• Gerd Hübner

Quando gli investitori assicurano.

Strategie di investimento. Sempre più investitori utilizzano i cat bond per diversificare i loro portafogli. Questi titoli hanno una funzione simile a quella di una polizza assicurativa contro i rischi naturali e mirano a generare interessanti rendimenti a lungo termine indipendentemente dai mercati dei capitali. Nel 2017, tuttavia, il gran numero di catastrofi naturali ha messo sotto pressione i prezzi. Un segnale di avvertimento? O una possibilità?

L'attività assicurativa è piuttosto semplice. Giorno dopo giorno, mese dopo mese, riscuote i premi da coloro che cercano protezione da un'emergenza. Se questa entra, deve pagare.

L'arte di ripartire il rischio in modo tale che i premi superino i pagamenti a lungo termine", spiega Sandro Müller, esperto di cat bond presso il gestore degli investimenti GAM.

I bilanci di Allianz, Munich Re e Hannover Re dimostrano che in genere funziona. Anno dopo anno generano profitti elevati. A volte, tuttavia, il danno si accumula. Quando gli uragani Harvey, Irma e Maria hanno attraversato i Caraibi e gli Stati Uniti l'anno scorso e hanno causato scompiglio, i professionisti dell'assicurazione sapevano che sarebbe stato costoso.

Secondo Munich Re, le perdite globali causate da tempeste, incendi boschivi e terremoti nel 2017 sono state pari a 330 miliardi di dollari. Secondo le stime di Swiss Re, di questi, 136 miliardi di dollari erano assicurati, la terza somma più alta mai dovuta entro un anno.

Da allora, si sono diffusi i timori che gli assicuratori si troveranno ad affrontare problemi in futuro a causa dell'accumulo di catastrofi naturali dovute al riscaldamento globale. "È esattamente il contrario", contraddice Sandro Kriesch, esperto di investimenti della società svizzera Twelve Capital AG di Zurigo, specializzata in investimenti assicurativi.

"Nel lungo periodo, anni difficili sono sempre positivi per l'industria. In primo luogo, la domanda di assicurazioni aumenterà in futuro. In secondo luogo, gli assicuratori possono generalmente applicare premi più elevati per eventi che hanno causato danni ingenti. Un anno difficile è di solito seguito da molti anni buoni".

Questo è interessante anche per gli investitori che trattano con i cosiddetti cat bond. Questi titoli provengono da riassicuratori che esternalizzano parte dei loro obblighi di pagamento in caso di catastrofe ad una società veicolo, che a sua volta li trasferisce agli investitori sotto forma di titoli cartolarizzati.

In caso di sinistro, l'assicurazione o il riassicuratore non è tenuto a pagare. Al di sopra di un certo importo del danno, questo viene poi addebitato alla garanzia per la catastrofe in questione. "Se l'evento si verifica, la franchigia ha effetto per prima cosa", spiega Kriesch. "Solo quando questa e la copertura assicurativa esistente, molto estesa attraverso l'assicurazione primaria e la riassicurazione è stata esaurita, l'investitore deve sostenere le perdite. I Cat bond sono quindi solitamente esposti al rischio solo in casi eccezionali".

Ad esempio, se la franchigia e l'importo della perdita coperta sono ogni 100 milioni di dollari e la perdita effettiva è di 110 milioni di dollari, la franchigia si erode e il prezzo dell'obbligazione scende di dieci milioni o del dieci per cento al 90 per cento.

Oltre ai titoli a copertura di singoli eventi, esistono anche titoli a struttura aggregata. Coprono diversi eventi di fila. Il danno che si è verificato viene poi sommato. Anche in questo caso, la franchigia viene consumata per prima cosa. Eventuali perdite supplementari saranno quindi a carico degli investitori. Se i sinistri incidono solo sulla franchigia dell'assicuratore, l'obbligazione, se prevista nelle condizioni, sarà nuovamente come nuova nell'anno successivo. "Il buffer di rischio viene quindi riportato all'intero importo", spiega l'esperto.

In questo contesto, è comprensibile che nell'autunno degli uragani ci sia stato anche un alto livello di nervosismo nel mercato dei cat bond. A metà settembre, l'indice Swiss Re Cat Bond Price Return - che riflette approssimativamente l'intero mercato - è crollato del 16% in una giornata di negoziazione.

La convinzione che le stime iniziali dei costi erano esagerate, allora prevalse e il mercato si calmò un po'. Nel complesso, tuttavia, l'indice ha chiuso il settembre 2017 con un -6,5%, il calo più netto del mercato nella sua storia.

Ciò che in linea di principio vale per gli assicuratori vale ora anche per gli investimenti nei rischi assicurativi. "Dopo il difficile anno passato, ora c'è anche la possibilità di ottenere condizioni migliori sotto forma di rendimenti più elevati", spiega Kriesch. "Abbiamo scoperto che, a seguito di tali eventi, i premi per gli investitori aumentano in media del 5-15 per cento, in singoli casi anche del 25 per cento. Quindi, se investite ora, otterrete un rendimento maggiore a parità di rischio".

