• Sonderveröffentlichung: Matador Partners Group AG

Piccolo è bello.

Print Friendly, PDF & Email

Matador 114246930

Private equity. Molti fondi PE si trovano su una montagna di Kapital. Sono in concorrenza tra loro quando acquistano aziende e quindi fanno salire i prezzi. "Ci stiamo quindi concentrando sempre più sulle aziende più piccole. Ci sono più obiettivi di investimento e meno potenziali acquirenti - questo migliora la prospettiva di ritorno", spiega Florian Dillinger, Matador Partners Group AG.

"A volte," sorride Florian Dillinger, "dobbiamo solo fare un miglio in più.Oder in questo caso. Altrimenti, non avremmo mai fatto affari con il fondo secondario di private equity finlandese EQ. Oggi siamo l'unico investitore tedesco. E sono sicuro che ci divertiremo ancora molto con questa partecipazione".

Dillinger investe da 20 anni in vari aspetti del private equity. "Questa è semplicemente la classe d'investimento più interessante a lungo termine per denkende Investoren", spiega: "Poiché i gestori di private equity innescano uno sviluppo positivo dopo l'acquisto di un'azienda - sul lato dei costi, espandendo ed espandendo il modello di business o attraverso espansioni o acquisizioni - generano generalmente rendimenti a due cifre.Das è imbattibile".

Nel frattempo, tuttavia, una parte dell'industria sembra diventare una piccola vittima del proprio successo. "Il private equity guarda indietro a cinque anni di boom. In nessun periodo precedente i gestori hanno raccolto più capitali dai loro investitori", informa Detlef Mackewicz, consulente specializzato in investimenti di Private Equity di Monaco di Baviera, che supporta anche Matador nell'analisi. Il risultato: "L'eccesso di capitale - nel settore industriale si usa il termine 'polvere secca' - ha raggiunto un livello record con oltre 1.200 miliardi di dollari USA. Poiché molti capitali cacciano un numero limitato di aziende, anche i prezzi d'acquisto in Europa e negli Stati Uniti sono a livelli record. E questo riduce le possibilità di ritorni futuri". "Ecco perché noi di Matador abbiamo pensato a come posizionarci in modo diverso fin dall'inizio e abbiamo scoperto il settore delle piccole imprese", ha dichiarato Ergänzt Dillinger.

Nel settore kleineren Firmen, la situazione dell'offerta e della domanda è semplicemente molto più rilassata: "La maggior parte degli investitori scommette sui grandi fondi di private equity. Devono immettere sul mercato ingenti somme di denaro e devono concentrarsi quasi esclusivamente su grandi obiettivi di acquisizione. Ne consegue una gara d'appalto per questi ultimi. Per quanto riguarda le imprese più piccole, invece, il mercato è caratterizzato da una notevole riduzione del capitale. E ci sono molte più aziende zum Verkauf. L'intensità della concorrenza è quindi notevolmente inferiore. Pertanto, anche i prezzi d'acquisto di Relation zum-Ertrag sono inferiori.E poiché il profitto spesso risiede nell'acquisto, anche la prospettiva di rendimento è migliore", continua zählt Detlef Mackewicz.

Trovare fondi di successo che seguono costantemente diesem Ansatz, tuttavia, è difficile. Molti di coloro che in Europa, originariamente specializzati in "diesenereich", hanno ormai dieci anni e sono cresciuti al di fuori del settore. Hanno avuto troppo successo, hanno ricevuto troppo capitale e quindi hanno dovuto cambiare strategia", erläutert Dillinger. Per noi, la domanda cruciale era: "Saremo in grado di entrare in questo settore?

La risposta a questa domanda illustra l'analisi e il processo di investimento presso la società di investimento Matador. La prima fase del processo è l'analisi dei risultati storici. "I fondi devono aver raggiunto un rendimento netto sul capitale assegnato di 20 Prozent, che corrisponde a circa il raddoppio del capitale nel tempo di funzionamento, spiega Dillinger. In caso contrario, il candidato viene risolto immediatamente.

Chiunque salti questo ostacolo entra al secondo turno. "Qui mettiamo in discussione la strategia di investimento e il processo di investimento.Dann discutiamo in dettaglio il track record con il management team e analizziamo nel tempo i valori anomali. Guardiamo a quanto capitale hanno raccolto ed esaminiamo la struttura dell'investitore. Questa è un'altra indicazione di quanto fossero soddisfatti gli investitori".

Infine, ma non meno importante, i professionisti controllano gli interni e le condizioni del fondo - quanto sono alte le commissioni di gestione e la partecipazione agli utili, quante volte i manager lasciano il team e come reagisce l'azienda?

