• Cornelia Knust.

Implacabile.

Imprenditorialità. Il consulente aziendale Roland Berger, quasi 80 anni, è ancora un imprenditore. Non può rinunciare a nuove idee commerciali o all'azienda che porta il suo nome. E' una lotta per la sovranità sul proprio significato.

"I documenti mancano ancora." La voce sembra impegnativa. Roland Berger, 79 anni, si trova in un salone dell'Hotel Bayerischer Hof di Monaco di Baviera. Il sole primaverile si riflette nei barattoli d'argento e negli etageren di colore delle gambe. Una tavola ovale è pronta per la colazione per una dozzina di giornalisti - insieme a materiale stampa dalla cosiddetta Riverbank.

Berger, snello, l'Ordine bavarese al Merito all'occhiello, un piccolo orologio da polso sulla destra, accoglie gli ospiti con il fascino praticato, con le gambe un po' traballanti, ma con una salda stretta di mano e uno sguardo attento. Il fatto che un giornalista abbia i suoi spazi, ma non i giornali importanti, non è sfuggito agli occhi marroni.

In realtà, un piccolo francese di 40 anni (ex Morgan Stanley) con il titolo di CEO dovrebbe ora tranquillamente presentare la nuova banca a cui ha fornito l'idea e Berger et al. capitale. Ma "Rrrrollon", come lui rispettosamente chiama Berger, lo interrompe dopo pochi minuti. In poche frasi ha disegnato la banca, le sue grandi prospettive, il suo profilo di ricchezza, una curva di crescita ripida nell'aria. Il francese annuisce: "E' proprio vero".

Non è più spesso visto come il fondatore dell'unica società tedesca di consulenza aziendale di importanza internazionale. Forse anche nei tabloid, quando festeggia il suo compleanno in grandi musei in affitto o assegna premi ai donatori. Sembrava essere solo un'ombra, un'immagine della vecchia Deutschland AG, uno dei signori anziani che un tempo gestiva questo paese, molto prima.

Ma mostra qualche minuto di colazione in comune: Berger è ancora lì e sveglio, si vede ancora come parte del gioco, non riesce a calmarsi, vuole ancora sapere - ma cosa esattamente?

"Berger è stato furbo, veloce, stimolante, come desideri. Probabilmente e' molto affascinante perche' voleva qualcosa. ma molto comunicativo, anche compassionevole, affidabile". Burkhard Schwenker, 59 anni, che dopo che Berger è stato per molti anni amministratore delegato e presidente del consiglio di sorveglianza della consulenza direzionale, racconta volentieri su richiesta come ha vissuto il fondatore. E' una "grazia gigantesca" che Berger ha questa capacità anche in età avanzata: "Penso che sia giusto che lo riempia. "Il suo impulso è sempre stato la curiosità.

Berger si definisce non solo come un brillante business angel e abile investitore. Evidentemente non ha ancora rinunciato neanche alla sua compagnia. Quando gli viene chiesto, si definisce un "apriporta" per la società di consulenza ("Aiuta spesso quando arriva il fondatore, specialmente in Asia e America Latina"). Si riferisce anche alla sua rete ("Se conosci il predecessore, di solito conosci anche il successore. Quando chiamo, mi passa."). Schwenker commenta il differenziato: "Questa è un'illusione. A un certo punto le reti non ci saranno più", dice, che da allora ha rinunciato a tutte le funzioni di gestione. "Ma e' una bella illusione."

La società Roland Berger Strategy Consultants, oggi semplicemente Roland Berger GmbH, opera da tempo indipendentemente da Berger come persona: 2400 dipendenti, 250 partner, un fatturato a pagamento nella fascia media di tre milioni di cifre che purtroppo da tempo non viene aggiornato nel registro di commercio, uffici in tutto il mondo.

Nel 1967, il trentenne Roland Berger fondò la società di consulenza a Monaco di Baviera e la rese grande, in seguito i consulenti presero una partecipazione nella capitale, come è consuetudine nel settore. Alla fine degli anni '80, Berger vendette la consulenza alla Deutsche Bank, ma mantenne la maggioranza dei voti. Undici anni dopo, convinse i consulenti partner a riacquistare il prestito - un management buy-out.

Dipende ancora da lui oggi. "Quando si trattava di vendita, Berger era colui che faceva i soldi. "Il riacquisto è stato incredibilmente sfavorevole, hai pagato 20 anni. E' quello che dice un ex socio che non vuole essere nominato. E forse anche arrabbiarsi oggi per essere d'accordo. Berger stesso, in ogni caso, rifiuta questa rappresentazione. Non ha mai fatto soldi; il riacquisto è stato molto interessante per i partner.

