Le donazioni sono una professione.

Print Friendly, PDF & Email

Impegno. Ise Bosch è la nipote di Robert Bosch, che ha fondato la più grande fondazione privata in Germania. Anche lei stessa è coinvolta come donatrice in aree che le stanno a cuore. Con "Besser donenden" ha anche lanciato nel 2007 il primo titolo di libri in lingua tedesca sull'argomento.

Dare e' piu' felice che prendere. Questa frase del Nuovo Testamento probabilmente non è più saldamente ancorata in nessuna famiglia imprenditoriale tedesca che nella società globale fondata da Robert Bosch nel 1886, che nel 2016 ha registrato un fatturato di oltre 73 miliardi di euro.

Oggi il 92% della GmbH è di proprietà dell'omonima fondazione, l'1% (con i diritti di voto della fondazione) è detenuto da Industrietreuhand KG, la famiglia detiene solo il restante 7%. Il testamento del nonno finalmente dice: "Non voglio che i droni crescano nella mia famiglia".

Ise Bosch, nata nel 1964, ha sempre seguito i desideri del nonno. Quando è nata, aveva già un milione di marchi in un solo conto - un'anticipazione della sua eredità per risparmiare le tasse. Più tardi, somme maggiori sono state aggiunte di continuo - la parte del leone quando suo padre morì nel 2004. Non ti dira' quanti soldi erano in totale. Ma è anche coinvolto in diverse organizzazioni caritative, che ha co-fondato e cofinanziato (vedi pagina 111). Non è stato difficile per lei, ha detto, perché le donazioni e le donazioni sono sempre state lo scopo della vita dei suoi genitori, ed è stata così influenzata ed educata fin dalla più tenera età. Già da ragazza, dice, aveva raccolto per le coperte di lana per la Croce Rossa e la Müttergenesungswerk.

Il padre di Ise Bosch, Robert junior, si è ritirato dall'azienda all'età di 43 anni come amministratore delegato ed è stato pagato proprio come sua sorella. Con una parte considerevole del loro patrimonio, hanno fondato la Fondazione Heidehof, che sostiene i disabili e i più dotati e si occupa di educazione degli anziani e di questioni ecologiche. La madre di Ise Bosch è stata anche membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione Robert Bosch. Era sempre al telefono a parlare con persone che avevano bisogno di soldi. Per noi, il denaro ha sempre significato dotazione. L'azienda era molto più lontana da noi", ha ammesso una volta Ise Bosch in un'intervista.

Essa agisce secondo lo stesso principio. Potrebbe condurre una vita lussuosa solo grazie all'interesse per la sua fortuna ereditata. Invece, lascia che il suo capitale lavori per gli altri, per un mondo migliore. E si assicura personalmente che il denaro arrivi dove porta i maggiori benefici.

A differenza dei loro fratelli, che possiedono azioni Bosch di maggiori dimensioni, la loro quota è ora solo "piccola". Non può quantificare esattamente il suo valore, perché il valore di una GmbH come Bosch, una società non quotata in borsa, non può essere determinato esattamente su base giornaliera.

Tuttavia, Ise Bosch ha anche ereditato un blocco di azioni da suo padre. Conosce molto bene il valore di questo portafoglio, perché lo gestisce lei stessa, senza un consulente. Per molti anni l'ha investito secondo criteri di sostenibilità - in parte in azioni, in parte in investimenti diretti e in parte in prestiti e microcrediti per i fondatori in India. La vostra esperienza con i gestori patrimoniali: non possono > fare di meglio, ma commettono anche errori. "E poi", dice, "tanto vale che io stesso faccia gli errori".

Tali frasi chiariscono: Ise Bosch non ha mai reso la vita facile per se stessa come erede o come benefattore, ha sempre voluto imparare cose nuove, professionalizzare la donazione, come è ovvio negli Stati Uniti e ha una lunga tradizione.