Anche Achim Siller, responsabile del Portfolio Management di Pictet Wealth Management in Germania, è convinto che per gli investitori potrebbe essere utile dare un'occhiata a questo tipo di investimento. "Gli investitori in obbligazioni catastrofiche utilizzano due fonti di reddito", spiega. "In primo luogo, c'è il premio della rispettiva obbligazione, che riflette la remunerazione per la prestazione assicurativa sottoscritta. Ha una media di 4-4,5 punti percentuali."

Per disporre di una solida base di calcolo, gli investitori dovrebbero dedurre da essa la perdita media attesa. In passato, questa percentuale era compresa tra il 2 e il 2,5%. Piu' il tasso di base. I premi assicurativi ricevuti sono investiti in titoli fruttiferi a breve scadenza, per lo più in obbligazioni sicure AAA, come i titoli di Stato americani. "Questo potrebbe lasciare in futuro un totale dal tre al 4,5% (in dollari USA). "E' interessante.

A questo si aggiunge l'effetto di diversificazione. "Il verificarsi di catastrofi naturali non è in alcun modo legato all'evoluzione del mercato dei capitali. A differenza degli investimenti convenzionali sul mercato dei capitali, i rendimenti sono completamente indipendenti dal ciclo economico e dall'andamento del mercato azionario", analizza Siller. "Ecco perche' questi titoli migliorano la struttura del portafoglio."

Soprattutto nell'attuale fase di mercato c'è un ulteriore vantaggio. "Molti investitori temono un aumento sostenuto dei tassi d'interesse", spiega Sandro Müller, "le obbligazioni convenzionali con scadenze più lunghe dovrebbero accettare perdite di prezzo. Le obbligazioni catastrofali, invece, hanno di solito tassi d'interesse variabili e scadenze relativamente brevi di due o tre anni. Il loro rendimento aumenta quindi con l'aumento dei tassi d'interesse. E poiché il capitale è solitamente investito in titoli di prim'ordine, anche i cat bond sono in gran parte esenti da rischi di credito".

Un premio di rendimento interessante, uno sviluppo indipendente dal mercato dei capitali e un rendimento costante - sembra un buon investimento. Qual e' la fregatura?

Un primo punto critico è la questione del cambiamento climatico. Secondo uno studio di Munich Re, nel 1980 si sono verificati in tutto il mondo solo circa 250 eventi di perdita. Ad eccezione di un solo anno, questa cifra ha sempre superato i 400 dall'inizio di questo millennio e sono stati registrati più di 700 eventi di perdita nel 2015 e nel 2016. Se le perdite dovessero aumentare sensibilmente in futuro, gli assicuratori e gli investitori di Cat Bond probabilmente si troverebbero ancora in difficoltà. Questo perché il prezzo dei premi si basa solitamente su un cambiamento "graduale".

Un altro punto è degno di nota: "A causa delle concentrazioni di valori nelle regioni cicloniche negli ultimi decenni, l'ammontare delle perdite per eventi simili potrebbe essere più alto che in passato", ha dichiarato Kriesch. "Una delle ragioni è che la concentrazione della ricchezza è in aumento nelle regioni densamente popolate. In questo modo si creano più infrastrutture e le somme assicurate aumentano di conseguenza", spiega Sandro Müller.

Ciò può essere vantaggioso anche per gli investitori a lungo termine. "Una delle maggiori sfide quando si investe in cat bond è la mancanza di disponibilità. Di queste carte, solo un volume di quasi 30 miliardi di dollari è in circolazione. Questo corrisponde all'incirca alla capitalizzazione di mercato di Munich Re", sottolinea Achim Siller. Finora, la scarsa offerta è stata accompagnata da una domanda elevata. "I documenti di nuovi emittenti o obbligazioni che assicurano contro nuovi rischi come le pandemie sono interessanti dal punto di vista di un gestore di fondi. Questo aumenta sia l'ampiezza che la profondità dell'universo d'investimento da cui è possibile selezionare le singole obbligazioni", spiega Müller.

Questa tendenza ad aumentare le opportunità di investimento è guidata anche dalla regolamentazione. "La direttiva Solvibilità II aumenta i requisiti patrimoniali per gli assicuratori", spiega Kriesch: "Se ora affidano i rischi assicurativi al mercato dei capitali, ciò alleggerirà i loro bilanci e ridurrà il capitale proprio necessario. Questo avviene sempre più spesso quando strumenti di riassicurazione come i cat bond sono utilizzati per il trasferimento del rischio". In altre parole: Nei prossimi anni, il mercato di queste obbligazioni potrebbe crescere ulteriormente e forse molto più velocemente di quanto ipotizzato in precedenza.

Un aspetto essenziale per il successo di un investimento è quindi la selezione dei titoli e quindi dei rischi assicurati. Dopo tutto, la parte venditrice degli assicuratori è composta da professionisti con molti anni di esperienza e modelli altamente sviluppati che probabilmente sanno esattamente perché vogliono trasferire agli investitori determinati rischi dei titoli cartolarizzati.

