• Sonderveröffentlichung: Robeco Deutschland

Bellissimo nuovo mondo finanziario.

062 Robeco 852000444FinTech. Molte industrie sono già state sconvolte dalla digitalizzazione. Patrick Lemmens e Jeroen van Oerle sono convinti che ora è la volta del settore finanziario di Robeco. Identificano i vincitori e i perdenti.

Il futuro è arrivato da tempo nelle cucine di Bangkok. Sempre più persone pagano con il proprio smartphone invece che in contanti. Secondo le stime del gestore patrimoniale Robeco, il numero di transazioni senza contanti con carte di credito, smartphone o online sta crescendo in tutto il mondo dell'undici percento all'anno. Cash, concludono Patrick Lemmens e Jeroen van Oerle, portfolio manager di Robeco, sta diventando sempre più un'eccezione.

"Tuttavia, la crescita massiccia dei sistemi di pagamento mobile è solo uno degli aspetti della digitalizzazione del settore finanziario. La rivoluzione FinTech è una delle più grandi megatendenze del nostro tempo", spiegano Lemmens e van Oerle, "un cambiamento distruttivo di lunga durata che sconvolge lo status quo e i cui effetti si faranno sentire per anni.

Oggi, per la prima volta, ciò dà già oggi a circa due miliardi di persone la possibilità di aprire i propri conti bancari e di prendere in mano i propri affari finanziari. Nuove opzioni, come i trasferimenti mobili e le transazioni di titoli o le chat con il personale della banca in qualsiasi momento, sono sempre più utilizzate dai clienti. E in futuro, l'intelligenza artificiale potrebbe creare opportunità completamente nuove nella gestione patrimoniale e nell'analisi aziendale. Le applicazioni Big Data assicurano che l'asset management sia all'avanguardia o che molti processi aziendali assicurativi siano automatizzati in futuro. E la tecnologia del libro mastro distribuito dietro la catena di blocco rischia di accelerare e ridurre il costo delle transazioni finanziarie.

I mercati emergenti, in particolare, offrono un enorme potenziale. "In Asia, ad esempio, il settore finanziario ha già creato un sistema di pagamento mobile completamente integrato, un grande ecosistema a cui tutti possono partecipare", spiega van Oerle. "E poi c'è la grande base di clienti potenziali, che apre un enorme potenziale di crescita per il settore finanziario grazie alle nuove tecnologie".

"L'uso di nuove tecnologie non solo apre opportunità di business completamente nuove, ma rende anche molti processi più efficienti e quindi migliorerà la redditività del 'vecchio' settore finanziario", sostengono i due esperti. Si prevede pertanto una crescente tendenza alla cooperazione tra le giovani FinTechs e gli istituti di credito esistenti. "Mentre i primi acquisiscono una clientela più ampia, i fornitori di servizi finanziari tradizionali beneficiano dell'accesso a tecnologie innovative", spiega Lemmens.

Per i gestori di fondi Robeco, questo apre un'ampia gamma di interessanti opportunità di investimento. "Oggi, l'universo FinTech comprende già più di 200 aziende con un valore medio di mercato di dodici miliardi di dollari. Inoltre, in futuro ci saranno molte altre interessanti IPO da start-up", spiega Lemmens.

Al fine di individuare i favoriti del cambiamento dinamico del fondo Robeco Global FinTech Equities, lanciato alla fine del 2017, i gestori dei fondi distinguono tre aree. Tra i "vincitori affermati" ci sono aziende come VISA. "Hanno costruito una forte posizione di mercato nel corso degli anni, sono stabili e crescono a bassi tassi a due cifre", spiega van Oerle.

