• Sonderveröffentlichung: Robeco Deutschland

Valore aggiunto grazie alla messa a punto.

Concetti di investimento. Gli investimenti in indici rigorosamente passivi presentano vantaggi e svantaggi.Sempre più investitori si chiedono a Darum se non sia possibile evitare gli Aspekte negativi senza dover rinunciare a quelli positivi. Questa idea segue il concetto di Enhanced Indexing.

L'esperimento con cui Burton Malkiel ha promosso il trionfo degli investimenti nell'indice è stato davvero spettacolare. L'autore del libro "A Random Walk Down Wall Street" aveva scimmie bendato e lanciare freccette alla sezione di borsa di un giornale. Poiché la maggior parte dei professionisti del settore borsistico non è stata in grado di battere questi depositi casuali, la conclusione è stata semplice:  La selezione delle azioni non vale la pena, gli esperti e le loro analisi non creano valore aggiunto.

Ora, secondo i media americani, Malkiel si è un po' allontanato da questa opinione radicale. L'investimento puramente passivo non è la saggezza dell'ultima risorsa. Gli esperti in materia di investimenti avrebbero il diritto di esistere se si impegnassero nel compito di adeguare e migliorare sistematicamente un indice in modo tale che a lungo termine produca un rendimento corretto per il rischio più elevato. Perché l'indicizzazione avanzata o avanzata è il miglior investimento nell'indice.

Uno sviluppo notevole che non sorprende Wilma de Groot, il portfolio manager di Robeco. "Naturalmente, un investimento puramente passivo tramite Exchange Traded Funds presenta alcuni vantaggi", afferma. Infine, questi titoli offrono un accesso ai mercati efficiente in termini di costi, trasparente e liquido e riflettono il loro sviluppo a lungo termine. Tuttavia, gli investitori trascurerebbero il fatto che gli investimenti dell'ETF si basano anche su decisioni di gestione attiva - ad esempio, i criteri di composizione dell'indice. O che ci possono essere costi nascosti nel prossimo scambio di titoli in un indice. "Soprattutto, però, mi preoccupa il fatto che gli investitori di indici devono investire sistematicamente in azioni in perdita e quindi, inevitabilmente, regalare rendimenti".

Contrariamente a quanto suggerisce l'esempio della scimmia, a suo parere esistono opportunità per distinguere tra azioni più promettenti e azioni meno promettenti e quindi generare valore aggiunto nei portafogli.

A riprova di ciò, gli esperti della società di fondi Robeco hanno analizzato il premio del mercato azionario globale. Determinanti sono stati i fattori quantitativi che potevano essere sistematicamente valutati e testati anche per i periodi passati - fattori fondamentali come il rapporto tra prezzo e profitto o il valore contabile, la quantità di moto o la qualità del bilancio.

Per tutte le azioni di MSCI World sono stati calcolati diversi valori di valutazione, di qualità o di slancio e le azioni sono state classificate sulla base di tali valori. In media, le azioni attraenti hanno avuto una valutazione favorevole, con una buona dinamica e qualità. Tale classificazione delle azioni è stata poi utilizzata per dividere le azioni in diversi portafogli. Sono stati formati cinque portafogli: Il Portafoglio 1 comprendeva il 20% dei migliori titoli, mentre il Portafoglio 5 comprendeva i titoli con i peggiori indicatori di performance. I portafogli sono stati regolarmente adeguati in modo che, ad esempio, il Portafoglio 1 contenesse sempre le migliori azioni.

"Abbiamo sempre ponderato allo stesso modo tutti i titoli di ciascun portafoglio", continua de Groot, "e abbiamo visto come si sono comportati nel periodo 1986-2015 rispetto ad un investimento di cassa privo di rischio.

Risultato: il Portafoglio 5 ha generato in media il 2,5% in meno di reddito all'anno, mentre il Portafoglio 1 ha generato quasi il 12% in più di reddito all'anno. "Questo test suggerisce che dovrebbe essere possibile battere sistematicamente un indice anche con semplici misure. Non sarebbe meglio quindi, in generale, dare maggior peso a quei titoli che hanno caratteristiche positive in termini di slancio, valutazione e qualità? "E pesare i cattivi o rinunciarvi del tutto?".

