Smart City - sistema intelligente.

Print Friendly, PDF & Email

064 Pictet 59530238L'urbanizzazione. Sempre più persone si trasferiscono nelle città. Affinché questi ultimi possano continuare a meritare di essere vissuti, sono necessari ingenti investimenti. "Ciò andrà a vantaggio delle aziende che offrono soluzioni", spiega Ivo Weinöhrl, gestore di fondi di Pictet Bank.

Miglia e miglia di ingorghi ogni giorno, tempi di attesa interminabili e cure mediche sovraccariche, carenza di alloggi, scarsa qualità dell'aria, ma anche criminalità. Tutto questo crea problemi alle città e ai loro abitanti. "Oggi sono già sotto forte stress", dice Ivo Weinöhrl, che gestisce il fondo tematico Pictet-SmartCity. "E peggiora."

Secondo una stima delle Nazioni Unite, circa il 55 per cento della popolazione mondiale vive oggi nelle città. Entro il 2050, la cifra dovrebbe salire al 68%. In termini concreti, ciò significa che il numero di persone che vivono nelle aree urbane aumenterà di 2,5 miliardi di persone in questo periodo. "Il 90 per cento di questo aumento della popolazione urbana avverrà nei paesi emergenti, in particolare in India e Cina. Ma i problemi associati sono gli stessi ovunque", spiega l'esperto.

Già oggi, le circa 470 megalopoli sono responsabili del 75% del consumo energetico globale e di circa l'80% delle emissioni di CO2. La qualità dell'aria è scarsa, con conseguenze devastanti per la salute degli abitanti. La situazione della sicurezza è problematica. Molto tempo viene perso a causa di sistemi di trasporto inefficienti. "Tutto questo continuerà ad intensificarsi in futuro. Ad esempio, si prevede che entro la fine di questo secolo la quantità di rifiuti prodotti dalle città triplicherà".

È il materiale da cui si possono dipingere quadri distopici. O un futuro luminoso. "Una vera Smart City può risolvere questi problemi. Perché non dovremmo essere in grado di sviluppare città attraenti, infrastrutture orientate a bisogni umani più elevati? In quale miglioramento della qualità della vita e della sostenibilità? Le città, in particolare, sono un terreno di coltura ideale per le innovazioni", Weinöhrl è ottimista.

Secondo il Massachusetts Institute of Technology (MIT), ad esempio, quattro auto su cinque sulle strade potrebbero diventare superflue attraverso viaggi collettivi e car sharing. E secondo uno studio del McKinsey consulting firm's Research Institute, utilizzando i dati oggi disponibili si potrebbe ridurre il consumo di acqua dal 20 al 30 per cento, ridurre il tasso di criminalità dal 30 al 40 per cento e ottimizzare l'assistenza medica e i trasporti pubblici.

"Tutte le città investiranno massicciamente nelle loro infrastrutture in futuro. Si tratta di un'enorme opportunità futura per le aziende che offrono soluzioni migliori e più sostenibili utilizzando nuove tecnologie", spiega Weinöhrl.

Citigroup ha recentemente calcolato le somme in questione. Si presume che nei prossimi anni saranno necessari investimenti annuali di 2,1 trilioni di dollari. L'esperto non ha dubbi sul fatto che questi investimenti saranno realizzati nonostante le pessime condizioni delle casse in molti luoghi. "Da un lato, l'idea di rendere le città più sicure, più resilienti e più sostenibili è ancorata nei 17 obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite", spiega. "D'altro canto, suppongo che gran parte degli investimenti nelle città intelligenti proverrà da partenariati pubblico-privato o direttamente dal settore privato.

Affinché gli investitori possano beneficiare di questo affascinante tema d'investimento, lui e il suo fondo Smart City sono alla ricerca di aziende con soluzioni innovative. A tal fine, il gestore ha diviso la catena del valore nella creazione di città intelligenti in tre sottosettori: costruire città, mantenere le città in funzione, vivere in città.

