• Jan Lehmhaus

Tantissime volte.

Stile. A chi piace vivere ogni secondo? Sempre più produttori lasciano il piccolo e piccolo temporale ai sistemi elettronici e richiamano la loro tradizione di "slow food" dell'industria orologiera. Si concentrano sulla gestione dei lunghi periodi di tempo - giorni, settimane, anni - e del quadro generale. Con la massima precisione, ovviamente.

Il ragazzo si siede immobile in cima all'impalcatura, con le mani piegate, lo sguardo abbassato. "The Wait" è il nome della scultura di Michael Emgreen e Ingar Dragset attualmente in mostra alla Hamburger Kunsthalle nell'ambito di una mostra sul tema "Waiting".

Mentre i visitatori attraversano le stanze, la rigidità della figura realistica irrita. Qui, come con altri oggetti esposti, diventa evidente quanto poca sovranità abbiamo nella nostra percezione del tempo. Che ci sentiamo frettolosamente investiti da un ritmo sempre più veloce è un luogo comune. Soprattutto perché tutti noi vogliamo più tempo. Ma il fatto che l'uomo non abbia più familiarità con i grandi periodi di tempo, che la lentezza lo disturba, è un nuovo sviluppo. "Il tempo non deve ovviamente essere lungo", spiega l'autrice Friederike Gräff durante una lettura a piedi attraverso la mostra.

I produttori di orologi si sono sempre guadagnati da vivere rendendo il tempo misurabile e gestibile - e finora hanno seguito l'idea di tagliarlo in sezioni sempre più piccole. Alle soglie della modernità, lo sviluppo tecnico ha reso possibile e assolutamente necessario produrre orologi che fossero precisi al secondo. Le nuove condizioni di produzione e il movimento mondiale delle merci richiedevano che capitani, artiglieri e ingegneri ferroviari usassero esattamente gli stessi orologi, mentre gli operai venivano aiutati da Wecker ad arrivare in tempo per i loro turni. Inoltre, il fiorente sport agonistico richiedeva una determinazione del tempo sempre più precisa. Tra i produttori di orologi, divenne chiaro chi poteva fermare in modo affidabile frazioni di secondo, illuminato e moderno decimale: decimi e centesimi di secondo.

Solo pochi anni fa, aziende come TAG Heuer e Montblanc erano ancora in competizione nello sport per determinare meccanicamente il periodo di tempo più breve con lancette che ruotano invisibilmente veloci all'occhio umano - anche se gli orologi al quarzo hanno da tempo padroneggiato questo aspetto con maggiore sicurezza.

Ora, tuttavia, sempre più produttori stanno abbandonando i piccoli dettagli temporali ai sistemi elettronici e ricordando la loro tradizione di affrontare tempi lunghi;

L'antitesi decisiva per la misurazione a breve termine sono gli orologi che si basano sulla visualizzazione dei processi astronomici. Già nel Medioevo, artigiani intraprendenti iniziarono a ricostruire la complessa meccanica celeste e presto svilupparono i movimenti più complicati con numerose indicazioni del calendario. Non sono stati molto precisi nella nostra stima. Ma questo era irrilevante; nessuno viveva a intervalli di minuti o anche di secondo grado. Nel XX secolo, l'azienda è riuscita persino a disegnare calendari perpetui per piccole casse di orologi da polso. Il fatto di poter prendere in considerazione solo gli anni bisestili fino al 2100 può di tanto in tanto indirizzare l'attenzione dei proprietari oltre la loro durata di vita.

