• Claude Martin

Fine del gioco.

Il biologo e ambientalista svizzero Claude Martin chiede una strategia globale per invertire il destino delle foreste pluviali tropicali.

Non ricordo di aver mai incontrato persone a cui non importava del futuro delle foreste pluviali tropicali. Che si tratti di scienziati, imprenditori o politici, tutti affermano quanto sia importante questo argomento.

E hanno ragione: la protezione delle foreste tropicali è importante. Vitale per la sopravvivenza. La foresta pluviale assicura la conservazione della biodiversità della terra - animali e piante dipendono l'uno dall'altro -, protegge i cicli dell'acqua ed è fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici.

Alcune cose succedono. Quando sento che un'area di foresta pluviale praticamente inesplorata delle dimensioni dei Paesi Bassi, la Montanhas do Tumucumaque ad Amapá, uno Stato brasiliano al confine con la Guyana francese, è stata dichiarata area protetta, sono pieno di nuovo ottimismo. Poi ancora una volta sono colto dal più profondo pessimismo quando vedo come enormi aree di foresta pluviale vengono spianate dai bulldozer per ottenere pascoli per il bestiame. Oppure quando a Kalimantan, in Indonesia, alcune delle foreste pluviali di pianura più ricche di specie vengono nuovamente trasformate in piantagioni di palma da olio di palma.

Nel complesso, semplicemente non stiamo compiendo progressi sufficienti e abbastanza rapidi. Ma il tempo è essenziale. Dopo tutto, dobbiamo aspettarci enormi perdite di aree di foresta pluviale in futuro. L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura calcola che la domanda globale di prodotti agricoli aumenterà del 60 per cento tra il 2015 e il 2050 a causa dell'aumento della popolazione mondiale, dell'urbanizzazione e dei cambiamenti nelle abitudini alimentari.

Il fattore più importante è il rapido aumento del consumo di carne e olio di palma nei mercati emergenti. Così potrebbe accadere che il mondo si nutre letteralmente delle foreste pluviali tropicali. Ciò è dovuto al fatto che le aree adatte all'espansione dell'agricoltura non sono quasi mai disponibili altrove. Purtroppo, porta più profitto per produrre carne di manzo o cibo per animali domestici che per preservare intatta la foresta pluviale tropicale.

L'obiettivo deve quindi essere quello di utilizzare in modo più efficiente le grandi superfici tropicali, a maggese e degradate, e di intensificare la produzione. Ridurre l'enorme spreco di cibo potrebbe contribuire in modo significativo a ridurre la pressione sul territorio.

Finché l'attuale modello economico di massimizzazione del profitto nell'economia globalizzata conduce a tali drastici errori, i governi nazionali e la comunità internazionale - per non parlare degli abitanti indigeni delle foreste - rimangono in una posizione debole, se non impotente.

Noi, piuttosto che la terra, abbiamo quindi bisogno di un'azione comune decisiva. Abbiamo bisogno di più ampie aree protette per le foreste primarie e secondarie per fermare il "doppio cocktail" di frammentazione e disidratazione delle foreste a causa dei cambiamenti climatici. Anche il disboscamento selettivo nelle foreste primarie intatte deve essere limitato per arrestare il crescente degrado. La lotta contro il disboscamento e l'estrazione mineraria illegali, nonché le misure statali contro gli attacchi alle foreste indigene, devono far parte di una strategia di protezione internazionale.

Gli ultimi decenni hanno dimostrato che le alleanze tra organizzazioni internazionali, istituzioni finanziarie, ONG e governi nazionali possono contribuire efficacemente alla conservazione delle foreste ai tropici. Rafforzano le spalle alle forze positive, anche in paesi che soffrono di governi deboli o corrotti.

Concetti globali di conservazione delle foreste, gestione sostenibile e coinvolgimento delle popolazioni indigene sono i tre fattori che possono garantire l'esistenza della foresta pluviale. Il fatto che i consumatori di tutto il mondo influenzano i processi attraverso la loro domanda avrebbe dovuto ormai essere compreso, almeno nel mondo occidentale. Questa è la possibilità che ha la foresta pluviale. Questa è la possibilità che ha l'uomo. Dobbiamo usarlo subito. Un dopo potrebbe non essere possibile. ®

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media