Negli Stati Uniti cerca quindi conoscenza, educazione e frequenta corsi per filantropi: "Qui si insegna anche la lingua in pubblico. È importante poter rappresentare retoricamente bene le proprie preoccupazioni se si vuole essere convinti e convinti di donare". Lei completa la formazione alla leadership lì, impara a porre le domande giuste: Cosa c'è che non va nella compagnia? Dove posso fare la differenza con i miei soldi? "Mi sono preso il tempo di formulare una dichiarazione personale della missione."

Tutto questo l'ha aiutata a scoprire in quali aree caritative vuole essere attiva e cosa vuole realizzare. Le visite in loco mostrano come gestire progetti complessi e come affrontare questioni etiche difficili. Perché, ad esempio, può essere più importante sostenere lo sviluppo (astratto) di un certo farmaco che dare soldi per destini individuali (concreti).

"Lì ho capito: Le fondazioni hanno bisogno di una base di valori. Le persone del team che sono a loro volta interessate dall'argomento", spiega Ise Bosch. E: "Devi coinvolgere il maggior numero possibile di gruppi. Soprattutto, però, "ho apprezzato l'autoprova con cui i donatori appaiono in pubblico negli Stati Uniti. "In Germania c'è una certa timidezza a riguardo.

A differenza di molti fondatori americani, tuttavia, non è un'amica del "privato può fare di meglio". Questo non ha senso "perché lo Stato muove somme di denaro completamente diverse. Nel 2016, il volume delle donazioni, comprese le distribuzioni delle fondazioni, è stato di circa 5,5 miliardi di euro in Germania, mentre il bilancio del solo Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali è stato di 130 miliardi di euro. Solo insultare queste istituzioni e accusarle costantemente di cattiva gestione e inefficienza non aiuterebbe nessuno, ma minerebbe solo la fiducia nel sistema politico e nella democrazia. "L'arroganza è l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno."

Certo, i ministeri hanno le loro debolezze, ma: "Ci sono porte aperte lì. Ma devi attraversarli tu stesso. Ci sono molti buoni programmi di supporto governativo che devi solo trovare. Ad esempio, contribuiamo con fondi privati di terzi dal 10 al 25 percento per realizzare un progetto. "Stiamo avendo un vero impatto sui ministeri.

Un esempio? In Malawi, in Africa, sostiene gruppi che difendono i diritti umani e la diversità di genere e combattono la discriminazione contro gli omosessuali. Tuttavia, se il Ministero federale tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo (BMZ) taglia gli aiuti perché vede una regressione in queste questioni, le cose si complicano. Ci sono stati disordini nel paese a causa della mancanza di carburante - ma la rabbia dei manifestanti non è stata diretta contro il governo, ma contro gli omosessuali, che alla fine sono stati i responsabili delle strozzature.

Secondo Bosch, il ministero dello sviluppo sta cercando prima di tutto il contatto con la base locale per evitare queste conseguenze indesiderate. Ma questo è stato spinto attivamente, "si sono dovute forare molte tavole spesse".

La sua conclusione: chi non è disposto ad affrontare argomenti così complessi dal punto di vista dei contenuti è probabilmente più consigliato con le donazioni che con il lavoro in una fondazione o addirittura con la creazione di una fondazione. Questo è il suo consiglio: "Non tutti devono creare una nuova fondazione propria".

Lei stessa ha sempre fatto entrambe le cose, donato e donato.

Nella sua giovinezza, ha donato principalmente, inviando spesso assegni a progetti che considerava importanti. Ma si rese subito conto che non funzionava così: "E' estremamente laborioso trovare organizzazioni in tutto il mondo che usano il denaro a modo mio. E' per questo che oggi lavoro a tempo pieno. Donare e donare è una professione. Ma naturalmente ci sono buone fondazioni che possono portare denaro nei posti giusti, ad esempio le fondazioni comunitarie. "E' piu' facile e sicuro che donare direttamente.