Inoltre, ci sono i cosiddetti "facilitatori" - aziende come SS&C o Temenos - i cui percorsi di crescita sono ben prevedibili e le cui banche e fornitori di servizi finanziari contribuiscono allo sviluppo e all'implementazione delle nuove tecnologie. E poi ci sono i "challenger", aziende giovani e in rapida crescita come Square, Green Dot o Wirecard, che hanno il potenziale per diventare i vincitori di domani. "Sebbene i tassi di crescita del fatturato e degli utili siano molto elevati, anche le valutazioni delle azioni sono piuttosto ambiziose", spiega Lemmens e conclude: "L'arte di comporre un portafoglio FinTech di successo è ora quella di combinare queste aree in un primo passo in modo tale che opportunità e rischio siano in un rapporto equilibrato".

Il secondo passo è la selezione delle aziende più promettenti. "Prestiamo grande attenzione a dati fondamentali come la valutazione, le revisioni degli utili e la gestione responsabile", afferma van Oerle. Oltre alla capacità di valutare i rapporti finanziari, è necessaria anche una grande quantità di know-how tecnico. "Analizziamo da vicino la forza innovativa e la tecnologia delle aziende per valutare i fattori di crescita e quindi i margini di profitto attesi per il futuro", spiega Lemmens: "Se questi sono sottovalutati dal mercato, allora investiamo.

Tuttavia, un investimento in questo settore non è privo di rischi. Perché ci sono tre importanti fattori di incertezza: il sistema normativo, le frodi con danni alle immagini corrispondenti o attacchi informatici in cui vengono rubati dati sensibili dei clienti. "Il problema è che tali eventi sono virtualmente imprevedibili. Essi causeranno sempre irritazione e maggiori fluttuazioni dei prezzi, ma non cambieranno la tendenza a lungo termine", analizza van Oerle.

Nel loro portafoglio, affrontano questa sfida con un'ampia diversificazione (vedi sotto), un approccio a lungo termine e una chiara disciplina nelle decisioni di acquisto e di vendita. "Investiamo nei migliori valori delle tre aree. E aumenteranno gradualmente le loro posizioni se le nostre analisi fondamentali saranno confermate. Ma vendiamo con la stessa coerenza anche quando il potenziale di prezzo è stato esaurito o quando la nostra valutazione è cambiata".

"Oggi abbiamo l'opportunità unica di beneficiare del radicale rinnovamento dell'intero settore finanziario. Nel corso dei prossimi cinque anni, vedremo innovazioni che superano tutti gli sconvolgimenti che abbiamo vissuto finora", concludono Patrick Lemmens e Jeroen van Oerle: "Questo non significa che i corsi azionari di FinTech aumenteranno in linea". Ma quando gli investitori guardano indietro nel tempo di cinque anni, dovrebbero essere positivamente sorpresi". ®

________________________________

// Come investire in FinTech.

Robeco Global FinTech Equities (ISIN: LU1700711077) investe in aziende che generano almeno il 25% del loro fatturato o profitto da FinTech. "Nel complesso", spiega il gestore del fondo Patrick Lemmens, "avremo generalmente 40-70 azioni in portafoglio, con una ponderazione massima del 5% a seconda della nostra valutazione, che tiene conto anche della nostra analisi quantitativa. Se un'azione sale bruscamente di prezzo e quindi guadagna troppo peso, la sua posizione viene regolarmente adeguata. Attualmente, quasi il 70 per cento del portafoglio è costituito da azioni americane, il 21 per cento delle azioni europee e il dieci per cento delle azioni asiatiche. "Tuttavia, riteniamo che ci saranno molte opportunità in Asia, in particolare nei prossimi anni, ed è per questo che questa quota è destinata ad aumentare", spiega Jeroen van Oerle, che gestisce il fondo insieme a Patrick Lemmens. Il fondo è stato lanciato nel dicembre 2017 e da allora è cresciuto del 21,5%, mentre il suo indice di riferimento, il MSCI World, è salito all'8,3% (al 30 settembre 2018).

________________________________

Pubblicazione speciale:

Robeco Germania

www.robeco.de

Taunusanlage 17, 60325 Francoforte, Germania

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media