Sono proprio queste considerazioni che sono state messe in pratica dal 2004 nella strategia di investimento di Robeco Enhanced Indexing. "La nostra idea è quella di incorporare fattori di profitto come il valore, la qualità e lo slancio nella costruzione di un portafoglio in modo tale da portare con noi gli effetti positivi senza allontanarci troppo dall'andamento dell'indice di mercato", spiega de Groot.

In termini concreti, tutte le azioni di un indice sono inizialmente valutate in base ai fattori valore, slancio e qualità. "Il fattore di slancio, con un peso di circa il 50%, è incluso, mentre il valore e la qualità insieme costituiscono il restante 50%", spiega Bernhard Breloer, esperto di prodotto di Robeco.

Il risultato è una classifica per tutti i membri dell'indice. Ora i pesi sono regolati. "Nell'indice gioca un ruolo solo il valore di mercato azionario. Ma diamo ai migliori 20-40 per cento dei titoli un peso leggermente superiore. Le azioni peggiori della classifica, d'altro canto, sono sistematicamente sottopesate". Questo può anche significare che i titoli cadono completamente. "Infatti, nel nostro indice globale potenziato, invece degli oltre 1600 titoli del mondo MSCI, abbiamo solo circa 700-800 titoli".

Come condizione aggiuntiva, il portafoglio dovrebbe avere una disaggregazione per paese e per settore simile a quella dell'indice originario. Il portafoglio dell'Enhanced Index è quindi neutrale per paese e settore. Inoltre, le imprese con un rapporto debito/PIL eccessivamente elevato non vengono mai sovraccaricate. "Abbiamo visto che le aziende a basso costo sono spesso molto indebitate e quindi rischiose.Durch sfuggiamo a questo trucco dalla cosiddetta "trappola del valore"," spiega de Groot.

La composizione del portafoglio indici potenziato viene poi rivista mensilmente e, se necessario, adeguata. Ad esempio, un'azione può avere un peso eccessivo perché il suo prezzo è aumentato bruscamente.Oder I fattori per i singoli titoli possono essersi deteriorati o essere migliorati. Al fine di evitare costi di negoziazione eccessivi, tuttavia, esistono regole chiare per la riduzione e l'accumulo di posizioni. "Ad esempio, riduciamo il sovrappeso di un'azione solo quando si tratta di una delle azioni peggiori, e viceversa", spiega Breloer.

Un ulteriore vantaggio dell'approccio Enhanced Indexing è la maggiore flessibilità rispetto all'indicizzazione pura. Se gli afflussi e i deflussi di capitale si verificano con un ETF, tutte le posizioni devono essere aumentate o ridotte nella stessa proporzione in cui sono rappresentate finora all'im Index.

"Nell'indicizzazione avanzata, non siamo così fissi. Lì usiamo gli afflussi per acquistare azioni attraenti. Le azioni meno attraenti sono sottopesate in caso di rimborsi. Questo ci permette di utilizzare in modo efficiente i movimenti di fondi", spiega de Groot.

E cosa porta tutto questo ad accanire l'Europa per gli investitori?

"Oltre a tutti i vantaggi di cui sopra, la performance dell'Enhanced Indexing è il principale argomento a favore", sottolinea l'esperto. Tra settembre 2004 e dicembre 2017, il Robeco QI Global Developed Enhanced Index Fund ha generato un rendimento annuo dell'8,39% dopo i costi. Il mondo MSCI World concorrente ha raggiunto solo il 7,75% - gli ETF corrispondenti erano solo il 7,55% dopo aver dedotto i costi dello 0,20%.

La differenza può sembrare piccola a prima vista, ma ha un impatto molto forte sul lungo termine. "Un milione di euro si sarebbe trasformato in circa 2,93 milioni in un'occasione e circa 2,63 milioni nell'altra", calcola l'esperto. Allo stesso tempo, le fasi di perdita sono state in media inferiori di circa sette punti percentuali. "E' facile sui nervi." Anche questo sembra aver convinto Burton Malkiel. ®

Pubblicazione speciale:

Robeco Germania

www.robeco.de

60325 Francoforte; Taunusanlage 17

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media