• Klaus Meitinger

Il prossimo domino.

iStock 863883990Mentre il mercato azionario è in preda al panico, le perdite in obbligazioni societarie sono relativamente modeste. Questo potrebbe cambiare.

Ricordiamo ancora un'analisi di Pictet Bank nell'ottobre del 2018, quando gli svizzeri osservarono da vicino il mercato delle obbligazioni societarie e scrissero: "Attenzione agli angeli caduti".

La catena del ragionamento è andata così: molti grandi investitori possono acquistare solo le cosiddette obbligazioni investment grade - cioè carte con un buon o ottimo rating di credito. Il loro rating deve essere almeno BBB (dell'agenzia Standard & Poors) o Baa (di Moodys).

In passato, la percentuale di obbligazioni che rientrano in questa categoria è aumentata drasticamente. La carta con rating BBB, scriveva Pictet, rappresenta oggi circa la metà del mercato obbligazionario corporate negli Stati Uniti e in Europa.

Ovviamente, molte aziende hanno approfittato delle opportunità dell'era dei bassi tassi d'interesse e hanno preso in prestito massicciamente sul mercato dei capitali per rinegoziare i finanziamenti bancari, pagare per le acquisizioni o finanziare il riacquisto di azioni e il pagamento dei dividendi.

Il problema: nella prossima recessione, ha detto Pictet, una parte significativa di questi mutuatari sarà probabilmente declassata dalle agenzie di rating e perderà i loro BBB. Le obbligazioni di investimento diventeranno le cosiddette obbligazioni ad alto rendimento - in gergo di mercato, queste carte sono angeli cadenti, angeli caduti. Se siete autorizzati a investire solo in obbligazioni di tipo investment-grade, dovete venderle. La domanda interessante è quindi: il mercato ad alto rendimento, il cui volume totale comprende solo un terzo dei titoli BBB, può assorbire questo materiale? E a quale prezzo? Pictet ha concluso all'epoca: la carta con rating BBB è la parte meno interessante dell'intero mercato obbligazionario.

Oggi, con l'aumentare della probabilità di una recessione, questa storia sta diventando un argomento scottante

Nel complesso, l'indebitamento del settore delle imprese statunitensi rispetto al PIL è attualmente più elevato che mai. Se l'epidemia di corona dovesse portare a gravi problemi nell'economia globale, un certo numero di aziende fortemente indebitate si troverebbe probabilmente in enormi difficoltà e il numero di insolvenze aumenterebbe

Cosa succede allora? Facciamo un esperimento di pensiero: I rendimenti in questo segmento di mercato aumenterebbero in modo significativo per compensare il maggiore rischio di fallimento. I prezzi comincerebbero a scendere. Gli investitori in fondi ad alto rendimento dovrebbero ora affrontare perdite e ridurre le loro posizioni. I gestori dei fondi dovrebbero vendere per creare liquidità. E non solo loro. Anche i normali fondi obbligazionari, i fondi misti e i fondi multi-asset, nella loro disperata ricerca di rendimenti, hanno ampliato molto la quota di obbligazioni ad alto rendimento nei loro portafogli negli ultimi anni. Ciò significa che hanno fatto molto bene, soprattutto nel 2019. I gestori di questi fondi probabilmente cercherebbero anche di ridurre rapidamente le loro posizioni se il peggio dovesse accadere.

Chi comprerebbe? La porta d'uscita diventerebbe ora molto stretta molto rapidamente. E il prossimo domino sul mercato dei capitali cadrebbe.

Naturalmente, non deve per forza succedere così. Ma dovreste almeno considerare questa possibilità nell'attuale revisione del vostro portafoglio.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media