Naturalmente, non si tratta solo di informazioni pratiche, ma di una visione speciale del mondo e della sua struttura. Rolex, non esattamente noto per la poesia, rende l'astronomia un'esperienza autentica con il suo nuovo Cellini: 29 giorni, 12 ore, 44 minuti e 2,9 secondi sono necessari perché la luna possa orbitare intorno alla terra. Semplici visualizzazioni delle fasi lunari, invece, completano questo evento con il loro treno di ingranaggi a 29,5 giorni - quindi otto ore all'anno sono dopotutto sbagliate.Il sie deve quindi essere corretto entro un giorno dopo soli tre anni. Con la Luna Cellini questo è necessario solo dopo 122 anni. L'immagine del satellite terrestre è costituita da meteorite, abbastanza ovvio.

Le sfere celestiali Métiers d'Art Copernicus di Vacheron Constantin lasciano fuori i piccoli secondi. Inoltre, ore e minuti si svolgono solo ai margini. Al centro è l'orbita della terra intorno al sole e attraverso i segni dello zodiaco - non troppo veloce per l'occhio umano, ma molto, molto lento e quindi particolarmente attraente.

Anche il cosiddetto pettine, un minuscolo componente di forma vagamente pretzel visibile davanti alla gabbia del tourbillon della Breguet Marine Équation Marchante, è sottoposto a un'accurata scansione: controlla un secondo indicatore che indica il "vero tempo solare" durante tutto l'anno. A causa della forma ellittica dell'orbita terrestre, i nostri giorni sono di diversa lunghezza; la nostra misurazione convenzionale del tempo assume una lunghezza media del giorno. Il vero tempo solare differisce quindi fino a 14 minuti dopo il tramonto di febbraio e 16 minuti prima dell'alba dal "tempo solare medio". La meraviglia micromeccanica è un omaggio ai meriti del fondatore dell'azienda Abraham Louis Breguet per la cronometria navale.

L'argomento nautico porta altri produttori ad ulteriori complicati intervalli di tempo - quelli di riflusso e flusso. Sinn offre un'implementazione pragmatica con l'anello rotante interno della 240 St GZ. La registrazione meccanica delle maree e della loro forza è tecnicamente più complessa con l'Admiral 45 Tides di Corum - e più poeticamente con il Real Moon Tides di Christian van der Klaauw, il cui modello "Planetarium" ha la rotazione più lunga di tutta l'orologeria di precisione: i 29 anni Saturno ha bisogno di orbitare intorno al sole.

Inoltre, oggi ci sono anche unità di tempo abbastanza profane, ma importanti, che finora sono state visualizzate solo da pochi orologi da polso: Settimane di calendario, in cui principalmente la costruzione di artigiani, logistici e mercanti pianificare. Da questa primavera è possibile leggerle sul Calibro Artelier 113 di Oris e sul foglio di smalto del Villeret Semainier Grande Date 8 Jours di Blancpain. Un'azienda tedesca si è recentemente fatta conoscere con orologi che eliminano completamente il secondo e indicano l'ora con una sola e lunga lancetta delle ore. Manfred Brassler, fondatore e designer di MeisterSinger, si ispira agli orologi da torre medievali e agli strumenti tecnici di misura per la progettazione dei suoi prodotti. "Non mi interessa affatto la nostalgia o l'evasione, ma una semplificazione di ampio respiro del display", spiega.

Ma dà anche origine alla sovranità. Chi indossa un orologio a una sola mano non è timido dei secondi, ma tiene traccia del corso della giornata. Brassler ama ammettere che gli orologi con una sola mano sono un argomento di nicchia. Tecnicamente, però, come Oris e Blancpain, è in linea con la tendenza a lungo termine: il movimento che aveva sviluppato per il suo modello di punta, la Circularis, immagazzina l'energia per 120 ore di corsa precisa in due barili. Il solito tempo finora è stato di ben 40 ore. Ci vuole un po' più tempo per avvolgere la circolare a mano. Ma il proprietario può anche impiegare fino a cinque giorni prima del prossimo aumento di energia.

Anche l'autrice Friederike Gräff spiega alla mostra di Amburgo che "aspettare" ha anche aspetti positivi: "Coloro che aspettano volontariamente irradiano grande fiducia.

