• Sonderveröffentlichung: B. Metzler seel. Sohn & Co.

U(ndeciso) Stati Uniti d'America.

Metzler 2B6T34G

Elezioni negli Stati Uniti. Le elezioni presidenziali si terranno negli Stati Uniti in autunno. Carolin Schulze Palstring, responsabile dell'analisi dei mercati dei capitali Metzler Private Banking, esamina le possibilità di elezione dei candidati e i possibili effetti sulla politica economica e monetaria.

Solo pochi mesi fa, una rielezione di Donald Trump sembrava quasi certa. Dopo tutto, i cittadini statunitensi tendono a rieleggere gli incumbent - almeno finché la situazione economica è buona. "Dei dodici presidenti che si sono candidati per un secondo mandato dalla seconda guerra mondiale, nove sono stati confermati in carica", informa Carolin Schulze Palstring, responsabile dell'analisi dei mercati dei capitali di Metzler Private Banking.

I tre candidati che non sono stati rieletti erano Gerald Ford, Jimmy Carter e George H. W. Bush. Sotto Ford si era verificata la famosa stagflazione, una combinazione di crescita economica lenta e inflazione elevata. Durante il mandato di Carter si sono sentite le conseguenze dell'aumento dei tassi di interesse di Volcker.Und Durante l'era Bush, il sistema americano di risparmio e di prestiti è crollato. Così, ogni volta, l'economia era in acque difficili.

Ray Fair, professore di economia all'Università di Yale, analizza i dati statunitensi dal 1916 e ha scoperto che la situazione economica e l'andamento dell'inflazione sono i principali fattori che determinano la maggioranza a Washington. "Sulla base del suo modello, abbiamo quindi simulato diversi scenari per l'esito delle elezioni di quest'anno", spiega Schulze Palstring. Il risultato: se nel 2020 il prodotto interno lordo e i prezzi si fossero sviluppati al livello medio del precedente mandato di Donald Trump, una seconda legislatura sarebbe stata per lui altrettanto sicura. Con l'epidemia di Covid-19, tuttavia, questo non è più realistico. "Se l'economia statunitense cadrà in una profonda recessione - come la maggior parte degli osservatori si aspetta attualmente - e l'inflazione si attenuerà temporaneamente, le sue possibilità di rielezione diminuiranno drasticamente".

C'è però un barlume di speranza per i repubblicani: se l'economia si riprendesse rapidamente a V dopo la recessione, il presidente avrebbe ancora una possibilità realistica - secondo il modello di Fair. "La rielezione di Donald Trump è direttamente legata agli sviluppi economici. Si può quindi presumere che l'attuale governo continuerà a fare tutto il possibile per sostenere l'economia ed evitare turbolenze nel settore finanziario e ondate di insolvenze aziendali", ne è convinto Schulze Palstring.

Dopo tutto, la posta in gioco in queste elezioni è molto più alta - e molti osservatori non se ne rendono nemmeno conto - della prossima legislatura. "Si tratta di rimanere al potere per il prossimo decennio".

E' già evidente che i Democratici stanno beneficiando dei cambiamenti demografici più dei Repubblicani. Gli strati della popolazione a orientamento liberale, che generalmente comprendono anche minoranze etniche e giovani, sono in costante crescita, mentre l'elettorato del classico Partito Repubblicano si sta riducendo in proporzione. Tra questi ultimi ci sono soprattutto bianchi e anziani.

Metzler 545546656080 Metzler

Tuttavia, il "Grande Vecchio Partito" (GOP) potrebbe, con un trucco politico, riuscire ad ottenere maggioranze politiche a lungo termine - contrariamente alla tendenza demografica. Negli USA prevale il sistema di voto a maggioranza relativa, noto anche come principio "Winner takes it all". Il principio è che viene eletto il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti nella sua circoscrizione. Tutti i voti che non sono stati espressi per il vincitore sono persi. A seconda di come gli elettori dei partiti sono distribuiti a livello regionale, i risultati elettorali possono quindi differire molto dalla reale rappresentanza proporzionale nella popolazione nel suo complesso.

Per questo motivo i principali partiti stanno cercando di ottenere dei vantaggi attraverso una sartoria intelligente delle circoscrizioni elettorali. Ciò è possibile perché in molti Stati il partito al potere è autorizzato a determinare le circoscrizioni più o meno arbitrariamente ogni dieci anni sulla base di un nuovo censimento. Devono solo avere lo stesso numero di abitanti e non è consentita alcuna discriminazione nei confronti delle minoranze etniche. I risultati del prossimo censimento saranno disponibili nel dicembre 2020. Il privilegio di ridefinire i collegi elettorali spetta quindi al vincitore delle elezioni di quest'anno.

