Chiudi il divario.

Print Friendly, PDF & Email

068 Private Debt 304072

Debito privato. Dopo la crisi finanziaria, le banche si sono sempre più spesso ritirate dal credito alle imprese. Ma, naturalmente, in futuro avranno bisogno anche di risorse finanziarie. La soluzione al problema è il Private Debt - finanziamento aziendale attraverso un prestito da parte di investitori privati. Questo può essere molto redditizio per gli investitori. Questo perché il debito privato ha tassi d'interesse interessanti e condizioni interessanti.

"Il fatto che le banche si siano ritirate dall'attività creditizia dopo la crisi finanziaria ha già lasciato un notevole vuoto finanziario in molte aziende", riferisce Valentin Bohländer del Family Office HQ Trust. Se volete finanziare acquisizioni o la crescita futura, dovete arginare gli investimenti o rifinanziare i debiti esistenti, avete bisogno di una nuova fonte di capitale", spiega l'esperto, "lo troverete sempre più spesso sotto il marchio del debito privato.

Il debito privato descrive il prestito diretto di investitori privati alle imprese. Essi agiscono in qualità di finanziatori e forniscono alle società i fondi necessari. Non c'è un intermediario in mezzo.Il finanziatore negozia le condizioni direttamente con il mutuatario. Questa forma di finanziamento è molto diffusa negli Stati Uniti. "Qui le aziende hanno sempre finanziato solo un quarto del loro fabbisogno di capitale tramite prestiti bancari, mentre tre quarti sono stati finanziati tramite il mercato dei capitali o prestiti privati diretti", afferma il collega di Bohländers Jan Hoffmann, analista di private equity e debito privato dell'HQ Trust.

In Europa, tuttavia, si tratta di una nuova tendenza. Qui e' dove andare alla banca della casa ha una lunga tradizione. In passato, oltre il 60 per cento dei finanziamenti è stato fornito dalle banche. Tuttavia, la situazione è cambiata dopo la crisi finanziaria, innescata da requisiti normativi più severi. La regolamentazione bancaria di Basilea III, ad esempio, impone requisiti più severi in materia di adeguatezza patrimoniale. "Questo ha semplicemente reso i prestiti alle aziende più costosi per le banche", dice Hoffmann.

Se le banche concedono meno prestiti, colpiscono soprattutto le piccole e medie imprese, per le quali un'emissione di obbligazioni sul mercato dei capitali è troppo complicata o troppo costosa. "Sono anche candidati ideali per il debito privato perché lo strumento può essere personalizzato", spiega Gabriella Kindert, responsabile del credito alternativo presso NN Investment Partners: "I mutuatari e i finanziatori possono negoziare bilateralmente i termini e le condizioni in base alle loro esigenze individuali.

Non sorprende quindi che i prestiti diretti da parte di investitori istituzionali e privati abbiano registrato un boom dopo la crisi finanziaria. Secondo NN Investment Partners, il numero di tali operazioni dirette in Europa è stato solo 24 nel quarto trimestre del 2012, rispetto ai circa 70 operazioni dirette in un trimestre dell'anno scorso.

Anche il volume è in forte aumento. Secondo Preqin, un fornitore alternativo di dati sugli investimenti, alla fine del 2007 i fondi privati del debito negli Stati Uniti e in Europa gestiscono ancora circa 200 miliardi di dollari. Alla fine del 2016, questa somma era quasi triplicata a quasi 600 miliardi di dollari.

Il debito privato sta vivendo un vero e proprio boom in questo momento. Perché non solo da parte delle aziende, ma anche tra gli investitori l'interesse è grande. "I nostri clienti - spiega Tom Collier, esperto di debiti privati di Pimco - sono alla ricerca urgente di investimenti con un interessante rapporto rischio/rendimento.Sie dovrebbe essere meno rischioso delle azioni, ma più redditizio delle obbligazioni".

Il debito privato può farlo. "Nel complesso", informa Jan Hoffmann, "gli investitori possono aspettarsi rendimenti dal tre per cento a due cifre, a seconda del rischio".