Matador 115093339

Anche se questo processo è complesso, è indispensabile. "Quasi nessun'altra classe di attività ha una discrepanza così grande tra i fondi. Dal 1990, i fondi hanno generato un rendimento annuo sul capitale investito di oltre il 30% nel miglior trimestre. I peggiori erano meno cinque per cento all'anno", informa e continua Detlef Mackewicz: "La chiave di zum Erfolg è quindi che è possibile separare il Guten von dal cattivo".

In media, secondo i professionisti, ogni anno arrivano sul mercato tra i 20 e i 30 nuovi fondi secondari. Questi ultimi devono essere analizzati in dettaglio. "In EQ ci è piaciuta particolarmente la composizione interdisciplinare e internazionale del team. Il fondo si concentra anche sulle regioni scandinave, del Benelux e della Germania. I gestori sono convinti che i fondi dell'Europa meridionale non funzioneranno così bene a lungo termine. Potremmo capirlo. E - cosa molto speciale - sono in grado di investire in ottimi fondi ristretti. In veicoli di investimento in cui neanche gli investitori blue-chip sarebbero in grado di entrare", dice Mackewicz.

"Siamo poi andati a zwei Mal in Finlandia e abbiamo visitato l'azienda", aggiunge Dillinger, "dopo di che abbiamo deciso:"Da faremo qualcosa".

E' stato ancora più difficile trovare fondi che investono in piccole imprese americane. "Il private equity con questo focus è in effetti un punto di riferimento per molti investitori europei. Dopo tutto, ci sono oltre 1000 fondi negli Stati Uniti nel segmento più piccolo del buyout. E 'quasi impossibile fare un reclamo fuori dalla Germania per un'analisi con unserem hohen", erklärt Dillinger. Sein Ausweg: "Abbiamo quindi cercato un fondo di gestori di fondi con competenze secondarie e ne abbiamo trovato uno molto buono in RCP".

"RCP ci ha convinto con la sua forza analitica e continuità", erläutert Detlef Mackewicz. Il fondo si concentra esclusivamente sulle piccole imprese e nel corso degli anni ha creato un database unico su questo segmento. Inoltre, l'azienda non ha mai avuto un cambiamento a livello di top management. "Tutto questo insieme ha portato al grande successo dell'azienda in 13 generazioni di fondi. Non c'è ragione per cui questo dovrebbe cambiare", spiega Florian Dillinger, che illustra la decisione di investimento.

Anche in Germania, i due hanno recentemente trovato ciò che stavano cercando. Matador Partners Group AG ha recentemente acquisito una partecipazione nel fondo Wellington Life Science IV a condizioni particolarmente favorevoli. Il precedente proprietario ha venduto questa azione ad uno sconto del 30% a causa dell'aumento del fabbisogno di capitale.

"Soprattutto, una cosa rende tutte queste transazioni così ideali per il nostro portafoglio al Matador", conclude Florian Dillinger: "L'intero pacchetto, la combinazione di un buon prezzo e un posizionamento promettente è giusto. ®

­­­­­­­­­­­­––––––––––––––––––––––––––

Il fascino del private equity.

// Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del private equity per gli investitori?

Grazie ai rendimenti a due cifre, il private equity è una delle classi d'investimento di maggior successo e beneficia in particolare della fase a basso tasso d'interesse. Tuttavia, la costituzione di un portafoglio di private equity richiede impegno, diligenza e know-how e richiede anche molta pazienza, in quanto il private equity è inizialmente una classe d'investimento illiquido.

// 02. Quanto dovrebbe essere alta la quota di private equity in un deposito privato?

L'investimento in private equity ha senso solo se l'investitore è in grado di costituire nel tempo un portafoglio ampiamente diversificato su almeno dieci fondi di diverse annate negli Stati Uniti, in Europa e in Asia. Ciò richiederà un volume totale di diversi milioni di euro. Non è consigliabile effettuare un investimento una tantum in un unico fondo. Se la liquidità dell'investitore privato è sufficientemente grande, un buon 20% può essere investito in private equity.

// 03. Cosa possono imparare gli investitori privati dagli investitori istituzionali?

Questi investitori costituiscono un portafoglio ampiamente diversificato nel lungo termine e traggono vantaggio dai diversi cicli economici. I professionisti impiegano diversi mesi per esaminare attentamente un'opportunità di investimento (due diligence).

// Quali sono i vantaggi di investire nel Private Equity Secondario?

Il sottomercato Investimenti secondari comprende l'acquisto e la vendita di quote di fondi di private equity già sottoscritte. Secondo Florian Dillinger, questo offre cinque interessanti vantaggi per gli investitori:

In primo luogo, gli investimenti secondari attingono al capitale più rapidamente dei fondi primari. Questo accelera l'accumulo di beni e indebolisce significativamente o evita completamente l'effetto J-curve comune alle primarie. Questo permette loro di aspettarsi rendimenti più rapidi e di avere immediatamente un portafoglio diversificato di fondi di private equity in diverse annate, regioni e stili.

