L'economia globale deve far fronte alla perdita di controllo.

Print Friendly, PDF & Email

010 Opinionleader WeltAusserKontrolle L'economia globale deve far fronte alla perdita di controllo.

Secondo il professor Henning Vöpel, direttore generale dell'Istituto di economia internazionale di Amburgo, il mondo è alla ricerca di un nuovo ordine: "Ma la strada per raggiungerlo può essere lunga e molto difficile.

I segnali dell'economia globale sono preoccupanti. Cina, Brasile e Russia stanno affrontando un anno difficile. Si profila una grave crisi finanziaria ed economica, anche in considerazione del calo del prezzo del petrolio, che sta diventando un grave problema per molti paesi. E con la crisi dei rifugiati e un possibile "Brexit", l'Europa sta affrontando una prova a sé stessa.

Nell'ottavo anno dopo la crisi finanziaria globale, la politica di crisi ha ridotto troppo pochi problemi strutturali - al contrario: essa stessa ha creato un notevole bisogno di correzione. La politica monetaria ha abbassato i tassi di interesse in tutto il mondo per guadagnare tempo ai responsabili politici per ridurre il debito e attuare le riforme. Ma con i bassi tassi d'interesse, il futuro è diventato così "economico" che i responsabili politici hanno rinviato il necessario consolidamento del mercato e si è manifestata una nuova necessità di correzione sui mercati finanziari.

Nessuno di questi rischi crea un contesto macroeconomico stabile per gli investimenti privati, di cui l'economia mondiale ha urgente bisogno per rafforzare la crescita globale. Qualche giorno fa, il Fondo monetario internazionale ha inoltre richiamato l'attenzione sulla situazione critica dell'economia globale. La crisi di fiducia è rimasta di fronte a problemi irrisolti e le "vecchie" istituzioni sono alla fine della loro capacità di dare risposte alle domande del "nuovo" mondo.

Inoltre, e come risultato di questo sviluppo, la rinazionalizzazione e il protezionismo stanno guadagnando popolarità in tutto il mondo. Uno sviluppo del genere era già avvenuto dopo la prima grande ondata di globalizzazione di ben cento anni fa, con conseguenze catastrofiche per la comunità internazionale degli Stati. Di fronte a questa costellazione di crisi economica e conflitti geopolitici, l'economia mondiale è minacciata non solo da una pericolosa perdita di controllo. La sfida è ancora più grande: il mondo è in transizione tecnologica e geopolitica verso un nuovo ordine.

Gli eventi attuali sono più che una coincidenza casuale. Dietro a tutti loro c'è una causa comune più profonda. Si tratta di una crisi sistemica della globalizzazione. I conflitti scoppiano ovunque sotto la pressione di contraddizioni sistemiche per le quali non ci sono valvole e non ci sono limitazioni dei loro effetti. La globalizzazione ha creato problemi che impongono tasse eccessive alle istituzioni nazionali e internazionali e sovranazionali e, in ultima analisi, alle società. Sono il risultato dell'incongruenza dei confini politici e della sovranità dello Stato.

Questo può essere osservato come esempio in Europa, dove non ci sono istituzioni all'interno dei nuovi confini definiti che possano stabilire e far rispettare un bene comune legittimo o una riconciliazione di interessi accettata. Le frontiere sono state abolite senza adeguare contemporaneamente le istituzioni competenti.

L'importanza delle frontiere continuerà a cambiare nell'era della digitalizzazione. L'appartenenza ad una società diventerà sempre più difficile da determinare economicamente e politicamente; le società emergeranno spontaneamente in futuro come ordine temporaneo, come costellazione funzionale, come coalizione situazionale di interessi individuali. La questione della costituzione e del bene comune, così come le istituzioni che conciliano i due aspetti, sarà una questione completamente nuova in una società digitale e globale. I "confini" tracciati in questo senso sono una necessaria limitazione della globalizzazione.

La protezione della libertà attraverso le frontiere è alla fine una condizione di pace. Ci troviamo quindi di fronte alla questione esistenziale di come, fissando abilmente i confini, possiamo controllare i problemi globali e rendere il mondo più pacifico, senza ricadere in un'epoca di rinazionalizzazione e protezionismo. Allo stesso tempo, la stabilità politica delle relazioni internazionali, visibilmente minacciata, è la rara condizione per dominare la crescente paura del collasso globale. Una strategia geopolitica di de-escalation in connessione con una politica economica sostenibile è all'ordine del giorno.

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Montenstrasse 9
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email