Una valutazione del Center for American Progress mostra che di recente sono stati i repubblicani a beneficiare maggiormente dei tagli alla popolazione. Nelle ultime tre elezioni del Congresso nel 2012, 2014 e 2016, una media di 59 seggi è stata riassegnata sulla base dei soli tagli alle circoscrizioni. Di questi, 39 sono andati ai repubblicani e 20 ai democratici. Quindi "netto" significa che il MOP ha guadagnato 19 posti.

A prima vista non sembra un granché. Ma questi 19 seggi rappresentano circa 14,3 milioni di americani e sono rappresentativi della popolazione dei 13 stati più piccoli degli Stati Uniti. "La conclusione è che la vittoria delle elezioni repubblicane di quest'anno aumenterà anche le loro possibilità di rimanere al potere nel prossimo decennio, anche in controtendenza demografica", dice l'esperto.

Questo collegamento non è ovviamente rimasto nascosto ai democratici avversari. Ecco perché - secondo un'analisi dell'Università della California, Irvine - hanno recentemente intentato più cause contro presunte leggi elettorali repressive e tagli alle circoscrizioni elettorali che in qualsiasi altro momento da quando è iniziata la valutazione nel 1996. Il loro problema: le decisioni fondamentali negli Stati Uniti sono di solito prese dalla Corte Suprema, che attualmente è piuttosto di carattere repubblicano. Cinque dei nove giudici in carica appartengono al campo dei conservatori.

In futuro, questo equilibrio di potere potrebbe addirittura spostarsi ulteriormente. I giudici della Corte Suprema sono nominati a vita. Le dimissioni vengono quindi spesso effettuate solo per motivi di salute. Due dei quattro titolari di carica nominati dai Democratici hanno più di 80 anni. Se ci saranno posti vacanti nella prossima legislatura, il nuovo presidente potrà, con l'approvazione del Senato, occupare questi posti. Quindi una vittoria elettorale di Trump potrebbe significare un enorme guadagno di potere per i repubblicani.

Lo stesso vale per la Federal Reserve. L'organo di governo della Federal Reserve è composto da sette persone. Negli ultimi tre anni, Donald Trump ha nominato tre nuovi membri e Jerome Powell è diventato presidente. Poiché due posizioni nel consiglio di amministrazione sono attualmente vacanti, degli attuali membri della Fed solo Lael Brainard non è stato nominato da Trump.

Nella prossima legislatura, il nuovo presidente potrà riassegnare le cariche di presidente e vicepresidente. E nominare i successori di Michelle Bowman, Richard Clarida e dei due posti vacanti con un mandato di 14 (!) anni ciascuno. In breve: se Donald Trump venisse rieletto, avrebbe l'opportunità di lasciare il suo segno sulla Fed per tutto il decennio.

"La conseguenza sarebbe probabilmente una tendenza a lungo termine verso una politica di bassi tassi d'interesse", precisa Carolin Schulze Palstring, "a breve termine questo potrebbe essere giusto e importante per stabilizzare l'economia in tempi di corona. A lungo termine, tuttavia, questo getterà le basi per la prossima crisi, poiché gli squilibri macroeconomici, ad esempio sotto forma di debito o di eccesso di prezzo degli immobili, cresceranno.

Considerato l'enorme margine istituzionale per dare forma alle elezioni, c'è da temere che i due partiti saranno più aperti che mai nella campagna elettorale. Una cooperazione costruttiva dopo le elezioni è quindi improbabile. "Per le prospettive economiche a medio termine è quindi meno decisivo quale partito vince le elezioni. ...ma piuttosto se il vincitore delle elezioni controllerà anche il Congresso".

Mentre il presidente ha prerogative in politica estera e nella nomina dei funzionari (Fed, Corte Suprema), dipende dal Congresso per la politica interna e la legislazione sul bilancio.

Se il presidente controllava l'intero Congresso, nel suo primo anno di mandato ha attuato più della metà dei suoi piani. Quando il potere è condiviso, il tasso di implementazione è sceso fino al 25%. "Se il prossimo presidente non sarà in grado di raggiungere le maggioranze del Congresso, la politica interna sarà minima". "Gli Stati Uniti rimarrebbero paralizzati. E il presidente non avrebbe altra scelta che concentrarsi sulla politica estera - come negli ultimi due anni - e governare per decreto", chiarisce Schulze Palstring.