Dopo tutto, la successione sembrava risolta. Il partenariato potrebbe gestire se stesso, scegliere teoricamente la propria leadership. Nel 2003, il senior manager ha lasciato la posizione di top management e ha assunto la carica di Presidente del Consiglio di Sorveglianza. Nel 2010 ha rinunciato anche a questa carica, definendosi d'ora in poi Presidente di AR su base onoraria. Non ha mai pensato di ancorare i propri figli in azienda: "Questa è una professione molto personale. "L'attivita' di consulenza non e' adatta alla formazione di dinastie".

Burkhard Schwenker, membro di lunga data della partnership, ha assunto il ruolo di "figlio dell'imprenditore". Sembra che ci siano stati i soliti problemi di abbandono da parte della generazione uscente. Secondo Schwenker, Berger ha certamente cercato di rendere il passaggio di consegne un successo. Gli era intellettualmente chiaro che non avrebbe dovuto interferire. Ma: "Questa non è stata una situazione affatto facile. Io e Berger abbiamo avuto una relazione solo a metà. E' stata una storia profondamente emotiva".

Berger detiene ancora tra il 2,7 e il 3,5 per cento dell'azienda, secondo le proprie cifre - a seconda del numero di altri partner. Ma c'e' piu' capitale da parte sua. Secondo un esperto del settore, aveva incaricato la società di consulenza di pagare più di 50 milioni di euro nel 2011. Che si tratti di un prestito fruttifero o di un regalo, le rappresentazioni divergono. Anche la fondazione avviata da Roland Berger nel 2008 (per borse di studio per studenti in Germania e diritti umani in tutto il mondo) avrebbe investito la stessa somma nella società. Lo stesso Berger non vuole commentare questi argomenti.

Maximilianstraße Monaco di Baviera, un ingresso tranquillo in una strada secondaria, al terzo piano l'insegna aziendale "Roland Berger". Stanze alte, laccate bianche, parquet a spina di pesce, arte di grande formato. Roland Berger ha la sala d'angolo verso il viale: posti a sedere bassi, aeromodelli sul davanzale del finestrino, enorme scrivania nera, dietro di essa sulla parete un vero Baselitz - a testa in giù, come dovrebbe essere. L'aquila sembra che si stia lanciando contro il signore grigio in una posizione dignitosa. O vuole proteggerlo con le sue ali nere, racchiuderlo?

L'ex cancelliere Gerhard Schröder aveva un'aquila di Basileaitz nella Cancelleria. Qualche anno fa, il dipinto era l'immagine chiave di una mostra intitolata "Showing Power" a Berlino. Il consulente ha sempre cercato la vicinanza alla politica, soprattutto a Schröder.

Berger risiede in queste suite da un anno, con una segretaria e un assistente personale. La sala conferenze sembra che un consiglio di amministrazione completo si riunisca qui. Ma l'affitto delle camere documenta anche un allontanamento, forse un'alienazione. Il trasferimento della Roland Berger GmbH dal grattacielo a nord di Schwabing al proprio edificio sul margine orientale dell'Englischer Garten è stato un trasferimento a cui il fondatore ha partecipato due anni fa, ma ora è seduto qui da solo.

Un accenno a certi effetti di rifiuto dà anche che l'azienda ha voluto convincere il suo fondatore a smettere di usare l'account di posta elettronica rolandberger.com per mezzo di un'ingiunzione temporanea. "L'azienda ha ritirato la causa. Il caso è chiuso", commenta Berger. Sul suo biglietto da visita c'e' scritto rolandbergergroup.com.

"Non sono mai andato in pensione, l'azienda porta ancora il mio nome," era il messaggio di O-Ton-Berger alla conferenza stampa di Riverbank. In un'intervista individuale, egli differenzia: "Sono chirurgicamente fuori. Continuo ad essere socio dell'azienda e a partecipare regolarmente alle riunioni del Consiglio di sorveglianza". E' stato presidente onorario, senza diritto di voto, ma con alcuni doveri. E' questo interesse, senso di responsabilità o la ricerca del riconoscimento? Vuole vedere la propria genialità ulteriormente rispecchiata, come avviene per molte persone di successo?

Berger è sempre stato davvero brillante, dice Alexander Rittweger, 52 anni, un tempo partner più giovane di Roland Berger, allora inventore della carta Payback e fondatore del Loyalty Partner, che ha venduto ad American Express. "Riesce ad affrontare una cosa molto velocemente, e trova immediatamente ogni errore, ogni discrepanza in un pezzo di carta".

A volte lo ha ancora al telefono, Roland Berger, che è ancora investito in joint venture con Rittweger. "Cosa stai facendo a Pechino, cosa stai facendo a Toronto?" gli chiese allora Rittweger. "Hai chiuso, e' tutto cio' che puoi fare." Sono sicuro che Berger è ancora apprezzato da molti, è un "tipo fico", dice Rittweger: "Ma c'è anche questa fame che ha".

