Tempo e spirito.

Print Friendly, PDF & Email

Sylvaindominique edit

Arte. Il primo Museo della Realtà Virtuale è stato fondato nel 2016 dalla coppia di collezionisti parigini Sylvain e Dominique Levy. Gestisce una delle più lungimiranti collezioni private di arte contemporanea cinese in Francia, rivoluzionando la storia della ricezione dell'arte. La sua storia riflette la grande avventura della famiglia Levy.

L'edificio del museo si trova nel mezzo di un paesaggio mozzafiato. Enormi sale ad arcate fiancheggiano un cortile interno non considerato. Le persone con un piccolo aspetto passeggiano per le sale e guardano le opere d'arte selezionate nella collezione. L'atmosfera sembra molto rilassata. E non c'è da stupirsi. Perché il museo esiste solo nel mondo virtuale.

"Quando io e Dominique abbiamo deciso di collezionare la collezione contemporanea, abbiamo pensato anche a come presentare una tale collezione nel modo più significativo. Volevamo scegliere un metodo che si adattasse al presente", spiega Sylvain Levy. In un momento in cui le applicazioni sono importanti quanto gli oggetti e la velocità è importante, è essenziale aprirsi al mondo digitale. "Ci dà anche l'opportunità di aprire la nostra collezione ad un pubblico più ampio."

Levy1

Dominique e Sylvain Levy riscuotono imposte dagli anni '80. Inizialmente si interessano all'arte moderna occidentale. Poi, per l'antiquariato. Quando si recano a Shanghai nel 2005, i due sono affascinati dall'energia vibrante della città. "L'arte è lo specchio della società. Cercavamo la stessa energia nell'arte contemporanea cinese che abbiamo sperimentato a Shanghai. Quello fu l'inizio della nostra grande avventura".

Da più di due decenni ormai, i due sono dedicati esclusivamente all'elaborazione e all'esposizione di arte contemporanea cinese sotto l'etichetta dslcollection. La collezione comprende opere della mostra d'avanguardia del 1989, come Ai Weiwei o Zeng Fanzhi, ma anche opere dell'ultima generazione, tra cui Ding Yi, Cui Xiuwen, Jiang Zhi, Lin Tianmiao, Qiu Zhijie, Xu Zhen, Zheng Guogu e Zhou Tiehai.

Molti di loro hanno giocato un ruolo importante nello sviluppo dell'arte contemporanea in Cina. In alcune opere si può notare anche l'influenza dell'arte occidentale. L'opera di Hu Jiemieing "Floß der Medusa" (2002), ad esempio, traccia un parallelo tra il declino sociale rappresentato nella famosa "Medusa" di Théodore Géricault (1819) e la rivoluzione culturale cinese. L'artista crea il passaggio al presente raffigurando una società colorata, in parte nuda e soprattutto consumistica, che contrasta con figure in bianco e nero, vestite con le tradizionali uniformi maoiste.

Levy3

Levy2

Altri artisti commentano la discrepanza sociale causata dalla rapida crescita economica. L'installazione "Comfortable" dell'artista di Shanghai Xu Zhen, ad esempio, trasforma un minibus di lavoratori cinesi in una gigantesca lavatrice. E' il simbolo della vita quotidiana di persone che non hanno il privilegio di vivere il ritmo veloce della vita nelle città alla moda.

Ciò che viene acquistato è impegnativo, impegnativo e unico per collezionisti esperti. Senza concentrarsi su un particolare mezzo o gruppo di artisti, raccolgono dipinti, video, fotografie e sculture, così come installazioni che riempiono lo spazio o le ultime produzioni nel campo dell'arte digitale.

La sfida più grande è quella di acquisire regolarmente il lavoro della migliore qualità di ogni artista. Ecco perché i Levys si sono concentrati presto sull'acquisto di opere di grande formato. "Ci sono semplicemente meno concorrenti", spiega Sylvain Levy.

In linea di principio, le due aziende perseguono un approccio imprenditoriale. La collezione è limitata ad un massimo di 350 opere. Se si aggiunge un'opera, ne viene venduta un'altra. Di norma, il tasso di movimentazione è del dieci percento all'anno. In questo modo, la collezione rimane in movimento e riflette il rapido ritmo di sviluppo della Cina. Non c'è alcun motivo economico dietro questa strategia. Al contrario. "Raccogliere è un modo elegante per bruciare una fortuna. Il finanziamento proviene dai frutti della mia attività professionale nel settore immobiliare", dice Sylvain Levy.

