Strati protettivi.

Print Friendly, PDF & Email

Una lettera del .... Dr. Walther Michl, il Consiglio Accademico della cattedra di diritto pubblico e diritto europeo della LMU München ha inserito la crisi dei rifugiati nel quadro giuridico attuale.

Nel dibattito pubblico sul problema dei rifugiati, la richiesta di un "ritorno alla legge" viene ripetutamente espressa - spesso in combinazione con la richiesta di chiusura delle frontiere.

E in effetti è apparentemente semplice: l'articolo 16 bis della Legge fondamentale stabilisce che solo le persone politicamente perseguitate godono del diritto d'asilo. E nemmeno loro non possono invocarlo se sono arrivati in Germania attraverso uno Stato membro dell'UE. Di conseguenza, la legge sull'asilo dispone di fatto che agli stranieri richiedenti asilo sia rifiutato l'ingresso alla frontiera se desiderano entrare da un paese terzo sicuro. Il fatto che, nonostante queste linee guida, quasi tutte le persone che affermano di volere protezione in Germania al confine con l'Austria siano ammesse nel paese sarebbe quindi una totale violazione della legge e un grave scandalo.

Tuttavia, la situazione giuridica attuale è più complessa.

Oltre al diritto tedesco, e in parte davanti alla legge tedesca, esistono una serie di norme internazionali ed europee con requisiti propri su chi ha diritto alla protezione e quale Stato deve verificare i relativi requisiti.

La Convenzione di Ginevra sui rifugiati, ad esempio, riconosce come motivo di fuga non solo le convinzioni politiche, ma anche il timore di persecuzioni per motivi di razza, religione, nazionalità o appartenenza ad un determinato gruppo sociale.

I fatti di cui sopra sono ripresi per l'intera Unione Europea nella direttiva di riconoscimento 2011/95 e meglio definiti. Chiunque li adempie è ufficialmente chiamato "rifugiato". La stessa direttiva sancisce anche un ulteriore status di protezione: la protezione sussidiaria. E 'dato a coloro che sono minacciati di "gravi danni" quando tornano a casa - la pena di morte, la tortura o, si pensi alla Siria, "una seria minaccia individuale alla loro vita o alla loro integrità .... a seguito di violenza indiscriminata nel contesto di un conflitto armato internazionale o domestico".

Ciò è in linea con l'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, che vieta l'azione del governo per mettere in pericolo la vita umana o per esporre le persone a trattamenti degradanti e disumani.

Tutti questi aspetti sono stati gradualmente integrati nella legge tedesca sull'asilo. L'effettivo diritto d'asilo ai sensi dell'articolo 16 bis della legge fondamentale è pertanto attualmente all'esame nell'ambito della stessa procedura dello status di rifugiato e delle condizioni per la protezione sussidiaria. Inoltre, i richiedenti asilo respinti spesso non devono lasciare il paese, ad esempio perché nessun altro Stato è disposto ad accettarli. Queste persone vivono in Germania con una cosiddetta tolleranza.

Se si vuole ridurre in modo significativo il numero di migranti, l'unico mezzo realmente efficace è quello di non fargli arrivare alla procedura di asilo in Germania.

Anche da questo punto di vista, tuttavia, il regolamento tedesco è superato: Il regolamento Dublino III stabilisce che nessuno Stato membro dell'UE può semplicemente dichiararsi incompetente. Se ogni Stato lo facesse, si correrebbe il rischio che chi cerca protezione non riceva da nessuna parte una procedura di asilo equa (in gergo tecnico: "rifugiati in orbita").

Esiste quindi una gerarchia di criteri per determinare chi è responsabile. Il paese in cui il richiedente ha messo piede per la prima volta sul suolo europeo è quello più spesso colpito. Non si tratta quasi mai dell'Austria o di un altro paese confinante. La Germania non può quindi respingere una persona in cerca di protezione senza un esame alla frontiera, ma ha solo due opzioni: o determinare lo Stato effettivamente responsabile e organizzare il trasferimento del richiedente asilo. o di svolgere volontariamente la procedura stessa (entrambi sono espressamente previsti dal regolamento).

Poiché le condizioni umanitarie in Grecia e lungo la rotta balcanica sono devastanti, la Repubblica federale di Germania si fa carico di tutte le procedure di asilo se un richiedente chiede protezione in questo paese. Questo non è illegale, ma nel lungo periodo non è accettabile. Una soluzione sarà probabilmente trovata solo al di fuori dell'attuale quadro giuridico. ®

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email