Lo stesso senior lo spiega così: "Non si tratta solo di ottenere qualcosa. "Si tratta di condividere e tenermi sveglio. Affinare il suo handicap da golf o semplicemente viaggiare e vedere ogni sorta di cose non fa per lui. Musei, concerti, concerti, è quello che ha sempre fatto quando era in affari: "Ho viaggiato per decenni in tutto il mondo".

Egli descrive le sue attività come segue: "Colleziono arte, sono interessato alla musica e lavoro con la mia fondazione per promuovere le pari opportunità per i bambini di talento". "Ho un portafoglio ragionevolmente diversificato in Europa, Stati Uniti, Cina". La casa nel quartiere di Bogenhausen, una casa vacanza in Engadina, due nipoti a Monaco di Baviera. La vita di Berger potrebbe essere contemplativa. "Non sono io", dice lui. "Non riesco a immaginare di essere inattivo."

Berger è un bambino di guerra, nato nel 1937. Rittweger sospetta che ci sia un elemento biografico molto forte. Lui, anche se molto più giovane, sa di cosa sta parlando: "Mio padre mi ha cresciuto come se non dovessi sopravvivere alla mia giovinezza, ma alla sua".

Roland Berger ricorda molto bene la sua storia. E lei stessa dice che non si può dimenticare cosa significano i tempi di magra, anche in età avanzata, con lei nel bagaglio. Come ci si sente ad avere la Gestapo in casa propria. O quando i prigionieri dei campi di concentramento vengono portati in giro per il villaggio. Se hai visto tuo padre - il signor Reichskassenrevisor a Berlino, il signor direttore generale a Vienna - cadere, rompere il regime nazista, la prigione, la guerra, la prigionia.

I rifugiati privilegiati erano i suoi rifugiati alla fine della guerra, nel villaggio bavarese di Egglkofen, dove trascorrevano le vacanze con il nonno. Lì il bambino Roland frequentava la scuola elementare. Per il liceo di Landshut dovette trasferirsi, vivere con una vedova, così a dieci anni era già da solo. Il successivo liceo di Norimberga era simile. Lì la famiglia ospitante lo introdusse al mondo dell'arte e della musica.

Essere solo, la libertà, che non lo spaventava, ma gli dava le ali, che vedeva come un'opportunità: "Sapevo di essere diverso dagli altri, volevo andare per la mia strada". Ha imparato molto dagli altri. Ma un modello di riferimento, soprattutto dal punto di vista morale, era solo suo padre, perché il membro del partito inizialmente convinto si era chiaramente opposto ai nazisti dal 1938. Tuttavia, dice Berger, è stato solo in occasione della Kristallnacht che i pogrom si sono spinti troppo in là per il cristiano convinto.

La vita di Berger è un compenso per il destino di suo padre? Doveva guarire dalla perdita dello stato di famiglia? Il 79enne non salta a queste parole chiave. "Era chiaro che avrei studiato", dice solo lui. E poi racconta la storia, spesso diffusa, degli studi di business ad Amburgo e Monaco di Baviera, che ha reso "più interessante" attraverso studi estetici e due nuove imprese (una lavanderia, uno sconto sugli alcolici). Anche Milano non lo spaventava, dove ha imparato il mestiere di consulente durante la collaborazione con Gennaro Boston. Un concentrato di tutti i mestieri, senza paura, sicuro di luce, ma colto, bello, affascinante - così appare il giovane Berger in queste storie.

Non ha mai avuto paura? Berger deve pensare. "Sì, nei primi anni come consulente indipendente a Monaco di Baviera." Erano occupati solo per due o tre mesi alla volta. Ma i dipendenti avevano un preavviso di sei mesi e l'affitto è durato cinque anni. Lì uno è stato spinto dalla costrizione a portare ordini, sempre più velocemente, sempre più velocemente.

Per 20 anni, è stato in difficoltà. Poi aveva 50 anni e voleva fare qualcos'altro nella vita. L'idea di fondare una banca d'investimento con Alfred Herrhausen, allora a capo della Deutsche Bank, è nata in questo periodo. La società di consulenza di Berger doveva fornire il necessario know-how industriale e aziendale. Herrhausen è stata uccisa dalla RAF nel 1989, che avrebbe seppellito il sogno comune allo stesso tempo e avrebbe semplicemente reso la banca un partner silenzioso nella consultazione.