Quello che ha imparato negli Stati Uniti: A dire di no. "Rifiuto molte cose perché non mi si addice tematicamente. Ma una volta che ho trovato un argomento, lo sostengo con il maggior numero possibile di strategie e approcci diversi. E: Questo funziona meglio se il progetto è chiaramente definito. Cultura, film, per esempio, non ci metto le mani sopra. Non ne so abbastanza."

Dire no è importante anche nella sfera privata, ad esempio agli amici che volevano prendere in prestito denaro: "Molto è andato storto lì". Nel suo libro di donazioni, Ise Bosch scrive che "i problemi di denaro ci portano proprio ai nostri punti cruciali interiori. Uno di quei punti critici: Quali amicizie vanno bene, quali no?

La sua esperienza: "Per i ricchi, l'amicizia funziona solo con persone veramente indipendenti. Indipendente nel senso di indipendente dalla prosperità materiale, indipendentemente dal fatto che essi stessi abbiano molto o poco. Conosco queste persone per esempio attraverso mio marito nella parrocchia di un piccolo villaggio del Mecklenburg-Vorpommern. Si tratta di un dialogo molto vivace e piacevole. "Non vogliono davvero scambiare posti con me.

Le relazioni amichevoli, invece, sono difficili, "se c'è un vago sentimento: non sono in pace con se stessi. Hanno paura del declino sociale, non hanno la fiducia in se stessi che viene automaticamente quando si sa che si può guadagnarsi da vivere da soli. Questo può interessare sia la classe superiore che la classe media";

Tuttavia, la ricchezza improvvisa può essere altrettanto inquietante quanto la paura del declino sociale. Molte delle donne che ereditano inaspettatamente ingenti somme di denaro mettono prima di tutto alla prova ciò che possono permettersi e come il loro ambiente reagisce ad esso. Nella seconda fase, poi, pensano a un impegno sociale, ma spesso non sanno come farlo. Le donne spesso non provengono da famiglie dove lo spirito comunitario è stato appreso e interiorizzato. Il risultato è una coscienza sporca e lo svenimento. "E' qui che entriamo in gioco noi, cercando di aiutare".

Il suo consiglio: "Parlate con le vostre famiglie dell'eredità in tempo e intensamente, perché è una questione complessa".

Lei confessa che Ise Bosch non si è sentita in colpa per la sua ricchezza ereditata. Ma potrebbe anche "non riconoscere nulla di giusto". Devi solo trarne il meglio. "L'eredita' e' un destino, proprio come il talento o la bellezza. Tuttavia, al momento non può pronunciarsi sull'attuale riforma dell'imposta di successione. L'argomento è molto complesso per quanto riguarda la sua situazione personale. Ma una cosa è chiara: "Non è un bene per una democrazia se i beni sono distribuiti in modo molto disomogeneo. Qualcosa deve essere fatto. Dopo tutto, ci sono molte più società egualitarie della Germania, per esempio in Scandinavia".

Lei non vuole rendere pubblico quanto denaro Ise Bosch dona e dona: "Ma è un multiplo di quello che consumo per me stesso". Se il suo portafoglio d'investimento sta andando bene, avrà naturalmente più fondi disponibili da questo piatto. Ma lei è molto attenta a quanto ne mette nelle fondamenta. Una volta che il denaro è arrivato lì, alla fine deve essere gestito secondo rigidi principi di investimento.

"Nell'attuale fase di basso interesse, il modello di fondazione è di fatto morto", dice con rammarico. Una fondazione fiduciaria o meglio ancora una GmbH senza scopo di lucro (gGmbH) sarebbe più flessibile. Ad esempio, avrebbe senso fornire loro solo una piccola parte del capitale azionario, ma con elevate riserve speciali che potrebbero poi essere liberamente smaltite.

Attualmente il loro portafoglio si presenta così: il 42% di obbligazioni e fondi immobiliari chiusi, il 41% di azioni "al di sopra del quale si trova un filtro verde profondo", per i quali vengono applicati i diritti umani e i criteri di sostenibilità della ricerca oekom, il 17% sono investimenti diretti con maggiori rischi finanziari, ad esempio investimenti in piccole e medie imprese nel cosiddetto Terzo Mondo, in parte anche attraverso i fondi.

