• Andreas Rödder

La crisi europea come opportunità.

thumb Opinionleader europyramide 2 Come potrebbe l'euro, previsto come progetto di pace, portare in Europa il più grande disordine degli ultimi decenni? Andreas Rödder, professore di storia moderna, riflette sul futuro dell'Europa.

"La questione di costruire la Casa Europea con il coinvolgimento irreversibile del paese di gran lunga più forte, la Germania, è la questione della guerra e della pace nel XXI secolo". La dichiarazione di Helmut Kohl del febbraio 1995 dimostra che l'Unione monetaria europea aveva ancora un secondo obiettivo: l'integrazione della Germania, soprattutto dopo la riunificazione. Tuttavia, l'euro non era, come spesso si dice, il prezzo dell'unità tedesca, perché era già stato deciso in linea di principio prima della caduta del muro di Berlino.

In definitiva, l'unione monetaria era il prezzo per la forza economica della Germania, che già negli anni '80 metteva sotto pressione le altre economie europee. Il D-Mark era "la bomba atomica della Germania", si diceva a Parigi, e quindi la sua comunitarizzazione, in particolare la comunitarizzazione della politica dei tassi di interesse, era l'obiettivo primario del presidente francese François Mitterrand, che ha raggiunto con il trattato di Maastricht.

L'unione monetaria deciso lì, tuttavia, era una costruzione particolare. Ha comunitarizzato la politica monetaria e ha creato a tal fine un'istituzione sovranazionale, la Banca centrale europea. La politica fiscale, d'altro canto, rimane una responsabilità nazionale. A tal fine, è stata concordata una serie di regole volte principalmente a limitare l'indebitamento nazionale.

L'unione monetaria ha abolito il vecchio meccanismo di compensazione degli squilibri economici mediante aggiustamenti valutari. La loro logica implicita era invece quella di compensare la debolezza economica attraverso riforme interne e quindi di migliorare la competitività. Tuttavia, ciò non è stato chiaramente affermato nei Trattati. D'altro canto, è stata chiaramente formulata la cosiddetta clausola di "no bail out": l'esclusione di responsabilità degli Stati membri per i debiti degli altri partecipanti all'unione monetaria. Pertanto, non è stata espressamente concepita come un'unione di trasferimento.

Molte persone hanno detto fin dall'inizio per vari motivi che questo non poteva funzionare. Ma ora un meccanismo ha cominciato a plasmare l'integrazione europea a partire dagli anni '90: la sua ideologizzazione. Secondo Helmut Kohl nel 1990, l'alternativa all'unione monetaria europea era "di nuovo a Guglielmo II", il che significava "una ricaduta nel precedente pensiero nazionalista con tutte le sue terribili conseguenze". L'unione monetaria è stata accusata moralmente e quindi immunizzata contro le critiche.

L'"unione sempre più stretta", come affermano i Trattati europei, era giustificata dalla metafora della bicicletta europea, che doveva essere portata avanti continuamente per evitare che cadesse (Udo Di Fabio, ex giudice della Corte costituzionale federale, ha osservato, tuttavia, che un ciclista che non poteva scendere dalla circolazione dovrebbe essere ritirato dalla circolazione).

In questo contesto, sono state ignorate anche le differenze politiche e culturali che continuavano ad avere un forte effetto. Il Solidarismo italiano simpatizza con il "povere Diavolo" scosso dalle circostanze esterne e mira alla comunitarizzazione delle conquiste e dei meriti, nonché della responsabilità e della colpa. Questo è l'opposto dell'idea anglosassone che ognuno è il fabbro della propria fortuna. Per la Germania, la stabilità monetaria è ciò che lo stato sociale è per la Francia. Mentre i tedeschi sono guidati da norme e istituzioni giuridiche, in Francia prevale il primato della politica repubblicana. E mentre l'inflazione è il trauma storico dei tedeschi, il trauma dei francesi è nella supremazia tedesca in Europa.

Attraverso la "sacralizzazione dell'Europa", come la chiamava Hans Joas, e il motto di una "unione sempre più stretta", l'Unione Europea ha perso la sua capacità di autocritica e autocorrezione. Per quanto buona sia un'idea, diventa sempre pericolosa quando si allontana dalla realtà. La volontà politica può solo respingere la realtà economica in misura limitata - a un certo punto scoppiano le tensioni.

Questo è il punto in cui è giunta l'unione monetaria.Nun solleva la questione di come le cose dovrebbero continuare - e allo stesso tempo c'è la vecchia questione della "finalità" dell'integrazione europea, che è sempre rimasta senza risposta. Una possibilità sta in un più coerente approfondimento dell'unione monetaria attraverso un governo economico comune e l'ulteriore sviluppo in un'unione di trasferimento, come proposto da molti politici europei, da ultimo anche dal presidente francese François Hollande.

Ma la questione è se un problema può essere risolto aumentando la velocità nella direzione scelta, anche se porta ad un vicolo cieco. L'alternativa è fare un passo indietro e non demonizzare questo passo indietro, ma vederlo come un'opportunità per disarmare ideologicamente e risolvere ciò che funziona e ciò che non funziona in Europa.

Per quanto riguarda gli aspetti positivi, l'integrazione europea ha raggiunto successi storici inestimabili. Belgio, Lussemburgo e Polonia non sono più zone di passaggio per gli eserciti delle grandi potenze nemiche, ma rappresentano i presidenti delle istituzioni europee. E la grande, spesso dimenticata, storia di successo dell'Unione europea dopo il 1990 sta nel suo contributo alla stabilizzazione dell'Europa centrale e orientale, la regione che dopo la prima guerra mondiale si è trasformata in una regione di stato instabile in cui il XX secolo è stato il più devastante.

L'Unione monetaria europea, d'altro canto, non è stata all'altezza delle aspettative perché ciò che non appartiene all'insieme non può crescere insieme. Ha invece documentato che l'indipendenza di un'"unione sempre più stretta" genera le proprie forze contrarie, mettendo così in pericolo il successo storico dell'integrazione europea. Lo si può vedere nell'esplosione emotiva intorno a Grexit, in cui gli stereotipi nazionali e le immagini nemiche sono riapparse con forza, invece di trattarlo come una soluzione pragmatica al problema che la Grecia e l'unione monetaria non sono compatibili.

L'Europa ha ora bisogno del coraggio di eliminare i paraocchi e disarmare ideologicamente, di riordinarsi e fare un passo indietro invece di seguire l'idea fissa di un'"Unione sempre più vicina e sempre più grande" e di discutere apertamente fino a che punto l'integrazione europea dovrebbe effettivamente arrivare - e dove no. Dovremmo inoltre discutere le regole di funzionamento di un'unione monetaria flessibile, compreso un ordine di insolvenza per i suoi membri.

Un ritiro temporaneo può non significare uno stigma, ma deve essere un'opzione normale. La crisi offre poi l'opportunità di riposizionare il progetto storico dell'integrazione europea e di renderlo stabile per il XXI secolo.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media