Di conseguenza, secondo Dominique Levy, questa strategia dovrebbe dare un'anima alla collezione. La selezione deve essere fatta con cura, ogni acquisto è altamente personale, è come una parola che si colloca in modo che la somma nel tempo fa una storia: la storia della coppia di collezionisti Levy.

Man mano che la collezione cresce, sorge la questione di come può essere diffusa e resa accessibile a un pubblico globale su più livelli possibili. Un museo è fuori questione. "Chi gestisce un museo diventa un'istituzione e deve sottostare a determinate regole e obblighi al momento del collezionismo. Ma volevamo raccogliere quello che ritenevamo giusto in un certo momento. E volevamo essere orgogliosi dei nostri errori. Dopo tutto, è la nostra avventura personale".

In breve, i Levys vogliono agire senza restrizioni e raggiungere il maggior numero possibile di generazioni. Invece di aspettare il pubblico, entrano in nuove spiagge e vanno dove si trovano i visitatori: verso Internet.

"La diversità culturale, la mobilità tecnologica e personale stanno cambiando il nostro mondo", dice Sylvain Levy. L'uso delle più recenti tecnologie per pubblicare la collezione è quindi una cosa ovvia per la coppia. Dal 2005 si sono avvalsi delle più svariate possibilità tecniche e presentano la loro collezione su Internet, tramite applicazioni iPad, e-book gratuiti o applicazioni 3D.

Sono attivi nel mondo online 3D di Second Life e dal 2016 condividono il loro Virtual Reality Museum basato su Internet, che dà al pubblico globale l'accesso alle loro opere d'arte. Inoltre, il mondo è informato multilingue attraverso tutti i canali di social media come Facebook, LinkedIn o Instagram. La dslcollection è quindi il miglior esempio di come una società di consumo orientata allo schermo possa raggiungere nuovi e più giovani gruppi target in tutto il mondo.

Alcune opere della dslcollection sono più grandi della vita e difficili da trasportare. Analogamente all'idea del museo portatile di Marcel Duchamp, queste opere d'arte sono presentate nel Virtual Reality Museum. I collezionisti hanno commissionato il progetto allo studio di design parigino Monochrome. È specializzata in esperienze 3D in tempo reale nel campo della realtà virtuale. La condizione non era quella di creare un classico edificio a cubo bianco, ma di utilizzare i vantaggi della VR, in modo che un museo basato sull'immersione e l'interattività possa essere creato senza restrizioni fisiche.

Monochrome poi creato un edificio museale che può essere visto sia a piedi che in volo. La costruzione del complesso richiedeva solo tre mesi e, secondo Sylvain Levy, non era molto costoso. Attraverso il teletrasporto, lo spettatore e l'opera d'arte entrano in una nuova relazione. I visitatori possono muoversi liberamente all'interno del museo, senza restrizioni di tempo e spazio, ed esplorare le opere selezionate a distanza ravvicinata in 3D - come la scultura di Jia Ali di 15 x 6 metri.

L'ambiente si adatta alla prospettiva dell'osservatore. Ogni opera d'arte diventa elemento centrale di ricezione. Secondo i Levys, VR offre alle persone anziane l'opportunità di vedere mostre a New York, Parigi o Shanghai. E la generazione più giovane è di nuovo addestrata nell'arte attraverso la componente di gamification.

Perché una cosa va sempre presa in considerazione: Le abitudini dei giovani visitatori sono estremamente controllate digitalmente.

Il visitatore del museo di oggi non è più un osservatore tradizionale, ma un consumatore d'arte interattiva.

Secondo uno studio di Culture Track, i visitatori si concentrano sull'opera d'arte per soli 15 secondi, mentre l'esperienza intorno ad essa guadagna sempre più tempo e importanza attraverso la fotografia in scena e la successiva condivisione con la comunità su canali di social media come Instagram. La rispettiva opera d'arte acquisisce così anche una percezione esterna molto più ampia. Questa è un'altra ragione per cui la diffusione digitale dell'arte promossa dai Levys è assolutamente contemporanea.

Naturalmente, nessuna collezione è mai completa. Il prossimo passo logico per Dominique e Sylvain Levy, ad esempio, potrebbe essere quello di integrare il tema dell'intelligenza artificiale. Dopo tutto, la Cina investe in questo settore più di qualsiasi altro paese.