Quanto è probabile che i rapporti di potere precedentemente divisi in seno al Congresso possano essere risolti?

Oltre al Presidente degli Stati Uniti, tutti i 435 membri della Camera dei Rappresentanti e un terzo del Senato (33 seggi su 100) saranno candidati alle elezioni del 3 novembre.

Nella prima camera del Congresso, la Camera dei rappresentanti, i Democratici hanno una comoda maggioranza con 232 seggi. I repubblicani dovrebbero vincere 18 seggi (più le quattro posizioni che si sono rese vacanti) in aggiunta ai 196 seggi esistenti per uscire vittoriosi dalle elezioni. Secondo il rapporto politico Cook dell'inizio del 2020, 18 circoscrizioni democratiche sono attualmente in una corsa al collo, mentre solo cinque circoscrizioni repubblicane sono in procinto di farlo. Così, il GOP dovrebbe vincere tutte le circoscrizioni con "candidati che annuiscono" democratici e allo stesso tempo non perdere nessuno dei propri seggi. "Anche se non impossibile in teoria, gli ostacoli a un'acquisizione repubblicana alla Camera dei Rappresentanti sembrano molto alti", conclude l'esperto.

Al contrario, i Democratici al Senato dovrebbero vincere tutti e quattro i seggi con "candidati traballanti" dei Repubblicani senza perdere nessuno dei loro seggi per riconquistare la maggioranza. "Anche questo sembra improbabile in questo momento. C'è quindi molto da dire per un'ulteriore divisione dei poteri nella prossima legislatura", dice Schulze Palstring.

Che cosa ci si aspetta da questa politica in futuro? "Anche se entrambe le parti hanno priorità diverse nei settori della sanità, dell'immigrazione, della fiscalità e della protezione dell'ambiente, una cosa dovrebbe essere chiara: Il debito pubblico continuerà a crescere notevolmente", afferma l'analista. "Nei prossimi trimestri, l'aumento della disoccupazione e i fallimenti delle imprese porteranno a un calo del gettito fiscale. Questo da solo farà un grosso buco nelle casse pubbliche se il comportamento di spesa rimane invariato", analizza Schulze Palstring. Inoltre, è prevedibile che l'economia richiederà impulsi da parte dello Stato anche dopo il superamento della fase acuta dell'epidemia di corona.

Tuttavia, la forma di queste misure può variare a seconda della parte che decide: Ad esempio, i repubblicani sono noti per la loro politica fiscale favorevole alle imprese, che si concentra principalmente sul lato delle entrate - cioè sulle agevolazioni fiscali - konzentriert. Molti operatori del mercato si aspettano quindi che la vittoria elettorale di Trump abbia un impatto positivo sull'economia e sul mercato azionario.

Ciò che qui viene trascurato è che i Democratici hanno anche pacchetti di stimolo economico nel loro programma. Tuttavia, la loro attenzione si concentra chiaramente sul lato delle spese del bilancio nazionale. Sono in corso discussioni, ad esempio, sui programmi infrastrutturali o sugli aiuti alle famiglie. "Una vittoria democratica non deve quindi necessariamente avere un effetto frenante sull'attività economica negli Stati Uniti", spiega Schulze Palstring. Gli studi dell'Ufficio del bilancio del Congresso dimostrerebbero addirittura che una spesa pubblica diretta più elevata ha un effetto molto più forte sull'economia rispetto ai tagli alle tasse.

I programmi delle due parti sono simili anche su un altro punto: il protezionismo. Secondo un'indagine del PEW Research Center, più di due terzi dei repubblicani, ma anche significativamente più della metà dei democratici, considerano le pratiche commerciali della Cina in modo critico.

080 Metzler 2

"Anche in uno scenario di potere diviso, si può quindi presumere che gli Stati Uniti continueranno la loro strategia di costanti punture di spilli e gesti minacciosi per contenere l'influenza della Cina", ne è convinto Schulze Palstring e conclude: "A nostro avviso, la speranza di una soluzione duratura del conflitto commerciale è quindi infondata. Al contrario, ci si deve aspettare che la politica commerciale protezionistica degli Stati Uniti continui anche dopo le elezioni di novembre. La tendenza alla deglobalizzazione dovrebbe quindi continuare". ®

Pubblicazione speciale:

B. Metzler seel.Sohn & Co.

Società in accomandita semplice aufAktien

Untermainanlage 1

60329 Francoforte sul Meno

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media