Come le famiglie risolvono i conflitti.

Print Friendly, PDF & Email

Dal laboratorio di ricerca. Le famiglie imprenditoriali creano regole e statuti che regolano la vita insieme, soprattutto in termini di responsabilità per l'azienda. Oltre a concordare e rispettare specifiche regole formali, è importante che le famiglie imprenditoriali conoscano e tengano conto delle basi che formano tutti i sistemi sociali.

I conflitti nelle famiglie imprenditoriali non sono l'eccezione, ma la regola. Questo ha a che fare con la vita esigente di queste famiglie. I membri devono essere in grado di conciliare le questioni familiari e imprenditoriali, essendo al tempo stesso una famiglia privata e una famiglia imprenditoriale, e per risolvere questo problema, spesso vengono concordate in dettaglio norme specifiche per trattare gli uni con gli altri. Ma questo avrà successo solo se si basano su regole di base che si applicano a tutti i sozialen Systemen

  I sistemi sociali nascono quando le persone vivono o lavorano insieme - nelle famiglie, nei team, nelle aziende o nella società. Ci sono sempre cinque punti in gioco: determinare chi appartiene e chi no, tenendo conto della priorità temporale di von Mitgliedern, riconoscendo le prestazioni e l'impegno nel sistema, tenendo conto delle capacità e competenze individuali all'interno del sistema e, naturalmente, il giusto equilibrio tra dare e prendere in considerazione. Questo principio è particolarmente importante in quanto inquadra tutte le altre regole del sistema.

Quando le persone si comportano in senso sociale, agiscono sempre in senso economico. L'azione può essere intesa come uno scambio interpersonale tra le persone che danno e quelle che prendono. Ogni azione di donazione crea la pretesa di recuperare qualcosa da colui che prende dal dare con la sua azione. Questo crea relazioni tra le persone, le responsabilità e gli obblighi.

I conflitti sorgono quando le persone fanno pagare per ciò che hanno ricevuto e dato in modi diversi. I membri delle famiglie imprenditoriali dovrebbero quindi chiarire chiaramente ciò che si aspettano l'uno dall'altro e ciò che vorrebbero ricevere per la loro appartenenza alla famiglia imprenditoriale.

Affinché ciò sia possibile, deve prima di tutto essere chiaro chi appartiene al Sistema zum e chi no. Mentre l'appartenenza alla famiglia è di norma ovvia perché avviene per discendenza familiare, l'appartenenza alla famiglia imprenditoriale non è determinata in questo modo. Coloro che appartengono e coloro che non lo fanno possono regolare i loro diritti di proprietà dell'azienda. Tuttavia, anche i partner dei membri della famiglia imprenditoriale, le cui unioni sono suggellate con o senza certificato di matrimonio, appartengono alla famiglia, richiedono decisioni congiunte.

La chiarezza sull'affiliazione è un prerequisito per dare e accogliere la famiglia imprenditoriale e quindi per rispondere alla domanda su quali persone sono soggette ai diritti (prendere) e agli obblighi (dare) associati all'affiliazione. Possono sorgere conflitti se questi criteri di adesione non sono chiaramente regolamentati.

Tuttavia, non tutti i membri della famiglia imprenditoriale hanno sempre gli stessi diritti. L'adesione si differenzia principalmente in termini di tempo. Ciò diventa particolarmente visibile quando si aggiungono nuovi membri, come i soci o i proprietari che assumono il loro ruolo responsabile per quanto riguarda la proprietà aziendale all'inizio della loro maggioranza. Poi si scopre che coloro che hanno un'adesione più lunga di solito si aspettano che i nuovi membri tengano conto di questa priorità temporale. I nuovi membri dovrebbero (inizialmente) subordinarsi ai vecchi membri che hanno finora istituito il sistema. Se questo principio non viene rispettato, possono sorgere conflitti. Se i nuovi membri vogliono cambiare l'ordine di sistema consolidato e collaudato secondo le loro idee con le loro idee e la loro spinta, questo spesso porta a problemi.

Anche l'ordine cronologico tra la famiglia (privata) e la famiglia (aziendale) imprenditoriale influisce sulla loro stabilità e capacità di sviluppo. L'esperienza di aziende familiari di successo e di lunga data dimostra, tuttavia, che si applica la regola opposta: il sistema più giovane ha la priorità rispetto a quello più vecchio della famiglia. Gli interessi della famiglia imprenditoriale hanno la priorità, soprattutto quando si tratta di dedicare tutte le proprie energie alla conservazione e al futuro dell'azienda in tempi difficili. Possono sorgere conflitti se questa posizione prioritaria non viene realizzata o interpretata in modo diverso all'interno della famiglia imprenditoriale.

Come sistema sociale, una famiglia imprenditoriale è tanto più stabile quanto più i membri del sistema riescono a riconoscere e valorizzare l'impegno e i servizi che mostrano alla famiglia imprenditoriale. L'impegno e le prestazioni dei membri al sistema, tutto ciò che danno al sistema, assicurano e aumentano la sua resilienza e creano la flessibilità necessaria per affrontare con successo gli impatti ambientali in continua evoluzione e le sfide di una società che cambia globalmente.

I conflitti possono sorgere quando l'impegno e i risultati degli individui nel sistema non sono visti o apprezzati. Nel peggiore dei casi, la disponibilità a lavorare e ad esibirsi si esaurisce completamente.

Le persone sono diverse, sviluppano competenze e capacità diverse. Quanto meglio la famiglia imprenditoriale riesce non solo a percepire i punti di forza personali dei suoi membri, ma anche a integrarli nel sistema in modo appropriato, tanto più stabile e sviluppabile sarà la famiglia.

Questo vale soprattutto per le tre dimensioni che modellano la convivenza e il lavoro in comune: testa (rapporto), cuore (emozione) e mano (struttura). Nel migliore dei casi, nelle famiglie imprenditoriali si stabilisce una divisione del lavoro basata sulle competenze e le capacità dei membri. Ognuno trova il proprio posto nel sistema in cui ha pronunciate competenze.

In questo caso ci sono membri della famiglia che si prendono cura che i dati necessari, informazioni e complessi di conoscenze siano disponibili (capo). Altri assicurano che le relazioni e le comunicazioni siano basate sull'apprezzamento e sul riconoscimento reciproco (cuore). Una terza parte della famiglia assicura che la struttura della famiglia imprenditoriale sia orientata alle azioni appropriate o sia accompagnata dalle necessarie prestazioni aziendali (mano).

Possono sorgere conflitti se questa organizzazione della famiglia imprenditoriale basata sulle competenze e sulle capacità non riesce. Se una delle dimensioni menzionate è troppo piccola o troppo forte, manca l'equilibrio di testa, cuore e mano. ®

Autore: Professore Dr. Heiko Kleve,

Cattedra per l'organizzazione e lo sviluppo delle famiglie imprenditoriali presso il Witten Institute for

Azienda familiare (WIFU).

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email