• Klaus Meitinger

Ragazzi fighi.

056 Zagst 20171115 DSF8699 2

Barometro del mercato azionario. Sei anni fa, il professor Rudi Zagst dell'Università Tecnica di Monaco di Baviera (a sinistra) ha sviluppato un modello scientifico che misura la probabilità di turbolenza del mercato azionario. Insieme al malvagio professionista Oliver Schlick, sta ora lavorando per trasferire le informazioni in un modello di investimento. La scienza incontra l'esperienza finanziaria - i due non avrebbero potuto scegliere un momento migliore.

"Non avevo mai visto nulla di simile nel campo della scienza", dice Oliver Schlick, ex Chief Investment Officer di BayernInvest, ancora stupito. "Il sismografo di Rudi Zagst non solo ha anticipato tutte le crisi degli ultimi 15 anni con un lead time sufficiente. Indica anche quando il pericolo è finito. Ed evitare le estenuanti perdite che molte strategie quantitative producono nelle fasi laterali".

Quando due anni fa Schlick decise di concentrarsi maggiormente sulla consulenza e la scienza, era convinto di dover cercare di trasformare il modello scientifico in una strategia d'azione che potesse essere messa in pratica. "E sai una cosa? "Abbiamo finito appena in tempo.

Dopo anni di alta e stabile pressione sul mercato azionario, dice Schlick, la stagione degli uragani sta iniziando. "Ci saranno buone fasi di mercato nei prossimi anni. Ma anche enormi battute d'arresto. Un sismografo di borsa è quindi oggi più prezioso che mai".

Per Rudi Zagst, direttore della cattedra di matematica finanziaria dell'Università Tecnica di Monaco di Baviera, la crisi finanziaria ha dato l'impulso per sviluppare un sistema di allerta precoce per la borsa valori. "1987, 2000, 2008 - di volta in volta il mondo è completamente sorpreso dalla caduta dei prezzi sui mercati azionari. Me lo stavo chiedendo: Perché, nonostante tutte le nostre conoscenze, non riusciamo a sviluppare in tempo utile qualcosa che avverta delle crisi dei mercati dei capitali?

Zagst sta per cambiare questa situazione. Con due dei suoi studenti, un dipendente e un team di esperti del mercato finanziario, sviluppa una sorta di previsione meteorologica per la borsa valori. Non è interessato a prevedere l'evoluzione del DAX o di qualsiasi altro indice. "Volevamo costruire un modello che indicasse la probabilità di un temporale sui mercati. In modo che ogni investitore possa controllare la sua posizione. Il mercato è ancora abbastanza sicuro per me? Mi prendo consapevolmente i rischi ovvi e mi porto un ombrello con me? "O sto cambiando la struttura del mio portafoglio?

Poiché negli Stati Uniti è disponibile il miglior materiale di dati con la più lunga storia, viene creato il modello per il mercato azionario statunitense S&P 500. "Ma non è questo il punto. Gli Stati Uniti sono la principale borsa valori. Poiché l'Europa e la Germania reagiscono in modo simile, i risultati possono essere utilizzati anche per ottenere raccomandazioni di azione per questi scambi".

A metà del 2011, dopo due anni di lavoro, il modello è pronto. Der Kapitalmarktseismograf distingue tra tre regimi: una fase calma, una fase turbolenta con aspettative di rendimento positivo e una fase turbolenta con prospettive negative.

056 Zagst

"Usiamo i semafori rossi, gialli e verdi", spiega Rudi Zagst. "Per me, il verde è la fase dello shopping. Il sole splende, non ci sono nuvole nel cielo da vedere. Un incidente è estremamente improbabile. Gli investitori possono ora investire essenzialmente in azioni senza copertura. Nelle fasi turbolente, invece, dovrebbero essere più prudenti. Poi l'andamento del mercato azionario può girare in qualsiasi direzione. Per me, turbolenza-positivo significa investire, ma non con le bandiere. Durante questo periodo, ha senso investire solo una parte del capitale in azioni. O lavorare con le misure di sicurezza. Turbolenza significa negativo: fuori dal mercato o copertura totale. Allora è troppo pericoloso".

