• Sonderveröffentlichung: Robeco Deutschland

Circolo Virtuoso.

Robeco shutterstock 1845342154Economia circolare. Il modello di produzione tradizionale della società dell'usa e getta sta raggiungendo i suoi limiti in un mondo di risorse scarse e danni ambientali crescenti. La transizione verso un'economia che ricicla costantemente le risorse può offrire una via d'uscita. Gli esperti di Robeco hanno trasformato questo in un interessante tema d'investimento.

Dagli anni '50, più di otto miliardi di tonnellate di plastica sono state prodotte in tutto il mondo. Il 79% di questo è finito nelle discariche o nell'ambiente. Più di cinquemila miliardi di pezzi di plastica galleggiano oggi negli oceani. "Se continuiamo così, entro il 2050 negli oceani del mondo ci saranno più pezzi di plastica in peso che pesci", informa Stefanie Rath, specialista di prodotto di Robeco, chiedendo: "Lo vogliamo davvero?"

L'esempio della plastica è un'illustrazione particolarmente impressionante dei problemi che il mondo dovrà affrontare nei prossimi anni. "Ogni anno consumiamo 1,6 volte le risorse disponibili che il pianeta blu produce attualmente. E se ogni persona consumasse quanto il cittadino medio americano, avremmo bisogno di ben cinque Terre", dice Rath.

È già intuitivamente ovvio che questo non può funzionare. E c'è di peggio. "Cosa succede se il numero di persone appartenenti alla classe media globale affluente aumenta da 3,5 miliardi nel 2017 a 5,3 miliardi nel 2030, come previsto dalla Commissione europea?

"Il tradizionale approccio lineare di take, make and dispose, cioè prendere, fare e buttare, non ha futuro", conclude Stefanie Rath. "Abbiamo una crescente scarsità di risorse da un lato, e il gigantesco problema dei rifiuti dall'altro. Ecco perché abbiamo bisogno di un nuovo principio industriale. E questo può essere solo l'economia circolare".

L'idea di base è quella di utilizzare le risorse il più a lungo possibile e di riciclarle continuamente per trarne il massimo beneficio. "Ci sono calcoli secondo i quali, aumentando la creazione di valore circolare dall'attuale nove al 15 per cento, potremmo fare a meno di un volume di estrazione annuale di sette miliardi di tonnellate di combustibili, minerali e biomassa entro il 2030", informa Stefanie Rath.

Lentamente ma sicuramente, queste scoperte stanno arrivando ai consumatori. "È incoraggiante vedere quante persone in tutto il mondo partecipano agli eventi 'Fridays for Future', che le vendite di cibo biologico hanno raggiunto un nuovo record in questo paese l'anno scorso, o quante persone fanno attenzione a non comprare plastica o a mangiare meno carne", giudica Rath. Allo stesso tempo, i politici stanno esercitando pressioni. Regolamenti come il divieto di produzione di plastica monouso in tutta l'UE, che entrerà in vigore il 1° luglio di quest'anno, mostrano chiaramente la direzione in cui le cose stanno andando. Lontano dalla società dell'usa e getta". Verso un maggiore uso di materie prime rinnovabili e il riciclaggio".

Questo, secondo i calcoli di Robeco e Accenture, crea un enorme potenziale economico. Nel complesso, dicono gli esperti, un mercato globale di 4,5 trilioni di dollari potrebbe essere sbloccato passando a un'economia circolare con più riciclo o riprogettando i prodotti. Questo presenta enormi opportunità per le aziende che operano in tale settore.

Per garantire che anche gli investitori possano trarne beneficio, gli esperti di Robeco hanno confezionato quattro diversi punti di partenza in un unico fondo - Re-Design, Enabling Technologies, Circular Use e Circular Resources.

"Il primo e più importante, perché questo determina circa l'80% dell'impatto ambientale, è la fase di progettazione, che noi chiamiamo Re-Design Input", spiega lo specialista del prodotto. Si tratta di prestare attenzione alle risorse utilizzate e alla loro riciclabilità o biodegradabilità fin dalla fase di progettazione di un prodotto. Un esempio calzante è un fornitore di alternative di legno di alta qualità per le tavole da terrazza. L'azienda usa i rifiuti - legno riciclato e fogli di plastica usati - per generare un nuovo prodotto che ha una lunga durata ed è relativamente economico.

La seconda area di investimento è quella delle tecnologie abilitanti. "Le aziende del settore IT usano la digitalizzazione per collegare e ottimizzare l'intera catena del valore e della fornitura. In questo modo, si può ottenere, per esempio, che meno cibo si rovini o che il tasso di ritorno per gli ordini online diminuisca. Di conseguenza, la quantità di stock invendibile nel settore del commercio al dettaglio diminuisce, e la quantità di rifiuti che vanno in discarica diminuisce".

C'è anche la questione della sharing economy e dell'uso circolare. "L'uso circolare può essere ben dimostrato nel settore dell'abbigliamento. Soprattutto tra i giovani, vediamo una chiara tendenza verso l'abbigliamento durevole, di ottima qualità e anche di seconda mano". Questo è uno sviluppo dirompente per l'industria della moda, che finora è stata caratterizzata da una forte stagionalità e da prodotti in rapida evoluzione. Per esempio, ci sono sempre più produttori di abbigliamento outdoor che fanno a meno di sostanze chimiche nocive e prestano attenzione alla durata particolarmente lunga dei loro prodotti.

L'approccio nella quarta area - risorse circolari - è quello di riciclare tutti i componenti di un prodotto in qualche forma. Sempre più aziende di tecnologia medica, per esempio, riprendono sempre più attrezzature come gli scanner per la tomografia computerizzata alla fine della loro vita utile e le rendono di nuovo completamente funzionali. Gli acquirenti ottengono l'attrezzatura restaurata per meno, e nuovi gruppi di clienti possono essere sfruttati che non sarebbero in grado di permettersi un nuovo dispositivo. "Con il cambiamento della coscienza dei consumatori e l'aumento dei regolamenti, i titoli delle aziende che usano le nostre risorse in modo responsabile dovrebbero sovraperformare il mercato nel lungo periodo". ®

––––––––––––––––––––––

// Come investire - nell'economia circolare.

Un modo per investire specificamente nell'economia circolare è attraverso il fondo RobecoSAM Circular Economy Equities. "Per prima cosa cerchiamo nell'universo degli investimenti le aziende che si adattano a uno dei temi di Re-Design, Enabling Technologies, Circular Use e Circular Resources. Inoltre, applichiamo criteri di esclusione e i nostri criteri di sostenibilità", spiega Stefanie Rath. Questo è completato da un'analisi quantitativa che include la posizione di mercato dell'azienda, la posizione competitiva, la forza del bilancio, la redditività e la valutazione. Questo si traduce in un portafoglio ampiamente diversificato di 40-80 azioni. Dal suo lancio nel gennaio 2020, il fondo ha generato un rendimento del 23% annuo al netto dei costi del fondo (in EUR, classe di azioni D) e ha chiaramente sovraperformato l'indice di riferimento MSCI World. (al 31.03.2021)

––––––––––––––––––––––

Pubblicazione speciale:

Robeco Germania

www.robeco.de

Taunusanlage 17, 60325 Francoforte, Germania

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media