A Ise Bosch piacciono questi "investimenti a impatto" (vedi anche l'articolo a pagina 78), ad esempio i microcrediti per le donne - "spesso i migliori creditori". Qui investimento di capitale e impegno sociale si intrecciano: "Questi investimenti fanno parte del mio portafoglio investimenti, ma ho solo una modesta aspettativa di rendimento per poter correre maggiori rischi. Tutto sommato, è naturalmente l'obiettivo di Ise Bosch di ottenere il massimo rendimento possibile per avere il più possibile pronto per le buone cause, "per dare i soldi in modo ragionevole e felice", come dice lei stessa. La sua ricchezza finanziaria è quello che lei chiama "il mio materiale di lavoro".

E se, come la maggior parte delle persone, avesse solo poche centinaia di euro di questo "materiale di lavoro" a sua disposizione? "Darei una somma simile a qualcun altro che altrimenti non farebbe una donazione. Lascia che sia lui o lei a decidere da soli: Chi ottiene qualcosa? Chi non ottiene nulla? "Questa persona potrebbe scoprire che e' davvero bello dare agli altri.

_______________

Ise Bosch - una vita da filantropo a tempo pieno.

Ise Bosch, che ora vive vicino ad Amburgo, è cresciuto con cinque fratelli e sorelle a Stoccarda e ha frequentato una scuola Waldorf. Ha studiato storia al Reed College di Portland (Oregon) e successivamente basso jazz al Conservatorio di Berlino. In seguito è stata per dieci anni musicista in varie band in Germania. Dal 1990 è filantropo a tempo pieno ed è coinvolta in diverse organizzazioni di beneficenza, che ha co-fondato e cofinanziato.

01 "filia. die frauenstiftung", che ha lo scopo di promuovere in tutto il mondo progetti e organizzazioni che sostengono direttamente le ragazze e le donne nel miglioramento delle loro condizioni di vita. Ise Bosch è stato uno dei cofondatori nel 2000 ed è stato membro del Consiglio di gestione dal 2003 al 2011. Dal 2010 è membro del Comitato Investimenti. Contatto: www.filia-frauenstiftung.de.

02. "Dreilinden gGmbH", che difende i diritti delle persone lesbiche, gay e bisessuali, nonché delle persone transgender e intersessuali. Dreilinden promuove l'accettazione sociale del genere e della diversità sessuale attraverso l'assegnazione di fondi alle organizzazioni esistenti, il finanziamento di progetti, gli investimenti sociali e il networking. Ise Bosch è fondatore e amministratore delegato. Ad oggi ha messo a disposizione della Fondazione oltre 40 milioni di euro. Contatto: www.dreilinden.org.

03. La "Pecunia", una rete di eredi con 117 membri, ha lo scopo di favorire una gestione socialmente responsabile dei beni ereditati. Ise Bosch ha co-fondato la rete nel 1998 ed è un membro attivo. Contatto: www.pecunia-erbinnen.net Ise Bosch è stato anche membro dell'Ethics and Sustainability Advisory Board di Oeco Capital Lebensversicherung dal 2004 al 2016 ed è stato membro dell'Investment Committee di GLS-Gemeinschaftsbank dal 2006 al 2012. Dal 2008 è membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Berghof, piattaforma per la trasformazione dei conflitti civili, e dal 2014 del Trägerverein des Deutschen Instituts für Menschenrechte. Dal 2009 è anche membro del Consiglio consultivo LGBT di Human Rights Watch. Dal 1996 è la donatrice fondatrice del Fondo internazionale per le minoranze sessuali della Astraea Lesbian Action Foundation di New York, che si batte per i diritti umani LGBT. Ha anche scritto il libro "Besser donenden" (www.besser-spenden.de).

®

Autore: Dr. Günter Kast

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email