Lo scienziato ha testato il modello retroattivamente con i dati attuali dal 2004 in poi. "Il mercato è stato negativo per le turbolenze fino al marzo 2004, poi si è calmato ed è rimasto tale fino al gennaio 2008, dopo di che è stato indicato uno stato negativo per le turbolenze. Dal luglio 2009, il mercato è stato turbolento e positivo. Investire dal 2004 in poi, vendere nel gennaio 2008 e riacquistare con cautela nell'estate 2009 non sarebbe stato un male. "Eravamo ovviamente sulla strada giusta.

Il modello è in fase di sperimentazione pratica dalla fine del 2011. Da allora, i risultati sono stati pubblicati mensilmente sulla homepage del patrimonio privato. Il modello ha fornito molti suggerimenti estremamente utili. Ad esempio, la tendenza al rialzo sostenuta dal 2012 alla metà del 2015 è stata correttamente anticipata. Sono state previste anche le successive fasi di correzione. Ciò che è stato notevole è stato che il sismografo è stato sempre rapidamente trasformandosi nel positiven Bereich. Ciò indicava una correzione, non l'inizio di una recessione sostenuta. Si trattava di un'informazione preziosa per gli investitori che intendevano vendere le loro azioni all'epoca.

Dalla metà del 2016 in poi, il sismografo ha consigliato di rimanere completamente investito nonostante Brexit, Trump e i vari thriller politici in Europa. L'ulteriore sviluppo gli ha dimostrato ancora una volta che aveva ragione.

Tuttavia, vi erano anche due punti deboli. Il consiglio era vago. Le informazioni sono state sufficienti a sensibilizzare l'opinione pubblica.Tuttavia, non vi erano istruzioni concrete e basate su regole per l'azione riguardante l'assegnazione dei conti titoli a  Eine . Un aumento della probabilità rossa di cinque punti è già un segnale di vendita? Quando diventa davvero pericoloso?

Infine, ma non meno importante, il modello era ovviamente troppo lento per l'uso pratico, poiché le probabilità sono state calcolate una sola volta all'im Monat.L'incidente non aspetta.

Oliver Schlick inizia a correggere queste debolezze con il supporto degli scienziati. "Prima abbiamo aumentato la frequenza del segnale", dice il banchiere. La sfida era trovare la sensibilità ottimale. L'intervallo di un mese tra le misurazioni era decisamente troppo lungo. Tuttavia, se le misurazioni fossero effettuate ogni giorno, le tendenze a lungo termine non potrebbero più essere identificate. "Quattro giorni di distanza l'uno dall'altro si sono rivelati ottimali. Ora siamo abbastanza veloci da rilevare un temporale in avvicinamento, ma abbastanza lenti da non dover reagire ad ogni raffica di vento".

La seconda sfida era la fattibilità concreta. "Il nostro obiettivo è quello di convertire le probabilità previste in decisioni di ponderazione basate su regole. Quale rapporto di capitale proprio è appropriato in quale situazione", spiega Schlick. Per raggiungere questo obiettivo, il professionista finanziario gira due viti. Il primo ha qualcosa a che fare con la propensione al rischio individuale di un investitore. Definisce le quote massime di quote per alcune costellazioni meteorologiche. "Questa è l'assegnazione della base. Ci sono investitori per i quali è sufficiente che la probabilità di un temporale sia inferiore al 30 per cento per essere completamente investito. "Altri vogliono piu' sicurezza.

Nella seconda fase, il sismografo fornisce indicazioni di una variazione dinamica della quota di capitale proprio. "Se c'e' una variazione percentuale in rosso entro quattro giorni, c'e' ovviamente qualcosa nella boscaglia. Le nuvole scure entrano rapidamente. Allora è consigliabile vendere azioni", erklärt Oliver Schlick. Lo stesso vale se la probabilità rossa si accumula in modo significativo per un certo periodo di tempo senza interruzioni. "Così si formano sempre più nuvole, che diventano sempre più nere. Anche in questo caso, gli investitori dovrebbero tirare il cavo di strappo".