"Bei Anleihen, la complessità della struttura creditizia, la liquidità della sicurezza, i fattori di rischio, la solvibilità e la maturità, nonché l'offerta e la domanda sono determinanti", spiega Gabriella Kindert. "Gli investitori di im Vergleich hanno uno svantaggio particolare rispetto ai titoli quotati per quanto riguarda il fattore di liquidità.Dazu, naturalmente, non sorprende che i prestiti siano anche più complessi. "Per entrambi, gli investitori saranno ricompensati con rendimenti piu' alti.

A differenza delle obbligazioni, i titoli privati non possono essere venduti sul mercato. "Dobbiamo quindi essere pronti a mantenere questo prestito per l'intera durata di cinque o sette anni", dice Tom Collier. La maggiore complessità del debito privato è dovuta al fatto che la struttura del credito e la costosa documentazione delle condizioni sono negoziate individualmente ed è talvolta difficile riunire acquirenti e venditori. "In cambio, il debito privato offre un premio di rendimento aggiuntivo", spiega Kindert.

Per gli investitori non è interessante dal punto di vista dei rendimenti investire una parte delle attività destinate a investimenti a tasso d'interesse nel debito privato. "Abbiamo notato che la correlazione con le tradizionali classi d'investimento quotate in borsa è spesso bassa perché qui i debitori completamente diversi giocano un ruolo importante", spiega Kindert. "La parte di reddito fisso può essere diversificata meglio, il portafoglio totale meglio bilanciato."

Inoltre, c'è un altro vantaggio: l'indebitamento privato è solitamente soggetto a tassi d'interesse variabili. Di solito un sovrapprezzo sul tasso a tre mesi del mercato monetario viene pagato in dollari USA. Se questo tasso aumenta perché, ad esempio, la Federal Reserve statunitense aumenta i suoi tassi di interesse di riferimento, la cedola di interesse sale con essa. "A differenza dei titoli con cedole fisse, non c'è bisogno di perdite di prezzo. Gli investitori si assumono quindi un basso rischio di tasso di interesse", spiega Collier.

Nel frattempo, tuttavia, il debito privato è diventato una piccola vittima del proprio successo. Il fatto che sempre più capitali confluiscono in questo settore indebolisce la posizione negoziale dei finanziatori. Secondo le stime di Preqin, già a metà dello scorso anno i fondi del debito privato avevano a disposizione circa 224 miliardi di dollari di liquidità inutilizzate. Gli esperti la chiamano polvere secca. "Si tratta di fondi che vogliono essere investiti e che naturalmente competono duramente per gli investimenti più interessanti", spiega Hoffmann. In altre parole: Gli investitori sono attualmente alla ricerca di buoni affari.

Di conseguenza, i buoni debitori che sono particolarmente attraenti per gli investitori si trovano in una posizione negoziale comoda. Non solo possono far valere le loro idee riguardo alle rispettive clausole di credito, ma possono anche ottenere il credito a costi inferiori rispetto al passato. "In effetti, i rendimenti dei prestiti semplici a buoni mutuatari hanno subito negli ultimi anni un forte calo, parallelamente ai premi di rischio sulle obbligazioni societarie", osserva Tom Collier. "Ma vediamo ancora del potenziale nei settori in cui l'offerta di credito è più bassa e complessa."

Nel complesso, tuttavia, ciò significa che gli investitori che desiderano ottenere rendimenti elevati devono ora assumersi maggiori rischi anche in questo segmento. "Ci sono diverse classifiche per questi investimenti", spiega Hoffmann. "In primo luogo, il debito garantito senior. Sono relativamente sicuri, ma di solito i rendimenti sono solo del 3 percento circa". I titoli subordinati, vale a dire il cosiddetto debito junior o debito subordinato, portano di più. "I rendimenti nell'ordine di grandezza a due cifre sono ancora possibili lì. "Ma ovviamente il rischio è proporzionalmente più alto.

Tuttavia, la maggior parte degli investitori privati, hanno osservato NN Investment Partners, non si posizionano né nel settore particolarmente sicuro ma non redditizio né in quello molto rischioso. I cosiddetti unitranches, che mescolano debito senior e junior, sono utilizzati più frequentemente. Il loro rendimento è superiore di circa 600 punti base a quello di obbligazioni comparabili.

