La fine di una sana politica fiscale.

Print Friendly, PDF & Email

Una lettera di..... Christian Jasperneite;

Il capo stratega von M.M. Warburg & Co. avverte che le dubbie politiche di bilancio in Europa stanno prendendo in ostaggio la Banca Centrale.

Non riesco a crederci: Nel loro libro "Un président ne devrait pas dire ça....." due giornalisti francesi riferiscono di un accordo segreto tra la Francia e la Commissione europea. In sostanza, il punto è che la Francia aderisce ufficialmente al Patto di stabilità, ma non è punita dalla Commissione europea se non raggiunge l'obiettivo. Il präsidente François Hollande è citato per dire: "Così diciamo: "Facciamo il trattato, diamo come obiettivo il 3% di deficit, ma sanno bene che non lo raggiungeremo. Sono d'accordo su questo." Il libro fornisce anche la giustificazione: "Siamo la Francia, ti proteggiamo, abbiamo un esercito, una capacità di deterrenza. Gli europei .... sanno che hanno bisogno di noi. E questo ha il suo prezzo, che deve essere pagato".

Riderei se non fosse per piangere. Questo atteggiamento dimostra che la Francia (come molti altri paesi) non comprende il significato più profondo e il senso economico del Patto di stabilità. Il patto stabilisce che gli Stati della zona euro devono avere un debito inferiore al 60 per cento del prodotto interno lordo e non devono superare un deficit di bilancio attuale del tre per cento. Con una crescita nominale del cinque per cento, questi parametri del debito sono quasi compatibili con un finanziamento pubblico sostenibile.

Il problema:  Morire L'ipotesi di un tasso di crescita nominale annuale del 5% negli anni '90 può sembrare ancora plausibile.Heute è completamente irrealistico. Un paese come la Francia rischia quindi di avere un deficit di circa l'uno per cento circa in termini puramente matematici per rendere sostenibile nel lungo periodo il debito pubblico. Il disavanzo di bilancio effettivo della Francia, pari al 3,5 per cento nel 2016, è quindi notevolmente inferiore non solo all'obiettivo formale del patto di stabilità, ma anche all'obiettivo economicamente rilevante.

Il fatto è che lo Stato francese ha abbandonato il suo obiettivo di gestire un bilancio statale sostenibile con l'attuale pianificazione di bilancio.

In circostanze normali, ciò sarebbe punito sui mercati con sconti di prezzo sui titoli di Stato. Tuttavia, questo meccanismo è stato sospeso perché la Banca centrale europea ha indirettamente fornito una garanzia per evitare rendimenti elevati sui titoli di Stato. Finché questo rimane il caso, uno Stato può rifinanziarsi da solo, anche se il suo debito si trova in uno squilibrio drammatico.

Questo, tuttavia, prende in ostaggio la BCE.Denn, alla fine, solo la sua politica monetaria decide se gli stati rimangono solvibili o meno. In origine, il Trattato di Maastricht è stato redatto proprio per questo motivo: Gli Stati membri dovrebbero essere obbligati ad operare in modo tale che la banca centrale non si trovi in una tale situazione. Ora e' tutto finito. Sarebbe probabilmente più onesto abolire completamente il contratto piuttosto che agire anno dopo anno come se ci si attenesse ad esso.

In definitiva, c'è solo un paese più grande della zona euro che ha messo il suo debito su un percorso finanziario quasi sostenibile: la Germania. Stranamente, è proprio questo che viene criticato. L'FMI e la Banca mondiale accusano la Germania di non aver fatto abbastanza per eliminare gli squilibri esistenti nell'Außenhandel, dovuti in parte al fatto che l'euro è troppo sottovalutato dal punto di vista tedesco. La Germania dovrebbe aumentare il suo debito e quindi consumare di più per ridurre le sue eccedenze commerciali.

In ultima analisi, l'FMI e la Banca mondiale chiedono quindi di abbandonare la strada del finanziamento pubblico sostenibile (appena) e di seguire le orme della politica fiscale francese. Questo, a sua volta, funziona solo con il sostegno della banca centrale, che deve accompagnare benevolmente l'interventismo fiscale in modo che non porti al disastro - il che significherebbe che saremmo di nuovo tenuti in ostaggio sull'argomento. Le banche centrali sono infatti prigioniere di una corrente politica globale che si sta astenendosi sempre più dall'analizzare gli effetti a lungo termine. Non si può fare a meno di mantenere bassi i tassi di interesse in futuro.

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email