni anche in futuro. Ma il portafoglio 60/40 dovrebbe essere riaggiustato aggiungendo obbligazioni con rendimenti più alti".

Come è implementato specificamente in Phaidros Funds Balanced?

"La nostra ambizione è, dopo tutto, di generare un rendimento reale positivo in tutte le classi di attività. Ci concentriamo quindi sul settore high-yield nell'area dei tassi d'interesse, concentrandoci sul tema di nicchia 'Fallen Angels'", spiega Kristina Bambach. Se le obbligazioni che avevano un buon rating vengono declassate a livello di alto rendimento, le opportunità sorgono perché molti investitori sono costretti a vendere in quel momento. Questo perché non sono autorizzati a tenere questi titoli nei loro portafogli per motivi normativi. Le riduzioni di prezzo risultanti possono essere sfruttate (il patrimonio privato ha riferito di questa strategia nel numero 02/20). Potete trovare l'articolo sulla homepage sotto "The Catcher").

Soprattutto nella situazione attuale, questo sembra promettente. "Nella seconda metà del 2021, l'economia globale si riprenderà in modo significativo. Allora il rischio di insolvenza per questi emittenti dovrebbe diminuire e lo spread dei tassi d'interesse rispetto ai titoli di stato dovrebbe tendere a diminuire", riflette Bambach. "Quindi questi titoli fruttiferi non solo hanno le cedole più alte, ma anche le migliori prospettive di prezzo". Poiché i rischi di inflazione aumentano anche in un tale ambiente economico, il gestore del fondo mescola cautamente anche REITs e oro - "i classici vincitori dell'inflazione" - come secondo passo.

Kristina Bambach accetta che il Phaidros Funds Balanced fluttui più di altri fondi misti come risultato. "Definiamo il rischio in modo diverso da molti attori del mercato dei capitali. In vista del nostro orizzonte d'investimento a lungo termine, non ci preoccupiamo delle fluttuazioni temporanee del prezzo di un'attività. Per noi, rischio significa il pericolo di una perdita permanente o almeno di lunga durata".

Nelle azioni, quindi, la qualità del modello di business e - soprattutto ora in tempi di aumento dei tassi di inflazione - il potere di mercato così come i margini di rollover dei prezzi sono i criteri di selezione decisivi, non la volatilità dei prezzi. "Guardiamo un'azienda e consideriamo se vogliamo o meno esservi azionisti nei prossimi cinque o dieci anni".

In particolare, la selezione dei titoli segue l'approccio Schumpeter. Da giovane, l'economista austriaco Joseph Schumpeter descrisse i benefici delle cosiddette challenger companies - che capovolgono completamente le industrie e crescono fortemente come risultato. Oggi lo chiamiamo interruzione del processo. "Investiamo un terzo della nostra allocazione azionaria in sfidanti come MercadoLibre, Shopify o Teladoc", dice il gestore del fondo.

Logos

Più tardi, l'economista nazionale austriaco ha poi descritto il vantaggio degli oligopolisti con forti posizioni di mercato, alti margini e crescita costante in un'economia stagnante. "Poiché questo è in linea con la nostra visione del mondo dopo il boom del recupero del 2021, stiamo anche scommettendo su aziende come Microsoft, Novartis e Mastercard. Questa combinazione fornisce una diversificazione e riduce il rischio della parte azionaria del portafoglio", spiega Bambach.

La sua risposta alla questione dei 7,5 trilioni di dollari è quindi anche molto chiara: non buttare a mare la strategia collaudata in modo frenetico. Regolare nell'area di interesse. E accettare semplicemente le inevitabili fluttuazioni di prezzo più alte. "Un buon fondo misto è come una buona nave", spiega Kristina Bambach, "non dovrebbe darci fastidio se fluttua. Noi come gestori dobbiamo solo assicurarci che rimanga in rotta selezionando gli investimenti. E riusciamo a farlo". ®

–––––––––––––––––––––––––––––

// Come investire - il Phaidros Funds Balanced.

Il fondo misto Phaidros Funds Balanced (LU0295585748) è il fondo di punta di Eyb & Wallwitz. È stato lanciato nel 2007 e poi riprogettato nel 2010. La strategia di base definita all'epoca si applica ancora oggi. Secondo questa strategia, la divisione tra azioni e obbligazioni dovrebbe essere generalmente 50/50. Teoricamente, la quota di azioni può oscillare tra il 25 e il 75 per cento. Negli ultimi dieci anni, tuttavia, è stato generalmente tra il 40 e il 60 per cento.

Questo approccio ha avuto successo. Se si utilizzano i rendimenti triennali a lungo termine per il confronto con fondi simili, il Phaidros Funds Balanced è stato nel primo quarto del gruppo di riferimento in 122 mesi su 131 dal 2010 (Morningstar Category EUR Flexible Allocation Global). Il rendimento decennale è stato del 6,57% annuo.

Di particolare interesse, il fondo è stato costantemente nella top ten della sua categoria da ottobre 2018.

Tipica del fondo è stata anche la sua performance di prezzo nell'impegnativo anno 2020. Inizialmente ha perso circa il 20 per cento nel crollo di Corona, ma non ha cambiato seriamente il suo comportamento di investimento - "le fluttuazioni di prezzo a breve termine non sono un rischio per noi" - e poi ha recuperato le perdite contabili entro agosto. Il fondo ha chiuso il 2020 con un guadagno del 13,3%, secondo Eyb & Wallwitz.

–––––––––––––––––––––––––––––

Pubblicazione speciale:

Eyb & Wallwitz; www.eybwallwitz.de

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media