Per Hermès, il designer di orologi Jean-Marc Wiederrecht ha trasposto orologicamente il tema dell'attesa, trasformandolo in un tema positivo. Su L'heure impaziente c'è un conto alla rovescia retrogrado di oltre un'ora per un tempo scelto, che viene poi annunciato con un tono di campanello luminoso. "L'idea è venuta da Hermès, il primo schizzo è stato fatto molto rapidamente - ma la costruzione ha richiesto anni", spiega Wiederrecht spiega la sua esperienza con i tempi lunghi.

The Impatiente non è il primo lavoro di Hermès, in cui Wiederrecht reinterpreta la percezione e la rappresentazione del tempo; in Le temps suspendu, il tempo sembra fermarsi alla pressione di un pulsante. "Mi interessava anche il filosofico", spiega il costruttore, "ma con l'impaziente, il soggetto è abbastanza semplice: l'anticipazione".

_________________

Tendenza retrò - come ai bei tempi andati.

Come di consueto in tempi di incertezza economica, l'industria orologiera sta ricordando e rilanciando i suoi più grandi successi degli ultimi decenni.

Mai prima d'ora c'è stato così tanto, ma anche così accuratamente realizzato, autentico design retrò come quest'anno. Per i clienti, attira un ampio arco indietro allo zeitgeist delle epoche passate, ma apparentemente familiari. Omega ha scansionato tre giubilari nel proprio museo e li ha riprodotti fedelmente all'originale (foto in basso e in alto a destra). I modelli Speedmaster Professional, Railmaster e Seamaster 300, tutti rilasciati nel 1957, sono disponibili anche in trio in una scatola da collezione limitata. Il fatto che sia foderata con una corda larga e luminosa rende quasi perfetta l'illusione di aver conservato in modo eccellente i cimeli davanti a lei.

La Grande Corona 1917 di Oris punta più indietro, il suo modello del centenario non è stato citato, ma in gran parte copiato, fino all'elaborata posizione della lancetta tramite corona e pulsante a ore 2. L'orologio "Banana" di Tissot (foto a sinistra) è azionato da un movimento al quarzo, ma incarna il tema del lungo tempo in due modi: nel 1917 l'originale, di proprietà di un diplomatico russo, è stato rivisto dopo un lungo viaggio da Pietroburgo alla Svizzera. La via del ritorno rimase bloccata nel tumulto della rivoluzione.

Il ritorno convincente di questi classici è favorito dal fatto che la tendenza verso orologi sempre più grandi è stata spezzata. Le nuove edizioni vengono ingrandite di pochi millimetri, se non addirittura di pochi millimetri, per essere contemporanee; viene mantenuto anche il design ridotto degli anni Cinquanta e Sessanta. Il TAG Heuer Autavia Calibre Heuer 02 (al centro a destra) è lo stesso del Calibre Heuer 02, nonostante i 42 millimetri di diametro del calibro Autavia.

Il diametro del suo modello del 1966 (38 millimetri) è quasi sui suoi capelli. Il Breitling Superocean Heritage II è disponibile nella versione da 42 millimetri proprio come il suo antenato di 60 anni, creato in un'epoca in cui l'immersione era un'attività seria e la parola sport divertente non era ancora stata inventata.

Difficilmente si nota che la nuova edizione del primo Grand Seiko del 1960 con 38 millimetri discreti è un po' più grande dell'originale del 1960. Sembra un orologio domenicale ben conservato, nel migliore dei casi non spettacolare, proveniente da un mondo completamente sano e borghese - ed è quindi probabilmente una delle varianti più discrete di indossare la più recente tecnologia orologiera. Al patrimonio Zenith 146 (foto sotto) i 38 millimetri sono la misura autentica. Con il bel gioco delle mani e gli elementi grafici ridotti all'essenziale, attinge agli ideali estetici di un'epoca passata e li trasporta nel futuro.

®

Autore: Jan Lehmhaus

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media