"Questo illustra l'affascinante e ampio spettro di opportunità di investimento che questo mercato offre", riflette Valentin Bohländer e conclude: "Per gli investitori questo presenta vantaggi e svantaggi. Da un lato, possono trovare investimenti che corrispondono esattamente al loro profilo di rischio/rendimento individuale. D'altra parte, potranno lavorare lì solo se hanno risorse molto grandi e capacità analitiche eccellenti".

Pertanto, la deviazione attraverso fondi chiusi per il debito privato è di solito l'alternativa giusta. Recentemente, alcuni di questi veicoli sono stati immessi sul mercato. Alcuni sono persino specializzati nel mercato europeo e non espongono gli investitori a rischi valutari.

Il 95% degli investitori istituzionali intervistati da Preqin dichiara che le loro aspettative di rendimento sono state soddisfatte o superate. Ben il 62 per cento vuole quindi aumentare a lungo termine la propria ponderazione in questo settore. Considerano il prestito diretto come un'interessante alternativa al mercato obbligazionario.

_________________________

Come investire nel debito privato.

"A causa della lunga storia e dell'ampiezza del mercato, il mercato statunitense è fondamentalmente il più attraente", spiega Valentin Bohländer del Family Office HQ Trust, "ma i rischi valutari e le ragioni fiscali sono buoni argomenti a favore di una maggiore focalizzazione sul mercato europeo.

Negli ultimi anni sono successe molte cose. Secondo NN Investment Partners, dal 2013 sono stati lanciati fondi europei di prestito diretto per un volume totale di 50 miliardi di dollari. Ciò corrisponde a circa il 43 per cento di tutti i prestiti diretti concessi a livello mondiale durante questo periodo.

La grande arte per gli investitori è quella di selezionare le offerte. "Se si desidera investire, non si può evitare di guardare molto da vicino la gestione di un tale fondo", consiglia Bohländer. Quanto sono buone le capacità di analisi del credito per i potenziali mutuatari? "Questo è importante perché un'uscita temporanea dal debito privato non è possibile.E' quindi necessario assicurarsi che il debitore sia in grado di servire il prestito per l'intera durata e di rimborsarlo anche alla fine della durata".

Ciò richiede esperienza e know-how. Soprattutto nel settore meno trasparente delle piccole e medie imprese che non sono attive sul mercato dei capitali, è difficile trovare mutuatari interessanti e valutare se il profilo rischio/rendimento sia vantaggioso, e quindi anche negoziare le condizioni contrattuali adatte all'investitore. "Il manager dovrebbe essere in grado di dimostrare un track record più lungo e ha già dimostrato le sue capacità in questo settore", dice Bohländer. E c'e' qualcos'altro da notare. "Non rincorrere l'höchsten Renditen", consiglia l'esperto, "negli ultimi anni anche questo segmento di mercato ha ottenuto ottimi risultati. Se un altro incidente finanziario dovesse verificarsi ovunque e in qualsiasi momento, è bene che il gestore del fondo non abbia assunto un rischio troppo elevato".

È difficile fare questa selezione da soli. Gli investitori interessati devono pertanto affidarsi al giudizio dei loro gestori patrimoniali o consulenti finanziari.

Un altro ostacolo: Questi veicoli sono solitamente lanciati come fondi chiusi. Gli investitori possono quindi sottoscrivere solo se il fondo viene lanciato e dovrebbero, oltre alla direzione, esaminare anche i costi, le commissioni e la partecipazione agli utili. Per ulteriori informazioni:

Gestori del debito di Permira

(www.permira.com/offices/frankfurt)

Pemberton (www.pembertonam.com)

Muzinich & Co. (www.muzinich.com)

Rothschild (www.rothschild.com/en/merchant-banking/direct-lending)

Ardiano (www.ardian.com/activities-team/private-debt)

Patrimonium (www.patrimonium.ch)

// BlueBay (www.bluebay.com/en/strategies/investments/private-debt)

_________________________

®

Autore: Gerd Hübner

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Montenstrasse 9
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email