• Klaus Meitinger

Il sismografo del mercato dei capitali rimane freddo nel panico della corona.

Cari lettori,

Mentre i mercati azionari sono stati scossi da crampi virali, il sismografo del mercato dei capitali rimane investito. "Abbiamo ricalcolato ogni giorno, e la somma delle probabilità "buone" verde e giallo si sono spostate solo minimamente dai loro massimi. Di conseguenza, la probabilità di turbolenze negative è aumentata solo in minima parte nonostante il panico sui mercati azionari", informa Oliver Schlick.

Come sapete, il sismografo del mercato dei capitali distingue tre fasi: "verde" (mercato calmo = comprare), "giallo" (mercato turbolento con aspettativa positiva = investire, ma con copertura) e "rosso" (mercato turbolento con aspettativa negativa = non investire) "Dal punto di vista del sismografo non c'è quindi attualmente alcun motivo per tirare il cavo di strappo. Al contrario, continua a raccomandare una ponderazione azionaria offensiva", osserva Schlick.

Interessante. Una volta - nell'ottobre 2019 - il sismografo non era stato irritato da una massiccia correzione e ha mantenuto la sua elevata ponderazione dei titoli azionari nel suo portafoglio. All'epoca, questa è stata proprio la chiave dell'ottima performance degli ultimi mesi dell'anno.

Il sismografo avrà di nuovo ragione? In effetti, oggi è quasi impossibile fare una dichiarazione affidabile sugli effetti del virus corona sull'economia globale. Ciò è dimostrato anche dall'analisi delle innumerevoli relazioni bancarie su questo tema.

Possiamo probabilmente presumere che il numero di casi corona aumenterà in modo significativo nelle prossime settimane. E possiamo supporre che molte aziende registreranno massicce perdite di fatturato e di utili per il primo trimestre del 2020.

Tuttavia, non è possibile rispondere alla domanda chiave: Il crollo del primo trimestre si trasformerà in una profonda recessione globale? In questo caso, l'analisi del fair value del barometro del mercato azionario del patrimonio privato indicherebbe una potenziale battuta d'arresto del DAX nella regione tra 7000 e 8500 punti.

Oppure sarà possibile prevenire la recessione attraverso misure di politica economica espansiva? Poi la ripresa economica continuerebbe nella seconda metà del 2020 e le turbolenze degli ultimi giorni rimarrebbero solo un breve episodio nel diario di borsa 2020.

"Il mercato dei capitali può affrontare meglio la minaccia di un rallentamento dell'economia e la valutazione delle contromisure che un virus incontrollabile. In Asia sono già state parzialmente attuate misure di espansione fiscale e monetaria, in Germania e in Europa sono in fase di preparazione programmi di stimolo economico, la Federal Reserve statunitense ha abbassato il tasso di interesse di riferimento e probabilmente anche la BCE interverrà. - Tutte queste contromisure vengono accolte positivamente e il sismografo punta nella stessa direzione", osserva Schlick

Nelle prossime settimane, è ora importante controllare attentamente se queste misure funzionano effettivamente. Il fattore decisivo sarà la rapida stabilizzazione dopo il crollo programmato dei primi indicatori economici.

Conclusione:

Poiché il sismografo continua a suggerire una ponderazione offensiva della componente azionaria, l'indicatore del mercato azionario del settore privato suggerisce ancora una ponderazione attuale nella gamma superiore della larghezza di banda tra il 30 e il 70 per cento della componente azionaria pianificata individualmente. Tuttavia, gli investitori devono essere ancora preparati alle forti fluttuazioni. Rimaniamo in guardia e vi informeremo immediatamente se il sismografo renderà necessario un adeguamento della quota di capitale proprio.

Il vostro

Klaus Meitinger

Nota: nonostante l'accurata selezione delle fonti, non ci si può assumere alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato hanno solo scopo informativo e non costituiscono un invito all'acquisto o alla vendita di titoli.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media