"Non preoccupatevi", dice Kriesch, "abbiamo anche esperti con la giusta esperienza e modelli altrettanto buoni dalla nostra parte". Investiamo solo quando abbiamo una comprensione precisa dei rischi inerenti ai titoli. E solo se siamo sufficientemente compensati per il rischio che ci siamo assunti".

Ma è anche chiaro che l'investimento in questi titoli deve essere effettuato solo con un sostegno professionale. "Le obbligazioni stesse, ma anche i rischi sottostanti, sono troppo complessi da valutare per un investitore privato", chiarisce Achim Siller. "Ecco perche' i fondi specializzati sono sempre la prima scelta."

Investire attraverso i fondi ha un altro vantaggio. Un investimento di successo nei rischi assicurativi richiede generalmente una diversificazione sufficiente. In caso di perdita, non deve causare perdite considerevoli nel conto titoli. Questo obiettivo può essere raggiunto solo da fondi che assumono un gran numero di posizioni e costruiscono così un portafoglio ampiamente diversificato.

"Se queste condizioni sono soddisfatte, una commistione nel portafoglio può essere molto interessante", conclude Achim Siller. "Il modello di business del settore assicurativo si è affermato da molti anni. Nulla impedisce agli investitori di agire come riassicuratori e di utilizzare questa idea a loro vantaggio".

_____________________________

Come investire: in Titoli su rischi assicurativi.

In linea di massima, gli investitori hanno due opzioni per l'assunzione di rischi assicurativi: cat bond o operazioni private ILS. A differenza delle obbligazioni catastrofali, le operazioni ILS private non sono titoli quotati in borsa, ma operazioni private con una durata da sei a dodici mesi in cui le condizioni sono negoziate bilateralmente tra un investitore come Twelve Capital AG e l'assicuratore.

Entrambi i mercati sono dominati principalmente dai rischi statunitensi. "Circa due terzi dei rischi assicurativi cartolarizzati riguardano le tempeste negli Stati Uniti", afferma Sandro Müller della GAM. "Sebbene ci sia un rischio dollaro per gli investitori in euro, i fondi coprono alcuni rischi di valuta estera", aggiunge Achim Siller, Pictet. Gli investitori dovrebbero quindi parlare con il loro consulente di come vogliono affrontare il rischio di cambio.

Nell'analisi dei fondi, va notato che sono difficili da confrontare sulla base di dati di pura performance perché assumono diversi livelli di rischio. Il prelievo massimo, che indica la perdita cumulativa massima dall'inizio, e la perdita attesa danno un'indicazione di quanto siano sportivi i fondi.Dieser corrisponde alla perdita attesa nel portafoglio ponderata con probabilità matematiche. Maggiore è il danno atteso, maggiore è il premio assicurativo e il potenziale di rendimento del fondo.

01. Fondo Cat Bond

Negli ultimi cinque anni - non c'è quasi nessun fondo scambiato qui in Germania con dati che risalgono a qualche tempo fa - i rendimenti dei fondi più importanti hanno oscillato tra poco meno del 19% più nel 2014 e quasi meno del 14% nel 2017. Tuttavia, l'anno scorso è stato l'unico anno di perdite in questo periodo. Secondo la società di analisi dei fondi Morningstar, i migliori fondi hanno prodotto rendimenti annuali fino al 3,45% (al 13 febbraio 2018). Il prelievo massimo nei prossimi cinque anni è stato compreso tra il 4 e il 7 per cento circa.

Fondi di interesse: GAM Star Cat Bond Fund (IE00B3Q8M574), Plenum CAT Bond Fund R EUR (LI0115208543), Solidum Cat Bond Fund EUR (LI0049587301), Twelve-Falcon Cat Bond Fund EUR  (CH0019572566).

// 02. fondo per ILS privato

Questa strategia è accessibile agli investitori dal 2003 circa. Secondo l'indice Eurekahedge ILS Advisers Index, tra gennaio 2006 e gennaio 2018 ha generato circa l'88%. Ciò corrisponde ad un rendimento annuo di circa il 5,5%.

L'importante è che, a differenza dei cat bond, le ILS private non possono essere negoziate in borsa. "Tuttavia, essi sono compensati per questo svantaggio con un premio aggiuntivo per illiquidità. L'opportunità di rendimento è quindi maggiore rispetto ai cat bond", spiega Sandro Kriesch, Twelve Capital.

Altre differenze: Rispetto ai cat bond, la scadenza da sei a dodici mesi è molto breve. "Se il danno assicurato non si verifica durante questo periodo, gli investitori recuperano il valore nominale del titolo e hanno guadagnato la cedola. Inoltre, può essere coperto uno spettro più ampio, vale a dire che sono assicurati anche i rischi che non sono coperti dal mercato dei cat bond. Si basano quindi non solo su catastrofi naturali come terremoti o uragani, ma anche sui rischi del settore dell'aviazione e dei trasporti", continua l'esperto.

Fondi di interesse: LGT (Lux) II ILO B2 USD (LU0908636490), LGT (Lux) III ILS Plus B USD (LU0950816578), SCOR ILS Fund - SICAF-SIF Atropos (LU0670876076), Twelve Capital PILS Fund I USD (LU1314785269).

_____________________________

®

Autore: Gerd Hübner

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media