Regole simili definiscono quando e in quali fasi gli investimenti vengono fatti di nuovo se le nuvole spariscono di nuovo. "Si trattava di ottimizzare tre cose - volevamo ridurre le perdite nei movimenti discendenti, unire il trend positivo nelle fasi ascendenti e non produrre un meno nei movimenti laterali", erklärt Schlick. "Calibrata a questi obiettivi, si potrebbe sviluppare una strategia basata su regole che dal 2004 ha prodotto più rendimenti degli investimenti azionari puri. Inoltre, si è comportato molto meglio delle varie strategie di miscelazione, con meno variazioni e minori perdite massime durante le fasi di recessione".

Il prossimo passo sarà lo sfruttamento commerciale di questi risultati. "Dalla pura consulenza, alla gestione dei fondi, all'input per un Robo Advisor, molto è concepibile", dice Schlick.

056 Zagst 20171115 DSF8736

Al momento, il professionista di borsa - un economista formato - sta aspettando con particolare attenzione gli ultimi risultati del sismografo. "Io stesso sono piuttosto scettico riguardo ai mercati azionari.Ma il sismografo è verde intenso. Questo è il vantaggio di una sintesi tra il mondo quantitativo e quello fondamentale. Analisti e scienziati dicono al computer cosa cercare. Si comporterà in modo del tutto indifferente. Indipendentemente dalla valutazione dei mercati."E senza dubbio.

Finora, il sismografo ha evidenziato le correzioni importanti per gli investitori e dato il tutto chiaro di nuovo in tempo utile. Dopo sei anni di mercato dei tori, il prossimo test è imminente. Il modello aiuterà a sopravvivere a un grave incidente in gran parte illeso? "Lo sperimenteremo nei prossimi due anni", sospetta Schlick. "E poi farvelo sapere immediatamente, maledizione, mettiti in guardia dai tuoi lettori", promette Rudi Zagst: "Perché è di questo che mi sono occupato quando ho concepito il sismografo. Per evitare che gli investitori perdano molto denaro sul mercato azionario in ogni crisi".

____________________________

Realizzazione di - come è stato creato il sismografo.

"La base del nostro lavoro è la consapevolezza che in fasi calme e turbolente del mercato azionario si applicano regole diverse", spiega Rudi Zagst (al computer con Oliver Schlick (a sinistra) e il dipendente Markus Wahl). "Nella prima fase, un modello matematico complesso guarda intorno al mondo dei mercati dei capitali e riconosce che questo mondo può effettivamente cambiare. In fasi turbolente, i prezzi fluttuano fortemente, i mercati azionari sono altamente sincronizzati e i rendimenti sono generalmente negativi. Nelle fasi tranquille è esattamente il contrario. Il modello sta imparando a distinguere queste fasi".

Ora l'algoritmo sa in quale regime si trovavano i mercati con quale probabilità in un certo momento del passato. Conosce le probabilita' storiche di turbolenza. "In zweiten Schritt abbiamo testato 30 variabili - dati di mercato e dati economici - e le abbiamo elaborate in modelli matematici. L'obiettivo era quello di trovare la combinazione di fattori con cui la probabilità di turbolenza poteva essere spiegata matematicamente nel passato", spiega Zagst.

Un gruppo di esperti, tra cui Oliver Schlick, ha esaminato le variabili di input per la loro rilevanza economica ed ha eliminato i fattori per i quali si potevano ipotizzare correlazioni fittizie. "Alla fine, sono rimaste cinque variabili: un indicatore economico globale, il tasso LIBOR sul mercato monetario, il differenziale dei tassi di interesse tra obbligazioni prime e subprime, le fluttuazioni dei prezzi e la struttura delle curve di rendimento - il rapporto tra i tassi di interesse a breve termine e i rendimenti a cinque o dieci anni.

Nella terza fase, il modello utilizza i valori correnti di queste variabili e le probabilità dell'ultimo mese per stimare la probabilità di turbolenza per il mese successivo. Anche il modello stesso impara. "Con ogni nuova fetta di tempo, è meglio in grado di distinguere tra stati turbolenti e non turbolenti", spiega Rudi Zagst: "Allo stesso tempo, verifichiamo regolarmente in background se un'altra combinazione di fattori non avrebbe prodotto risultati migliori come risultato di questo processo di apprendimento. "Perché quando il mondo cambia, anche il sismografo deve evolvere".

____________________________

®

Autore: Klaus Meitinger

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media