Secondo, i gestori di fondi secondari non comprano scatole nere. Le attività possono essere valutate bene e i rischi ridotti in questo modo.

In terzo luogo, l'investitore può così aggiungere annate di fondi che non sono più disponibili sul mercato primario.

In quarto luogo, i costi sono inferiori in quanto il fondo ha una vita residua più breve e le commissioni di gestione per i primi anni sono già state pagate dall'investitore originario che ora sta vendendo le sue azioni.

In quinto luogo, l'operazione si traduce spesso in sconti significativi sul presunto avviamento. L'iniziativa esce sì dal venditore, che vorrebbe separarsi da seinem Anteil.

Il Private Equity secondario, Florian Dillinger, è quindi il miglior Private Equity. "In considerazione dell'investimento minimo di diversi milioni di euro, tuttavia, di solito è solo un campo d'investimento per gli investitori istituzionali. Non riuscivo a capire perché alla maggior parte degli altri investitori dovrebbe essere negato questo segmento attraente. "Per questo abbiamo fondato il Matador."

// 05. Come sta investendo Matador?

Le azioni della società di investimento Matador sono quotate a Berna e Francoforte (ISIN: CH004279797206).Mit offre a tutti gli investitori un portafoglio di private equity secondario ampiamente diversificato per settori, regioni e cicli economici, senza restrizioni minime di investimento. "Ora chiunque può aggiungere un pizzico di private equity al proprio portafoglio. Attualmente siamo investiti in 16 diversi fondi secondari di private equity e quindi indirettamente in più di 500 società".

Grazie alla quotazione in borsa, l'investimento è addirittura liquido. "E la distribuzione continuativa di circa il 4% ci distingue anche dai tradizionali fondi chiusi. Questo è importante per noi. Ogni investitore dovrebbe vedere regolarmente quanto sono buoni i nostri investimenti".

Dillinger ha cambiato il corso della divisione degli investimenti. "All'inizio avevamo investito in grandi fondi che hanno acquisito anche grandi aziende. Quando è apparso evidente che la pressione degli investimenti nel segmento diesem era in aumento e i prezzi in forte aumento, ci siamo concentrati sempre più sul segmento delle piccole capitalizzazioni".Heute, circa la metà degli investimenti di Matador viene investita in questo settore.

Il fatto che lo sforzo di analisi diventa più grande quindi, stört Dillinger non. "La diversificazione e la minimizzazione dei rischi sono chiaramente le nostre massime priorità. Inoltre, dopotutto, sto lavorando per me stesso. "Perché ho il 40% del Matador."

––––––––––––––––––––––––––

Non abbiate paura della recessione.

Alla luce dei dati economici attualmente più deboli, i timori di una recessione si stanno diffondendo.Quale sarebbe l'impatto sul settore del private equity?

"Ho l'impressione che l'industria desideri letteralmente una recessione o un crollo economico. I fondi hanno una quantità incredibile di capitale e vogliono investire a condizioni promettenti. Naturalmente, questo è più facile se i prezzi per le aziende sono stati corretti verso il basso", spiega Dillinger.

La vendita delle società esistenti sarebbe ovviamente più difficile. "Tuttavia, la maggior parte dei gestori di fondi di private equity hanno già venduto ciò che sono stati in grado di vendere negli ultimi anni.Deshalb, i loro portafogli attuali sono spesso molto giovani e non ancora pronti per il mercato. L'influenza negativa sarebbe quindi probabilmente limitata", dice il professionista.

Per il segmento Secondary Private Equity, un rallentamento dell'economia sarebbe probabilmente positivo anche nel lungo termine. "Nei periodi di congiuntura favorevole, i venditori di fondi primari hanno potere di mercato. Sui mercati secondari non ci sono quasi nessuno sconto, a volte devono essere pagati anche supplementi. Nei momenti difficili, tuttavia, il gestore secondario può spesso negoziare sconti significativi sul valore patrimoniale netto. Nel lungo periodo, questo ha lo stesso effetto di un aumento della resa", spiega l'esperto.

Tuttavia, Dillinger non ritiene che abbia senso investire in ein Private-Equity-Investment in un'ottica di tempi economici."Tutti noi non abbiamo una palla di vetro. In Matador, quindi, investiamo continuamente e cerchiamo i migliori manager. Lasciamo poi a loro la decisione su quando investire di più o di meno".

––––––––––––––––––––––––––

Pubblicazione speciale: Matador Partners Group AG

Tetto terra 5;  CH-606060 Sarnen

Telefono: 41 (41) 662 1062

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Foto: iStock

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media