La prima area riguarda la pianificazione, la costruzione e il finanziamento delle metropoli. Ciò include lo sviluppo e il finanziamento di immobili o il miglioramento dell'efficienza degli edifici in relazione allo spazio limitato disponibile in una città. "Per esempio, stiamo cercando aziende che possano fare un uso più efficiente dello spazio attraverso miglioramenti tecnologici".

Un esempio è il produttore finlandese di ascensori e scale mobili Kone. Dopo tutto, gli edifici vengono costruiti sempre più in alto. Gli ascensori devono consentire un flusso affidabile ed efficiente dei residenti. Kone, che è uno dei cinque fornitori che condividono il 75% del mercato mondiale, potrebbe beneficiare in futuro di un significativo aumento della domanda dei suoi prodotti e servizi.

Il secondo settore importante riguarda il segmento delle infrastrutture e dei servizi. Solo in questo modo la vita in città può funzionare quotidianamente. Tra queste figurano un sistema di trasporti pubblici sufficientemente sviluppato, l'approvvigionamento energetico e idrico, lo smaltimento dei rifiuti e la struttura delle telecomunicazioni. "Interessante da questo punto di vista è Segro, una società britannica che possiede centri di distribuzione per l'ultimo miglio."

Il terzo aspetto è quello di rendere una città degna di essere vissuta. L'attenzione si concentra sulla creazione di posti di lavoro intelligenti, soluzioni abitative innovative, attività per il tempo libero e assistenza all'infanzia. "L'azienda statunitense Bright Horizons, ad esempio, offre servizi di assistenza ai giovani in collaborazione con grandi aziende. Consente ad entrambi i genitori di lavorare e quindi di gestire meglio e senza stress la vita in città", spiega Weinöhrl. Il successo: "Negli ultimi tre anni, le vendite sono aumentate in media dell'8,8% all'anno e i profitti del 34,5%.

Ciò che mi affascina così tanto è la prevedibilità di questi sviluppi. Nulla potrà fermare la tendenza all'urbanizzazione. Se poi vogliamo vivere in modo sostenibile e sano in queste città, esse devono diventare 'intelligenti'", riassume Weinöhrl e conclude: "Questa è una gigantesca opportunità di investimento. ®

_____________________________________

// Come investire nelle città intelligenti.

In totale, gli esperti di Pictet hanno più di 20 anni di esperienza con i fondi tematici. Gestiscono 42 miliardi di dollari in 15 diverse strategie, di cui Pictet SmartCity è l'ultimo prodotto. L'idea alla base dei fondi tematici è sempre la stessa: "Si tratta di tendenze strutturali e laiche che generano un'ondata di investimenti", spiega Ivo Weinöhrl, manager di Pictet SmartCity. "Stiamo cercando aziende che possono trarne beneficio. Questo ci permette di generare rendimenti interessanti durante il ciclo economico".

In Pictet SmartCity (ISIN: LU050363535624), il gestore di fondi Ivo Weinöhrl genera le sue idee da circa 40000 azioni. Il primo passo è quello di determinare la quota di vendite e profitti attribuibile al tema dell'investimento "Smart City". "Questa quota deve essere superiore al 50%, in fondo si tratta di purezza tematica", spiega Weinöhrl. Le 40-60 migliori idee individuali vengono poi selezionate dall'universo investabile di circa 230 azioni e combinate per ottenere il massimo effetto di diversificazione possibile. Attualmente il portafoglio è costituito da 46 titoli provenienti dai tre settori della pianificazione e dello sviluppo urbano, delle infrastrutture e della qualità della vita. Se volete investire più ampiamente nelle megatendenze del futuro, potete farlo anche attraverso la Pictet Global Megatrend Selection, che contiene un totale di dieci fondi tematici.

_____________________________________

Pubblicazione speciale:

Pictet & Cie (Europa) S.A.

Neue Mainzer Strasse 1, 60311 Francoforte, Germania

gruppe.pictet; Telefono: 069 / 79 500 90

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email