• Sonderveröffentlichung: NN Investment Partners

Il legame migliore.

Adv NN Die bessere AnleiheObbligazioni verdi. Sempre più spesso i governi e le aziende emettono obbligazioni per finanziare progetti "verdi". Questo è interessante per gli investitori per due motivi. "Il capitale ha un effetto positivo e, con la giusta selezione, i rischi del portafoglio possono essere ridotti", spiega Bram Bos, NN Investment Partners.

"Partiamo dal presupposto che non vi sia alcuna differenza di prezzo tra i prodotti biologici e gli alimenti prodotti in modo convenzionale. Cosa comprereste?" chiede Bram Bos, gestore del portafoglio del Fondo obbligazionario verde NN (L). La stragrande maggioranza andrebbe a biologico. "Ed è per questo che sono sicuro che i Green Bonds - obbligazioni verdi - hanno un grande futuro".

"In termini di rendimento, liquidità e anche di qualità creditizia media, non ci sono differenze significative tra i Green Bond e le altre obbligazioni. La carta dei tassi d'interesse è carta dei tassi d'interesse", spiega Bos, "ma ciò che è decisivo è ciò che accade al capitale che l'emittente riceve dagli investitori". Con i Green Bonds, deve entrare in progetti che hanno un impatto positivo sull'ambiente. E l'emittente deve riferire in merito in modo trasparente e regolare.

"Proprio perché la gente è diventata più consapevole delle conseguenze negative del cambiamento climatico, questo sta diventando sempre più importante. È possibile, ad esempio, sostituire le obbligazioni tradizionali con i libri verdi dello stesso mutuatario e quindi fare una dichiarazione", spiega Bos.

Questo è ben accolto. Il mercato si sta sviluppando in modo altrettanto rapido. "Ha ricevuto anche un ulteriore impulso dalla pandemia di Corona, visto che ora più capitali stanno confluendo in progetti verdi", osserva Bos.

Quest'anno, secondo le sue stime, quest'anno arriveranno sul mercato obbligazioni verdi con un volume di circa 200 miliardi di euro. Vale quindi 700 miliardi di euro. E il prossimo salto quantico è previsto per il prossimo anno. Ciò è dovuto al fatto che l'Unione Europea emetterà obbligazioni per finanziare il suo pacchetto di incentivi economici per il coronavirus da 750 miliardi di euro - circa un terzo dei quali dovrebbero essere obbligazioni verdi. "Questo significa che il mercato, che è dominato per circa due terzi dall'euro e che ha una percentuale relativamente alta di obbligazioni societarie, ci offre delle scelte fantastiche.

Questa selezione a livello di emittente e di progetto è il compito più importante del gestore del fondo Bos. "Gli obiettivi perseguiti non sono sempre veramente sostenibili. Alcuni fanno anche un semplice greenwashing, si mettono un cappotto verde per motivi di marketing. Altri ancora non sono trasparenti o non forniscono informazioni sufficienti. Li risolviamo con una vendetta. In totale, circa il 15 per cento delle obbligazioni designate come verdi sono così rimosse dal nostro universo d'investimento".

Allo stesso tempo, Bos e i suoi colleghi controllano anche le emittenti. "Devono avere un rating ESG superiore alla media e, naturalmente, non devono essere coinvolti in alcuna controversia". È supportato da un comitato indipendente di investimento responsabile. "In questo modo, possiamo essere assolutamente certi di avere nel nostro portafoglio solo emittenti che prendono molto sul serio la protezione del clima", dice Bos. "Se, per esempio, un gestore aeroportuale emette un Green Bond per finanziare edifici ecologici e il trasporto di passeggeri a zero emissioni a terra, ma d'altra parte sta lavorando all'espansione dell'aeroporto e quindi, in sostanza, sta spianando la strada ad un aumento delle emissioni - allora non è giusto.

Un esempio positivo, tuttavia, è un'obbligazione verde emessa da un'azienda energetica tedesca. "La società svolge un ruolo di primo piano nella svolta energetica in Germania ed è coinvolta in settori quali i parchi eolici, le stazioni di ricarica per le auto elettriche e la costruzione di linee elettriche per la distribuzione di energia elettrica rinnovabile. Per questo motivo l'emettitore e la sua richiesta di un futuro più povero di CO2 ci sembrano credibili", spiega Bos.

Grazie a questo rigoroso processo di selezione, Bos è convinto di poter ridurre anche i rischi del suo portafoglio. "Gli emittenti con un rating ESG scadente sono generalmente più vulnerabili.Çhe, ad esempio, il management della società non è giusto, cioè la G di governance. Che i modelli di business sono messi in pericolo dall'intervento normativo. O che ci sono riserve di petrolio e di gas che giacciono dormienti nei bilanci, che in futuro potrebbero non valere più quello di cui si tiene conto oggi", enumera l'esperto e conclude: "È meglio non possedere le proprie obbligazioni in primo luogo.

L'esperto vede anche una piccola opportunità di rendimento supplementare nei prossimi mesi. "La domanda di obbligazioni veramente verdi è in aumento. La BCE potrebbe anche acquistare in futuro obbligazioni verdi nell'ambito del suo programma di acquisto di obbligazioni. Questo potrebbe far salire i prezzi", dice Bram Bos e sorride: "Sarebbe quasi come offrire prodotti biologici a prezzi più bassi rispetto a quelli prodotti in modo convenzionale. Quale compreresti?" ®

_________________

// Come investire - in Obbligazioni Verdi.

NN IP, l'asset manager del Gruppo NN (la più grande compagnia di assicurazioni sulla vita olandese), investe in Green Bond dal 2016 e attualmente offre tre fondi Green Bond: Il Fondo obbligazionario verde NN (L) (ISIN: LU1536922468) investe a livello globale in obbligazioni governative e societarie. Dal 2019 è disponibile una variante del fondo con sensibilità ai tassi d'interesse a breve termine, "Short Duration" (LU1922483455). Infine, quest'anno è stato lanciato il fondo NN (L) Corporate Green Bond Fund (LU2102358509), che investe esclusivamente in obbligazioni societarie. Tutti e tre i fondi investono solo in obbligazioni denominate in euro.

Il fondo NN (L) Green Bond Fund, come l'intero mercato delle obbligazioni verdi, è riuscito a riprendersi dal crollo della primavera di quest'anno e, secondo Morningstar, è salito del 4,21% dall'inizio dell'anno (al 06.11.20). Dal suo lancio (al 31.10.20), ha superato l'Indice Morningstar Category di 0,27 punti percentuali con un rendimento medio annualizzato del 3,89 per cento. Gli investitori sono inoltre tenuti regolarmente informati attraverso un regolare reporting su quanta CO2 il fondo risparmia finanziando progetti verdi, quanta energia viene generata in modo sostenibile e quali obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite sono promossi attraverso questo.

Inoltre, la società del fondo fornisce informazioni su come la direzione cerca di convincere gli emittenti a comportarsi in modo ancora più sostenibile.

_________________

Pubblicazione speciale:

NN Partner d'investimento

Bernd Riedel, Direttore Vendite Senior, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

49 151 12 22 00 06

c) istockphoto/studiocasper

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media