Sylvain Levy sa che questa tecnologia influenzerà anche l'umanità. Tuttavia, preferisce continuare a investire nel concetto di realtà aumentata. "La realta' virtuale e' anche un ottimo mezzo per gli artisti."

Sotto la direzione di Daniel Birnbaum, ex direttore del Moderna Museet di Stoccolma, la casa di produzione Acute Art offre agli artisti contemporanei l'accesso a tecnologie all'avanguardia con cui possono tradurre le loro visioni creative in nuovi media digitali - tra cui realtà virtuali, estese e miste.

L'azienda è stata fondata nel 2017 dal collezionista svedese Gerard De Geer e da suo figlio Jacob. Acute Art ha già sviluppato una serie di ambiziose collaborazioni con artisti come Jeff Koons, Anish Kapoor e Yu Hong durante la sua breve vita. La performance artist Marina Abramovic presenterà la sua prima opera VR Acute Art alla prossima 58a Biennale di Venezia. Altre case di produzione come Khora Virtual Reality creano spazi virtuali per i musei. E la dslcollection ha recentemente commissionato due lavori a Miao Ying e Shezad Dawood.

"Raccogliere può dare a una persona comune una vita straordinaria. Artisti che riflettono lo zeitgeist permettono anche ai collezionisti di essere parte del mondo che cambia", concludono Dominique e Sylvain Levy. I due si sono posizionati "un po' nel passato e nel presente e con la testa anche un po' nel futuro". ®

–––––––––––––––––––––––––

Arte e digitalizzazione.

Certo, l'implementazione digitale non sarà mai in grado di sostituire l'incontro fisico con un'opera d'arte. Esempi recenti nel mercato dell'arte - come la sensazionale vendita online di un'opera di Albert Oehlen a Gagosian o le vendite Instagram alla Galerie Lévy Gorvy Gorvy - dimostrano, tuttavia, che le nuove tecnologie possono giocare un ruolo significativo nella vendita di opere d'arte. Anche i musei e le istituzioni si affidano sempre più spesso alle qualità audiovisive e alle realtà ampliate per raggiungere le persone al di là delle frontiere e delle regioni.

Negli ultimi dieci anni, la dslcollection ha svolto un ruolo pionieristico in questo campo. Per loro, la diffusione digitale è un complemento alternativo all'esperienza reale dell'arte. Nel 2017, la famosa Collezione Kremer di Colonia ha anche aperto il suo primo Museo privato di Realtà Virtuale.

I visitatori possono sperimentare le opere di antichi maestri come Rembrandt van Rijn e Frans Hals, raccolte in due decenni, in un'atmosfera da museo.

Il VR Museum of Fine Art, sviluppato come videogioco, mostra anche opere d'arte famose che in circostanze "normali" potevano essere viste solo durante un lungo viaggio. Dopo tutto, gli oggetti esposti sono distribuiti in dieci paesi. Grazie alle tecnologie virtuali, gli amanti dell'arte possono ora interagire con queste opere d'arte in un modo completamente nuovo.

Un ulteriore vantaggio: nessun supervisore museale indicherà auf Öffnungszeiten e dirà al visitatore di stare lontano dalle opere d'arte.

Questi musei meritano una visita virtuale:

http://www.dslcollection.org

http://www.thekremercollection.com

http://zeitreise.staedelmuseum.de

https://store.steampowered.com/app/

515020/Il_Museo_di_arte_fine_del_Museo_VR/

https://www.tate.org.uk/whats-on/tate-modern/exhibition/modigliani/modigliani-vr-ochre-atelier

https://www.hackingtheheist.com

–––––––––––––––––––––––––

Autore: Doms Dr. Annette Doms

Foto: Per gentile concessione di DSL Collection e degli artisti

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email


latest logo pw

einloggen oder abonnieren

latest logo pw

einloggen oder abonnieren

latest logo pw

login or subscribe

latest logo pw

login or subscribe

latest logo pw

Ouvrir une session ou s'abonner

latest logo pw

Ouvrir une session ou s'abonner

latest logo pw

Iniciar sesión o registrarse

latest logo pw

Iniciar sesión o registrarse

latest logo pw

effettuare il login o iscriversi

latest logo pw

effettuare il login o iscriversi