L'idea commerciale della nuova riva del fiume Berger sembra riprendere questo filo conduttore, tranne che questa volta Berger e i suoi partner sono la banca. Vogliono consentire la concessione rapida e semplice di prestiti alle piccole e medie imprese. La richiesta di finanziamento viene effettuata attraverso una rete di partner e sponsor, "consulenti a noi ben noti", che considerano meritevoli i mutuatari (giovani aziende con prospettive di crescita) e quindi mantengono basso il rischio. I processi stessi sono digitalizzati, per cui le decisioni devono essere prese entro quattro o sei settimane. Un'istituzione tra banche tradizionali e Fintech.

Il ritiro dalla "vecchia" azienda è stato molto meno pratico e più esitante. A 65 anni, Berger era ancora molto attivo come presidente del consiglio di sorveglianza, sempre in viaggio con i consulenti, sempre al servizio del cliente, come dice lui stesso. "Non puoi fare un lavoro come questo", dice. "L'azienda non si sarebbe sviluppata in questo modo se non fossi stato coinvolto attivamente."

Tuttavia, egli non ha influenzato il thriller economico che circonda i due tentativi di fusione con Deloitte nel 2010 e 2013. Ma il fatto che i soci abbiano rifiutato la fusione all'epoca sembra soddisfarlo. I modelli di business e le culture sono molto diverse. I concorrenti che hanno seguito questo modello di fusione non hanno avuto successo: "Restare indipendenti è la strategia giusta". Il fondatore ha soffocato ulteriori consigli per la consulenza manageriale, che attualmente non ha una buona stampa.

Come leader, si dice che sia stato un cane duro, molto preciso anche su piccola scala. Ai propri dipendenti come im Umgang con i partner. Berger, dice una compagna, ha sempre avuto una partecipazione del 75,1 per cento nell'azienda e ha persino fatto pagare i costi di copia dai partner. Nell'immagine di sé dell'imprenditore questa rappresentazione non si adatta. Sta già chiedendo, ma non si fa sentire, non ci sono insulti. A volte è più veloce degli altri. E si è sempre preso l'intero rischio.

Anche la descrizione del lavoro del "consulente" suona diversa da quanto visto l'anno scorso nel film "Toni Erdmann", dove la gilda è stata disegnata in tutta la sua ambivalenza. Berger crede che i consulenti stiano facendo qualcosa per l'umanita'. Con le loro conoscenze, contribuiscono a soddisfare i bisogni materiali e a creare posti di lavoro. Sono un moltiplicatore del buon governo societario. La loro cattiva reputazione a volte si basa solo sui metodi dei concorrenti anglosassoni, che hanno nel mirino solo il prezzo delle azioni: "Ci preoccupiamo del destino dei dipendenti dei nostri clienti". Naturalmente, c'è anche un interesse personale per il consulente. Ma allo stesso tempo c'è la curiosità per la causa stessa - e la possibilità di servire la società.

"Una vita da una valigia" era il titolo di un giornale del 2010 apparso su "Abschied" di Berger. Che prezzo ha pagato? Poco tempo per i bambini, la famiglia, gli amici. "Soprattutto il tempo perduto con i bambini non può essere recuperato." La donna (Berger è stato sposato con un ex giornalista per quasi 37 anni) doveva essere il partner giusto, "uno che capisce che io sono come sono, uno che mi accompagna, uno che mi incoraggia nel mio lavoro". Ma forse qualcuno che non riposa, che beneficia dello splendore della persona Berger, che apprezza la vita come parte della società, dice un compagno: "Non penso che un Roland Berger debba invecchiare.

"Una serata tra amici" è quello che dice l'invito quando Roland Berger compie 80 anni il 22 novembre. Carico, dice, sono 180 persone. Ha festeggiato il suo 75° compleanno secondo "Bild-Zeitung" con 250 ospiti nel nuovissimo Museo Egizio di Monaco di Baviera - con orchestra da camera e serenate dei borsisti. I partecipanti sono sempre Wolfgang Reitzle di Linde (che porta il suo vino dalla Toscana) e Michael Käfer dell'omonima salumeria. Horst Seehofer e Edmund Stoiber vengono normalmente anche loro.

Che altro c'è da fare? Attualmente sta strutturando i suoi beni in modo diverso per renderli più ereditari, dice Berger, e ora li sta formulando in modo notevolmente più lento. Gli amici riferiscono che un'operazione al cuore qualche anno fa gli aveva fatto pensare che ora stava coinvolgendo maggiormente i suoi figli. Berger stesso, questi argomenti sono troppo privati.

Vorrebbe costruire un'altra casa, una che gli piace. Vuole rimanere in salute il più a lungo possibile ed essere in grado di usare il suo cervello. Altrimenti non gli succede niente: "Non sono una persona che sogna costantemente quello che potrebbe fare domani o dopodomani".

Secondo le sue stesse parole, tuttavia, egli è fuori discussione come modello da seguire. O e' solo civettuolo quando dice: "Non vorrei che nessuno diventasse come me".

®

Autore: Cornelia Knust

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media