• Yvonne Döbler

Evitare l'insolvenza - una guida per i manager aziendali in crisi.

iStock Inso1004929340Indennità per brevi periodi di lavoro, sostegno alla liquidità fiscale, assistenza finanziaria - il governo federale o l'UE non solo fornisce denaro agli imprenditori in difficoltà. Un concetto generale dovrebbe evitare che le imprese effettivamente sane debbano presentare una domanda di insolvenza. Cinque punti sono particolarmente importanti qui!

01/// I fondi del Fondo di stabilizzazione economica, i prestiti KfW, i differimenti d'imposta o le garanzie governative riducono le gravi strozzature di liquidità

I moduli di richiesta e i requisiti sono disponibili all'indirizzo: kfw.de/corona

02// L'obbligo di presentare una domanda di insolvenza è attenuato

Il problema:

I gestori di determinate forme giuridiche (in particolare la GmbH, AG, GmbH & Co. KG) devono presentare una domanda di insolvenza al più tardi entro tre settimane dal verificarsi dell'insolvenza o del sovraindebitamento (sezione 15a InsO). Il periodo di tre settimane inizia con il verificarsi dell'insolvenza o del sovraindebitamento oggettivo - in ogni caso se il gestore avrebbe potuto riconoscere l'insolvenza o il sovraindebitamento con la dovuta attenzione.

La soluzione:

Ai sensi della legge sulla sospensione dell'insolvenza COVID-19 (COVInsAG), l'obbligo di presentare una domanda di insolvenza secondo i vecchi criteri noti è sospeso fino al 30 settembre 2020 se (1) l'incapacità di pagare è dovuta alle conseguenze della pandemia COVID-19 e (2) vi sono prospettive di eliminare l'incapacità di pagare entro il 30 settembre 2020. Il legislatore ha fornito ai dirigenti una generosa regola di presunzione a tal fine. In caso di insolvenza della società al 31 dicembre 2019, si presume che queste due condizioni richiedano la sospensione dell'obbligo di dichiarazione di insolvenza. Il sovraindebitamento come secondo motivo di insolvenza è temporaneamente sospeso per intero fino al 30 settembre 2020.

In questo modo si garantisce che il sostegno statale alla liquidità raggiunga effettivamente le imprese senza che i dirigenti violino i loro obblighi di dichiarazione di insolvenza, poiché l'elaborazione delle richieste di indennità di lavoro a breve termine, del denaro del Fondo di stabilizzazione economica, delle garanzie federali e del prestito per imprenditori KfW richiede un certo tempo. . Lo stesso vale per le misure governative che alleggeriscono il lato passivo dello stato di liquidità, come i differimenti d'imposta o la riduzione degli acconti d'imposta", spiega il Dr. Christian Brünkmans, avvocato e socio di Flick Gocke Schaumburg a Bonn.

L'idea: le aziende con un modello di business stabile la cui insolvenza è causata dalla pandemia COVID 19 non dovrebbero essere costrette a presentare istanza di insolvenza.

Suggerimento dell'avvocato:

Le aziende già insolventi o che diventeranno insolventi nel prossimo futuro dovrebbero, a titolo precauzionale, esaminare e documentare la causalità degli effetti della pandemia COVID-19, come il calo delle vendite dovuto alla chiusura di attività, la perdita di produzione, le misure di quarantena, ecc. Inoltre, deve essere preparato un piano di liquidità valido che dimostri che la solvibilità può essere ripristinata entro il 30 settembre 2020 - se necessario tenendo conto delle misure di aiuto pubblico.

03// La responsabilità dei dirigenti per i pagamenti quando la società è pronta per l'insolvenza durante il periodo di sospensione è limitata.

Il problema:

"Normalmente i dirigenti sono personalmente responsabili dei pagamenti che effettuano anche se l'azienda è pronta per l'insolvenza - cioè è insolvente o sovraindebitata", spiega il Dr. Matthias Merkelbach, avvocato e socio di Flick Gocke Schaumburg a Bonn. Come "regola generale", l'incapacità di pagare esiste sempre quando il divario tra le attività liquide e le passività dovute è superiore al dieci per cento. Eccezione alla responsabilità personale: il pagamento corrisponde alla diligenza di un manager aziendale prudente.

La soluzione:

Nella misura in cui l'obbligo di dichiarazione di insolvenza è sospeso, i pagamenti effettuati nel corso del normale svolgimento dell'attività sono considerati compatibili con la diligenza di un amministratore prudente e coscienzioso e non fanno scattare alcuna responsabilità dell'amministratore (§2 comma 1 n. 1 COVInsAG).

Suggerimento dell'avvocato: il manager dovrebbe comunque sempre verificare se i pagamenti sono necessari. In caso di dubbio, "guida a vista".

04// Sospensione della subordinazione per i finanziamenti soci concessi durante il periodo di sospensione.

Il problema: "
Se gli azionisti concedono prestiti per migliorare la liquidità, sono subordinati in caso di insolvenza. Per questo motivo molti azionisti evitano di concedere all'azienda un nuovo prestito in fasi critiche", sa il Dr. Christian Brünkmans.

La soluzione: il
legislatore ha deliberato tre importanti rivalutazioni dei prestiti dei soci da parte della COVInsAG

- Se durante il periodo di sospensione (attualmente dal 1° marzo al 30 settembre 2020) vengono concessi prestiti ai soci e rimborsati entro il 30 settembre 2023, ciò non può essere contestato ai sensi della legge sull'insolvenza.

- Se la procedura di insolvenza viene richiesta entro il 30 settembre 2023, i prestiti dei soci concessi durante il periodo di sospensione non sono considerati subordinati ai sensi dell'articolo 39, comma 1, n. 5 dell'InsO, ma sono considerati come semplici crediti da insolvenza (articolo 38 dell'InsO).

Ma: è discutibile se questo privilegio si applichi anche ai prestiti dei soci concessi durante il periodo di sospensione per le società non pronte per l'insolvenza ai sensi del § 2 comma 2 COVInsAG. "Non è chiaro se il presupposto sia almeno la difficoltà economica", dice Christian Brünkmans.

05// Assicurare la liquidità attraverso il diritto di rifiutare le prestazioni a breve termine

Il problema:

Gli obblighi di continuità - come i contratti di assicurazione o i contratti di fornitura di energia - rappresentano spese mensili che rappresentano un onere particolare per le aziende nella crisi della corona.

La soluzione:

Per i consumatori e i piccoli imprenditori è stato introdotto il diritto di rifiutare la prestazione per i contratti conclusi prima dell'8 marzo 2020. Se l'imprenditore può dimostrare in modo credibile che non è possibile fornire il servizio senza mettere in pericolo le basi economiche della sua attività e che questo pericolo è dovuto alla pandemia COVID 19, può rifiutare la prestazione dal 1° aprile 2020 al 30 giugno 2020.

Inoltre, è stato introdotto un cosiddetto "lock-out" su affitti e locazioni per tutte le imprese, non solo per i consumatori e le piccole imprese. Se i locatari o gli affittuari si rifiutano di pagare nel periodo dal 1° aprile 2020 al 30 giugno 2020, i locatori e i locatori non possono rescindere il contratto se l'inadempimento è dovuto agli effetti della pandemia COVID 19 e questo collegamento può essere dimostrato in modo credibile.

Il diritto di recesso del locatore per altri motivi rimane invariato.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media